User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    52,209
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    210 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito L'ex sindaco Ignazio Marino ritira le sue dimissioni ma il PD lo vuole sfiduciare

    Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni

    Rinfrancato dalla manifestazione dei suoi fan vuole un chiarimento politico in consiglio comunale





    [COLOR=#555555 !important]Anna Maria Greco - Mer, 28/10/2015 - 08:15








    [/COLOR]




    RomaIgnazio Marino è pronto a ritirare le sue dimissioni da sindaco di Roma. Probabilmente lo farà già oggi.




    [COLOR=#444444 !important]


    Un colpo di scena dato ormai per scontato per i corridoi del Campidoglio. Il chirurgo sembra intenzionato a sbianchettare la sua decisione prima del 2 novembre, quando l'addio diventerebbe irrevocabile e a convocare il consiglio comunale per portare nell'aula Giulio Cesare quella che è ormai la sua tragicommedia, con lo scopo di celebrare quel «chiarimento politico» che gli restituisca l'onore. Del resto che Marino sia «rinfrancato» dopo la manifestazione dei suoi fans in Campidoglio di domenica e deciso a «portare in aula il caso» ritirando le dimissioni, lo conferma il suo migliore amico, Guido Filippi. A Un Giorno da Pecora di Radio2 dice che per Marino è « incomprensibile che un sindaco venga deposto attraverso interviste e comunicati stampa». Insomma, vuole lo showdown in pubblico. Ma la verità è che non ci sarà l'incontro chiesto al premier Matteo Renzi, che tornerà dal Sudamerica domani e sembra non avere alcuna intenzione di fargli da sponda. Lui è sempre più solo e l'inchiesta sugli scontrini non è stata archiviata come sperava dalla procura di Roma.
    In pubblico, però, Marino sfoggia sicurezza, parlando della sua giunta al presente e addirittura usando un futuro su cui nessuno scommetterebbe un soldo. «La mia è una giunta che lavora e che guarda avanti», dice inaugurando un viadotto in periferia. «Questa città - si vanta - ha patito corruzione e criminalità, noi abbiamo mostrato discontinuità. Questo ponte è stato realizzato in pochi mesi come i lavori in Via Marsala». Qui un cittadino lo smentisce dalla piazza: «Il cantiere c'è da due anni, sindaco». Ma lui, al solito, ha l'occhio rivolto oltre. «Domani e dopodomani inaugureremo altri cantieri, Roma deve andare avanti».
    La situazione non è certo rosea, con 9 dei 12 assessori che sarebbero pronti alle dimissioni e i 19 consiglieri dem che hanno detto in un documento, anche se non proprio esplicitamente, di volerlo sfiduciare se dovesse fare marcia indietro. È forse su certe incertezze nel Pd di Matteo Orfini che Marino fa affidamento, oltre che sulle sotterranee resistenze del resto dei consiglieri ad andare al voto, perdendo la poltrona. Insospettisce anche la dichiarazione di Pierluigi Bersani che, dopo aver sentito Marino, dice che «la soluzione va cercata insieme, cercando di tenere dentro tutti». Eppure l'assessore ai Trasporti e senatore Pd Stefano Esposito cerca di essere categorico: «Marino? Confermerà le dimissioni - dice a La Zanzara su Radio 24 -, la linea del Pd è stata decisa e non è cambiata. Ci accusavano di tener in piedi Marino perché non volevamo le elezioni, ora possiamo perdere». Già, perdere. E il vantaggio, per i sondaggi, sarebbe del M5S. I 4 consiglieri pentastellati, loro sì, sono decisi a dimettersi. E vedono nell'«ammutinamento del Pd verso Marino» solo «la solita farsa». Ricordano che c'è una sola mozione di sfiducia in assemblea capitolina, quella del M5S. Per mettere fine al «circo delle dimissioni sì-dimissioni no», Pd e altre forze politiche dovrebbero votarla. Gianroberto Casaleggio spiega che quel che conta è « vincere le elezioni». Su Facebook Alfio Marchini ironizza: «Marino: “La mia è una giunta che lavora e guarda avanti”. Che dire? In termini oculistici, trattasi di un grave caso di strabismo... in termini psichiatrici, una grave negazione della realtà. Per noi romani: una farsa insopportabile».

    Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni - IlGiornale.it


    la terrificante figura di merda del pd , dei vari marino, orfini, ecc ecc continua .

    siamo alle comiche



    [/COLOR]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    POL
    POL è offline
    Servizio Forum
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    20,743
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Dimissioni Marino, balletto a Roma


    Dimissioni Marino: “Mi chiedete di ripensarci? Non vi deluderò”. Ignazio Marino sembra voler accontentare la popolata piazza che settimana scorsa chiedeva il ritiro delle sue dimissioni. Un tam tam ha portato ieri sera la notizia fino al Nazareno, dove però restano chiuse le porte al sindaco della città eterna: “Non ci sono più le condizioni per proseguire”.
    Marino non vuole in alcun modo arrendersi. Dal giorno dopo l’archiviazione del caso ‘scontrini’, il sindaco ha deciso di uscire dall’assedio, forte anche del sostegno che la piazza gli ha mostrato. Solo negli ultimi giorni ha fatto varie uscite pubbliche, rivendicando il lavoro fatto dalla sua giunta. L’ha fatto in occasione dell’inaugurazione del viadotto tra Fidene e Villa Spada, “un’opera realizzata in tempi record per aumentare la vivibilità di questi due quartieri, prima collegati solo da un ponte a transito alternato trai due sensi di marcia”. In questa occasione il sindaco non ha voluto dare nessuna notizia sulle sue intenzioni a 6 giorni dal fatidico 2 Novembre, giorno in cui a Roma prenderà pieni poteri il commissario.
    Dimissioni Marino: giunta Campidoglio

    Per le 11 di questa mattina, però, il sindaco ha convocato la Giunta in Campidoglio. C’è una buona possibilità che annunci ufficialmente il ritiro delle dimissioni. Alla base di questa nuova mossa, come spiega su Radio2 l’amico Guido Filippi, è la volontà di Marino “di portare la discussione in Aula, perchè è incomprensibile che un Sindaco venga deposto attraverso interviste e comunicati stampa”. Marino, quindi, vuole arrivare in aula, forte della chiusura della vicenda dei rimborsi, dimostrando alla città che un’eventuale sfiducia nei suoi confronti è una mossa esclusivamente politica. Ma il PD ritiene che la questione scontrini sia solo l’ultimo di una serie interminabili di errori che il sindaco ha commesso in questi due anni di mandato.
    La situazione sta a dir poco irritando Renzi, che sulla questione romana si gioca una parte del suo immediato futuro politico. Il premier, partito per il Sudamerica chiedendo a Orfini e Delrio di chiudere la questione entro il suo ritorno, non ha alcuna intenzione di riallacciare i contatti con il Campidoglio. Infatti sia Delrio che Orfini hanno l’indicazione di non rispondere alle richieste di Marino, e di portare avanti la linea predefinita: “non ci sono più le condizioni per proseguire”, come più volte in queste settimane ha spiegato proprio Orfini.
    Se quindi Marino deciderà di portare avanti la propria battaglia in consiglio, due sono le possibili strade che il partito può imboccare. In primis una mozione di sfiducia, presentata immediatamente dopo la fine dell’intervento del sindaco, senza alcuna replica da parte dei consiglieri dem. Non a tutti i consiglieri pare che questa strategia piaccia, ma alla fine, hanno assicurato, “seguiranno la linea del partito”. In questo caso tutti gli assessori PD si tireranno fuori, e si cercheranno le ultime 6 firme (servono 25 adesioni, i consiglieri del PD sono 19) per legittimare la richiesta e far partire il nuovo count-down dei 10 giorni necessari per mettere al voto il documento. Al PD romano, però, questa linea non piace granchè, dato che si andrebbe a siglare un documento insieme ai nemici grillini o addirittura insieme all’ex sindaco Alemanno, una mossa politica tutt’altro che saggia. La seconda ipotesi sono le dimissioni di massa di tutto il gruppo consiliare del Partito Democratico, ma anche in questo caso serviranno altre 6 dimissioni per far decadere il consiglio comunale e portare la città alle urne la prossima primavera.
    La partita sembra chiusa per il Partito Democratico, che pensa già alle mosse di una campagna elettorale importantissima (con città come Milano, Napoli, Palermo, Cagliari e, nel caso, Roma che vanno alle urne), mentre Marino è pronto a mettere in difficoltà il Partito, costringendolo a sfiduciare un sindaco che ha esso stesso eletto.
    Francesco Di Matteo

    Scritto da: Francesco Di Matteo
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere l'articolo|
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere gli articoli di attualità|

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    52,209
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    210 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni

    Marino vicino a ritiro dimissioni
    Renzi lo gela: dove pensa di andare?


    Palazzo Chigi esclude qualsiasi dialogo. Il premier ai suoi: esca dal Campidoglio e poi si vedrà

    di Maria Teresa Meli





    Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, e il premier, Matteo Renzi (Imago)
    shadow


    4
    [COLOR=#3B5998 !important][/COLOR]36
    [COLOR=#55ACEE !important][/COLOR]17
    [COLOR=#CC3732 !important][/COLOR]3






    Ignazio Marino ritira le dimissioni oggi o domani? Ignazio Marino non le ritira affatto? Per Matteo Renzi nulla cambia. «Andiamo avanti» è l’input che arriva dal presidente del Consiglio. L’inquilino di Palazzo Chigi non cambia registro su questo. Va spedito e non sente ragioni. Tant’è vero che i suoi non parlano più con il sindaco di Roma, e anche Graziano Delrio, indicato come l’ufficiale di collegamento tra il presidente del Consiglio e il primo cittadino dimissionario, si tira indietro. «Andiamo dritti», ripete il premier. E aggiunge, rivolto ai suoi: «Marino non ha più i numeri, dove pensa di andare?». E quando più di un interlocutore gli spiega che il sindaco vorrebbe solo un atto di distensione, il presidente del Consiglio osserva: «Nessun atto distensivo verso il Campidoglio». Più ultimativo di così...

    Un muro invalicabile

    Già, non ha voglia di perdere ulteriore tempo, il premier. «La Capitale — dice ai suoi — non può versare ancora in questo stato e non si può continuare ad andare avanti così perché un sindaco ha deciso che andare avanti va bene a lui». Da Roma un tam tam raggiunge il presidente del Consiglio: Marino ritirerà le dimissioni domani o al massimo dopodomani. Insomma, c’è il rischio, anzi di più, che quando Renzi approderà nella Capitale, dopo il suo viaggio in Sudamerica, la grana romana sia ancora lì ad aspettarlo. Marino, che ha capito che sfondare il muro renziano è pressoché impossibile, si è appellato al ministro delle Infrastrutture Delrio per un’ultima mediazione. Ma, ancor prima che arrivasse questa notizia, c’era già lo stop del presidente del Consiglio. Chiunque si muova in suo nome, in questo momento, non ha il suo passaporto. «Noi andiamo avanti fino alla fine», è la parola d’ordine del segretario del Pd. Con questa aggiunta: «Esca dal Campidoglio e poi si vede». Come a dire, poi si tratta.



    «Decidano gli elettori»

    Per il resto, poco importano i travagli del sindaco. Renzi è arrivato al punto di augurarsi una fine purchessia. «L’importante — ha confidato ai collaboratori — è che si decida. E se anche decidesse di rimanere lì dove sta, nonostante l’orientamento di una città che sta male, va bene così, almeno ognuno si prende le sue responsabilità, che siano gli elettori a decidere». È ovvio che dall’una e dall’altra parte si alzano steccati e si inneggia alla guerra. Ma c’è una grande differenza. Il sindaco di Roma sa che questa è la sua ultima chance e che il biglietto di ritorno non esiste. Il presidente del Consiglio, invece, sa che sulla presa di distanza dalla Capitale si giocherà il suo futuro prossimo. Per questo non demorde. Perché se insiste, se mette sempre più in alto l’asticella, insomma, se schiaffa in un angolo Marino, avrà ancora una volta dimostrato che il Partito democratico ha un leader, con buona pace della minoranza del Pd ( che non a caso adesso spalleggia il sindaco di Roma). Senza contare che così avrà il tempo di rodare il suo candidato alla successione di Ignazio Marino. Sarà il prefetto Franco Gabrielli? Non è ancora detto...

    Marino vicino a ritiro dimissioniRenzi lo gela: dove pensa di andare? - Corriere.it

    incredibile il Corriere della sera: questo dettano la linea al cialtrone boy scout.
    gli spiattellano papale papale che deve buttare nel cesso Marino, e così sarà un vero leader.
    e gli dicono pure chi candidare.

    siamo veramente alla follìa. come dire: ti abbiamo paraculato finora, ti abbiamo fatto da zerbino, ti cantiamo lode tutti i giorni, ora che abbiamo fatto la campagna di stampa contro il Marino, bene, ora tu, piccolo cialtroncello toscano , ubbidisci e fai come ti diciamo.

    gli elettori piddini hanno niente da dire?



  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    52,209
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    210 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni

    Citazione Originariamente Scritto da Ultima legione Visualizza Messaggio
    Son curioso di vedere come va avanti questa farsa.
    anch'io.

    se non avesse tutti i giornali paraculi schierati a zerbino e striscianti, renzi sarebbe ridicolizzato ormai da mesi.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    22 Feb 2013
    Messaggi
    20,609
    Mentioned
    66 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Re: Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni

    Citazione Originariamente Scritto da Ultima legione Visualizza Messaggio
    Son curioso di vedere come va avanti questa farsa.
    E come vuoi che vada? Verrà sfiduciato.

    Di certo siamo oltre la farsa, ormai.

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    28,720
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    127 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni

    Fa bene, vada in consiglio comunale a farsi sfiduciare, altro che dimissioni telecomandate.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Dec 2012
    Messaggi
    9,602
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Dimissioni Marino, balletto a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da POL Visualizza Messaggio

    Dimissioni Marino: “Mi chiedete di ripensarci? Non vi deluderò”. Ignazio Marino sembra voler accontentare la popolata piazza che settimana scorsa chiedeva il ritiro delle sue dimissioni. Un tam tam ha portato ieri sera la notizia fino al Nazareno, dove però restano chiuse le porte al sindaco della città eterna: “Non ci sono più le condizioni per proseguire”.
    Marino non vuole in alcun modo arrendersi. Dal giorno dopo l’archiviazione del caso ‘scontrini’, il sindaco ha deciso di uscire dall’assedio, forte anche del sostegno che la piazza gli ha mostrato. Solo negli ultimi giorni ha fatto varie uscite pubbliche, rivendicando il lavoro fatto dalla sua giunta. L’ha fatto in occasione dell’inaugurazione del viadotto tra Fidene e Villa Spada, “un’opera realizzata in tempi record per aumentare la vivibilità di questi due quartieri, prima collegati solo da un ponte a transito alternato trai due sensi di marcia”. In questa occasione il sindaco non ha voluto dare nessuna notizia sulle sue intenzioni a 6 giorni dal fatidico 2 Novembre, giorno in cui a Roma prenderà pieni poteri il commissario.
    Dimissioni Marino: giunta Campidoglio

    Per le 11 di questa mattina, però, il sindaco ha convocato la Giunta in Campidoglio. C’è una buona possibilità che annunci ufficialmente il ritiro delle dimissioni. Alla base di questa nuova mossa, come spiega su Radio2 l’amico Guido Filippi, è la volontà di Marino “di portare la discussione in Aula, perchè è incomprensibile che un Sindaco venga deposto attraverso interviste e comunicati stampa”. Marino, quindi, vuole arrivare in aula, forte della chiusura della vicenda dei rimborsi, dimostrando alla città che un’eventuale sfiducia nei suoi confronti è una mossa esclusivamente politica. Ma il PD ritiene che la questione scontrini sia solo l’ultimo di una serie interminabili di errori che il sindaco ha commesso in questi due anni di mandato.
    La situazione sta a dir poco irritando Renzi, che sulla questione romana si gioca una parte del suo immediato futuro politico. Il premier, partito per il Sudamerica chiedendo a Orfini e Delrio di chiudere la questione entro il suo ritorno, non ha alcuna intenzione di riallacciare i contatti con il Campidoglio. Infatti sia Delrio che Orfini hanno l’indicazione di non rispondere alle richieste di Marino, e di portare avanti la linea predefinita: “non ci sono più le condizioni per proseguire”, come più volte in queste settimane ha spiegato proprio Orfini.
    Se quindi Marino deciderà di portare avanti la propria battaglia in consiglio, due sono le possibili strade che il partito può imboccare. In primis una mozione di sfiducia, presentata immediatamente dopo la fine dell’intervento del sindaco, senza alcuna replica da parte dei consiglieri dem. Non a tutti i consiglieri pare che questa strategia piaccia, ma alla fine, hanno assicurato, “seguiranno la linea del partito”. In questo caso tutti gli assessori PD si tireranno fuori, e si cercheranno le ultime 6 firme (servono 25 adesioni, i consiglieri del PD sono 19) per legittimare la richiesta e far partire il nuovo count-down dei 10 giorni necessari per mettere al voto il documento. Al PD romano, però, questa linea non piace granchè, dato che si andrebbe a siglare un documento insieme ai nemici grillini o addirittura insieme all’ex sindaco Alemanno, una mossa politica tutt’altro che saggia. La seconda ipotesi sono le dimissioni di massa di tutto il gruppo consiliare del Partito Democratico, ma anche in questo caso serviranno altre 6 dimissioni per far decadere il consiglio comunale e portare la città alle urne la prossima primavera.
    La partita sembra chiusa per il Partito Democratico, che pensa già alle mosse di una campagna elettorale importantissima (con città come Milano, Napoli, Palermo, Cagliari e, nel caso, Roma che vanno alle urne), mentre Marino è pronto a mettere in difficoltà il Partito, costringendolo a sfiduciare un sindaco che ha esso stesso eletto.
    Francesco Di Matteo

    Scritto da: Francesco Di Matteo
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere l'articolo|
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere gli articoli di attualità|
    Io questo non lo riesco più a capire.. si dimette, anzi no. Anzi si. Forse no.
    Penso sia la situazione più contorta che mi sia capitato di osservare in politica..

    Mah..

  8. #8
    Bla bla bla
    Data Registrazione
    01 Nov 2010
    Messaggi
    8,674
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Dimissioni Marino, balletto a Roma

    Troppo attaccato alla poltrona e a i rimborsi spese truccati. Se malino viene sostituito da un commissario con i contro-cog##ioni poi buzzi e company come si pappano roma?

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    27 Feb 2013
    Località
    Pistorium, sepulcrum Catilinae
    Messaggi
    3,015
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Dimissioni Marino, balletto a Roma

    Parlando di balletti si potrebbe proprio dire che quando non c'e' il gatto i topi ballano.
    y es pa' lante que vamos..

 

 

Discussioni Simili

  1. Marino ci ripensa: oggi ritira le sue dimissioni
    Di svicolone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 29-10-15, 11:35
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-10-15, 23:56
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-10-15, 21:25
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-10-15, 15:27
  5. Il Senato accoglie le dimissioni di Ignazio Marino
    Di Desmond nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-05-13, 18:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226