User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Veneto, buoni scuola: criterio residenza 15 anni

    Blitz leghista, buoni scuola solo
    agli «ultraveneti»


    Passa in commissione la proposta di legge del Carroccio: 15 anni di residenza o attività lavorativa per il contributo

    http://corrieredelveneto.corriere.it/venet...ml?fr=correlati

    VENEZIA — Sarà il consiglio regionale a dover decidere se la proposta di legge della Lega, passata ieri con un blitz in Se*sta commissione (Istruzione e attività scolastica) andrà o me*no a modificare la mormativa regionale vigente - approvata il 19 gennaio 2001 - sugli «in*terventi a favore delle famiglie degli alunni delle scuole statali e paritarie», meglio conosciuta come «buoni scuola». Approfittando dell’assenza di buona parte degli esponenti del Pdl (Carlo Alberto Tesserin era a Roma, Nereo Laroni ha ab*bandonato prima la seduta) e del fatto che il presidente Da*niele Stival aveva ricevuto da loro le deleghe al voto, la Lega ha deciso di approvare la pro*posta di legge n. 334 (fisica*mente erano presenti solo 4 mebri della commissione: Sti*val. Da Re, Causin e Franchet*to).

    In pratica, si è stabilito che «Costituisce titolo di preceden*za assoluta per gli interventi previsti la residenza anagrafica continuativa i la prestazione la*vorativa ininterrotta da alme*no quindici anni in Veneto, di almeno un genitore degli stu*denti ». La legge è stata presen*tata dal primo firmatario della stessa, il presidente del gruppo consigliare leghista nonché prossimo candidato alla presi*denza della Provincia di Bellu*no. Al termine dell’esposizione è scoppiato il finimondo, con il consigliere dell’Italia dei Valori Gustavo Franchetto che gli ha dato del «razzista».

    Tra i due si è scatenato un acceso diverbio, proseguito per diversi minuti, con l’esponente di centrosini*stra ad accusare il collega di di*scriminazione razziale e Botta*cin che lo invitava a moderare i termini. «Posso aver alzato i to*ni - ammette Franchetto - ma nella sostanza delle cose ribadi*sco che quella leghista è una legge razzista. Non c’è alcun principio di congruità. Capisco fossero 5 anni, ma qui stiamo parlando di 15. A farne le spese sono famiglie che vivono in Ve*neto, hanno un regolare con*tratto di lavoro e pagano le tas*se. Per i buoni scuola, a mio av*viso, deve valere solo il princi*pio del reddito. Tutto il resto è una bieca azione strumentale della Lega di chiara estrazione pre-elettorale».

    La replica di Bottacin non si fa attendere. «La legge non è razzista - spiega - checché ne dica Franchetto. Può infatti pre*miare un senegalese residente in Veneto da 15 anni e non un lavoratore bresciano non resi*dente. Il principio è sempre lo stesso: non potendo dare a tut*ti i soldi, bisogna scegliere le priorità. E noi della Lega voglia*mo privilegiare chi è in Veneto da più anni. Gli alleati sono con noi? In Lombardia e Friuli hanno votato sì a queste modi*fiche, anche se gli anni non era*no 15. Diciamo che l’unico no*do è la congruità dei tempi».

    Ma Nereo Laroni, componen*te della Sesta commissione del Nuovo Psi, non è d’accordo. «Quel provvedimento non lo voterò mai - tuona - . Ha ragio*ne Franchetto, questa proposta di legge è espressione del più becero leghismo. E poi il presi*dente Stival mi aveva detto che non l’avrebbero votata. Comun*que, io sono contrario». Non si sbilancia invece Carlo Alberto Tesserin, esponente di Forza Italia. «Voglio informar*mi bene prima di parlare - dice - ma non mi aspettavo che la mia delega venisse usata in un contesto che presupponeva un confronto politico. Io ho dato a Stival un mandato di fiducia, ma non su argomenti che pos*sono dare adito a conflittuali*tà ». E Stival cosa dice? «L’argo*mento era all’ordine del gior*no, non c’è alcunché di scorret*to ».

    Antonio Spadaccino

    21 aprile 2009

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Veneto, buoni scuola: criterio residenza 15 anni

    Buoni scuola solo ai veneti «Questa legge non passerà»

    L’ira del liberale Galan sulla Lega: «Deleghe usate in modo scorretto». Sui candidati: «Bene Zaccariotto a Venezia, a Padova vinciamo con chiunque»

    http://corrieredelveneto.corriere.it/venez...212074636.shtml

    L’AQUILA — Gli prudono le mani e la lingua, si capisce. Vor*rebbe dire di più. Un pò si control*la, un pò però sbotta. E la sua indi*gnazione nei confronti della Lega si sente tutta: «Spero che il Consi*glio abbia più buonsenso. Lì que*sta legge non passerà. Io non la vo*terò mai». Giancarlo Galan è in Abruzzo. Ma perfino lì, nella picco*la tendopoli di un paesino danneg*giato dal terremoto, lo coglie l'ar*rabbiatura per il voto dell'altro ie*ri in commissione sui buoni scuo*la. Frutto di «un vero blitz» leghi*sta - così lo chiama l'assessore Ele*na Donazzan che è con lui in Abruzzo - che ha permesso di pre*cludere i buoni scuola a chi non risieda in Veneto da almeno 15. Una proposta che irrita il Galan «li*berale ».

    Presidente la Lega ha approfit*tato di alcune assenze e di alcu*ne deleghe in bianco per far pas*sare il principio dei quindici an*ni. Il senso è: i soldi sono pochi e non possiamo darli a tutti.

    «Il mio pensiero va ai nostri tanti immigrati italiani di un tem*po: se avessero dovuto aspettare quindici anni per maturare dei di*ritti avrebbero lamentato l'ingiu*stizia ».

    Il limite colpirebbe italiani e stranieri di giovane adozione ve*neta...

    «Sono i nuovi cittadini, e io vo*glio che siano messi in condizio*ne di lavorare, pagare le tasse e contribuire alla crescita del Vene*to. Se passasse questo principio non sarebbe più così».

    In commissione è passata, pe*rò, anche per l'assenza di consi*glieri del Pdl che avevano dato la delega ai leghisti. Com’è potuto succedere?

    «Ma quello di delegare è un fat*to normale. Io non colpevolizzo chi ha delegato, ma chi ha usato le deleghe in modo scorretto. Se non c'è un clima di reciproca fidu*cia dove andiamo a finire? Io ai miei assessori dò anche il portafo*glio».

    Ma se non ci si può fidare di un alleato politico, forse non è un vero alleato...

    «L'ha detto lei!»

    Fatto sta che anche nelle can*didature alle prossime elezioni amministrative con la Lega ci so*no problemi. E' soddisfatto? A Verona, per esempio, pare che lei non voglia il «brancheriano» Pastorello in Provincia.

    «Non mi occupo di candidatu*re, questa volta ho proprio lascia*to che facesse tutto Ghedini. Tan*to è sempre la stessa cosa: se vin*ciamo è merito degli altri, se per*diamo è colpa mia. Quanto a Pa*storello non è un nome che sento girare molto, non credo che alla fi*ne sarà lui».

    Eppure pare che lo scambio con Tosi sia stato Ettore Riello al*la Fiera, Pastorello in Provincia.

    «A me vanno bene quelli che al*la fine vincono».

    Cosa dice della leghista Zacca*riotto candidata alla Provincia di Venezia?

    «Auguri».

    Ce la farà a prendersi la Pro*vincia?

    «E' una brava. Mi è sempre pia*ciuta. Come politica e come sinda*co di San Donà, un comune diffici*lissimo che ha strappato alla sini*stra dopo tanto tempo».

    Pensa che abbia più chance di Mario Dalla Tor, il candidato che il Pdl aveva messo in pista prima dell'accordo di Arcore?

    «Ha le stesse chance di Dalla Tor».

    Ma gli uomini di Chisso la vo*teranno? Cinque anni fa Tesse*rin fu fermato al primo turno dal fuoco amico...

    «Certo che la voteranno. Non esistono questi giochetti da noi, non fu colpa nostra se Tesserin non andò bene».

    E' sicuro di non occuparsi di candidature? A Padova dicono che abbia fatto il diavolo a quat*tro pur di sparigliare le carte su Saia. Ha detto che aveva un ami*co industriale...

    «Io ne ho tanti di amici indu*striali».

    Anche uno da votare come sin*daco?

    «Io voto a Cinto Euganeo, dove c'è un ottimo sindaco, Lucio Trevi*san, che non ha mai chiesto nien*te per sé».

    E per la Provincia?

    «Per la Provincia di Padova penso che Albuzio di Italia dei Va*lori sia una gran candidatura! E' espressione di un partito di cui tutti si vergognano visto che fan*no di tutto per non metterlo in nessun manifesto. Come del resto il sindaco uscente Zanonato che si vergogna di mettere il simbolo del Pd sui manifesti, ma poi chie*de al partito una candidatura alle Europee perché... tiene famiglia».

    Non sembra preoccupato per la Provincia, insomma.

    «Penso che nonostante il terri*bile Albuzio ce la faremo comun*que».

    Anche con Ruffato?

    «Penso che ce la faremmo an*che con Albuzio candidato con noi».

    Almeno di Europee avrà parla*to con Ghedini?

    «Ultimamente parliamo solo di auto d'epoca. Alle Europee tutti sanno che il mio voto andrà a Lia Sartori e a Silvio Berlusconi».

    Sara D’Ascenzo

    22 aprile 2009

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,057
    Mentioned
    50 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Veneto, buoni scuola: criterio residenza 15 anni

    Sehr gut.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226