User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32
Like Tree11Likes

Discussione: Teorie cosmologiche

  1. #1
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Teorie cosmologiche

    Così la fisica spiega l’inspiegabile origine dell’universo

    Lunghissimo articolo. Leggetevelo quando ve la sentite, focalizzandovi soprattutto su alcuni aspetti che ritengo significativi.
    Il "tempo di Planck". Interessantissimo.
    E l'inconsistenza ontologica delle tesi di Krauss.
    Meno contraddittorie ma più controintuitive le tesi del multiverso. Posto che, come diceva l'Aquinate, non è necessario che la Creazione abbia avuto un inizio, sebbene questo dato di Fede variamente interpretabile sembra avere consistenze empiriche, o, piuttosto, teoreticamente scientifiche.
    Ultima modifica di emv; 13-07-15 alle 23:44
    emv and Parsifal Corda like this.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    emv
    emv è online
    Moderatore Cattolico
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    5,822
    Mentioned
    93 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Grazie per i continui spunti di Metafisica di cui arricchisci il Forum, Draigo.
    Appena avrò tempo e la testa sgombra lo leggerò e lo commenterò
    Draigo and Parsifal Corda like this.
    "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo" Mt 28, 19


  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    Così la fisica spiega l’inspiegabile origine dell’universo

    Lunghissimo articolo. Leggetevelo quando ve la sentite, focalizzandovi soprattutto su alcuni aspetti che ritengo significativi.
    Il "tempo di Planck". Interessantissimo.
    E l'inconsistenza ontologica delle tesi di Krauss.
    Meno contraddittorie ma più controintuitive le tesi del multiverso. Posto che, come diceva l'Aquinate, non è necessario che la Creazione abbia avuto un inizio, sebbene questo dato di Fede variamente interpretabile sembra avere consistenze empiriche, o, piuttosto, teoreticamente scientifiche.
    INteressante la parte che ho sottolineato, la puoi sviluppare, avevo letto qualcosa, ma troppi anni addietro....
    ϟ qualis vibrans


  4. #4
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Forse quello che ho scritto può essere un poco fuorviante, ci vorrebbe Platone qui .
    San Tommaso è incontrovertibilmente un filosofo creazionista. E' proprio grazie al creazionismo, consistente in un atto di libertà divina, creatio ex nihilio (sui et subiecti!), che il Nostro supera quella contraddizione dualistica platonico-aristotelica tra Dio e materia soltanto parzialmente "risolta" da Plotino. Quello che volevo dire è che, razionalmente, la Creazione consiste nel dono dell'essere all'ente da parte di Dio, dunque non si pone la necessità razionale della Creazione come un puntino che "puff!", esplode poichè un grande uomo dalla barba bianca lo tocca con il dito.
    Prova a leggere qua, in particolare il terzo paragrafo Il concetto di creazione in Tommaso d'Aquino
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    E se la Creazione fosse incessante ?


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    Forse quello che ho scritto può essere un poco fuorviante, ci vorrebbe Platone qui .
    San Tommaso è incontrovertibilmente un filosofo creazionista. E' proprio grazie al creazionismo, consistente in un atto di libertà divina, creatio ex nihilio (sui et subiecti!), che il Nostro supera quella contraddizione dualistica platonico-aristotelica tra Dio e materia soltanto parzialmente "risolta" da Plotino. Quello che volevo dire è che, razionalmente, la Creazione consiste nel dono dell'essere all'ente da parte di Dio, dunque non si pone la necessità razionale della Creazione come un puntino che "puff!", esplode poichè un grande uomo dalla barba bianca lo tocca con il dito.
    Prova a leggere qua, in particolare il terzo paragrafo Il concetto di creazione in Tommaso d'Aquino
    Ho trovato la risposta nel nono:
    9. L’anima umana è stata creata incorruttibile, immortale perché cosìDio ha voluto. Proprio sulla base di una creazione intesa come libero e consapevoleatto divino Tommaso può affermare che Dio può aver voluto le creatureesistenti ab aeterno o con inizio. Ora però, dice l’Angelico,50 dato che lacreazione dipende dalla libera volontà divina e che a noi non è concesso ‘leggere’nella sua volontà, non possiamo dimostrare razionalmente se il cosmosia stato fatto «nel tempo», cioè «in principio», o se è stato creato dall’eternità.Possiamo credere che il mondo abbia avuto inizio nel tempo, ma questaè una verità di fede che non può essere tramutata in una verità di ragione.«E è utile – dice Tommaso – sapere questo, affinché, presumendo di poter dimostrareciò che è della fede, non vengano addotte ragioni inconcludenti, che offrirebbero motivodi disprezzo a coloro che non credono, in quanto essi penserebbero che sono quelle leragioni per cui accettiamo la nostra fede».Da lì a poco tempo, intorno al 1271,51 questa posizione, insieme adaltre, porterà Tommaso allo scontro con i teologi francescani, i quali, comeabbiamo già detto, fondavano la dottrina della creazione proprio sulla dimo-48 Tommaso d’Aquino, Summa Theologiae, I, q. 119, a. 2; De Potentia, q. III, a. 9. Per Tommasomediante le Virtus semis i genitori trasmettono il peccato originale alla prole (cfr. De Malo, q. III, aa.6, 7; Summa Theologiae, II, q. 81-83). 49 Tommaso d’Aquino, Contra Gentiles, II, cap. 87. 50 Tommaso d’Aquino, Summa Theologiae, I, q. 46, a. 2. 51 Sono gli anni in cui Sigieri di Brabante diede vita ad una nuova corrente di pensiero, l’averroismo,che aderiva ad alcune fondamentali tesi proposte da Averroè nella sua interpretazione di Aristotele. Il concetto di creazione in Tommaso d’Aquino 253strazione filosofica della creazione del mondo nel tempo. Per Tommasoinvece, essendo la temporalità delle creature un articolo di fede, è possibileporre la questione se il mondo possa essere eterno. Infatti, l’ipotesi dellaeternità del mondo, dal punto di vista di Tommaso, non contraddice i dogmidella fede, né va contro alla ragione: ciò significa che eternità e creaturalitànon si oppongono, non sono concetti contraddittori. Questa posizione èposta a fondamento dell’opuscolo De aeternitate mundi contra murmurantes(1271),52 in cui i murmurantes sono i teologi agostiniani, ma già nelDe Potentia (1265-1268), cioè prima dello sontro con i teologi agostiniani(1271), egli si mostra di questo parere. Nel quattordicesimo articolo dellaterza questione del De Potentia, si afferma che l’universo, non essendonato per un processo di movimento ma per un atto creativo, non necessitache Dio sia esistito prima di esso. È possibile che l’effetto (l’universo)esista simultaneamente alla sua causa, cosicché non vi è contraddizionenell’affermare che l’effetto di un atto creativo esista fin dall’eternità, e quindil’universo sarebbe potuto esistere da sempre se Dio così avesse voluto. Mal’eternità del mondo non la possiamo dimostrare, in quanto la sua esistenzadipende dalla libera volontà divina.A questo punto possiamo passare alle argomentazioni del De aeternitatemundi. Con il primo argomento l’Angelico si oppone a coloro che, control’eternità del mondo, vogliono dimostrare che l’agente deve necessariamenteprecedere nel tempo il proprio effetto. In questa opposizione egli riproduceun’argomentazione simile a quella che abbiamo appena considerato a propositodel De Potentia: «Dio è una causa che produce istantaneamente ilproprio effetto, e non per mezzo di un movimento, dunque non è necessarioche preceda il proprio effetto nel tempo». Ad esempio, dice Tommaso, ilfuoco nel momento in cui esiste scalda. Inoltre (secondo argomento) crearesignifica produrre l’essere dal nulla, quindi prima della creazione non c’è ilnulla ma Dio che crea le cose dal niente, cioè da nessuna materia preesistente.Questo «nulla» non deve essere entificato.A Tommaso preme far intendere come deve essere intesa l’espressioneex nihilo, a questo fine si appoggia a quanto Anselmo d’Aosta dice nelMonologion: «Il terzo modo di interpretare l’affermazione che una cosa èfatta dal nulla, si ha quando si intende che è stata fatta, ma manca ciò dacui è stata fatta». Così, dice l’Angelico, non si ponga alcuna relazione fraciò che è stato fatto e il nulla «nel senso che ciò che è stato fatto sarebbenecessario che prima fosse nulla e subito dopo fosse qualcosa»,53 quindi,I teologi francescani, nel timore di veder compromesse certe dottrine di Agostino e con esse le verità difede, si opposero alla adesione dei sigeriani alla concezione naturalistica di Aristotele. Essi sentironopoi l’esigenza di combattere l’aristotelismo dei domenicani diffuso da Alberto Magno e da Tommasod’Aquino. 52 A questo riguardo: E. Bertola, Tommaso d’Aquino e il problema dell’eternità del mondo, in«Rivista di filosofia neoscolastica», 66 (1974), pp. 312-355; Tommaso d’Aquino, Opuscoli filosofici,Roma 1953, pp. 137-155. 53 Tommaso d’Aquino, De aeternitate mundi contra murmurantes, in Opuscoli filosofici, Milano1982, p. 188.254 Vereno Brugiatellianche ritenere che una creatura sia sempre esistita non significa che essain qualche tempo sia stata nulla, non avendo in sé la ragione della propriaesistenza e ciò anche se fosse stata creata dall’eternità. Questo significache tra Dio e mondo non c’è un rapporto di equivalenza, altrimenti Diosarebbe il mondo; ma non c’è pericolo di panteismo o immanentismo, datoche Dio ha in sé la ratio essendi mentre il mondo no. Ma se si dice cheDio è eterno e anche il mondo è eterno non si corre ugualmente il rischiodi cadere nell’immanentismo? Tommaso dice no, in quanto l’eternità di Dionon è l’eternità del mondo: anche ammessa l’eternità del mondo, l’eternitàdi Dio esclude il divenire (siamo nel terzo argomento del De aeternitate),è l’eternità senza passato né futuro: Dio è fuori dal tempo, Egli possiedetotalmente e simultaneamente, in un unico atto infinito ed eterno, il proprioessere. L’eternità del mondo (ammesso che sia eterno), invece, ammetteil divenire: il mondo esiste nel tempo e col tempo, il tempo è il modo diessere di tutte le cose naturali. In questo modo il Dottor Angelico distinguel’Assoluto dal divenire, dal mondo. Da questo punto di vista, la trascendenzadi Dio è garantita anche nel caso in cui si dica che il mondo potrebbe esserestato creato dall’eternità.Ma l’eternità del mondo comporta il numero delle anime (quarto argomento):se il mondo è sempre esistito necessariamente, il numero delle animedeve essere infinito. Tommaso risponde che Dio avrebbe potuto creare ilmondo senza uomini e animali; oppure creare gli uomini in un determinatomomento e non dall’eternità, per cui il numero delle anime non sarebbeinfinito. Inoltre, egli aggiunge, non è stato dimostrato se Dio possa fare inmodo che esistano infinite cose in atto. La creazione è un libero atto dellavolontà divina e non un processo necessario, quindi il Creatore può volere lecreature a proprio piacimento: come esistenti ab aeterno oppure con inizio,«nel tempo». A quanti sostenevano che dall’eternità della volontà divinadeve necessariamente seguire un effetto eterno, Tommaso, in diverse opere,54risponde che Dio, nella sua infinita libertà, può anche volere eternamenteche qualcosa sorga in un determinato momento. La creazione dipende dallalibera volontà di Dio, ma la nostra ragione non è in grado di penetrare il suovolere, quindi, che il mondo abbia avuto inizio nel tempo rimane un articolodi fede. Ma, con la ragione, abbiamo visto che per Tommaso è possibiledimostrare che Dio è libero e consapevole creatore di tutto l’universo. Eccoallora che egli dimostra che la creazione consiste in quell’atto d’amore conil quale Dio ha donato l’essere a tutte le cose, dimostra che l’essere donatoalle cose è un essere nuovo, distinto da quello del Creatore, ciò in quantoè stato creato ex nihilo da colui che è l’essere. In questo senso il Creatoretrascende il creato. Ora però se il mondo una volta creato fosse stato lasciatoa se stesso, se il Creatore avesse dimenticato la sua creatura, l’universo nonavrebbe senso, né valore, né scopo, ma Tommaso dimostra che Dio ama54 Tommaso d’Aquino, Contra Gentiles, II, cap. 35; De Potentia, III, q. 17; Summa Theologiae,I, q. 46, a. 1.Il concetto di creazione in Tommaso d’Aquino 255il mondo e per questo ordina e regge tutte le creature in vista di quel fine cheè Egli stesso. D’altra parte però, se il mondo non avesse una propria autonomia,una propria perfezione, un proprio spessore ontologico, non sarebbe,o meglio, sarebbe solo una pallida ombra. Ma Tommaso dimostra, sullabase della libera creatio ex nihilo, non solo che le creature veramente sono,veramente agiscono, effettivamente possiedono valore e capacità causativa,ma anche che le creature umane sono dotate di libero arbitrio.
    ϟ qualis vibrans


  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    E se la Creazione fosse incessante ?


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Per certi aspetti lo è, vedi l'anima individuale per esempio
    emv likes this.
    ϟ qualis vibrans


  8. #8
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Bravo Parsifal, sicuramente il paragrafo 9 è molto più esplicito. Quindi si, non è necessario che il mondo abbia avuto un inizio definito e si, la Creazione può essere "incessante". Pensate un pò, nonostante il fatto che razionalmente è corretto pensare la creazione come un atto continuo (ciò che conta è la libertà di creazione di Dio), oggi la razionalità scientifica ipotizza che il mondo ha avuto un inizio, una vera e propria esplosione ed espansione... Parliamo di ipotesi scientifiche che quasi confermano un dato di Fede.
    Parsifal Corda likes this.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  9. #9
    scienziato qualificato TP
    Data Registrazione
    17 Jun 2013
    Messaggi
    6,491
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    Citazione Originariamente Scritto da Draigo Visualizza Messaggio
    Così la fisica spiega l’inspiegabile origine dell’universo

    Lunghissimo articolo. Leggetevelo quando ve la sentite, focalizzandovi soprattutto su alcuni aspetti che ritengo significativi.
    Il "tempo di Planck". Interessantissimo.
    E l'inconsistenza ontologica delle tesi di Krauss.
    Meno contraddittorie ma più controintuitive le tesi del multiverso. Posto che, come diceva l'Aquinate, non è necessario che la Creazione abbia avuto un inizio, sebbene questo dato di Fede variamente interpretabile sembra avere consistenze empiriche, o, piuttosto, teoreticamente scientifiche.
    Un sacco di parole per non dire nulla... la teoria del multiverso esiste da mo', e siamo ben lontani dall' aver compreso la natura dell' universo.

  10. #10
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Teorie cosmologiche.

    emv ripulisci per favore... commenti inutili e stupidi non sono tollerati. Se li lasci poi Miles ti fa il culo
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Le teorie di Nozick
    Di José Frasquelo nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-07-12, 01:08
  2. teorie di Malanga
    Di estense nel forum X-Forum
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 22-04-10, 00:14
  3. Teorie in frantumi....
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-03-03, 14:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226