User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Il pericolo wahabita

  1. #1
    Uomo tropicale
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Quaternario
    Messaggi
    9,677
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Exclamation Il pericolo wahabita

    L’Asia schiaccerà il wahabismo. L’Europa invece…

    Maurizio Blondet 18 novembre 2015 5

    Il governo di Delhi si sta allarmando della “wahabizzazione” dei musulmani d’India. Sul periodico militare Indian Defence Review di settembre 2014 un analista, il generale Afsir Karim ha raccontato come i sauditi stanno dominando (anzi cancellando) le altre forme di Islam, shia, sufi eccetera, pompando milioni di petrodollari in mosche e madrasse dove i loro imam insegnano che “chinque sia fuori dal wahabismo è un eretico e brucerà nell’inferno”. Questa dotrtina di intolleranza e violenza sta polarizzando le società dal Bangaladesh al Pakistan. “Da Karachi al Kyber, a milioni di studenti viene insegnato che Osama Bin Laden è un martire”. In Bangladesh, si registrano attentati esplosivi verso istituzioni laiche e contro le donne; due partiti in grande crescita , JEI (Jamaat-e- Islami) e JMB (
    Jama’at ul Mujahideen Bangladesh) vogliono fare del paese miserabile uno stato islamico, portandolo al mondo di pensiero del 13 mo secolo.


    In India, il wahabismo è ormai ampiamente penetrato nelle madrasse e moschee, non solo emarginando il tradizionale Islam indiano ( sufi), ma hanno cominciato , in Kashmir, a far saltare le tombe sufi. Entità che si chiamano Tablighi Jamaat e Ahle-Hadith predicano, e talora impongono alle famiglie di basso livello sociale, matrimoni fra bambini e che cessino di mandare le bambine a scuola. Non si tratta solo di ideologie regressive, ma anche violente: si insegna che indù, ebrei e cristiani sono idolatri da decapitare. Nel 2001 l’organizzazione Students Islamic Movement of India (SIMI) ha dichiarato che per gli islamici del sub-continente era venuta l’ora di lanciare il jihad armato e instaurare il califfato. Sono nate organizzazioni clandestine come il Gujarat Muslim Revenge Force, il Muslim Defence Force e lo Islamic Defence Force con lo scopo di addestrarsi alla violenza (o contro la violenza dei gruppi nazional-teppistici hindu seguaci dell’ Hindutva, forti in posti come il Gujarat).
    La saudizzazione, la dottrina dell’intolleranza, sta polarizzando i musulmani dell’India – una “minoranza” che nel 2050 supererà la popolazione di quello che oggi è il più popoloso stato musulmano, l’Indonesia – promettendo al mega-continente un futuro di sanguinosissime guerre di religione?

    Accuse a Washington


    A Delhi si accusa chiaramente l’ambigua politica di Washington, complice del regime saudita. “Gran parte dei miliardi di dollari in armamenti che la Cia diede per i ribelli afghani (contro l’URSS) negli anni ’80 sono anche finiti, attraverso i condotti del l’Inter Service Intelligence ( servizi pakistani, ndr.) a scatenare le insorgenze di Kashmir e Punjab”, ha scritto Brahma Chellaney, il massimo analista strategico indiano; “e paradossalmente Washington ha usato il contro-terrorismo come strumento per stringere con l’India una partnership strategica”. Insomma, giocando su due tavoli.

    Obama, the serial interventionist - It affects INDIA | Indian Defence News
    Anche Dennis Ignatius, un vecchio e sperimentato diplomatico della Malaysia (è stato ambasciatore a Londra, Pechino e Washington) vede nell’estremismo esportato dai sauditi il massimo pericolo oggi per la stabilità del Sud-Est asiatico. Una quantità di giovani dall’Indonesia e dalla Malaysia, da Singapore e dalle Filippine sono stati radicalizzati e si sono arruolati nella guerriglia in Siria, così numerosi che il Califfato ha anche costituito una unità militare solo per parlanti Malay, il Katibah Nusantara Lid Daulah Islamiyyah (Malay Archipelago Unit for the Islamic State in Iraq and Syria).
    L’ex ambasciatore è addirittura esterrefatto nel vedere che nella sua Malaysia, nazione costituzionale e democratica, si parla adesso di introdurre “ amputazioni delle mani, lapidazioni, crocifissioni” nel sistema penale. Anche lui punta il dito contro la monarchia Saudita, che “ha speso più di 100 miliardi di dollari in due decenni per esportare una cultura di intolleranza, odio e violenza”.
    Un ex primo ministro della Malaysia, Lee Kuan Yew, non ha alcuna remora ad accusare l’Arabia Saudita di essere “l’ape regina” che diffonde il terrorismo in Asia e la sua “velenosa religione”. Fin dagli anni ’70, dice, i sauditi hanno pompato di soldi madrasse e moschee con il compito di radicalizzare la gioventù nell’Asia meridionale, e diffondere le WMD, che non sta per “weapons of mass destruction” (Armi di distruzione di massa) ma “Wahabis of Mass Destruction. Non bastano le azioni militari, aggiunge: “se uccidi i terroristi uccidi solo le api operaie. Bisogna colpire le api regine, gli imam che storcono la mente dei giovani”.
    Schiacciare la testa al serpente

    La questione è tanto grave, che il primo ministro in carica di Singapore, Lee Hsien Loong , ha radunato in aprile un simposio contro il terrorismo islamista durante il Summit dell’Asia Orientale: non ha avuto difficoltà a suscitare l’interesse delle nazioni dell’ASEAN (la Nato orientale) ma anche di Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malaysia, Birmania, Filippine, Singapore) ma anche di Thailandia, , Vietnam, Australia. Contemporaneamente Pechino ha ammesso nella SCO (Shanghai Cooperation Organization) l’India oltre gli attuali membri (Russia e Cina, e le quattro repubbliche ex sovietiche Kazakhstan, Kyrgyzstan, Tagikistan ed Uzbekistan – in funzione specifica di rafforzare l’antiterrorismo wahabita. Un primo risultato concreto: le nazioni del Summit (EAS) e dell’ASEan, oltre che dello SCO, si sono impegnate a diversificare i loro approvvigionamenti energetici escludendo via via come fornitore l’Arabia, per non essere loro a pagare il conto del terrorismo wahabita. Già l’estate scorsa, L’India ha sostituito l’Arabia con l Nigeria come fornitore, e la Cina, come si sa, la Russia.
    E’ appena il caso di notare come contrasta questa recisa strategia punitiva anti-saudita con l’ambiguo doppiogiochismo degli europei, per non parlare degli americani. Hollande fa’ affaroni vendendo armi ai sauditi, tiene bordone ai wahabiti che in Siria combattono il governo laico di Assad; l’Europa aderisce al gran progetto idiota (voluto dagli Usa) di tagliare la Russia come fornitore energetico della UE, rimpiazzandolo con quello del Katar, attraverso una pipeline che passerà dalla Siria (una delle vere cause per cui vogliamo la caduta di Assad) . Insomma facciamo a gara a vendere ai wahabiti la corda con cui ci impiccheranno, o il coltello con cui ci taglieranno la gola.
    Ci si domanda se, in fondo, tra la “modernità” occidentalista, protestante e neocon, o solo “trasgressiva” e laicista, e il wahabismo non ci sia un’affinità più profonda di quel che credono: entrambi distruggono ogni segno di tradizioni, odiano la complessità, il passato,la cultura…
    Peggio: sullo Huffington Post (riporta Christina Lin) Alastair Crooke, un agente britannico dello MI6, propone di usare il wahabismo per indebolire la Russia, minandola nella sua minoranza musulmana;
    Why Russia Perceives Syria as Its Front Line*|*Alastair Crooke
    la stessa ricetta una rivista della marina militare Usa propone per la Cina:Deterring the Dragon è il titolo di un articolo sui benefici che gli Usa otterrebbero provocando la rivolta degli Uiguri.
    Deterring the Dragon . . . From (Under) the Sea | U.S. Naval Institute
    Anche in questi giorni, nei nostri media, si ripete il mantra secondo cui “non si può sconfiggere l’ISIS finché Assad non cade”, che è esattamente la propaganda turco-saudita – senza nemmeno spiegare il collegamento fra le due cose.
    Evidentemente Dio toglie la ragione a coloro che vuol perdere.
    Persino Henry Kissinger, sul Wall Street Journal, ha scritto che “la distruzione dell’IS è più urgente della cacciata di Bashar Assad, che ha già perso oltre metà del suo territorio…assicurarsi che questo territorio non diventi un santuario terrorista permanente deve avere la precedenza”.
    Ora, nemmeno questo semplice buon senso da noi viene ascoltato. Putin batte il ferro finché è caldo – approfittando dell’effetto-Parigi – per obbligare la Francia ad affiancarsi nella lotta vera al wahabismo. Non crede nemmeno lui che durerà. Per questo i bombardamenti sono intensificati, con centinaia di uscite coi Tupolev strategici.


    L'Asia schiaccerà il wahabismo. L'Europa invece... - Blondet & Friends
    L'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SOCIALISMO ILLIBERALE
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,740
    Mentioned
    414 Post(s)
    Tagged
    115 Thread(s)

    Predefinito Re: Il pericolo wahabita

    L'Europa invece, succube ai diktat yankee-sionisti, se li mantiene come amici.
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

 

 

Discussioni Simili

  1. Il pericolo wahabita
    Di Logomaco nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-11-15, 10:44
  2. Pericolo
    Di alemaggia nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 22-07-07, 01:35
  3. Pericolo! Pericolo! di Gianfranco La Grassa
    Di pietro nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-04-07, 10:54
  4. dov'è il pericolo?
    Di adelchi06 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 12-03-06, 09:55
  5. Il pericolo...
    Di ScimmioneNudo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 24-09-03, 16:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226