User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 56
Like Tree11Likes

Discussione: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

  1. #1
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    55,435
    Mentioned
    773 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    La confessione del monsignore: «Sono gay e ho un compagno»

    Il teologo Krzysztof Charamsa: «Voglio scuotere questa mia Chiesa. So che ne pagherò le conseguenze: l'amore omosessuale è un amore familiare, aprano gli occhi»
    di Elena Tebano

    «Voglio che la Chiesa e la mia comunità sappiano chi sono: un sacerdote omosessuale, felice e orgoglioso della propria identità. Sono pronto a pagarne le conseguenze, ma è il momento che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai gay credenti e capisca che la soluzione che propone loro, l’astinenza totale dalla vita d’amore, è disumana». Monsignor Krzysztof Charamsa, 43 anni, polacco da 17 anni residente a Roma, lo dice con un sorriso serio e pacato. Non è un sacerdote qualunque: ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede dal 2003, è segretario aggiunto della Commissione Teologica Internazionale vaticana e insegna teologia alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Ateneo Regina Apostolorum a Roma. Mai prima d’ora un religioso con un ruolo attivo in Vaticano aveva fatto una dichiarazione del genere. Oggi monsignor Charamsa sarà a Roma alla prima assemblea internazionale dei cattolici lgbt organizzata dal Global Network of Rainbow Catholics alla vigilia del Sinodo sulla famiglia, per sostenere il dialogo sui gay cattolici.

    Perché ha deciso di fare coming out?
    «Arriva un giorno che qualcosa si rompe dentro di te, non ne puoi più. Da solo mi sarei perso nell’incubo della mia omosessualità negata, ma Dio non ci lascia mai soli. E credo che mi abbia portato a fare ora questa scelta esistenziale così forte - forte per le sue conseguenze, ma dovrebbe essere la più semplice per ogni omosessuale, la premessa per vivere coerentemente - perché siamo già in ritardo e non è possibile aspettare altri cinquant’anni. Dunque dico alla Chiesa chi sono. Lo faccio per me, per la mia comunità, per la Chiesa. È anche mio dovere nei confronti della comunità delle minoranze sessuali».
    Cosa pensa di ottenere?
    «Mi pare che nella Chiesa non conosciamo l’omosessualità perché non conosciamo gli omosessuali. Li abbiamo da tutte le parti, ma non li abbiamo mai guardati negli occhi, perché di rado essi dicono chi sono. Vorrei con la mia storia scuotere un po’ la coscienza di questa mia Chiesa. Al Santo Padre rivelerò personalmente la mia identità con una lettera. E comunicherò chi sono alle università romane dove insegno: con mio grande dolore è probabile che non potrò più lavorare nella scuola cattolica».
    Lo fa alla vigilia del Sinodo sulla famiglia, che inizia domani in Vaticano.
    «Sì, vorrei dire al Sinodo che l’amore omosessuale è un amore familiare, che ha bisogno della famiglia. Ogni persona, anche i gay, le lesbiche o i transessuali, porta nel cuore un desiderio di amore e familiarità. Ogni persona ha diritto all’amore e quell’amore deve esser protetto dalla società, dalle leggi. Ma soprattutto deve essere curato dalla Chiesa. Il Cristianesimo è la religione dell’amore: è ciò che caratterizza il Gesù che noi portiamo al mondo. Una coppia di lesbiche o di omosessuali deve poter dire alla propria Chiesa: noi ci amiamo secondo la nostra natura e questo bene del nostro amore lo offriamo agli altri, perché è un fatto pubblico, non privato, e non è una ricerca esasperata del piacere».
    Questa però non è la concezione della Chiesa.
    «No, non sono posizioni dell’attuale dottrina della Chiesa, ma sono presenti nella ricerca teologica. In quella cristiana in modo ponderoso, ma abbiamo anche ottimi teologi cattolici che su questi aspetti producono contributi importanti».
    Il Catechismo cattolico sulla base della lettura biblica definisce l’omosessualità come una tendenza «intrinsecamente disordinata»...
    «La Bibbia non parla mai di omosessualità. Parla invece degli atti che io definirei “omogenitali”. Possono essere compiuti anche da persone eterosessuali, come succede in molte prigioni. In questo senso potrebbero essere un momento di infedeltà alla propria natura e quindi un peccato. Quegli stessi atti compiuti da una persona omosessuale esprimono invece la sua natura. Il sodomita biblico non ha niente a che fare con due omosessuali che oggi in Italia si amano e vogliono sposarsi. Non trovo nella scrittura nemmeno una pagina, neanche in San Paolo, che possa riferirsi alle persone omosessuali che chiedono di essere rispettate nel loro orientamento, un concetto sconosciuto all’epoca».
    La dottrina cattolica esclude dal sacerdozio i gay: lei come ha potuto diventarlo?
    «È una regola introdotta nel 2005 quando io ero già sacerdote, e che vale solo per le nuove ordinazioni. Per me è stato un trauma. Prima non era così e credo che sia un errore da correggere».
    Lei ha sempre saputo di essere gay?
    «Sì, ma all’inizio non lo accettavo, mi sono sottomesso con pignoleria zelante all’insegnamento della Chiesa e al vissuto che mi imponeva: il principio che “l’omosessualità non esiste”. E se c’è va distrutta».
    Come è passato dal rifiuto alla «felicità» di essere gay?
    «Studiando, pregando e riflettendo su di me. Sono stati fondamentali il dialogo con Dio e il confronto con la teologia, la filosofia, la scienza. Adesso, poi, ho un compagno che mi ha aiutato a trasformare le ultime paure nella forza d’amore».
    Un compagno? Questo non è ancora più inconciliabile con il sacerdozio cattolico?
    «So che la Chiesa mi vedrà come qualcuno che non ha saputo mantenere una promessa, che si è perso e per di più non con una donna, ma con un uomo! E so anche che dovrò rinunciare al ministero, che pure è tutta la mia vita. Ma non lo faccio per poter vivere con il mio compagno. Questa è una decisione molto più ampia che nasce dalla riflessione sul pensiero della Chiesa».
    Cioè?
    «Se non fossi trasparente, se non mi accettassi, non potrei comunque essere un buon sacerdote perché non potrei fare da tramite alla felicità di Dio. Penso che su questi temi la Chiesa sia in ritardo rispetto alle conoscenze che ha raggiunto l’umanità. È già successo in passato: ma se si è in ritardo sull’astronomia le conseguenze non sono così pesanti come quando il ritardo riguarda qualcosa che tocca la parte più intima delle persone. La Chiesa deve sapere che non sta raccogliendo la sfida dei tempi».

    La confessione del monsignore: «Sono gay e ho un compagno»The interview: english version - Corriere.it

    Chapeau
    amaryllide and Druuna like this.

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    20 Aug 2009
    Messaggi
    13,030
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    97 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Fuori dalle palle,calci in culo e vai a fare altro se sei un gay.

    Non se ne può più di questo relativismo,della volonta' di distruggere qualsiasi regola.

    Qualcuno deve riprendere in mano la situazione anche al Vaticano,fare piazza pulita,prima allontanando questo Papa,poi tutti i gay e i pedofili all'interno della Chiesa.Quest'occidende sta diventando una latrina.
    Felipe K. likes this.

  3. #3
    Supreme Gentleman
    Data Registrazione
    15 Jul 2013
    Località
    725 Fifth Ave
    Messaggi
    37,686
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    797 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Citazione Originariamente Scritto da Malandrina Visualizza Messaggio
    La confessione del monsignore: «Sono gay e ho un compagno»

    Il teologo Krzysztof Charamsa: «Voglio scuotere questa mia Chiesa. So che ne pagherò le conseguenze: l'amore omosessuale è un amore familiare, aprano gli occhi»
    di Elena Tebano

    «Voglio che la Chiesa e la mia comunità sappiano chi sono: un sacerdote omosessuale, felice e orgoglioso della propria identità. Sono pronto a pagarne le conseguenze, ma è il momento che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai gay credenti e capisca che la soluzione che propone loro, l’astinenza totale dalla vita d’amore, è disumana». Monsignor Krzysztof Charamsa, 43 anni, polacco da 17 anni residente a Roma, lo dice con un sorriso serio e pacato. Non è un sacerdote qualunque: ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede dal 2003, è segretario aggiunto della Commissione Teologica Internazionale vaticana e insegna teologia alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Ateneo Regina Apostolorum a Roma. Mai prima d’ora un religioso con un ruolo attivo in Vaticano aveva fatto una dichiarazione del genere. Oggi monsignor Charamsa sarà a Roma alla prima assemblea internazionale dei cattolici lgbt organizzata dal Global Network of Rainbow Catholics alla vigilia del Sinodo sulla famiglia, per sostenere il dialogo sui gay cattolici.

    Perché ha deciso di fare coming out?
    «Arriva un giorno che qualcosa si rompe dentro di te, non ne puoi più. Da solo mi sarei perso nell’incubo della mia omosessualità negata, ma Dio non ci lascia mai soli. E credo che mi abbia portato a fare ora questa scelta esistenziale così forte - forte per le sue conseguenze, ma dovrebbe essere la più semplice per ogni omosessuale, la premessa per vivere coerentemente - perché siamo già in ritardo e non è possibile aspettare altri cinquant’anni. Dunque dico alla Chiesa chi sono. Lo faccio per me, per la mia comunità, per la Chiesa. È anche mio dovere nei confronti della comunità delle minoranze sessuali».
    Cosa pensa di ottenere?
    «Mi pare che nella Chiesa non conosciamo l’omosessualità perché non conosciamo gli omosessuali. Li abbiamo da tutte le parti, ma non li abbiamo mai guardati negli occhi, perché di rado essi dicono chi sono. Vorrei con la mia storia scuotere un po’ la coscienza di questa mia Chiesa. Al Santo Padre rivelerò personalmente la mia identità con una lettera. E comunicherò chi sono alle università romane dove insegno: con mio grande dolore è probabile che non potrò più lavorare nella scuola cattolica».
    Lo fa alla vigilia del Sinodo sulla famiglia, che inizia domani in Vaticano.
    «Sì, vorrei dire al Sinodo che l’amore omosessuale è un amore familiare, che ha bisogno della famiglia. Ogni persona, anche i gay, le lesbiche o i transessuali, porta nel cuore un desiderio di amore e familiarità. Ogni persona ha diritto all’amore e quell’amore deve esser protetto dalla società, dalle leggi. Ma soprattutto deve essere curato dalla Chiesa. Il Cristianesimo è la religione dell’amore: è ciò che caratterizza il Gesù che noi portiamo al mondo. Una coppia di lesbiche o di omosessuali deve poter dire alla propria Chiesa: noi ci amiamo secondo la nostra natura e questo bene del nostro amore lo offriamo agli altri, perché è un fatto pubblico, non privato, e non è una ricerca esasperata del piacere».
    Questa però non è la concezione della Chiesa.
    «No, non sono posizioni dell’attuale dottrina della Chiesa, ma sono presenti nella ricerca teologica. In quella cristiana in modo ponderoso, ma abbiamo anche ottimi teologi cattolici che su questi aspetti producono contributi importanti».
    Il Catechismo cattolico sulla base della lettura biblica definisce l’omosessualità come una tendenza «intrinsecamente disordinata»...
    «La Bibbia non parla mai di omosessualità. Parla invece degli atti che io definirei “omogenitali”. Possono essere compiuti anche da persone eterosessuali, come succede in molte prigioni. In questo senso potrebbero essere un momento di infedeltà alla propria natura e quindi un peccato. Quegli stessi atti compiuti da una persona omosessuale esprimono invece la sua natura. Il sodomita biblico non ha niente a che fare con due omosessuali che oggi in Italia si amano e vogliono sposarsi. Non trovo nella scrittura nemmeno una pagina, neanche in San Paolo, che possa riferirsi alle persone omosessuali che chiedono di essere rispettate nel loro orientamento, un concetto sconosciuto all’epoca».
    La dottrina cattolica esclude dal sacerdozio i gay: lei come ha potuto diventarlo?
    «È una regola introdotta nel 2005 quando io ero già sacerdote, e che vale solo per le nuove ordinazioni. Per me è stato un trauma. Prima non era così e credo che sia un errore da correggere».
    Lei ha sempre saputo di essere gay?
    «Sì, ma all’inizio non lo accettavo, mi sono sottomesso con pignoleria zelante all’insegnamento della Chiesa e al vissuto che mi imponeva: il principio che “l’omosessualità non esiste”. E se c’è va distrutta».
    Come è passato dal rifiuto alla «felicità» di essere gay?
    «Studiando, pregando e riflettendo su di me. Sono stati fondamentali il dialogo con Dio e il confronto con la teologia, la filosofia, la scienza. Adesso, poi, ho un compagno che mi ha aiutato a trasformare le ultime paure nella forza d’amore».
    Un compagno? Questo non è ancora più inconciliabile con il sacerdozio cattolico?
    «So che la Chiesa mi vedrà come qualcuno che non ha saputo mantenere una promessa, che si è perso e per di più non con una donna, ma con un uomo! E so anche che dovrò rinunciare al ministero, che pure è tutta la mia vita. Ma non lo faccio per poter vivere con il mio compagno. Questa è una decisione molto più ampia che nasce dalla riflessione sul pensiero della Chiesa».
    Cioè?
    «Se non fossi trasparente, se non mi accettassi, non potrei comunque essere un buon sacerdote perché non potrei fare da tramite alla felicità di Dio. Penso che su questi temi la Chiesa sia in ritardo rispetto alle conoscenze che ha raggiunto l’umanità. È già successo in passato: ma se si è in ritardo sull’astronomia le conseguenze non sono così pesanti come quando il ritardo riguarda qualcosa che tocca la parte più intima delle persone. La Chiesa deve sapere che non sta raccogliendo la sfida dei tempi».

    La confessione del monsignore: «Sono gay e ho un compagno»The interview: english version - Corriere.it

    Chapeau
    ma certo che l'ha fatto per distruggere la chiesa di cristo, non c'è altra spiegazione.

    chapeau
    "Stupratori della lingua e dell'immaginario collettivo" (Felipe su Calvino, Brecht e Moravia)
    "Scribacchini di regime." (su Nazim Hikmet e Pablo Neruda)
    "Raccapricciante. Comunismo sanguinario allo stato puro." (su "Valore" di Erri De Luca)

  4. #4
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    55,435
    Mentioned
    773 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Non ci sono riusciti i preti e prelati pedofili, per cui non penso che la Chiesa corra alcun rischio se uno dei tanti omosessuali che la compongono dichiara di essere pubblicamente gay

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

  5. #5
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    20 Aug 2009
    Messaggi
    13,030
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    97 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Citazione Originariamente Scritto da Malandrina Visualizza Messaggio
    Non ci sono riusciti i preti e prelati pedofili, per cui non penso che la Chiesa corra alcun rischio se uno dei tanti omosessuali che la compongono dichiara di essere pubblicamente gay
    Brava.Vanno allontanati subito,non hanno distrutto la Chiesa ma hanno distrutto la vita di tanti bambini.E siccome questi preti pedofili sono praticamente tutti preti omosessuali,aria,ma aria al volo.

  6. #6
    Supreme Gentleman
    Data Registrazione
    15 Jul 2013
    Località
    725 Fifth Ave
    Messaggi
    37,686
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    797 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Citazione Originariamente Scritto da Malandrina Visualizza Messaggio
    Non ci sono riusciti i preti e prelati pedofili, per cui non penso che la Chiesa corra alcun rischio se uno dei tanti omosessuali che la compongono dichiara di essere pubblicamente gay
    i preti pedofili non fanno conferenze stampe dicendo che la chiesa deve accettare il concubinato altrimenti è "retrograda"
    Ucci Do likes this.
    "Stupratori della lingua e dell'immaginario collettivo" (Felipe su Calvino, Brecht e Moravia)
    "Scribacchini di regime." (su Nazim Hikmet e Pablo Neruda)
    "Raccapricciante. Comunismo sanguinario allo stato puro." (su "Valore" di Erri De Luca)

  7. #7
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    55,435
    Mentioned
    773 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Bella la filosofia del si fa, ma non si dice

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

  8. #8
    Supreme Gentleman
    Data Registrazione
    15 Jul 2013
    Località
    725 Fifth Ave
    Messaggi
    37,686
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    797 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Citazione Originariamente Scritto da Malandrina Visualizza Messaggio
    Bella la filosofia del si fa, ma non si dice
    è diverso. un conto è maturare un cammino personale, coinvolgendo pari e superiori.

    un altro è scrivere un libro e preparare una conferenza stampa per avere il più alto impatto mediatico.

    una vera provocazione teppistica.
    "Stupratori della lingua e dell'immaginario collettivo" (Felipe su Calvino, Brecht e Moravia)
    "Scribacchini di regime." (su Nazim Hikmet e Pablo Neruda)
    "Raccapricciante. Comunismo sanguinario allo stato puro." (su "Valore" di Erri De Luca)

  9. #9
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    55,435
    Mentioned
    773 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Ovvio che è una provocazione e mi pare abbia raggiunto lo scopo.

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

  10. #10
    Supreme Gentleman
    Data Registrazione
    15 Jul 2013
    Località
    725 Fifth Ave
    Messaggi
    37,686
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    797 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Monsignore Krzysztof Charamsa: "Sono gay e ho un compagno"

    Citazione Originariamente Scritto da Malandrina Visualizza Messaggio
    Ovvio che è una provocazione e mi pare abbia raggiunto lo scopo.
    prendere i likes dei nichilisti antiumani nemici dell'umanità?
    "Stupratori della lingua e dell'immaginario collettivo" (Felipe su Calvino, Brecht e Moravia)
    "Scribacchini di regime." (su Nazim Hikmet e Pablo Neruda)
    "Raccapricciante. Comunismo sanguinario allo stato puro." (su "Valore" di Erri De Luca)

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-10-15, 13:35
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-04-10, 11:28
  3. fassino:" Non sono compagno di merende di nessuno"
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-12-05, 09:11
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-09-05, 00:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226