User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Anche per il mantenimento di una buona salute dovremo alimentarci come gli antichi

    L'antico grano dei romani: il farro monococco



    Grano moderno (sinistra) e farro monococco (destra)

    Oggi le persone tollerano sempre meno i prodotti a base di frumento, come la pasta e soprattutto il pane. Questo cereale che ha nutrito i popoli italici per migliaia di anni, ora sembra non andare più bene ed essere addirittura considerato da alcuni come un vero e proprio veleno.Ma come mai un cereale che è stato alla base della nostra civiltà è potuto diventare così ostile per la nostra salute? La questione non è semplice, ma cercherò di sintetizzare in alcuni pochi punti quello che io penso siano i principali motivi per questa crescente “intolleranza” al frumento:
    • sono state progressivamente abbandonate le varietà più antiche di grano (es. varie specie di farro) a favore di varietà di frumento più produttive e più ricche di glutine. In particolare, negli anni ’70 sono state immesse alcune varietà di frumento modificate artificialmente;
    • uso prevalente di farine bianche devitalizzate. In queste farine è stato trovato di tutto: elevate concentrazioni di nitrati e di fosfati, muffe, larve e parassiti, persolfato di ammonio, cloruro di benzoino, bromato di potassio, perborato di sodio e sostanze chimiche usate per rendere la farina più bianca o per aumentarne la lievitazione. Spesso legalmente o illegalmente trattate con sostanze stabilizzanti e antimicotici. Quanti di voi consumano quotidianamente pane, brioche e pizzette fatti con pasta istantanea industriale? Si tratta di prodotti venduti nei fastfood, bar e supermercati. Questa pasta contiene, oltre a farina, acqua e lievito, anche enzimi (della soia o del pancreas di maiale), emulsionanti, grasso frazionato, per impedire al pane di sgonfiarsi, e agenti antimicotici, come il sorbato e il proprionato di calcio.
    • la lievitazione con lievito di birra ha sostituito la lievitazione naturale. Inoltre, spesso si fa uso di lieviti chimici (acido solforico, cloruro d’ammonio, solfati, fosfati di calcio (cosiddette polveri migliorative), che consentono la lievitazione “forzata” delle farine raffinate;
    • maggiore “debolezza” intestinale dell’uomo moderno, dovuta a carenze enzimatiche, permeabilità intestinale e pessima flora intestinale. A questa condizione concorre ampiamente l’abuso di farmaci, soprattutto antibiotici e antinfiammatori.

    Antico è meglio: il monococco
    Diciamo semplicemente che il nostro organismo per rimanere in salute preferisce avere a che fare con cibi antichi e preparati nel modo più tradizionale possibile. Tutto ciò che è moderno e altamente manipolato è spesso dannoso. I problemi di “intolleranza” sono largamente un problema di “riconoscimento”: il nostro sistema immunitario si confronta con una quantità sempre maggiore di cibi inventati di sana pianta, spesso zeppi di sostanze chimiche.
    Caratteristiche
    Il farro monocco, Triticum monococcum, detto anche piccolo farro, è il primo cereale ad essere stato addomesticato dall’uomo, attorno a 7500 a.C. Si tratta di una pianta di taglia media. Le spighe contengono un solo chicco. Ha un basso rendimento, ma è adatto ai suoli poveri e aridi. Il suo ciclo vegetativo è molto lungo e si sviluppa in undici mesi. E’ molto rustico ed ha una spiccata adattabilità ad ambienti colturali diversi. Inoltre, ha un’ottima resistenza naturale alle malattie e necessita bassi livelli di concimazione. Nel complesso, quindi, ha un basso impatto ambientale ed è un ottimo grano per le colture biologiche.
    Viene coltivato in varie parti del mondo e ha ottenuto l’Indicazione Geografica Tipica in un’area delle Alpi di Provenza, dove viene attivamente coltivato e commercializzato. In Italia il Triticum monococcum è coltivato in provincia di Brescia e in Piemonte. Considerata la bassa resa, ha ovviamente un prezzo maggiore rispetto al grano, diciamo “industriale”.Aspetti nutrizionali
    Il monoccoco presenta una serie di caratteristiche che lo rendono un alimento molto nutriente e più facilmente digeribile rispetto al grano normale.
    Amidi – La struttura amidacea del monococco non è solo più piccola rispetto a quella del frumento moderno, ma è anche più compatta. Ogni varietà di grano ha due tipi di amidi, l’amilosio e l’amilopectina. Durante la digestione degli amidi, l’amilopectina è quella che viene rilasciata più rapidamente ed è quella che causa subito un picco iperglicemico. L’amilosio invece viene rilasciato più lentamente nel tratto digestivo e altrettanto lento è il suo assorbimento nel sangue. L’amido del monococco contiene molto più amilosio che amilopectina, quindi il consumo di questo cereale concorre a mantenere normali i livelli di zuccheri e di insulina nel sangue dopo i pasti e come conseguenza procura un senso di sazietà più prolungato. In aggiunta, l’amilosio contenuto nel monococco è comunque inferiore in quantità rispetto a quello che si trova in altri tipi di grano e quindi il monococco nel complesso è meno ricco di zuccheri.Il monococco possiede solo 14 cromosomi contro i 42 di un grano moderno. Con l’aumento del numero di cromosomi sono anche aumentate le dimensioni del chicco. Inoltre, anche il rapporto amilosio/amilopectina è cambiato, tanto che il grano moderno contiene il 75% di amilopectina.Proteine – si stima che il grano moderno, frutto di vari incroci e modificazioni, possiede almeno un 5% di proteine completamente nuove. Il grano moderno nasce per successivi incroci con altre graminacee (genere Aegilops). Una di queste conteneva il genoma D del glutine, varietà che è alla base dell’ intolleranza alimentare per il frumento. Il glutine del monococco è invece geneticamente di tipo A, quello più antico. Quindi, il grano moderno oltre al tipo A possiede anche i tipo D, che si porta dietro alcune modificazioni nella composizione proteica del glutine tali da renderlo potenzialmente problematico per il sistema immunitario dell’uomo.Altri fatti che riguardano il glutine e le proteine del monococco:
    • la gliadina è la frazione più allergenica del glutine e il monococco ha un rapporto gliadina/gluteina particolarmente alto, tuttavia il monococco ha mostrato un ridotto impatto in caso di allergie;
    • il rapporto proteine solubili/insolubili del monococco è di 2:1, mentre quello del grano moderno è di 8:1. Le proteine insolubili sono quelle più difficili da digerire;
    • nel complesso, il monococco ha un contenuto proteico maggiore del grano tenero e del grano duro (circa 18g% del monococco contro una media di 11g% degli altri tipi di frumento).

    Minerali, vitamine – il monococco rispetto al grano moderno contiene 3-4 volte più caroteni (beta- e alfa-carotene, luteina, zeaxantina), 4-5 volte più riboflavina e molto più fosforo.
    Francesco Perugini Billi©copyright

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    libero
    Data Registrazione
    22 Nov 2012
    Messaggi
    24,845
    Mentioned
    583 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: Anche per il mantenimento di una buona salute dovremo alimentarci come gli antich

    Leggevo da qualche parte che se oggi mangiassimo una simil-gallina vissuta prima di Gesù Cristo non associeremmo il suo sapore a quello attuale di un pollo arrosto.

    Interessanti sono gli studi sull'alimentazione dell'elite romana prima della caduta dell'impero.
    se non ci metterai troppo io ti aspetterò tutta la vita...

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Anche per il mantenimento di una buona salute dovremo alimentarci come gli antich

    Citazione Originariamente Scritto da Ucci Do Visualizza Messaggio
    Leggevo da qualche parte che se oggi mangiassimo una simil-gallina vissuta prima di Gesù Cristo non associeremmo il suo sapore a quello attuale di un pollo arrosto.

    Interessanti sono gli studi sull'alimentazione dell'elite romana prima della caduta dell'impero.
    Questa era la base dell'alimentazione del popolo romano. Sappiamo che la vita era breve dato che la media si abbassava molto per l'alta mortalità infantile, ma gli adulti erano sani basta osservare la dentatura.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-10-15, 22:35
  2. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 17-08-15, 16:37
  3. Tra poco dovremo mantenere anche questo neo parlamentare
    Di Noir nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 28-01-13, 13:59
  4. Dovremo abituarci anche a queste cose...
    Di Kobra nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-08-06, 12:09
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-01-05, 22:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226