POLITICI LOCALI E ESIGENZE DEI CITTADINI.

Luendì 7 Giugno in Piazza Birago, nell’omonima via, è stata organizzata un’assemblea pubblica dal Partito Democratico alla presenza di due Assessori Comunali, Valeria Cardinali, Assessore all’urbanistica, all’edilizia pubblica e privata e Ilio Liberati, Assessore alle infrastrutture, per parlare della riqualificazione del manto stradale e dell'urbanistica della Piazza stessa. Con più di 35 minuti di ritardo stante l’assenza degli Assessori all’orario prestabilito è iniziata l’assemblea davanti a circa una cinquantina di abitanti del posto. A prendere la parola per primo è stato l’organizzatore dell’evento, che pur non abitando nelle vicinanze, intendeva farsi portavoce degli innumerevoli problemi che gli abitanti di Via Birago, Via del Lavoro e zone limitrofe denunciano ormai da diversi anni. L’organizzatore, dopo aver presentato gli Assessori e dopo aver manifestato il proprio entusiasmo per la presenza di un Ingegnere della SIPA S.p.a., ha iniziato ad illustrare i vari problemi di cui soffre il quartiere, presentando lo stesso come fulcro centrale della vita cittadina. Ha descritto infatti la via come fornita di negozi e servizi, cosa peraltro ancora vera, dimenticandosi però di dire quanti siano stati i negozianti di piccola impresa costretti negli ultimi anni a dover chiudere baracca e burattini. Prima di cedere la parola alle persone presenti ha ribadito anche la necessità di un nuovo parcheggio, con un progetto inserito nell'ambito del cosiddetto "PUC", firmato nel 2003, che prevede la cessione a titolo gratuito da parte della Curia di un terreno adiacente la Chiesa parrocchiale al Comune di Perugia, il quale a sua volta dovrebbe cederlo alla società Sipa S.p.A., la quale dopo aver realizzato il progetto rivenderà i posti auto ai singoli privati. Dopo la solita cantilena politica, finalmente la voce è passata agli abitanti intervenuti che con decisione hanno spiegato agli amministratori i veri problemi della zona in questione e l’assoluta contrarietà a questo progetto. In particolare sono state rivolte alcune domande agli Assessori presenti che però hanno preferito divincolarsi con argomenti del tutto inopportuni. Addirittura si sono permessi di parlare di etica, rispondendo a chi diceva che nella zona c’è anche un grosso problema relativo allo spaccio di stupefacenti, che se esiste la droga è perché qualcuno la usa. Bella la scoperta dell’acqua calda! Ma tornando all’argomento dell’assemblea e al discorso che compete a lorsignori, una cosa positiva c’è stata, sempre se verrà realizzato, è stato promesso il rifacimento del manto stradale entro la primavera del 2011. Gli abitanti di questi quartieri sembrano davvero stanchi di situazioni del genere e delle parole che restano tali. Ciò che è emerso chiaramente dall'assemblea di Via Birago è un totale distacco tra le "sensibilità" di certi amministratori e le reali esigenze dei cittadini. C’è bisogno di politici che vengano dal popolo e siano per il popolo e a dimostrazione di questa esigenza ci sono gli innumerevoli comitati di quartiere che quotidianamente e spontaneamente nascono per la sicurezza, per la socialità, per le spese collettive e per tutto quello che uno Stato dovrebbe garantire ai propri figli, esigenze delle quali gli amministratori locali dovrebbero farsi tramite e portavoce, oltre che attori principali. Stranamente, dopo poco più di un'ora l’incontro è terminato lasciando inesaudite numerose delle domande poste dagli intervenuti. Sappiamo bene che di solito a queste assemblee è tutto rosa e fiori e invece dei fischi e di domande ben calibrate ci sono applausi, porchette e vino… Qualcuno, ridendo, ha esclamato: “Pensavate di stare a Casa del Diavolo?”. La battuta non è piaciuta... Senza offesa ovviamente, e non se ne abbiano a male gli abitanti di quella simpatica frazione. Buone vacanze, se riuscirete a farle senza un mutuo a tasso variabile.

Di Fabio Polese, Associazione Culturale Tyr Perugia, uscito su Free Press Perugia il 18 Giugno 2010

POLITICI LOCALI E ESIGENZE DEI CITTADINI. [PERUGIA] |