User Tag List

Pagina 1 di 17 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 169
Like Tree4Likes

Discussione: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

  1. #1
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,418
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    87

    Predefinito L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Bernal individua, lungo i secoli, due modelli che hanno cercato di spiegare le origini della civiltà greca.

    Il primo lo definisce "modello antico": è quello elaborato dagli stessi greci e in seguito variamente dominante nella cultura europea sino al tardo XVIII secolo. Secondo questo modello, la civiltà greca, nelle sue diverse manifestazioni (lingua, tecniche, arte, filosofia) sarebbe l'erede del sapere sviluppato sin dal III millennio a.C. in Mesopotamia ed Egitto; erede non in senso lato ma concreto, in quanto le più importanti città della grecia arcaica e classica (Micene, Cnosso, Tebe, Atene) sarebbero state colonie egizie e fenicie, fatti che Bernal afferma siano riflessi in miti e leggende come ad esempio quelle di Danao o Cadmo.Il secondo modello è definibile come "modello ariano": nasce nell'Europa moderna del tardo XVIII secolo e si afferma soprattutto nel XIX secolo. Secondo questo modello, la civiltà greca, nata in seguito all'invasione di popoli indoeuropei, sarebbe una civiltà originaria europea sorta in contrapposizione a un Oriente asiatico e africano visto come immobile e decadente. Bernal individua ulteriormente due varianti di questo modello: da una parte il "modello ariano ampio", che ammette contatti e influssi sulla cultura greca da parte di quelle afroasiatiche, ma unicamente per minimizzarli; dall'altra, invece, il "modello ariano estremo", che nega recisamente qualsiasi possibilità di influsso subìto dalla cultura greca.

    Bernal afferma che il "modello ariano" avrebbe trionfato non per una sua maggiore plausibilità, ma per una serie di cause esterne: innanzi tutto il sorgere del romanticismo; quindi l'ascesa del razzismo europeo collegato al colonialismo e, all'interno del razzismo, l'insorgere dell'antisemitismo; infine un fraintendimento, da parte delle scienze storiche, del concetto di "oggettività". Naturalmente tutte e due sono sbagliate. Bernal, da parte sua, pur ritenendo maggiormente plausibile il "modello antico" rispetto al "modello ariano", non desidera riproporre una restaurazione del primo, quanto piuttosto una sua rielaborazione, che chiama "modello antico riveduto". Secondo la sua ipotesi la civiltà greca sarebbe nata da colonie egizie e fenice, e in seguito avrebbe ricevuto l'apporto, anche se non determinante, di eventuali invasori indoeuropei. Soprattutto, Bernal rifiuta quella visione secondo cui unicamente la civiltà greca è stata in grado di elaborare un pensiero razionale, filosofico, artistico e scientifico superiore a un'Africa e un'Asia incapaci di riflessione autonoma e schiacciate dalla religione o dal dispotismo. Secondo Bernal già nell'Egitto e nella Mesopotamia è possibile immaginare la presenza di un elevato pensiero scientifico e speculativo del quale quello greco sarebbe una variante.
    Sulla base di una gran quantità di riferimenti, di carattere archeologico e soprattutto filologico, l'autore propone di far risalire a radici semitiche la gran quantità di termini della lingua greca (circa la metà dell'intero vocabolario) ancora privi di una propria etimologia. In particolare, vengono ricondotti a un'origine egizia i nomi dei toponimi e delle divinità. Secondo Bernal, difatti, la maggior parte della divinità greche sarebbe versioni posteriori di divinità egizie, e l'identificazione tra divinità greche ed egizie che si ebbe durante l'ellenismo in realtà non faceva altro che riproporre paralleli già noti da secoli.

    Inoltre, nella sua ricerca, l'autore propone molte altre revisioni di nozioni correntemente accettate. Ad esempio, ipotizza che le famiglie di lingue indoeuropee derivino da una più antica famiglia comune anche alle lingue africane e asiatiche. Sposta l'eruzione di Thera (Santorini), comunemente datata intorno al XVI e XV secolo a.C., alla precisa data del 1626 a.C.; l'introduzione dell'alfabeto dal IX secolo a.C. al XVII. Inverte la successione tra Esiodo e Omero: secondo Bernal i due poeti sarebbero vissuti rispettivamente nell'XI e nel IX secolo a.C. e non, come tradizionalmente ritenuto, nel VII e nel IX. (Cfr. relazione di Lorenzo Moro)

    Più che Afrocentismo si dovrebbe parlare di Semiticentrismo o centrismo semitista:

    Per negare l'origine africana della civiltà greca, gli eurocentristi attaccano il libro di Martin Bernal: Black Athena. Questo libro non ha nulla a che fare con l’afrocentrismo. Nei due volumi pubblicati finora, Bernal sostiene che gruppi di semiti provenienti dalla Fenicia e Hyksos di lingua semitica, governanti dell'Egitto, diedero la civiltà alla Grecia, e non gli africani neri.
    J.A. Rogers in Sex and Race, Parker, Diop e DuBois, sono studiosi afrocentrici. Questi studiosi hanno esaminato gli scritti degli autori classici, e le prove antropologiche, linguistiche e storiche, per giungere alla conclusione che gli antichi Greci erano neri e che i Greci europei impararono le arti liberali e le scienze dai loro "antenati neri", che per primi si erano insediati in Grecia e in Egitto.
    Secondo il mito olimpico della creazione, i primi gruppi a comparire sulla terra sono stati i Libici-Traci. I Libici erano Proto-Sahariani, così come gli originali Traci. Alcuni Traci erano discendenti dei Kushiti e delle truppe egiziane stabilite in Tracia da Sesostris (Thutmosis III o Ramses II), quando conquistarono l'Asia e l'Europa. (Diop 1991; Winters 1983a, 1984b, 1985a)
    Molti dei cosiddetti miti greci, in realtà, sono testi storici che dimostrano l'antico stile di vita dei pre-ariani in Grecia e la transizione dal matriarcato dei pelasgi al patriarcato greco-ariano. Il termine ‘Amazzoni’ è stato spesso utilizzato dagli ariani per denotare la società matriarcale che viveva nel Mar Nero. La battaglia tra Teseo e le Amazzoni, guidate dalla Regina Melanippe, registra i conflitti tra gli antichi Greci ariani e i libici installati attorno al Mar Nero.
    Il Dr. Lefkowitz (1992) e Snowden (1992,1976) perpetuano il mito che i neri in Europa fossero solo antichi schiavi o mercenari. Questo è falso, le opere storiche greche rendono evidente che molti antichi coloni del Mar Egeo erano venuti dall’Africa, in particolare i Garamanti ed i Pelasgi. G.W. Parker ha scritto che: "non ho bisogno di entrare nei dettagli riguardanti le relazioni etniche dei Romani, in quanto sono troppo Mediterranei e sono strettamente collegati alla stessa confederazione africana di razze ... [situata in Grecia]. Enea, il loro mitico loro fondatore proveniente da Troia. L’Eneide, come l’Iliade, l’Odissea e tutti gli altri grandi poemi epici del mondo, sono un racconto poetico che tratta di popoli africani. "Gli eroi di questi racconti utilizzano lungo scudi, mentre i caratteristici scudi dei popoli indo-europei di lingua greca erano rotondi.

    Il tentativo degli eurocentristi è quello di dimostrare che c’è stata una "notevole continuità culturale e linguistica dal dodicesimo secolo, all’ottavo secolo a.C.", nel Mar Egeo. Eppure non vi è alcun modo in cui può essere dimostrato che i Greci indo-europei sono sempre stati in Grecia. Questo punto di vista sulla continuità tra i Greci della scrittura lineare B Greci e i Greci successivi, affermato da Lefkowitz, è contestato da Hopper, che ha osservato che "dopo tutto, quanto caratterizza la Creta minoica sembra del tutto estraneo alla Grecia posteriore, nonostante gli sforzi degli studiosi per individuare una 'continuità' ".
    Data la ricchezza della letteratura afrocentrica, sembrerebbe logico che i “resistenti” eurocentrici riesaminassero tali opere, per sottolineare i punti deboli del testo all'interno di queste e dimostrare che l’afrocentrismo è un" mito" (Lefkowitz 1992). Ma, invece di fare proprio questo, i “resistenti” semplicemente parlano di testi scritti da studiosi afrocentrici e poi attaccano Black Athena, come se tutto l’afrocentrismo fosse basato esclusivamente su questo testo. Il Dr. Molefi Kete Asante ha osservato che: "L'obiettivo è quello di aprire campi di indagine [afrocentrici] e di ampliare il dialogo umano circa le questioni di ordine sociale, economico, storico e culturale. Tutto ciò deve essere eseguito attraverso il vaglio del dubbio fino a quando non si raggiunga il fondamento della verità. I nostri metodi, basati sul concetto della centralità africana, hanno lo scopo di stabilire un chiaro modello di discorso che può essere seguito da altri". In base a questa definizione, Black Athena non è un’opera afrocentrica. Questo libro è destinato a mostrare che gli Hyksos o popoli asiatici di lingua semitica, che svilupparono la civiltà occidentale in Grecia, non erano neri. Questo libro, a causa della sua mancanza di africani, non si dimostra come un’opera che prova una centralità africana.
    Black Athena non è la Bibbia afrocentrica dell’Egitto nero. Abbiamo dubbi che Cheikh Anta Diop potesse trovarsi d'accordo con la maggior parte delle tesi di questo libro. Trigger ha osservato che:
    "Anche se [Bernal] ha ottenuto acclamazioni entusiastiche tra gli esponenti della negritudine e, occasionalmente, descrive alcuni Faraoni egiziani come "neri" o "Nubiani", egli stesso non si allinea con Anta Diop, ma con gli intellettuali neri più moderati... che... non vedono l'Egitto come essenzialmente africano".
    Bernal (1987, 1991) ritiene che i Greci il risultato di un incrocio tra popoli europei popoli mediterranei (di lingua semitica).

    Nel volume 2 di Black Athena , Bernal delinea la sua tesi che gli "egiziani" abbiano fondato la civiltà greca. Ma questi "egiziani" non erano neri, bensì semiti. Chiaramente Bernal (1991) ritiene che la civiltà del Mar Egeo sia stata fondata da Fenici di lingua semitica, e dalla dinastia semitica Hyksos d'Egitto.Bernal (1991) vede gli Hyksos invasori come gli Hurriti, antisemiti, di idioma indo-iraniano. Di conseguenza, egli ritiene che i Danaos e Kadmeans, o fondatori egiziani di Tebe in Grecia, siano stati gli Hyksos. (Bernal, 1991, p.495)
    In generale, Bernal (1991) ritiene che, quando gli Hyksos furono cacciati dall’Egitto, si stabilirono nel Mar Egeo e vi svilupparono la propria civiltà.
    Il punto di vista di Bernal, degli Hyksos come i fondatori della civiltà greca, non ha nulla a che fare con il lavoro di studiosi afrocentrici. Il problema con Bernal (1991) è che egli ritiene che i "Pre-Elleni" o pelagici fossero di lingua indo-europea. Questo punto di vista non è mantenuto dagli studiosi afrocentrici, che riconoscono che i fondatori di Atene e dell’Attica erano neri. Diop (1974, 1991) e Clyde Ahmad Winters (1983b), rendono evidente che i popoli neri giunsero in Grecia in epoca preistorica e si risposarono nella Grecia classica fino a un numero significativo. Pertanto, gli apparenti errori nell’opera di Bernal Black Athena non devono essere considerati come prova che gli studiosi afrocentrici abbiano sbagliato. Questi errori dimostrano solo che Bernal (1991) non è riuscito a dimostrare che la civiltà Hyksos fosse fondata nel Mar Egeo.
    Gli studiosi afrocentrici sono accusati di utilizzare vecchie e superate fonti. Questo è vero per alcuni studiosi afrocentrici che hanno scritto libri sulla base di fonti secondarie. Tuttavia, i veri studiosi afrocentrici, come Dubois, Diop (1974,1991), J.A. Rogers, Parker (1917,1918), Winters (1983b, 1985b, 1989a, 1989b) hanno usato fonti aggiornate per dimostrare fatti storici sul passato africano, anche prima delle fonti primarie utilizzate da Diop per illuminare il passato africano. Questi studiosi afrocentrici, originari di paesi africani e afro-americani, hanno cercato di illuminare il passato africano in tutto il mondo.
    Ad esempio, Parker (1917,1918) ha utilizzato fonti antropologiche, archeologiche, storiche e classiche per dimostrare che una volta i neri vivevano nel Mar Egeo. Parker (1917,1918) ha utilizzato i classici greci per dimostrare che i Pelasgi erano di origine africana. Egli ha inoltre discusso le storie d’origine relative ai fondatori Pelasgici delle varie città greche e hanno dimostrato che questi uomini erano neri e non indo-europei.
    Parker (1917, pp.341-42) ha anche osservato che "le grandi epopee greche sono epiche di un popolo africano e Elena, la causa della guerra di Troia, d'ora in poi deve essere concepita come una bella ragazza dalla pelle bruna". Questi africani navigarono verso la Grecia dal Nord Africa.

    Usando testimonianze archeologiche e la letteratura classica, C.A. Winters (1983b) ha spiegato come i neri africani, fondatori della civiltà greca, provenissero dall’antico Sahara. Secondo Winters (1983b), è chiaro che questi neri giungessero all’Egeo in due ondate: 1) I Garamanti, un popolo di lingua mandinga che vivono lungo il fiume Niger, ma già vivevano nella regione del Fezzan, Libia; e 2) gli Egiziani, i Fenici Orientali e gli africani che sono stati registrati nella storia della Grecia come Pelasgi. La civiltà pelasgica è stata discussa in dettaglio da Parker (1917,1918). Il Pelasgi fondarono molte città. I pelasgi furono i fondatori di Atene, è notato da Plutarco nel Teseo 12, e in Ovidio Metamorphosis, VII, 402 ss.
    Secondo Erodoto VII.91, i Pelasgi fondarono anche Tebe. Molti di questi ateniesi possono avere introdotto lo stile geometrico in Grecia durante la cosiddetta Epoca Buia (1200 - 600 a.C.).

    Fonti:

    https://it.wikipedia.org/wiki/Atena_nera

    Liutprand - Associazione culturale

    -------------------------------

    Quelli che per Bernar erano "indoeuropei ariani" per me erano preindoeuropei autoctoni, e quelli che vengono chiamati "i greci neri" per me furono SEMITI/ARIANI/MESO-SAHARASIANI (veri indoeuropei).
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    29 Jul 2013
    Località
    Tegetthoffstraße
    Messaggi
    5,680
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    46 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    lettura interessante
    il fatto che tebe sia una città di origine fenicia credo sia riconosciuto concordemente dalla storiografia anche perché il suo mito fondativo così strano per il contesto greco, in particolare per la presenza del drago ucciso da cadmo, rimanda ad oriente
    tanto più che l'archeologia ha dimostrato nel corso degli ultimi cinquant'anni che i miti fondativi antichi hanno fondamento storico
    il primo re di atene dopo lo scontro poseidone vs atena è cecrope, egiziano mezzo uomo e mezzo serpente

    di più non so dire

  3. #3
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,418
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    87

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Gli influssi semitici - saharasiani all'interno della società Greca ellenica furono parecchi: si parla di influssi culturali - religiosi e etnici, ma anche usanze e costumi sempre di derivazione mesosaharasiana/ariana/indoeuropea.
    La Grecia preellenica era composta molto probabilmente da sostrati preindoeuropei provenienti dell'Africa indigena, gilanica e tendenzialmente matristica.

    La Civiltà greca venne eretta in un primo momento da colonie di indigeni africani su modelli matristici, per poi passare al patrismo con l'arrivo di colonie semitiche provenienti dai territori mesopotamici - egiziani e dalla coste nord africane, che a quel tempo erano già state fortemente colonizzate proprio dai popoli semitici.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  4. #4
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,418
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    87

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    In questo contesto non saprei proprio dove inserire (e soprattutto in che epoca) i popoli Gilanici, autoctoni europoidi, ma il post sopra indicato sembra avere una certa logicità, sia in ambito archeologico, sia in quello mitologico che in quello etnostorico.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  5. #5
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,418
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    87

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Dall'omonimo libro si legge:

    Questo modello in tre volumi tratta di due modelli della storia greca: l'uno che concepisce la Grecia come essenzialmente Europea e Ariana; l'altro che la vede come levantina, alla periferia delle aree culturali egizia e semitica. Io li chiamo "Modello Ariano" e "Modello Antico". Il modello antico era la concezione convenzionale tra i greci del periodo classico ed ellenistico, secondo la quale la cultura greca era sorta in seguito alla colonizzazione attorno al 1500 a.C., di Egizi e Fenici, che avevano civilizzato i nativi. In oltre, anche successivamente, i prestiti delle culture del vicino oriente erano stati numerosi e frequenti per i Greci.
    Per molti è una sorpresa venire a sapere che il modello ariano, in cui gran parte di noi è stata educata a credere, si è sviluppato solamente a metà del XIX. Nella sua forma primigenia o "dorma ampia", il nuovo modello negava l'esistenza di insediamenti egizi e metteva in questione gli insediamenti fenici.
    Quello che io chiamo modello ariano "estremo", che prosperò durante i due picchi di antisemitismo degli anni 1890 e dei due decenni del 1920 e 1930, giungeva a negare l'influenza culturale fenicia. Secondo il modello ariano ci sarebbe stata un invasione del Nord - non documentata nella tradizione antica - e che avrebbe sottomesso la cultura "egea" o "pre-ellenica" locale. La civiltà Greca è quindi concepita come risultato tra Elleni parlanti indoeuropeo e indigeni assoggettati.
    Il modello antico riveduto afferma però che queste prime popolazioni parlavano una lingua affine indoittita che ha lasciato scarsa traccia nel greco e che, a ogni modo, non può essere usata per spiegare i molti elementi non indoeuropei della lingua successiva.
    Se ho ragione sollecitando il rigetto del modello ariano e la sua sostituzione con il modello antico riveduto, sarà allora necessario non solo ripensare le basi fondamentali della "civiltà occidentale", ma anche riconoscere la penetrazione del razzismo e del "chauvinismo occidentale" in tutta la nostra storiografia e filosofia dello scrivere storia. Il modello antico non aveva grandi deficienze "interne", o debolezze di potere esplicativo. Fu rigettato per ragioni esterne. Per romantici e razzisti del XVIII e XIX secolo era affatto intollerabile che la Grecia, concepita non solo come epitome dell'Europa ma come sua pura infanzia, fosse il risultato della mistura tra europei nativi (autoctoni gilanici - aggiungo io) e colonizzatori africani e semiti. Il modello antico doveva quindi essere rifiutato e sostituito con qualcosa di più accettabile.

    Atena Nera di Martin Bernal
    Ultima modifica di GILANICO; 22-06-15 alle 15:17
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    21 Oct 2014
    Messaggi
    420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Rimane cmq un ipotesi !

  7. #7
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,418
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    87

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Citazione Originariamente Scritto da Arber Visualizza Messaggio
    Rimane cmq un ipotesi !
    Molto più avvalorata delle tue di sicuro, visto che come per i popoli Nordici non vi è alcuna documentazione antica in sostegno alle teorie albaniste che vedono negli albanesi i veri fondatori della civiltà greca.

    Questo libro l'ho ordinato in biblioteca e ti consiglio di leggertelo!
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    21 Oct 2014
    Messaggi
    420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Greci e latini parlavano un albanese arcaico ( detto pelasgo ) , da dove sono nate tue due le lingue
    nonche la toponamstica antica parla in albanese


    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Mar_Ionio

    Studiosi sostengono che il nome derivi dalla parola proto-illirica "jonë", che in albanese ha il significato di nostro, quindi "Deti Jonë" (Mare Nostro).
    lo steso mare che quando i romani lo catalogarono insoma , li diedero il nome nostrum , jon in albanese nostro






  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    21 Oct 2014
    Messaggi
    420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Non e una lingua semitica e tantomeno una lingua morta e albanese , piacia o non piacia , te ne potrei dare tante spiegazioni anche di cita nei balkani (ylliri ) che si spiegano in albanese e non hano un meritato cazzo di semitico

    arcaico - albanes - italiano
    ylliri - ylli i ri- La nuova stella
    valona o vlore la cita e arrivata a noi con questo nome ma il nome in antichita era
    aylona- a(sht)ylli (j)ona E la nostra stella
    alessio o lezhe la cita e arrivata a noi con questo nome ma il nome in antichita era ylsios - Si Ylli osht - Come stella e

  10. #10
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    TELLURILAND
    Messaggi
    8,418
    Mentioned
    57 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    87

    Predefinito Re: L'ipotesi di Bernal sugli antichi Greci Semitici

    Sei intriso di teorie albaiste che non hanno uno straccio di documentazione antica.

    " Il modello antico era la concezione convenzionale tra i greci del periodo classico ed ellenistico, secondo la quale la cultura greca era sorta in seguito alla colonizzazione attorno al 1500 a.C., di Egizi e Fenici, che avevano civilizzato i nativi. In oltre, anche successivamente, i prestiti delle culture del vicino oriente erano stati numerosi e frequenti per i Greci."

    Io pendo dalla parte del Modello Antico, mentre tu pendi da teorie pan albaniste.
    Ultima modifica di GILANICO; 23-06-15 alle 15:04
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

 

 
Pagina 1 di 17 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 26-01-18, 16:03
  2. Risposte: 61
    Ultimo Messaggio: 26-08-12, 13:20
  3. Commenti alla mozione sugli studenti greci
    Di jmimmo82 nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-12-08, 12:12
  4. Ancora sugli antichi romani
    Di Dragonball (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 31-10-02, 12:11
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-09-02, 23:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226