User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 69
Like Tree18Likes

Discussione: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

  1. #1
    Anti-eurozerbini
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    31,105
    Mentioned
    489 Post(s)
    Tagged
    127 Thread(s)

    Predefinito Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Ecco sette ragioni per cui l’accoglienza, teoricamente bella e buona, è diventata impraticabile per colpa dei pasdaran della società multirazziale.

    Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà
    Traiano likes this.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anti-eurozerbini
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    31,105
    Mentioned
    489 Post(s)
    Tagged
    127 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Gli Usa, l’Europa e l’immigrazione

    A differenza di Ungheria e Macedonia, cattivi maestri secondo il Washington Post, i Paesi dell’Unione devono fare come la Serbia: trasformare l’accoglienza in ripopolamento.

    Gli Usa, l?Europa e l?immigrazione
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  3. #3
    Flexitariano
    Data Registrazione
    16 Jul 2014
    Località
    Italia. Land of Brodi.
    Messaggi
    44,477
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    1091 Post(s)
    Tagged
    40 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Gli Usa, l’Europa e l’immigrazione

    A differenza di Ungheria e Macedonia, cattivi maestri secondo il Washington Post, i Paesi dell’Unione devono fare come la Serbia: trasformare l’accoglienza in ripopolamento.

    Gli Usa, l?Europa e l?immigrazione
    In Serbia si faranno ripopolare da neri e arabi o magari da romeni e albanesi?

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,837
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    E' tutto un casino!!!
    Sarà che l' uomo dell' era della globalizzazione totale è un perenne insoddisfatto a cui il posto in cui vive sta stretto, stanco di vedere la stessa gente, egli pensa di risolvere i suoi problemi economici, lavorativi ma anche esistenziali, persino sessuali ed affettivi, andando in terre lontane oppure confidando nell' arrivo di stranieri.
    Sarà che uno deve andare dove il lavoro c'è, o meglio si pensa vi sia.
    Sarà che le classi dirigenti devono distrarre le masse con lo spettacolo dell' immigrazione di massa, se ci sono incidenti tanto meglio, bisogna che non si parli dell' economia, delle gerarchie sociali, delle trasformazioni inquietanti, del transumanismo, occorre che le plebi vedano il nemico non nella politica e nel liberismo ma negli "allogeni", che il complotto non lo si veda nel transumanismo e nella neo-schiavitù, ma nel piano "Kalergy" di meticciamento di massa. Depistare, deviare, confondere. Destra e sinistra devono trovare un tema su cui litigare e far vedere che sono diverse.
    Sarà che devono svuotare varie zone del pianeta per far posto ad europei, nordamericani e asiatici di "pregio" che vi si insedieranno facendone loro giardini.
    Sarà che l' invecchiamento e il calo demografico degli europei è andato oltre i paletti prefissati, visto che i capitalisti non vogliono concedere diritti, visto che l' austerity deve andare avanti, visto che la debolezza delle persone perché facciano figli è grave, visto che è impossibile quanto controproducente contrastare edonismo e individualismo con la forza, meglio tamponare l' emergenza invecchiamento chiamando in soccorso africani, asiatici.
    Ci saranno oscure trame americane per ricattare l' Europa o farci accettare nuove guerre umanitarie...
    Allora è un problema che finirà solo dopo una guerra nucleare o un periodo di devastanti terremoti e uragani. Vivete nel mondo reale e imparate bene 2 lingue straniere, l' inglese e il francese come minimo, perché dovete convivere con questa realtà. Tanto, alla fine, tutto il mondo è paese.

    Sinceramente che gli extraeuropei vengano o non vengano non mi cambia la vita. Io fin dalla prima infanzia sono sempre stato un cittadino di serie B, C. Non sono mai stato trattato alla pari, mi hanno fatto sentire sempre un sottomesso, sempre tagliato fuori.
    Che gli extraeuropei ci siano o no, avremo sempre precariato, privatizzazioni, austerità, tagli. I politici e gli euro-burocrati aumentano i loro vergognosi privilegi. La robotizzazione distruggerà il maschio e la femmina. Sempre rincoglionimento, consumismo, schiavitù dal televisore e dallo smart-phone. Niente futuro, sempre depressi, tendenti al suicidio, alla droga, al bullismo, alla violenza, alla noia, all' alcolismo, ai disturbi alimentari. Costretti a fare rapine per sopravvivere, a spacciare droga per scampare al grigiore della quotidianità. Oppressi da un totalitarismo normalista in molto posti di lavoro specie quelli patinati e techno-color dando vita ad una schiavitù trendy. Meno libertà di pensiero e sbirri che massacrano di botte dei ragazzi per delle marachelle. Cementificazione che distrugge il paesaggio. Vecchiaia come età media. Le istituzioni interessate a creare cronaca nera, situazioni di insicurezza e strategie della tensione (ciò con gli immigrati è più facile ma possono farlo comunque in altre come dimostrano gli anni '70 e '80 in occidente). La gente destinata comunque a farsi la guerra per delle briciole, tra accozzati e meno accozzati, tra lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi, tra ceto medio, operai e sottoproletari, barboni. Tutto questo e altro a prescindere dall' immigrazione.
    Dispiace a questo punto che i nuovi europei non raddrizzeranno la situazione, non imporranno alcuna restaurazione tradizionale, altrimenti le autorità occidentali ci mettevano davvero passione e impegno nel fermare l' "invasione".
    Cambia a me solo qualche coglione in più che ti può fare del male, un pò compensato dal fatto che coglioni nostri connazionali colpiscano stranieri tranquilli trascurando per una volta me. Solo questo.
    L' Europa che poteva essere mia terminò con onore e valore nel 1945. Questa Europa non mi esalta, del volto delle "nostre città", concepite da me come trappole, cosa mi interessa?
    Sono italiano? Sono straniero? Sono solo il mio nome e il mio cognome. Ho una terra, è la Sardegna. Gente? Boh, al limite voi che condividete con me questo spazio.
    Cammino silente, nei miei pensieri, cercando la libertà negli angolini, e se vorrò morire in battaglia, non aggredirò certo degli immigrati, dei neri ecc., no, avrei ben altri nemici della mia identità, che è identità non collettiva ma personale, spirituale.

    Finita questa dissertazione personale, alcune osservazioni di Adriano Scianca, autore del primo articolo, sono corrette, però non stia a sostenere forze politiche che si ricordano degli italiani solo se si parla degli stranieri, per poi dimenticarsi dei diritti degli italiani, anzi andare contro i diritti degli italiani (ha ancora senso tale sostantivo, alla luce anche della vera storia del risorgimento?) se non si parla di immigrati. Ricordarsi cosa fecero quei personaggi prima del 2012.
    Ultima modifica di Avanguardia; 03-09-15 alle 11:40
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,837
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Comunque, da quasi un anno dell' argomento si parla troppo, in televisione. Non ne posso più. Mi hanno rotto le scatole con questo tema. Sono un disco rotto.
    Il fatto che se ne parli è indicativo di come un problema possa essere strumentalizzato (persino creato?) per occultare altri problemi e nascondere il vuoto della politica, pure il nostro vuoto forse.
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  6. #6
    Forumista junior
    Data Registrazione
    26 Jun 2015
    Messaggi
    24
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Cercherò di rispondere nel modo più calmo possibile, ma non sarà facile perché articoli palesemente ipocriti come questo mi hanno da tempo fatto esaurire la pazienza.

    1) Non si può accogliere chi è onesto e bisognoso finché non ci saranno controlli in grado di separare buoni e cattivi e rispedire a casa celermente chi è disonesto e malintenzionato. Qui abbiamo criminali recidivi che nessuno pensa di espellere, persone espulse che girano indisturbate per le città, migliaia di clandestini con foglio di via in attesa di ricorsi e lungaggini burocratiche che li rendono non espellibili. In queste condizioni che garanzie ci sono contro l’arrivo di nuovi criminali?
    Partiamo bene, ipocrisia ed egoismo già dalla prima riga. Se un "criminale recidivo" è immigrato non si cerca di fare giustizia, ma lo si rispedisce in un altro paese, così magari li la scampa e continua a fare danni. Questo è il gioco dello scaricabarile, un comportamento da disonesti e da opportunisti (oltre ad essere controproducente, come lo è il gettare l'immondizia nel giardino del vicino). E poi ci interroghiamo sull'origine della corruzione nella nostra società? Uno dei motivi è perché a gente simile - disonesta ed opportunista - è consentito di avere voce nel dibattito pubblico.

    Vorrei davvero sapere, inoltre, quale sia il metodo dell'autore per distinguere in modo certo quale immigrato sia buono e quale cattivo, al momento dell'arrivo in Italia: c'è qualche tecnica di cui io sono all'oscuro? Perché se non c'è, inutile che l'autore si erga a paladino della pietà "uccisa dagli sciacalli", quando non è nemmeno disposto a concedere il beneficio del dubbio ad uno sconosciuto.
    Inoltre, ammesso che un tale metodo esista, durante questo lasso di tempo in cui lo stato non lo ha ancora implementato, perché le persone buone dovrebbero essere trattate alla stregua di quelle cattive? Perché gli onesti dovrebbero farsi carico delle conseguenze di una mancanza dello stato?

    Ancora: "che garanzie ci sono contro l'arrivo di nuovi criminali?".
    Che garanzie ci sono che il figlio di un qualsiasi cittadino italiano sia o meno un criminale? La causa maggiore di nuovi inserimenti di persone nella società non è l'immigrazione, ma la riproduzione.

    2) Non si può aiutare chi “scappa dalla guerra” se le regole per il diritto d’asilo sono talmente ampie e vaghe da garantire accoglienza praticamente a chiunque non viva nell’Europa occidentale. Ghana, Senegal, Costa d’Avorio hanno i loro problemi, come noi del resto, ma non sono devastate da alcuna piaga biblica: perché dobbiamo prenderci ghanesi, senegalesi e ivoriani?
    Perché se una persona vuole costruirsi onestamente una vita in un paese diverso da quello di nascita non dovrebbe poterlo fare?

    4) Non si possono far entrare per un’accoglienza temporanea i sofferenti, figli dell’emergenza, quando i buonisti premono affinché si cambino le norme per la cittadinanza e si attui un vero e proprio cambiamento antropologico nelle nostre società. Questo non è aiutare i bisognosi, è cambiare volto per sempre alle nostre città.
    Ed ecco che il difensore della pietà, contro "gli sciacalli che ne fanno mercimonio", si rivela per quello che è: un ipocrita razzista. Poco prima l'autore parlava di rimandare a casa i cattivi ed accogliere i buoni, ma qui dice chiaramente che non ha alcuna intenzione di accogliere nemmeno i buoni, se questi poi vengono trattati alla pari degli altri cittadini.
    Per l'autore un rifugiato onesto ha meno diritto alla cittadinanza di un italiano disonesto.

    L'autore teme che i connotati antropologici degli italiani cambino: per l'autore è di fondamentale importanza preservare il tipo umano dell'italia attuale, dell'italia liberale e democratica, dell'italia corrotta, egoista (come l'autore) ed opportunista.
    Per l'autore è più importante preservare il "volto delle nostre città", ovvero il tipo umano dell'italiano medio, piuttosto che offire accoglienza a dei bisognosi.
    Non so se ridere o piangere: io è da tutta la vita che spero in un cambiamento antropologico degli italiani, immigrazione o meno.

    5) Non si possono far entrare masse di allogeni giovani, vitali, affamati, in una società esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità. Un corpo malato può essere ucciso anche da un banale raffreddore. E questo non è esattamente un banale raffreddore.
    Ad inizio articolo l'autore si lamenta del fatto che il nostro stato non sia "Uno Stato sovrano, forte, in salute", perché "non c’è né sovranità, né forza, né salute."
    Come si ridà forza e salute ad uno stato, se non inserendo elementi "giovani e vitali" al suo interno? Una società "esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità" non è proprio la società che più potrebbe beneficiare dall'inserimento di masse di giovani vitali?

    Ll'autore ci dice, invece, che l'inserimento di elementi giovani e vitali in una società la uccide. Le possibilità sono due: o l'autore è fuori di sé, e non si rende conto dell'assurdità di quello che dice, oppure non ha espresso bene il suo pensiero.
    In questa seconda ipotesi, quando l'autore parla di "stato" o di "società", in realtà egli fa riferimento all'etnia o meglio al tipo "antropologico" dell'italiano medio: solo così possiamo capire come possano lo "stato" o la "società" essere indeboliti o morire in seguito all'inserimento di nuovi elementi giovani e vitali. All'autore non importa niente dello stato o della società, all'autore importa di preservare biologicamente l'italiano medio.

    Visti i precedenti toni razzisti usati dall'autore, propendo per la seconda ipotesi.


    6) Non si può sottostare al ricatto di “accogliere chi fugge dalle guerre” quando quelle guerre le hanno sponsorizzate, fomentate, talora persino organizzate quelli che oggi invocano l’accoglienza. Chiunque abbia sostenuto i “ribelli libici”, la “opposizione siriana”, le rivolte egiziane o tunisine va estromesso dal dibattito e dalla vita politica. Non c’è via di mezzo, non c’è tolleranza.
    Quindi secondo l'autore è giusto che gli stessi paesi occidentali colpevoli di avere sponsorizzato, fomentato ed organizzato le guerre che hanno distrutto i paesi dai quali i rifugiati emigrano, ora si rifiutino non solo di fornire risarcimenti e riparazioni, ma anche di accogliere i fuggitivi.

    Vorrei che l'autore mi spiegasse che colpa hanno gli immigrati, se i loro paesi sono stati distrutti grazie alle guerre fomentate dai Sionisti e loro collaboratori. Sono d'accordo che chi ha fomentato tali guerre vada estromesso dal dibattito pubblico, ma gli immigrati che hanno subito le conseguenze dei loro crimini, perché dovrebbero essere puniti ancora? Per cosa?
    La vittima di un crimine andrebbe risarcita, di certo non attaccata ulteriormente.

    7) Non si può dar credito a chi invoca l’intregrazione ed è poi documentato che su questa integrazione ci mangia. Si faccia tabula rasa di tutto l’associazionismo rosso o bianco, si disintegrino le coop cattoliche o di sinistra, si tolgano le mani del Pd dal business dell’accoglienza.
    E fin qui siamo tutti d'accordo, ma poi dice
    E poi ne riparliamo.
    Quindi: siccome all'interno del sistema dilaga la corruzione, gli immigrati che non ne hanno colpa alcuna dovrebbero farsi carico delle conseguenze negative. Devo forse aggiungere altro?

    Infine, vorrei fare notare come questa corruzione sia il frutto del tipo antropologico che l'autore vuole a tutti i costi preservare - visto che le varie coop ed associazioni non sono dirette dagli immigrati, e che lo stesso tipo di corruzione si diffonde ovunque riesca a mettere le mani, non solo nella gestione dell'immigrazione.
    Ed ecco delineato il tipo di società che l'autore desidererebbe: "una società esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità [...] Un corpo malato", caratterizzato da una corruzione endemica ed onnipresente, che rifiuta a tutti i costi un qualsiasi "cambiamento antropologico", causato dall'inserimento di "masse di giovani, vitali".

    Se a qualcuno piace un tipo simile di società, supporti pure l'autore. Per chi volesse invece realizzare un modello di società completamente diverso, potrà trovare delle idee interessanti nei due link presenti nella mia firma.
    Ultima modifica di EreticoFanatico; 04-09-15 alle 23:09
    - | UNITÀ PER NOBILTÀ | -
    “Non deduciamo l'abilità di un uomo dal suo tipo fisico, ma al contrario dalle sue conquiste deduciamo la sua razza.” - Adolf Hitler

    Aryanism

  7. #7
    Anti-eurozerbini
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    31,105
    Mentioned
    489 Post(s)
    Tagged
    127 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Citazione Originariamente Scritto da EreticoFanatico Visualizza Messaggio
    Cercherò di rispondere nel modo più calmo possibile, ma non sarà facile perché articoli palesemente ipocriti come questo mi hanno da tempo fatto esaurire la pazienza.


    Partiamo bene, ipocrisia ed egoismo già dalla prima riga. 1 - Se un "criminale recidivo" è immigrato non si cerca di fare giustizia, ma lo si rispedisce in un altro paese, così magari li la scampa e continua a fare danni. Questo è il gioco dello scaricabarile, un comportamento da disonesti e da opportunisti (oltre ad essere controproducente, come lo è il gettare l'immondizia nel giardino del vicino). E poi ci interroghiamo sull'origine della corruzione nella nostra società? Uno dei motivi è perché a gente simile - disonesta ed opportunista - è consentito di avere voce nel dibattito pubblico.

    Vorrei davvero sapere, inoltre, quale sia il metodo dell'autore per distinguere in modo certo quale immigrato sia buono e quale cattivo, al momento dell'arrivo in Italia: c'è qualche tecnica di cui io sono all'oscuro? Perché se non c'è, inutile che l'autore si erga a paladino della pietà "uccisa dagli sciacalli", 2 - quando non è nemmeno disposto a concedere il beneficio del dubbio ad uno sconosciuto.
    Inoltre, ammesso che un tale metodo esista, durante questo lasso di tempo in cui lo stato non lo ha ancora implementato, perché le persone buone dovrebbero essere trattate alla stregua di quelle cattive? Perché gli onesti dovrebbero farsi carico delle conseguenze di una mancanza dello stato?

    Ancora: "che garanzie ci sono contro l'arrivo di nuovi criminali?".
    3 - Che garanzie ci sono che il figlio di un qualsiasi cittadino italiano sia o meno un criminale? 4- La causa maggiore di nuovi inserimenti di persone nella società non è l'immigrazione, ma la riproduzione.


    5 - Perché se una persona vuole costruirsi onestamente una vita in un paese diverso da quello di nascita non dovrebbe poterlo fare?


    Ed ecco che il difensore della pietà, contro "gli sciacalli che ne fanno mercimonio", si rivela per quello che è: 6- un ipocrita razzista. Poco prima l'autore parlava di rimandare a casa i cattivi ed accogliere i buoni, ma qui dice chiaramente che 7 - non ha alcuna intenzione di accogliere nemmeno i buoni, se questi poi vengono trattati alla pari degli altri cittadini.
    Per l'autore un rifugiato onesto ha meno diritto alla cittadinanza di un italiano disonesto.


    L'autore teme che i connotati antropologici degli italiani cambino: 8 - per l'autore è di fondamentale importanza preservare il tipo umano dell'italia attuale, dell'italia liberale e democratica, dell'italia corrotta, egoista (come l'autore) ed opportunista.
    Per l'autore è più importante preservare il "volto delle nostre città", ovvero il tipo umano dell'italiano medio, piuttosto che offire accoglienza a dei bisognosi.
    Non so se ridere o piangere: io è da tutta la vita che spero in un cambiamento antropologico degli italiani, immigrazione o meno.


    Ad inizio articolo l'autore si lamenta del fatto che il nostro stato non sia "Uno Stato sovrano, forte, in salute", perché "non c’è né sovranità, né forza, né salute."
    Come si ridà forza e salute ad uno stato, se non inserendo elementi 9- "giovani e vitali" al suo interno? Una società "esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità" non è proprio la società che più potrebbe beneficiare dall'inserimento di masse di giovani vitali?

    Ll'autore ci dice, invece, che l'inserimento di elementi giovani e vitali in una società la uccide. Le possibilità sono due: o l'autore è fuori di sé, e non si rende conto dell'assurdità di quello che dice, oppure non ha espresso bene il suo pensiero.
    10 - In questa seconda ipotesi, quando l'autore parla di "stato" o di "società", in realtà egli fa riferimento all'etnia o meglio al tipo "antropologico" dell'italiano medio: solo così possiamo capire come possano lo "stato" o la "società" essere indeboliti o morire in seguito all'inserimento di nuovi elementi giovani e vitali. All'autore non importa niente dello stato o della società, all'autore importa di preservare biologicamente l'italiano medio.

    Visti i precedenti toni razzisti usati dall'autore, propendo per la seconda ipotesi.



    Quindi secondo l'autore è giusto che gli stessi paesi occidentali colpevoli di avere sponsorizzato, fomentato ed organizzato le guerre che hanno distrutto i paesi dai quali i rifugiati emigrano, ora si rifiutino non solo di fornire risarcimenti e riparazioni, ma anche di accogliere i fuggitivi.

    Vorrei che l'autore mi spiegasse che colpa hanno gli immigrati, se i loro paesi sono stati distrutti grazie alle guerre fomentate dai Sionisti e loro collaboratori. Sono d'accordo che chi ha fomentato tali guerre vada estromesso dal dibattito pubblico, ma gli immigrati che hanno subito le conseguenze dei loro crimini, perché dovrebbero essere puniti ancora? Per cosa?
    La vittima di un crimine andrebbe risarcita, di certo non attaccata ulteriormente.


    E fin qui siamo tutti d'accordo, ma poi dice

    Quindi: siccome all'interno del sistema dilaga la corruzione, gli immigrati che non ne hanno colpa alcuna dovrebbero farsi carico delle conseguenze negative. Devo forse aggiungere altro?

    Infine, vorrei fare notare come questa corruzione sia il frutto del tipo antropologico che l'autore vuole a tutti i costi preservare - visto che le varie coop ed associazioni non sono dirette dagli immigrati, e che lo stesso tipo di corruzione si diffonde ovunque riesca a mettere le mani, non solo nella gestione dell'immigrazione.
    Ed ecco delineato il tipo di società che l'autore desidererebbe: "una società esangue, in crisi demografica, vecchia nell’età anagrafica e nella mentalità [...] Un corpo malato", caratterizzato da una corruzione endemica ed onnipresente, che rifiuta a tutti i costi un qualsiasi "cambiamento antropologico", causato dall'inserimento di "masse di giovani, vitali".

    Se a qualcuno piace un tipo simile di società, supporti pure l'autore. Per chi volesse invece realizzare un modello di società completamente diverso, potrà trovare delle idee interessanti nei due link presenti nella mia firma.
    Io pure cercherò di risponderti senza mandarti affanbagno,ma sarà difficile...

    1 - se un criminale è recidivo lo rispedisco da dove è venuto o comunque nella sua zona di provenienza, per capirci meglio se è africano lo rimando in Africa, cazzi suoi poi tornare al suo paesello, non è che glielo mando alla Francia o alla Svezia.

    2 - forse sarà anche difficile distinguere il buono dal cattivo, ma perchè dovrei concedere "il beneficio del dubbio" a chi mi arriva come clandestino?

    3 - nessuna, ma è italiano.

    4 - wow, sterilizziamoci tutti.

    5 - certo, basta che ora non te ne esci con "accogliamoli tutti!".

    6 - piano col boldrinismo... anche se ariano.

    7 - l'accoglienza non può essere illimitata, ma nei limiti del sostenibile, indipendentemente da buoni o cattivi. un cittadino italiano disonesto è cittadino italiano, ti piaccia o no, lo puoi solo arrestare.

    8 - puro boldrinismo immigrazionista, preferisco non risponderti. anzi no, una cosa te la dico: il meticciato fattelo a casa tua.

    9 - ahahah, giovani e vitali ma non allogeni, ma ci fai o ci sei? ah già che dobbiamo sterilizzarci perchè il problema è il ripopolamento... a meno che non provenga da allogeni onesti... vedi 8.

    10 - sì, all'autore interessa preservare l'Italiano ( medio o non medio ). se la cosa ti fa tanto schifo vattene in Africa con i tuoi amici aryani...
    e mò basta.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,837
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Riguardo i criminali recidivi, credo che EreticoFanatico intendesse che li mandiamo direttamente all' altro mondo.

    Riguardo il concetto di "giovani e vitali", mediamente è vero che tra africani, asiatici, latino-americani c'è più "maschia gioventù" che tra le popolazioni native europee, oggi. Questo è indiscuttibile. D' altro canto è vero che quando si decide di arrivare in Europa o Nord America, lo si fa con uno spirito di attrazione verso il modello occidentale, spesso in maniera un pò nebulosa. Non credo che le nuove generazioni di origine extra-europea o slava daranno una raddrizzata all' Europa morente e decadente, all' italietta democratica e antifascista, perché altrimenti le autorità, solerti ad arrestare le gente per cazzate, ci metterebbero più impegno ad affrontare il fenomeno; certamente, un raddrizzamento se ci sarà, verrà più dalle genti di origine extra-europea o al limite slave, non dai nativi italiani, francesi, greci, tanto meno nordici ed anglosassoni; l' eventuale nuovo fuhurer o nuovo duce avrà più probabilmente origini ucraine, colombiane, ghanesi, nigeriane, filippine, afghane, turche, georgiane, russe, peruviane ecc. che tedesche (già Hitler era austriaco!) o italiane.
    Sull' immigrazione ripeto, non mi turba non mi esalta, sono neutrale e normale.
    Neanche ci sarebbe il tempo di dare una raddrizzata all' Europa "aria fritta" da parte dei nuovi europei o di quelli vecchi, infatti inserirò articoli che a primo impatto sembreranno non c' entrare nulla con l' immigrazione, ma se ci riflettete, saranno quanto mai pertinenti, per capire meglio ancora, pensate a come finisce il film "2012", ve lo ricordate il finale?
    Ultima modifica di Avanguardia; 05-09-15 alle 12:31
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,837
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Ecco l' avviso di uno scienziato ufficiale: dal prossimo inverno tempeste di ghiaccio e super-terremoti, immaginatevi gli sconvolgimenti di molte zone della Terra, ma alcune saranno più protette.

    Come Don Chisciotte - RISCALDAMENTO GLOBALE CI DICONO LA VERITA’? COSA DOBBIAMO ASPETTARCI PER IL PROSSIMO INVERNO ?

    Un articolo di Investmentwatchblog e due diagrammi di stevengoddard-worldpress sfidano l’ortodossia del ‘riscaldamento globale’
    NASA: TERREMOTI DEVASTANTI, RIVOLTE PER IL CIBO, GLACIAZIONE … TUTTO PER IL PROSSIMO INVERNO!
    Secondo lo scienziato della NASA John Casey, il sole sta per entrare in un ciclo trentennale di minore attività, che si tradurrà in una mini era glaciale. Un gran numero di persone morirà congelato e ci sarà una riduzione del 50% dell'offerta alimentare mondiale, accompagnata da terremoti devastanti ed eruzioni vulcaniche.



    Tutto questo avrà inizio nel prossimo Inverno.
    Se Casey è nel giusto, un numero imponente di persone morirà per congelamento e per fame – a causa del freddo estremo l'offerta mondiale di cibo si ridurrà del 50% – ma ci saranno anche super-terremoti e potenti eruzioni vulcaniche in tutto il globo.
    Il climatologo ed ex consulente della NASA John L. Casey ha detto che: “… è in corso un cambiamento radicale del clima globale, un’ondata di freddo lunga trent’anni colpirà la Terra”.
    Un brutto fronte freddo causerà un Inverno gelido in tutti gli Stati Uniti continentali, e sarà simile a quello dello scorso anno, descritto da ‘USA Today’ come “uno dei più nevosi e freddi della storia”. Egli pensa che questo ‘modello climatico’ andrà a caratterizzare i decenni a venire.
    John Casey ha scritto un libro provocatorio: “Dark Winter: How the Sun Is Causing a 30-Year Cold Spell”, con il quale ci avverte che è in corso un cambiamento radicale del clima globale e che Al Gore ed altri ambientalisti stanno clamorosamente sbagliando. La terra, egli sostiene, si sta raffreddando, e questo raffreddamento sarà molto veloce.
    Sono evidenti le prove che sulla Terra il freddo sia in rapida crescita a causa della diminuita attività solare. I trends indicano che stiamo andando verso temperature sempre più fredde, simili a quelle osservate alla fine del 1700 e all'inizio del 1800, quando ci fu un ‘minimo solare’ – ovvero una ridotta attività solare, compresi i brillamenti e le macchie solari.
    Se egli avesse ragione, questa sarebbe una pessima notizia. “Dark Winter …” postula che il periodo trentennale di freddo sia già iniziato e che le temperature molto fredde e le carenze alimentari porteranno inevitabilmente disordini e caos.
    John Casey ha dichiarato a Newsmax che: “Tutto quello che dovete fare è di avere fiducia nei cicli naturali e seguire i fatti. Inevitabile la conclusione che è il sole a controllare il clima e che una nuova ‘era fredda’ ha appena avuto inizio”.
    John Casey è il Presidente della ‘Space and Science Research Corp.’ con sede ad Orlando, Florida. E’ una società che fa ricerca sul clima. Il suo nuovo libro sfata l’ortodossia del ‘riscaldamento globale’. Egli sostiene che da più di un decennio gli oceani del pianeta si stanno raffreddando e che, dal 2007, lo sta facendo anche la temperatura atmosferica.
    “I dati sono molto solidi” – sostiene Casey – “Se si guarda il grafico della temperatura globale degli ultimi 100 anni, è evidente la riduzione che abbiamo avuto a partire dal 2007. E’ la più ripida riduzione delle temperature globali degli ultimi cento anni”.
    Sean Adl-Tabatabai
    §§§§§
    IN ILLINOIS I GIORNI CALDI SONO UN RICORDO DEL PASSATO
    Prima del 1960 le giornate a 100 gradi [100 gradi Fahrenheit = circa 38 gradi centigradi] erano molto comuni in Illinois, ma ormai non ce ne sono più.

    I climatologi legati al Governo non ne parlano perché sono dei criminali che, per definizione, supportano l’agenda della ‘Casa Bianca’ sul ‘riscaldamento globale’ – non sono degli scienziati degni di questo nome.
    §§§§§
    IN AUSTRALIA I GIORNI CALDI SONO SEMPRE MENO FREQUENTI


    Contrariamente alle menzogne diffuse dai ‘criminali del clima’, i giorni caldi in Australia sono diventati ‘meno’ frequenti, non ‘più’ frequenti.

    Link Originale 1° articolo: http://investmentwatchblog.com/nasa-...e-this-winter/
    Link Originale 2° articolo: https://stevengoddard.wordpress.com/2015/08/27/hot-days-in-illinois-are-a-thing-of-the-past/
    Link Originale 3° articolo: https://stevengoddard.wordpress.com/2015/08/28/hot-days-occurring-less-frequently-in-australia/

    Articoli scelti e tradotti per www.comedonchisciotte.org da FRANCO
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  10. #10
    Anti-eurozerbini
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    31,105
    Mentioned
    489 Post(s)
    Tagged
    127 Thread(s)

    Predefinito Re: Maledetti buonisti, avete ucciso la pietà

    Avanguardia, a me di rivitalizzare l'Italia riempiendola di negri, asiatici o anche di altri europei non frega nulla.
    La raddrizzata se deve venire, deve venire dall'interno, sennò diversamente non mi serve a niente. Del "Duce" ugandese non so che farmene, anche se è "giovane e vitale".
    Se l'immigrazione a te non ti turba a me fa semplicemente schifo, per tutto quello che si vede quotidianamente nelle nostre città, e quello che si legge dove non riusciamo a vedere.
    Kimi, Kroenen and Lost Faraway like this.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 25-10-08, 13:21
  2. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 21-10-08, 21:45
  3. Per universitari/e ed ex: avete mai usato la pietà per superare un esame?
    Di DrugoLebowsky nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 09-02-08, 23:49
  4. Avete mai ucciso qualcuno?
    Di Io Robert nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 24-06-07, 05:51
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-04-04, 09:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226