Anomalia astronomica fa pensare a una civiltà aliena avanzata - Corriere.it