Ieri mi sono recato al cinema e ho visto "La legge del mercato", film francese che entra dritto dritto nell'annovero dei migliori film usciti nel 2015 (Forse secondo solo a The Lobster).

Non vi parlo della trama perchè spero che andiate a vederlo, non ha una regia eccelsa, i movimenti di macchina sono imprecisi però centra perfettamente la cosa più inquietante di questi anni ovvero la guerra tra poveri voluta dai capitalisti e spalleggiata dai loro servi che puntano a imitarli per entrare nel paradiso artificiale (un pò come denunciò Romero ne "La terra dei morti viventi").
Per un misero stipendio lottiamo tra di noi al posto di lottare contro il potere che ci ha deumanizzato. Il protagonista sceglierà la Resistenza o la comodità?