User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree3Likes
  • 1 Post By Gian_Maria

Discussione: Norberto Bobbio - Scritti e pensieri sul socialismo

  1. #1
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,799
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Norberto Bobbio - Scritti e pensieri sul socialismo

    Il vero socialismo è rivoluzionario, non riformista.
    amaryllide likes this.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    22 Aug 2013
    Messaggi
    10,307
    Mentioned
    121 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Norberto Bobbio - Scritti e pensieri sul socialismo

    Salve a tutti, io vorrei una piccola riflessione sullo strappo di Berlinguer, per quanto Berlinguer risulti essere un uomo simpatico e persona intelligente, di sicuro superiore a molti altri politici, non pensate che rompere con l'URSS fu un grave sbaglio?
    Certamente lo strappo cominciò già nel 1968, quindi non do la colpa solo a lui, però rompendo i rapporti con l'Unione Sovietica, il PCI diventa più debole, perché perde i finanziamenti con l'Unione Sovietica, e quindi resta con pochi soldi a disposizione, difatti negli anni '70 il PCI rimane isolato, dal momento che il PSI che era alleato dei comunisti, viene fregato da Craxi.
    Considerate poi, che con la fine della guerra fredda, la sinistra italiana diventa più debole ed è costretta ad allearsi con i democristiani, quindi le debolezze attuali derivano proprio da quello strappo.
    Ultima modifica di Geralt di Rivia; 29-12-15 alle 17:25

  3. #3
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,977
    Mentioned
    328 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Norberto Bobbio - Scritti e pensieri sul socialismo

    Citazione Originariamente Scritto da Frescobaldi Visualizza Messaggio
    Per rispondere a una domanda del genere io sono il meno indicato… in quanto non sono mai stato comunista… e per di più, sull’argomento in questione, la penso più o meno come Emanuele Macaluso (che comunista lo è stato eccome), il quale sostiene che il non essersi liberato definitivamente dai suoi pesanti condizionamenti internazionali ha impedito al PCI di essere una grande risorsa politica…e lo ha relegato, in pratica, ad una sorta di “impaccio” per la democrazia italiana.
    evidentemente per il "signor" Macaluso, il comunista che si alleava coi missini, DC and co non erano condizionati dalla presenza delle truppe americane in Italia. Quanto al resto, l'"impaccio" alla democrazia comunista ha scritto la Costituzione.
    Ma lo capisco, il povero MAcaluso, col Milazzismo rischiava grosso, visto quello che diceva la Costituzione su chi rifondava partiti fascisti....

  4. #4
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma - Sicilia
    Messaggi
    12,331
    Mentioned
    33 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Norberto Bobbio - Scritti e pensieri sul socialismo

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    evidentemente per il "signor" Macaluso, il comunista che si alleava coi missini, DC and co non erano condizionati dalla presenza delle truppe americane in Italia. Quanto al resto, l'"impaccio" alla democrazia comunista ha scritto la Costituzione.
    Ma lo capisco, il povero MAcaluso, col Milazzismo rischiava grosso, visto quello che diceva la Costituzione su chi rifondava partiti fascisti....
    “Impaccio” nel senso che avrebbe pesantemente contribuito a mantenere la democrazia italiana “speciale”, e cioè incompiuta, bloccata, priva di ricambio politico, impossibilitata quasi costituzionalmente ad organizzarsi secondo le regole dell’alternanza.


    In ogni caso, come ho detto, non sono mai stato comunista… quindi, pur ritenendo un po’ ingeneroso il giudizio su Macaluso, preferisco non entrare nel merito… posso solo far rispondere lui:

    Il PCI non riusciva a fare convivere contestualmente una posizione di governo e lo strappo con l’URSS. E invece era proprio questa la sfida, perché l’una cosa teneva l’altra e viceversa, e insieme davano senso compiuto ad una svolta. Che non ci fu. […] Per come nacque e come crebbe, quindi per la sua storia e la politica che fece; per le forze sociali che ad esso prevalentemente fecero riferimento nei lunghi anni di opposizione; per la cultura di massa acquisita dai suoi militanti, ma anche dalla maggioranza dei suoi elettori, il PCI poteva costituire sia uno stimolo sia un freno allo sviluppo della democrazia italiana. E in effetti in certe fasi fu una cosa, in altre l’opposto. Ma – ecco il punto – esso non era in grado di essere il “perno” (uso la parola chiave che Berlinguer voleva inserire nel documento sull’alternativa del 1981) di un governo, cioè essere quel che erano i partiti socialisti e socialdemocratici europei, e fare come loro. Allo stesso tempo, per la sua forza, il PCI non poteva essere, come accadde per il PSI, parte minore di una coalizione.
    In un governo DC-PCI-PSI (il governo auspicato da Berlinguer) quel nodo non sarebbe, forse, emerso. Quando il PCI, invece, si candidò come riferimento principale di un’alternativa di governo riemerse con forza. E riemersero pure tutte le tossine che circolavano nel suo corpo, riemerse soprattutto il massimalismo sociale. Berlinguer, proponendo questa linea, arrestò un processo di conversione politica, che sarebbe stato ancora lento e contrastato, certo, ma rappresentava l’unica strada per dare del PCI una forza di governo.
    La contraddizione tra il ruolo di governo del PCI nella fase dell’unità nazionale e il permanere dei suoi caratteri di partito comunista sarebbe esplosa lo stessa, ma in un panorama molto più favorevole alla sua trasformazione in una forza della sinistra europea. Il processo di “socialdemocratizzazione” del PCI, di cui allora si parlava, non sarebbe stato una sciagura da evitare, ma un percorso reale, legato ad un’esperienza concreta di governo.
    Per quanto riguarda il "milazzismo":

    “… la battaglia politica, che impropriamente venne chiamata “operazione Milazzo”, si concluse con la sconfitta di un progetto ambizioso: fare crescere in Sicilia una nuova classe dirigente, dopo il colpo assestato dal movimento contadino alla grande proprietà fondiaria e ai baroni assenteisti. […] Mettere i democristiani fuori dal governo regionale, mentre sul piano nazionale la DC si avviava a guidare una nuova fase di sviluppo del capitalismo e il PSI guardava già al centro-sinistra, fu forse un azzardo. […] Ma resto tuttora convinto che quella battaglia andava fatta. […] Non ingaggiarla avrebbe significato accettare la sconfitta senza nemmeno combattere. […] Giorgio Amendola […] aveva sostenuto con convinzione “l’operazione Milazzo” in chiave antifanfaniana. […] L’ “operazione Milazzo” nacque nel lungo transito tra il centrismo e il centro-sinistra. Voleva costituire, e costituì, una forte contraddizione sia per la DC di Fanfani sia per il PSI di Nenni, il quale lavorava per l’apertura a sinistra. Dava invece una carta al PCI, che doveva uscire dall’isolamento e dallo scoramento provocati dalle drammatiche vicende ungheresi e imprimere un senso al rinnovamento proposto con l’VIII Congresso, che si era posto come obiettivo la “rottura del monopolio politico della DC”: l’esclusione del partito democristiano dal governo regionale era un fatto concreto. […] Ai miei critici sul coinvolgimento del MSI nell’operazione Milazzo non risposi solo con l’osservazione che il PCI non partecipava direttamente al governo regionale, o invocando lo stato di necessità che si era determinato per lo stesso funzionamento delle istituzioni. Dissi anche che il richiamo alla Costituzione, allo Statuto dell’autonomia e all’esigenza di respingere un atto autoritario, fatto dai deputati del MSI, era una loro (positiva) contraddizione. Nel gruppo del MSI all’assemblea siciliana c’erano anche persone per bene (a cominciare dal capogruppo Peppino Seminara), impegnate contro la mafia. E alcuni di loro volevano davvero ricollocare il partito sul terreno costituzionale. Ma, nel suo complesso, il MSI aveva un’altra anima: il richiamo al fascismo e a Salò era forte. Non è stato un caso che la difficile transizione del MSI sia avvenuta trent’anni dopo, al seguito del Cavaliere. Le anomalie della democrazia italiana avevano, e hanno ancora, radici forti e profonde nella storia di questo Paese.
    Aggiungo altresì i passi conclusivi del libro di Macaluso da cui sono stati tratti questi passi (Emanuele Macaluso, “50 anni nel PCI”, Rubbettino, 2003):

    Non credo di avere dato risposte esaurienti. […] Sono figlio del mio tempo. Sono stato un comunista italiano, ma un comunista. […] La particolarità […] del mio essere comunista è stata il fatto di non essermi mai sentito membro di un partito “diverso”.
    Ho convissuto con chi la pensava diversamente da me senza disagio, in modo particolare nella grande famiglia della sinistra.
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

 

 

Discussioni Simili

  1. Norberto Bobbio: liberalismo e socialismo in Carlo Rosselli
    Di Frescobaldi nel forum Comunismo e Socialismo Libertario
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-08-15, 06:35
  2. E' morto Norberto Bobbio
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 11-01-04, 15:51
  3. ADDIO A NORBERTO BOBBIO
    Di Lollo87Lp nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-01-04, 06:11
  4. E' morto Norberto Bobbio
    Di benfy nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-01-04, 21:13
  5. il camerata Norberto Bobbio
    Di Felix (POL) nel forum Storia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-06-03, 11:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226