User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2014
    Località
    Milano
    Messaggi
    579
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Storia di Rachel, la bionda attivista antirazzista che si finse nera

    Washington, 12 giu – Sembra una puntata di South Park o uno scherzo di lercio.it, eppure la storia di Rachel Dolezal, presidente del NAACP (National Association for the Advancement of Colored People) della sua città, militante dei diritti umani e combattente in prima linea per difendere i suoi diritti di afro-americana, è vera.
    Perché in realtà la donna della cittadina di Spokane, stato di Washington, sembrerebbe essere tutto tranne che afro-americana. A dare l’annuncio shock, oltre al Seattle Times, sarebbero stati niente meno che i suoi genitori, Larry et Ruthanne, palesemente bianchi e di origini ceche, svedesi e tedesche, e che proprio sembrano certi che la figlia non sia nera.
    Tanto da aver fornito ai giornali locali foto giovanili della figlia con un indiscutibile incarnato chiaro e capelli biondi che contrastano con le foto dei social messe online da Rachel, in cui la ragazza appare con un improbabile trucco per scurire la carnagione e un’altrettanto improbabile acconciatura a ricci.
    Intervistati dai media in seguito all’incredibile scoop, Larry e Ruthanne hanno fornito una descrizione tutt’altro che lineare della psiche della figlia. La madre ha rivelato al The Spokesman Review che Rachel avrebbe cominciato a travestirsi tra il 2006 e il 2007 dopo che la coppia ha adottato quattro bambini africani.
    «È triste che Rachel non si sia mostrata semplicemente come se stessa. L’efficacia del suo lavoro per la causa della comunità afro-americana sarebbe stata molto più valida se fosse stata onesta».
    Il padre, intervistato da Buzzfeed, ha rivelato che la figlia ha “passato gli ultimi venti anni a cercare di integrarsi nella comunità afro-americana attraverso numerose battaglie in favore della giustizia sociale” e questo per Larry Dolezal potrebbe essere “una parte della causa” di ciò che è successo alla figlia.
    Insomma tanto per la madre che per il padre la battaglia per l’integrazione e la convivenza in famiglia con i fratelli adottati avrebbero portato a una perdita talmente netta dell’identità della figlia che ella stessa non saprebbe più cosa è, arrivando addirittura a negare l’evidenza.
    Infatti Rachel, in seguito agli scoop che hanno palesato la sua menzogna e agli appelli dei genitori per tornare ad essere se stessa, avrebbe rilanciato chiedendo la prova del dna per dimostrare al mondo di essere realmente di origine africana.
    Ma le fantastiche avventure di Rachel non finiscono qui. Sempre secondo Buzzfeed, Rachel avrebbe dapprima tagliato i contatti con i suoi genitori e quindi impedito loro di farsi vedere negli ambienti che la ragazza frequenta a Spokane in modo da non far saltare la sua “copertura”. Ai colleghi avrebbe addirittura presentato un altro uomo, indiscutibilmente nero, come suo vero padre.
    Ma soprattutto, per rendere più credibile il suo personaggio, Rachel avrebbe più volte denunciato di essere stata vittima di episodi di odio razziale e di intolleranza da parte del Ku Klux Klan, di fantomatici neo-nazisti e dell’associazione Aryan Nations, episodi che però non sono mai stati confermati dalla polizia che non avrebbe mai trovato evidenza dei fatti da lei raccontati.
    Kurt Neumaier, vecchio collega di Rachel all’interno del Human Rights Education Institute tra il 2003 e il 2008, avrebbe anche affermato allo Spokesman Review di essere sempre stato scettico sulle denunce presentate da Rachel: «In tutti gli incidenti da lei denunciati lei era casualmente la sola testimone di fatti che poi, una volta analizzati, proprio non stavano in piedi».
    Ma Rachel sembra abbia sempre mentito anche in altri ambiti. Nel suo dossier amministrativo ha affermato di avere ascendenze bianche, africane e anche pellerossa. In una vecchia intervista a Easterner riesumata da Buzzfeed – nelle foto allegate all’intervista Rachel appariva inequivocabilmente bianca e bionda – aveva affermato di aver avuto nel 2006 un cancro al collo dell’utero, fatto che poi si è rivelato falso.
    Avrebbe sostenuto di essere nata all’interno di un teepee, una tenda indiana. Avrebbe anche più volte cercato di far passare il fratellino adottivo Izaiah, nero, come suo figlio. E in una recente intervista alla catena locale KZLY 4 avrebbe più volte citato i suoi due figli neri, che ovviamente non ha mai avuto. Ma la migliore intervista l’ha fatta sempre KZLY. Una volta venuta fuori la menzogna che ha caratterizzato la vita – e la carriera – di Rachel, l’emittente locale avrebbe chiesto direttamente alla donna se fosse davvero nera. La risposta di Rachel? «Non ho capito la domanda». Chapeau.
    Carlomanno Adinolfi

    fonte:

    Storia di Rachel, la bionda attivista antirazzista che si finse nera | IL PRIMATO NAZIONALE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,777
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Storia di Rachel, la bionda attivista antirazzista che si finse nera

    Che tristezza americana...
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Rachel bionda
    Di TEBELARUS nel forum Fondoscala
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 27-02-15, 18:04
  2. Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 06-11-13, 13:00
  3. Attivista antirazzista violentata al festival multietnico di Reggio Emilia
    Di il diavoletto di Choruǧ nel forum Fondoscala
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 04-11-13, 21:05
  4. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 10-04-13, 11:58
  5. SOCIETA' - Voglio la pelle nera, nera nera nera nera...
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 01-02-09, 12:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225