User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
Like Tree2Likes

Discussione: I nuovi teologi cristiani

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I nuovi teologi cristiani

    Voglio mettervi al corrente delle novità teologiche-cristiano-Romane a riguarda della rinascita del paganesimo. Nei quaderni teologici ho trovato uno studio di autori diversi dal titolo: <<RINASCITA DEL PAGANESIMO>> Editrice Morceliano 2011. Vorrei sottolineare una frase saliente dell'intervento di Sergio Passeri titolato: "La sfida neopagana all'etica teologica>> dove scrive una frase a mio parere assurda che descrive pienamente l'opportunismo cristiano Romano. Si stanno contestando le tesi di Salvatore Natoli che sottolinea la necessità di un ritorno al paganesimo, cosi replica Sergio Passeri:<<.......Come vedremo non si tratta di un ritorno all'uomo pagano, ma dell'instaurazione di un nuovo paganesimo le cui modulazioni non possono prescindere dal fatto d'essere post-cristiane.>>
    MA E' IL CRISTIANESIMO AD ESSERE POST PAGANO!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    penso che si riferisse al neopaganesimo, in quanto ha parlato appunto di nuovo paganesimo
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    penso che si riferisse al neopaganesimo, in quanto ha parlato appunto di nuovo paganesimo
    Sei il solito sparasentenze, ma il testo lo conosci è una risposta precisa e dettagliata, anche se di parte. Una risposta verso il grande Salvatore Natoli che prevede la fine dell'egemonia cristiana.

    RIPORTO LA QUARTA DI COPERTINA:
    E' nella fisiologia della storia la comparsa ed il tramonto di modelli interpretativi sul rapporto frà società e religione, e lo è perche questi leggono sempre a posteriori una realtà che li supera: come a lungo predominante è stato il concetto di "secolarizzazione" così si assiste ora ad un nuovo "paganesimo" , che interroga teologi e sociologi delle religioni. Si è vero però - per dirla come Robert Bellah - che <<che nulla va mai perduto definitivamente>>, non si tratta di rivoluzioni, ma di processi religiosi e culturali da indagare con prudemza scandagliando ciò che in essi si trasforma e insieme si conserva...........
    Questo libro è un incontro fra gli intellettuali di punta del cristianesimo:
    GIACOMO CANOBBIO, FLAVIO DALLA VECCHIA, ALBERTO DONINI, ANDREA GAZZOLI, RAFFAELE MAIOLINI, SERGIO PASSERI, FANCESCO PEDRAZZI, OVIDIO VEZZOLI, MARIO ZANI.
    Ormai è chiaro a tutti del cambiamento in atto solo che lo interpretano a loro modo. Dillo ai tuoi "amici" cristiani cattolici Romani che il paganesimo sta prendendo campo. Anche il papa lo sa e primo o dopo reintroddurà gli dei pagani nel Panteon è solo questioni di tempo. La chiesa tanto per restare a galla e mantenere il potere è disposta a tutto. Ne vedremo delle belle.
    Domani posto il resto della quarta di copertina.....

  4. #4
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    Il paganesimo in occidente ha ancora percentuali bassissime, è più diffuso l'Islam anche se ha una media del 2% europea, la società resterà a lungo atea-agnostica
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    Il paganesimo in occidente ha ancora percentuali bassissime, è più diffuso l'Islam anche se ha una media del 2% europea, la società resterà a lungo atea-agnostica
    Alla luce di come si è ridotto il Vaticano un ammasso di sanguisughe dove imperversa il potere e il denaro come unico fine, tutto il contrario delle predicazioni. Le chiese sempre più vuote e i preti al più totale sbando.
    Penso che bisogna solo lasciarvi fare vi state distruggendo da soli, con le vostre mani, faide interne per dividersi il bottino e il comando. La fine è vicina attreaverso una autodistruzione totala. Comunque risisti, ma stai attento che perdi il posto e lo stipendio, si va bene che sperate nel giubileo e avete mezza Roma vostra e nonostante tanta ricchezza siete arrivati al punto di innescare una guerra interna per dividere il ricchissimo bottino, ricchi, ma maledettamente sbandati........
    Domani posto tutto il testo della quarta di copertina così avrai il quadro, tenta perlomeno di leggere questo libro scritto da fini mente cattoliche che ci delineano la fine. Non ti preoccupare sono sicuro che attraverso un concilio la chiesa di Romo tornerà alle origini cioe al paganesimo che ne è la matrice, per i soldi e il potere si riesce a fare tutto, la teologia è una scienza molto manleabile e duttile, tu intanto preparati leggiti anche i canti orfici, le ennead, e i testi sacri del paganesimo, fra un pater noster e un'avemaria non si sa mai! Sogni d'oro!
    Xenia888 likes this.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    Tangenti anche per le beatificazioni

    Terni indaga su Chaouqui e il marito: estorsioni con documenti rubati nei computer.

    http://roma.corriere.it/notizie/politica/15_novembre_04/tangenti-anche-le-beatificazioni-35bbbf7e-833e-11e5-a218-19a04df8a451.shtml?cmpid=SF020103COR&refresh_ce-cp

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani


  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani


    " Santo è Dio, il Padre di tutte le cose. Santo è Dio, la volontà del quale si compie per la sua

    propria potenza. Santo è Dio che vuol essere e che è conosciuto da quelli che sono suoi. Santo
    sei tu che hai formato gli esseri mediante la tua parola: santo sei tu di cui tutta la natura è
    immagine, santo sei tu non formato dalla natura. Tu sei santo e più forte d'ogni potere, tu sei
    santo e più grande d'ogni maestà, tu sei santo e sopra a ogni lode. Ricevi il puro sacrificio
    verbale dell'anima e del cuore che sale verso di te, o Indefinibile, Ineffabile, cui può nominare il
    solo silenzio. Fa che io non mi svii dalla conoscenza della nostra essenza, dammi la forza,
    illumina della tua grazia quelli che sono nell'ignoranza, i fratelli della mia schiatta, figli tuoi.
    Io
    credo in te e te ne rendo testimonianza: io cammino verso la vita e la luce. O Padre, sii
    benedetto: l'uomo tuo vuol partecipare della tua santità poiché tu gliene hai dato pieno potere ".
    (Corpus Hermeticum:Poimander).
    Logomaco likes this.

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    Adversus Haereses di Riccardo Tennenini

    Porfirio, discepolo di Plotino, fu il più accanito nemico della neonata religione cristiana, che senza mezzi termini definitiva “empia e atea contro i costumi dei padri, come testimonia in “Discorsi contro i Cristiani”, l’opera che fu bruciata dai cristiani perchè stava mettendo in dubbio tutte le convinzioni e le credenze dei fedeli. La critica di Porfirio è incentrata su:
    • il Vecchio Testamento di cui nega l’autenticità;
    • gli errori degli evangelisti che affermano dottrine di un dato profeta testamentario, che in realtà sono state enunciate da altri profeti, caratterizzandosi per una contraddizione nella loro narrazione evangelica. Ciascuno di loro, infatti scrisse la passione in maniera differente e non corrispondente dagli altri.

    In merito, si può riferire come in Marco 15,36 viene scritto che al crocifisso venne offerta una spugna imbevuta d’aceto… Matteo 27, 33-34 dice: “Giunti sul luogo detto Golgota, gli diedero da bere del vino mischiato con fiele; ma, assagiatolo non lo volle bere“.In Matteo 27,46 leggiamo: “E, verso l’ora nona, Gesù gridò a gran voce: “Elì, Elì, lamà sabactàni?”, cioè: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”, mentre in Giovanni 19, 29-30, si narra: “Vi era lì un vaso pieno d’aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l’aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto!». E, chinato il capo, spirò”. Infine, in Luca 23, 46 leggiamo: “gridando a gran voce, disse: Padre, nelle tue mani rimetto lo spirito mio”. Se dunque non si può descrivere in maniera uniforme come il Cristo morì, se ne deduce una narrazione falsata che non depone favorevolmente circa il fatto che gli stessi Evangelisti abbiano potuto affermare verità attendibili anche a riguardo del resto.Porfirio, inoltre, nota anche che in Giovanni 19, 33-34 viene scritto: “Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua.”, ma questo lo ha detto solo lui, perciò egli si fa testimone di se stesso come scritto in Giovanni 19,35, reputando gli altri apostoli “gente zotica e miserabile”.Critica San Pietro definendolo la negazione personificata della logica e della coerenza e che propone “una dottrina falsa e menzognera”, per “le sue pessime qualità”, sottolineando che Gesù si rivolge a lui con queste parole: “Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!.” , mentre in passo successivo scrive:”E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa. A te darò le chiavi del regno dei cieli.” Con questi due passi Porfirio vuole sottolineare che Gesù vuole consegnare il suo regno a Pietro che lui stesso chiama Satana!Il neoplatonico, pertanto, rifiuta di credere nella resurrezionedi Cristo, considera la pratica del battesimo immorale, la comunione paragonata al cannibalismo, così come il simbolismo del chicco di senape, viene arbitrariamenteripreso dai ben più antichi testi upanishadici dell’India. Nella Chandogya Upanishad leggiamo: “Più piccolo di un grano di riso, di un grano d’orzo, di un grano di senape, di un grano di miglio, di un nocciolo di grano di miglio: questo stesso Sè che è dentro il mio cuore è più grande della terra, più grande dello spazio, più grande del cielo, più grande di tutti i mondi.”. Anche l’eucarestia come gesto iniziatico non appartiene al Cristianesimo, ma se ne appropriò dagli scritti di Zoroastro quando disse: “Chi non mangerà il mio corpo e non berrà il mio sangue in modo da confondersi con me e io con lui non avrà la salvezza.Viene sottolineata la mistificazione dei miracoli compiuti da Apollonio di Tiana, sacerdote del Nume della medicina Asclepio e confermati da Massimo l’Egeota,dal filosofo Damide e dall’ateniese Filostrato che scrisse la “Vita di Apollonio di Tiana”, mentre da parte dei cristiani quelli che si attribuivano a Gesù venivano confermati da Paolo e Pietro, che venivano definiti falsi, incolti e impostori.L’imperatore Giuliano, sulla scia di Porfirio, definì il nuovo culto che andava ad affermarsi come l’ateismo della malvagità giudaica, caratterizzata dalla vita leggera e corrotta dallindolenza e volgarità, che si aveva l’arroganza di autodefinirsi la religione migliore.Altre critiche analizzarono la Trinità, l’ambiguo comportamento di Eva, ponendosi alcuni interrogativi circa l’apparente limitazione del potere divino che, nella Genesi, sembra quasi impotente dinanzi al male e alla sua manifestazione. E il serpente che discorre con Eva, di quale lingua diremo che fece uso? Come può il Sommo Bene onnipotente e onnisciente, l’essenza della bontà, della bellezza e della verità non poter distinguere il bene dal male, vietando che venne colto proprio quel frutto appeso all’albero della conoscenza aurea nel paradiso, simile al pomo d’oro sull’albero che cresceva nel giardino delle Esperidi? Infatti, esso rappresenta l’elemento solare dorato, è la conoscenza assoluta, il Bramhan – Atman indù, il cui morso per Adamo simboleggiò l’assunzione della verità, quale qualità unica del Divino. Il serpente, pertanto, fu piuttosto il benefattore, che non il nemico del genere umano… ed a Dio potrebbe darsi, perciò, nome di geloso. Quando, infatti, Egli vide l’uomo partecipe della conoscenza, affinchè non gustasse dell’albero della vita, lo scacciò dal paradiso, con queste precise parole: “Ecco che Adamo, col conoscere il bene ed il male, è divenuto come uno di noi. Purchè adesso non tenda la mano all’albero della vita, e non ne mangi, nè viva in eterno.” e lo espulse dal paradiso. Oltre a ciò, ebbe a temere che, prendendo parte alla vita, l’uomo diventasse da immortale a mortale: questo è segno di uno spirito anche troppo invidioso e maligno.Il Divo Giuliano, poi, confrontò la Genesi con il Timeo di Platone. Il primo afferma:“A principio Iddio fece il cielo e la terra. Era la terra invisibile e senza forma, e tenebre erano sopra l’abisso, e lo spirito di Dio si moveva al di sopra dell’acque. E Dio disse: “Sia la luce”, e la luce fu. E Dio vide la luce, quanto è bella. E Dio separò a mezzo la luce e le tenebre. E Dio chiamò la luce giorno, e le tenebre notte. Così fu la sera, e fu il mattino: e formarono un solo giorno. E Dio disse: “Sia il firmamento in mezzo alle acque”. E il firmamento Dio lo chiamò cielo. E Dio disse: “Raccolgasi l’acqua, che è al disotto del cielo, in una sola massa, e l’asciutto compaia”. E così fu. E Dio disse: “Germogli la terra erba di pascolo e legno da frutti”. E Dio disse: “Sieno gli astri nel firmamento del cielo, che servano ad illuminare la terra”. E Dio li pose nel firmamento del cielo a regolare il giorno e la notte.Il secondo invece afferma:“Il cielo tutto o il mondo – o se c’è altro nome che meglio gli convenga, con questo chiamiamolo – fu esso sempre, senza aver avuto alcun principio di creazione? oppure fu creato, traendo origine da qualche principio? Fu creato. Infatti, è visibile e tangibile ed ha corpo: e tali cose sono tutte sensibili; e le cose sensibili, che si comprendono dall’opinione per mezzo della sensazione, abbiamo visto che appartengono al divenire ed al nascere… Così dunque, secondo il ragionamento della probabilità, conviene dire che questo mondo è proprio un animale vivente, intelligente, creato dalla provvidenza di Dio.Ora soffermiamoci un atto su quale discorso tiene Dio presso Mosè, e quale presso Platone. Sempre nella Genesi è scritto:E Dio disse: “Facciamo l’uomo ad immagine e somiglianza nostra. E domini sui pesci del mare e sui volatili del cielo e sulle bestie e su tutta la terra e su tutti i rettili che strisciano sopra la terra”. E Dio fece l’uomo; lo fece ad immagine e somiglianza di Dio: li fece maschio e femmina, dicendo: “Crescete e moltiplicatevi, e riempite la terra, e rendetevi padroni di essa. Comandate ai pesci del mare e ai volatili del cielo e a tutte le bestie e a tutta la terra”.»Nel Timeo invece è scritto:“O Dei figli di Dei, le opere di cui io sono creatore e padre, rimarranno, per volontà mia, indissolubili. È ben vero che ogni cosa legata può sciogliersi, ma ciò che è stato ben congegnato e bene si regge, volerlo disfare è da malvagio. Poichè dunque voi siete stati creati, non siete immortali nè indissolubili del tutto: tuttavia, non sarete disciolti nè vi toccherà fato di morte, perocchè vi aiuti la volontà mia che è legame anche più grande e più saldo di quelli onde foste legati quando nasceste. Ora, udite che cosa io vi scopro. Ancora tre specie di schiatte mortali rimangono da generare, e, finchè queste non sieno generate, il mondo sarà incompiuto: cioè, non avrà in se stesso tutte quante le specie di animali. Ma se queste da me fossero create e da me ricevessero la vita, sarebbero senz’altro eguali agli Dei. Affinchè invece esse sieno mortali e, nello stesso tempo, il Tutto sia effettivamente un tutto, adopratevi voi, secondo la vostra natura, alla produzione di questi animali, imitando l’attività mia quando generai voi. In quanto a quella parte di loro che merita di essere assimilata agli Immortali, e che infatti è chiamata divina, e domina in chi, fra essi, sempre segua la via tracciata dalla giustizia e da voi: questa la seminerò io, e ve la darò, per versarla in essi. Pel rimanente, voi, alla parte immortale combinando la mortale, preparate questi animali, generateli, date loro il nutrimento perchè crescano, e, quando periscono, di nuovo accoglieteli in voi.”Infine, Giuliano afferma che, se dunque tutte queste cose, che sono le più importanti ed apprezzabili, si son fatte senza una provvidenza superiore e veramente divina, a che scopo onorare e venerare un Dio che non provvede niente? Se non si curò nè della vita, nè dei caratteri, nè dei costumi, nè delle buone leggi, nè della costituzione civile, ha forse diritto di reclamare onori dagli uomini? Vedete a quale assurdità conduce la vostra superstizione!!!

  10. #10
    utente cancellato
    Data Registrazione
    03 Oct 2013
    Località
    Perugia. Umbria
    Messaggi
    6,085
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: I nuovi teologi cristiani

    Citazione Originariamente Scritto da sideros Visualizza Messaggio
    Voglio mettervi al corrente delle novità teologiche-cristiano-Romane a riguarda della rinascita del paganesimo. Nei quaderni teologici ho trovato uno studio di autori diversi dal titolo: <<RINASCITA DEL PAGANESIMO>> Editrice Morceliano 2011. Vorrei sottolineare una frase saliente dell'intervento di Sergio Passeri titolato: "La sfida neopagana all'etica teologica>> dove scrive una frase a mio parere assurda che descrive pienamente l'opportunismo cristiano Romano. Si stanno contestando le tesi di Salvatore Natoli che sottolinea la necessità di un ritorno al paganesimo, cosi replica Sergio Passeri:<<.......Come vedremo non si tratta di un ritorno all'uomo pagano, ma dell'instaurazione di un nuovo paganesimo le cui modulazioni non possono prescindere dal fatto d'essere post-cristiane.>>
    MA E' IL CRISTIANESIMO AD ESSERE POST PAGANO!


    Non bisogna mai farsi ricattare dalla stupidità altrui.
    (Umberto Eco)

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Nuovi film Cristiani. E di discreto successo.
    Di Miles nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-01-15, 14:14
  2. ...i teologi inascoltati...
    Di Giordi nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 02-12-09, 15:38
  3. I nuovi cristiani
    Di sideros nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-01-09, 22:06
  4. domanda per i teologi
    Di uqbar (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-09-05, 14:18
  5. Arrivano i nuovi cristiani
    Di Shambler nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 02-08-04, 12:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226