User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: la "buona scuola"

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito la "buona scuola"

    Abbiamo visto come la politica oramai non segua da tempo la sensibilità popolare (nonostante prove evidenti di acculturazione di massa, ancora la pensa diversamente dai governanti).
    L'esempio più clamoroso (non sorprendente per chi scrive) è rappresentato dall'NCD che ha votato al Senato, nonostante l'oceanica manifestazione in piazza contraria per la buona scuola avallando l'emendamento gender.
    Quì una rapida spiegazione esauriente di quanto sta accandendo:
    Famiglia e scuola, c'è già il primo tradimento
    Non è passata neanche una settimana dalla grandiosa manifestazione del 20 giugno e il primo tradimento è già stato consumato. Ieri sera il Senato ha votato la fiducia al governo sul decreto della “Buona scuola” in cui era stato inserito un emendamento che apre all’introduzione dell’ideologia di genere nell’insegnamento curricolare di ogni ordine e grado. E a votare a favore sono stati anche gran parte di quei senatori che sabato scorso erano in Piazza San Giovanni e che, facendo parte della maggioranza di governo, dopo un lungo tira e molla hanno votato sì. Unica eccezione Carlo Giovanardi, che è uscito dall’aula. Ora il decreto arriva alla Camera il 7 luglio per l’approvazione definitiva. A giustificare l’atteggiamento dei senatori di Area Popolare (NCD + UDC) sono delle presunte garanzie offerte dal governo per l’esclusione dei programmi sull’identità di genere, ma è evidente – come sottolinea un duro commento del Comitato Famiglia Educazione Libertà – che si tratta di una «pagliacciata». Più possibilista è il Comitato Difendiamo i nostri figli, organizzatore della manifestazione di sabato scorso, che auspica un intervento chiarificatore del governo prima del voto alla Camera; ma al suo interno c’è anche chi la vede in modo diverso, visto che la Manif pour Tous parla invece di «buco nero» creatosi nel patto tra scuola e famiglia.Ma cerchiamo di spiegare con ordine cosa è successo, perché la differenza di posizioni si spiega anche con un pasticcio di cui si è reso responsabile il governo. La questione riguarda non già i famigerati tre disegni di legge chiaramente indirizzati a promuovere il gender sia nella scuola (Fedeli), sia con la legittimazione delle unioni civili (Cirinnà), sia con l’introduzione del reato di omofobia (Scalfarotto); bensì la riforma della scuola, sui cui contenuti generali ci siamo già soffermati più volte (clicca qui e qui). Ebbene, all’inizio di maggio nel progetto di riforma i parlamentari PD hanno inserito un emendamento, l’articolo 16 – proposto dall’on. Giovanna Martelli, consulente del Presidente del Consiglio in materia di pari opportunità –, che oggi recita così: «Il piano triennale dell'offerta formativa assicura l'attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni, al fine di informare e di sensibilizzare gli studenti, i docenti e i genitori sulle tematiche indicate dall'articolo 5, comma 2, del decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119, nel rispetto dei limiti di spesa di cui all'articolo 5-bis comma 1, primo periodo, del predetto decreto-legge n. 93 del 2013».
    Dove sta il problema? Essenzialmente nel riferimento al decreto 93/2013 e alla legge 119/2013, finalizzate a prevenire e contrastare le violenze di genere (la famosa legge sul femminicidio), perché all’articolo 5 si fa riferimento a un “Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere” da predisporre successivamente e valido per il periodo 2014-2020. Questo Piano, poi effettivamente adottato, prevede tra le altre cose la promozione «nell’ambito dei programmi scolastici delle scuole di ogni ordine e grado» della formazione degli studenti per «prevenire la violenza nei confronti delle donne e la discriminazione di genere, anche attraverso la valorizzazione di questi temi nei libri di testo».
    Per capire meglio la gravità dell’art 16 dell’emendamento votato ieri con la riforma della Buona scuola, sarà anche utile riferirsi al comunicato diffuso dal senatore Lucio Malan (Forza Italia), che – riprendendo il suo bell’intervento svolto in Aula - ha spiegato la pericolosità dell’espressione «prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni». «Confrontando queste parole – ha detto Malan - con la Strategia Nazionale LGBT 2013/15 del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, c'è da rabbrividire. La Strategia prevede esplicitamente, proprio in nome della "rimozione di ogni forma di discriminazione", "l'integrazione e aggiornamento sulle tematiche LGBT" nei programmi scolastici, la "valorizzazione" dell'expertise delle associazioni LGBT, l'accreditamento delle associazioni LGBT presso il MIUR in qualità di enti di formazione e altro ancora.
    Intanto, l'UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), operante presso il Dipartimento Pari Opportunità, ha istituito un gruppo nazionale di lavoro con 29 associazioni LGBT (evidentemente quelle che si vogliono accreditare) tra le quali spicca il Circolo Culturale Omosessuale intitolato a Mario Mieli - intellettuale suicidatosi trentunenne nel'83, sostenitore di varie pratiche sessuali estreme - di cui ho letto in Aula alcune frasi, tra le quali questa: "Noi sì, possiamo amare i bambini. Possiamo desiderarli eroticamente rispondendo alla loro voglia di Eros, possiamo cogliere a braccia aperte la sensualità inebriante che profondono, possiamo fare l’amore con loro"».
    In ogni caso a fronte di questo subdolo inserimento dell’educazione di genere nella riforma della scuola i senatori di Area Popolare – formazione che fa parte della maggioranza di governo - hanno protestato minacciando un voto contrario e ieri mattina sono stati ricevuti dai ministri dell’Istruzione, Giannini, e delle Riforme, Boschi. La richiesta iniziale dei senatori era la cancellazione dall’articolo 16 del riferimento alla legge 119/2013, che se non altro avrebbe attenuato di molto la pericolosità dell’emendamento. Parandosi dietro l’impossibilità di intervenire su un testo su cui doveva essere votata la fiducia, i ministri Giannini e Boschi proponevano un compromesso in due punti: la Giannini avrebbe fatto una dichiarazione di impegno del governo nell’impedire l’insegnamento del gender nelle scuole, e il governo avrebbe varato un decreto per rendere obbligatorio il consenso informato dei genitori per ogni tipo di attività extracurricolare.Chiunque abbia minima consapevolezza di quanto sta accadendo nelle scuole italiane sa che, anche se l’impegno fosse sincero, sarebbe praticamente impossibile realizzarlo vista la fortissima spinta ideologica dei movimenti LGBT.Eppure i senatori di Area Popolare hanno accettato: due promesse aleatorie in cambio di un voto certo. Un compromesso già inaccettabile, permesso soltanto dalla precedenza data dai senatori AP alla volontà di non mettere in difficoltà il governo. Ma non basta: nel corso della giornata il compromesso non è mai stato confermato dai due ministri. Si attendeva una dichiarazione pubblica della Giannini, ma non è mai arrivata. Malgrado ciò soltanto il senatore Giovanardi ne ha tratto le conclusioni e si è allontanato dall’aula prima del voto. Gli altri invece si sono tutti accodati a difesa del governo. E tralasciamo gli assurdi tweet di soddisfazione del leader del Nuovo Centro Destra, Angiolino Alfano, per la fiducia conquistata.Ora il progetto di riforma passa alla Camera e Area Popolare chiede che prima del voto finale sul ddl scuola venga emanata «la circolare per l’applicazione del diritto dei genitori a dare o negare il proprio consenso», e inoltre che venga avviato l’iter per una legge che ribadisca la responsabilità dei genitori nell’educazione dei figli.Salvando la buona fede dei parlamentari, è evidente che non è per questi compromessi al ribasso che un milione di italiani hanno sopportato grossi sacrifici per essere sabato scorso in piazza San Giovanni a Roma. Il tentativo di salvare sempre capra e cavoli (la propria faccia con gli elettori e un posto comodo in Parlamento e al governo) ormai non regge più. L’aggressione nei confronti della famiglia è tale che la scelta non è più rinviabile: salvare la famiglia o salvare il governo. Ieri è apparso chiaro che i più optano per la seconda. Ci sono solo pochi giorni per dimostrare il contrario e recuperare la faccia.
    ϟ qualis vibrans


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: la "buona scuola"

    un'altra testimonianza sulla ideologia gender nelle scuole
    Gender. Una mamma psicologa: "favole" Lgbt all'asilo nido Radio Vaticana
    Un'altra fonte, fosse considerata non veritiera perchè cattolica...
    Piccolo uovo, ecco una delle favole che Brugnaro vuole togliere dalle scuole - Cronaca - La Nuova di Venezia
    ϟ qualis vibrans


 

 

Discussioni Simili

  1. "Basta propaganda fascista a scuola". E non solo a scuola.
    Di Zdenek nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 207
    Ultimo Messaggio: 23-03-08, 11:44
  2. "Guardian": Fiore "fascista italiano in una scuola a Londra"
    Di nathan muir nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01-03-08, 19:06
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-07-06, 22:55
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-07-06, 13:25
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-10-02, 23:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226