User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree2Likes
  • 2 Post By Molly

Discussione: Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

  1. #1
    Tirtsàkh Elohim milchamah
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo Prealpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    9,901
    Inserzioni Blog
    161
    Mentioned
    76 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

    Il “dibattito” sul “diritto” dei gay o delle lesbiche a sposarsi legalmente e a beneficiare, grazie a questo riconoscimento giuridico, dei vantaggi finanziari concessi alle coppie eterosessuali sposate, è da tempo una di quelle questioni che la classe dominante tira fuori periodicamente dal suo cappello per farne un tema a sensazione, soprattutto in tempo di elezioni. In questo articolo, vogliamo mettere in evidenza l’ipocrisia della classe dominante, di sinistra, di centro e di destra, che tratta il problema o dal punto di vista “umanitario” - la sinistra ed il centro – o con un approccio moralista-religioso, la destra. L’amministrazione Obama ama presentarsi come “liberale” e “progressista”, da cui i suoi appelli a ritornare sulle leggi contro il matrimonio gay passate in alcuni Stati (e più recentemente con un referendum nella Carolina del nord), senza tuttavia cercare di rendere il matrimonio gay un “diritto” costituzionale”. La destra ha bisogno di rispondere alle paure e all’esagerazione dell’insicurezza della sua base elettorale particolarmente conservatrice, da cui i discorsi contro il matrimonio gay del candidato del Partito repubblicano, Mitt Romney. Tutto il “dibattito” è in realtà uno stratagemma dell’amministrazione Obama per attirare i giovani e gli “indipendenti di spirito”, oltre all’elettorato gay e spingere Romney a screditarsi nei confronti degli Evangelisti se non risponde chiaramente e con forza contro il matrimonio gay. L’ulteriore spostamento a destra di Romney rischia di alienargli il settore indeciso e indipendente dell’elettorato.

    Chiaramente, questo atteggiamento legalista è del tutto ipocrito. Essa si propone di utilizzare una situazione che è certamente vissuta come drammatica e umiliante da gay e lesbiche, per alimentare le divisioni, l’animosità e altre incomprensioni per profitto politico. Inoltre, l’opposizione veemente che a volte la destra esprime nei confronti del matrimonio gay non deve farci credere che la legalizzazione di un aspetto della vita personale possa ostacolare in qualche modo il sistema stabilito dello sfruttamento capitalistico. Oggi, se si accende il televisore e ci si sposta con il telecomando su un qualunque nuovo canale borghese importante, ci sono buone probabilità di sentire un “dibattito sui diritti dei gay”. E’ interessante notare come i media borghesi amino mettere il dito sulle differenze di vedute tra esseri umani, insistendo proprio sui punti su cui c’è meno accordo tra le persone. Ma la borghesia ed i suoi portavoce sulla stampa sono estremamente ipocriti. Soprattutto quando dei punti di vista “parziali” sono così malvisti nel clima politico attuale. Adesso, alcune frazioni della classe dominante affermano di sostenere il matrimonio gay. Inoltre, essi sostengono di farlo con un sentimento umanitario più profondo, riferendosi spesso alla lotta per i diritti dei gay, come ad una lotta per l’“uguaglianza” o i “diritti civili”.

    Allora noi dobbiamo chiederci: “uguaglianza” in nome di che cosa? E per quali persone nella società? “L’eguaglianza nei confronti del matrimonio” è questa una rivendicazione adeguata della classe operaia? La libertà sessuale è di per sé possibile nel capitalismo? Come lavoratori, dobbiamo rispondere negativamente a tutte queste domande. Costruire un mondo libero dall’omofobia e dell’etero sessismo, nel quale ogni individuo sia visto e trattato come un essere umano piuttosto che come una categoria, è impossibile nel capitalismo.
    Da qualche tempo, elementi della classe politica borghese sostengono il riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso. I loro argomenti sono spesso assonanti con quelli usati per i lavoratori. Dicono che la legalizzazione del matrimonio omosessuale potrebbe migliorare la qualità della vita dei lavoratori gay poiché questi avrebbero accesso ai benefici per l’assicurazione, il divorzio, i diritti di proprietà, ecc. Ma nel capitalismo, le relazioni umane sono ridotte ad un rapporto di scambio. Le emozioni diventano dei semplici prodotti di consumo e di finanze per la borghesia. Possiamo così vedere la necessità di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, ma chiediamoci pure qual è il concetto di matrimonio in generale nel capitalismo.

    Marx e Engels hanno scritto nel Manifesto del Partito Comunista che: “La borghesia ha strappato il commovente velo sentimentale al rapporto familiare e lo ha ricondotto a un puro rapporto di denaro”, continuando così più avanti: “Il proletario è senza proprietà; il suo rapporto con moglie e figli non ha più nulla in comune con il rapporto familiare borghese (…) Su che cosa si basa la famiglia attuale, la famiglia borghese? Sul capitale, sul guadagno privato. Una famiglia completamente sviluppata esiste soltanto per la borghesia: ma essa ha il suo complemento nella coatta mancanza di famiglia del proletario e nella prostituzione pubblica.
    Così, secondo la definizione data da Marx ed Engels del matrimonio nel capitalismo, possiamo cominciare a capire che “pari diritti nei confronti del matrimonio” è un’espressione che si applica solo a coloro che possono permettersi i benefici del matrimonio, benefici che si applicano solo alle classi proprietarie (io avrei scritto "classi agiate"), solo a persone che possono permettersi un matrimonio legale. Il matrimonio riguarda fondamentalmente i diritti di proprietà e di successione. Per la borghesia, il matrimonio non ha nulla a che fare con il reciproco rispetto e l’amore - è solo una questione di possesso, di appropriazione e di diritti di proprietà.
    Perché abbiamo bisogno che la borghesia ci dica cos’è il matrimonio e con chi possiamo o non possiamo sposarsi? Come abbiamo già scritto in Internationalism n°130 e in altri articoli della stampa della CCI, una società comunista sarà al contrario “una società al di là della famiglia in cui i rapporti umani sono regolati dall’amore reciproco e dal rispetto e non dalla sanzione di una legge dello Stato”.

    Lo Stato democratico borghese ei suoi agenti non pongono mai questioni sui diritti dei gay in termini di bisogni umani. Quali sono i bisogni dei gay e delle lesbiche? O ancora quali sono i bisogni degli esseri umani in generale? Non c’è dubbio che la repressione delle comunità gay è reale. Vediamo l’omofobia, l’etero-sessismo, il patriarcato manifestarsi dappertutto nel capitalismo. Il bullismo nei confronti di giovani gay e lesbiche, per esempio, è stato recentemente descritto come “epidemico” da parte dei media borghesi. Molti eventi traumatici in cui degli omosessuali vengono aggrediti portano alla depressione e perfino, in alcuni casi, al suicidio.
    Ma la borghesia che fa per risolvere questi problemi? Che leggi adotta? Esistono delle leggi riguardanti questi problemi sociali? No! Il dibattito è quasi sempre rinchiuso nel quadro della religione o del moralismo. Nei media più seguiti in particolare, e soprattutto nella retorica della classe dominante. Perché tutti i discorsi così ostentati sui “diritti umani”, che sono approvati dallo Stato capitalista e riconosciuti sotto forma del diritto, non possono nulla per sradicare la bigotteria religiosa e moralista vecchia di secoli. Le persone religiose sono “accusate” per il loro atteggiamento arretrato, cosa che favorisce la polarizzazione su questa atmosfera di caccia alle streghe. In situazioni come questa, legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso non può che aiutare lo Stato capitalista ad apparire come un’entità “giusta” e “benefica”.

    Anche se c’è un’oncia di sincerità nel sostegno della classe dominante al matrimonio tra persone dello stesso sesso, ciò viene da loro bisogno di distogliere l’attenzione dei lavoratori e di annegarli nel circo della politica elettorale e del legalismo. Naturalmente è vero che il crescente sostegno alla libertà sessuale fa parte dello sviluppo, da parte dell’umanità, di una maggiore comprensione scientifica e di un più forte senso di solidarietà umana in generale. Ma la cosa non riguarda la classe dominante, e perché dovrebbe? Se hai dei soldi, i tuoi diritti non saranno mai minacciati o messi in discussione. “L’uguaglianza di fronte al matrimonio” non è uguale ad una buona relazione o a un’eguaglianza economica: essa risale ad una dominazione di classe accresciuta da parte della borghesia.
    Le lotte sociali che riguardano solo parzialmente i problemi fondamentali del capitalismo, pur essendo espressione di problemi sociali reali che esistono nella società, sviano i proletari dalle loro discussioni e dai loro compiti rivoluzionari. Abbiamo già visto come la borghesia possa fissarsi sul dibattito sui diritti degli omosessuali, quasi fino all’ossessione. Ma questa fissazione esiste anche tra quelli che pretendere di essere “rivoluzionari”.

    Molte persone usano un linguaggio esclusivamente indirizzato ai lavoratori per “organizzarli” intorno ad un grande problema sociale, che attraversa le classi. L’argomento secondo il quale i diritti dei gay ci avvicinerebbero ad una “piena uguaglianza” è del tutto fuori proposito; un principio fondamentale dei comunisti è che la piena parità è impossibile sotto il capitalismo. Perché mai i rivoluzionari dovrebbero combattere per “avvicinarsi” ad una società egualitaria? Noi dobbiamo combattere contemporaneamente contro tutte le ingiustizie del capitalismo! Molti di questi stessi “rivoluzionaria” descrivono le decisioni elettorali e legali a favore del matrimonio gay come delle “vittorie” per i lavoratori. Ma queste “vittorie” non fanno altro che rafforzare il ricorso alla società civile borghese.
    I politici legalisti e democratici non hanno nulla da offrire alla classe operaia. La vera emancipazione dell’umanità non può venire che dalla rivoluzione della classe operaia. I lavoratori sostengono sempre i gay e gli omosessuali, soprattutto in una società in cui sono considerati come stranieri e ridicolizzati in modo così terribile. Ma dobbiamo essere vigili nei riguardi delle campagne borghesi che accompagnano questi dibattiti. Spesso ci distraggono e ci fanno perdere di vista l’obiettivo finale che è la fine di ogni forma di repressione e sfruttamento di chiunque sulla terra.

    La libertà sessuale è impossibile nel capitalismo | Corrente Comunista Internazionale
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

    Il cibo più amaro mangiato da liberi è migliore del cibo più dolce mangiato in schiavitù - B. Mamash

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    #Ciaone
    Data Registrazione
    02 Sep 2014
    Messaggi
    17,848
    Mentioned
    125 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio

    Come abbiamo già scritto in Internationalism n°130 e in altri articoli della stampa della CCI, una società comunista sarà al contrario “una società al di là della famiglia in cui i rapporti umani sono regolati dall’amore reciproco e dal rispetto e non dalla sanzione di una legge dello Stato”.
    Si, ma le coppie omosessuali che vivono in questo secolo hanno bisogno di vedersi giuridicamente riconosciute proprio per difendersi dalle leggi dello Stato che impedirebbero loro di accedere ad alcuni diritti che invece avrebbero se fossero coppie etero.

    Per il resto condivido più o meno tutto l'articolo ma la farei meno pallosa: la questione omosessualità è salita alla ribalta negli ultimi anni unicamente perché ai partiti di sinistra liberista serviva una battaglia di comodo che potesse distinguerli dai liberisti di destra; nel frattempo l'establishment ha percepito le opportunità in ritorno di immagine, e quindi di profitti, che potevano venire dal cavalcare battaglie gay friendly falsissime, ad esempio la polemica di un paio di anni fa della Barilla che non voleva gay nelle sue pubblicità, la concorrenza si è tuffata al volo in quel mercato, non perché ci tengano ai diritti gay, ma perché hanno visto in loro (e negli etero gay friendly) un target a cui vendere i loro prodotti.

    Gli omosessuali dovrebbero guardarsi bene da questa gente, perché qualora in un futuro dovesse tornare di moda l'omofobia (si spera di no, ma è scoppiata la moda dei muri elettrificati contro chi scappa dalle guerre, quindi può succedere qualsiasi cosa) questi non ci penseranno due secondi a pugnalarli per fare uno + 0,01% di attivo in più nel bilancio.
    GILANICO and MaIn like this.

  3. #3
    Tirtsàkh Elohim milchamah
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo Prealpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    9,901
    Inserzioni Blog
    161
    Mentioned
    76 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

    Citazione Originariamente Scritto da Molly Visualizza Messaggio
    Si, ma le coppie omosessuali che vivono in questo secolo hanno bisogno di vedersi giuridicamente riconosciute proprio per difendersi dalle leggi dello Stato che impedirebbero loro di accedere ad alcuni diritti che invece avrebbero se fossero coppie etero.

    Per il resto condivido più o meno tutto l'articolo ma la farei meno pallosa: la questione omosessualità è salita alla ribalta negli ultimi anni unicamente perché ai partiti di sinistra liberista serviva una battaglia di comodo che potesse distinguerli dai liberisti di destra; nel frattempo l'establishment ha percepito le opportunità in ritorno di immagine, e quindi di profitti, che potevano venire dal cavalcare battaglie gay friendly falsissime, ad esempio la polemica di un paio di anni fa della Barilla che non voleva gay nelle sue pubblicità, la concorrenza si è tuffata al volo in quel mercato, non perché ci tengano ai diritti gay, ma perché hanno visto in loro (e negli etero gay friendly) un target a cui vendere i loro prodotti.

    Gli omosessuali dovrebbero guardarsi bene da questa gente, perché qualora in un futuro dovesse tornare di moda l'omofobia (si spera di no, ma è scoppiata la moda dei muri elettrificati contro chi scappa dalle guerre, quindi può succedere qualsiasi cosa) questi non ci penseranno due secondi a pugnalarli per fare uno + 0,01% di attivo in più nel bilancio.
    Bene o male la penso anche io ala stessa maniera..
    L'omofobia in Italia è molto presente, come, del resto, in gran parte dei territori Saharasiani: La società, il clero e una fetta cospicua dei parlamentari di certo non fanno altro che alimentare questa cosa.
    Ovvio, qui non finisci in carcere per via del tuo orientamento sessuale, non vieni giustiziato secondo leggi teocratiche, ma sta di fatto che il percorso per il riconoscimento dei nostri diritti e tutele penso sia ancora lungo in questo paese.
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

    Il cibo più amaro mangiato da liberi è migliore del cibo più dolce mangiato in schiavitù - B. Mamash

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    Bene o male la penso anche io ala stessa maniera..
    L'omofobia in Italia è molto presente, come, del resto, in gran parte dei territori Saharasiani: La società, il clero e una fetta cospicua dei parlamentari di certo non fanno altro che alimentare questa cosa.
    Ovvio, qui non finisci in carcere per via del tuo orientamento sessuale, non vieni giustiziato secondo leggi teocratiche, ma sta di fatto che il percorso per il riconoscimento dei nostri diritti e tutele penso sia ancora lungo in questo paese.
    e non è mica colpa mia se non sostenete il partito radicale, l'unico da sempre a favore della piena uguaglianza tra etero e omo.

  5. #5
    #Ciaone
    Data Registrazione
    02 Sep 2014
    Messaggi
    17,848
    Mentioned
    125 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    e non è mica colpa mia se non sostenete il partito radicale, l'unico da sempre a favore della piena uguaglianza tra etero e omo.
    I radicali adesso sono inseriti nelle liste del PD o del PDL?

  6. #6
    Tirtsàkh Elohim milchamah
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo Prealpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    9,901
    Inserzioni Blog
    161
    Mentioned
    76 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Capitalismo e omosessualita': Cosa ne pensate??

    Ma Pannella è ancora vivo???
    Karl Popper:

    Consentire la libertà di parola a coloro che la userebbero per eliminare il principio sul quale loro si basano è paradossale

    Il cibo più amaro mangiato da liberi è migliore del cibo più dolce mangiato in schiavitù - B. Mamash

 

 

Discussioni Simili

  1. Da cosa nasce la non accettazione dell'omosessualità
    Di Romamor80 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 12-01-09, 20:44
  2. Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 08-10-08, 18:19
  3. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 23-08-07, 20:48
  4. cosa ne pensate dell'omosessualità: malattia o normalità? il punto di vista orientale
    Di stuart mill nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 99
    Ultimo Messaggio: 20-08-06, 17:21
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 29-11-03, 22:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226