User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Miles

Discussione: I martiri dell'Uganda. Quelli che respinsero le "turpi richieste" del re(cchione).

  1. #1
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito I martiri dell'Uganda. Quelli che respinsero le "turpi richieste" del re(cchione).

    I martiri dell'Uganda, quelli che respinsero le "turpi richieste" del re



    Nel programma dell'imminente viaggio di papa Francesco in Africa avrà un posto di rilievo la visita al santuario dei martiri dell'Uganda, a Namugongo, con la celebrazione di una messa, sabato 28 novembre.
    Ma pochissimi sanno e quasi nessuno racconta come e perché questi martiri furono uccisi.
    Per saperlo, basta però aprire il martirologio romano.
    Lì si legge che "san Carlo Lwanga e i dodici compagni martiri, di età compresa tra i quattordici e i trent’anni, appartenenti alla corte regia dei giovani nobili o alla guardia del corpo del re Mwanga, neofiti o fervidi seguaci della fede cattolica, essendosi rifiutati di accondiscendere alle turpi richieste del re, sul colle di Namugongo in Uganda furono alcuni trafitti con la spada, altri arsi vivi nel fuoco".
    Dove per "turpi richieste" si devono intendere le brame omosessuali del re.

    Il loro martirio avvenne nel 1886 nell'allora regno indipendente del Buganda, da poco evangelizzato dai Padri Bianchi.
    Carlo Lwanga e i dodici compagni furono beatificati il 6 giugno 1920 da Benedetto XV e canonizzati l'8 ottobre 1964 da Paolo VI, in pieno Concilio Vaticano II.
    Sul luogo del loro martirio fu eretto un santuario, inaugurato da Paolo VI durante la sua visita in Uganda nel 1969. E un altro ne fu costruito poco distante dalla Chiesa anglicana, che ebbe anch'essa i suoi martiri, in quegli anni di eccidio di giovani convertiti al cristianesimo e anche all'islam.
    Nel rito cattolico romano, la memoria liturgica di san Carlo Lwanga e dei dodici compagni martiri è fissata al 3 giugno.
    E con studiata coincidenza, proprio il 3 giugno del 2003 la congregazione per la dottrina della fede, con la firma dell'allora cardinale Joseph Ratzinger, ha emesso uno dei documenti più citati e contestati nell'attuale discussione sulla posizione della Chiesa nei confronti degli omosessuali e della legalizzazione delle loro unioni:
    > Considerazioni circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali
    In questo documento si legge:
    "La Chiesa insegna che il rispetto verso le persone omosessuali non può portare in nessun modo all'approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali".
    Nella tradizione catechistica cattolica i rapporti omosessuali continuano a figurare tra i quattro peccati che "diconsi gridar vendetta al cospetto di Dio" (secondo la terminologia del catechismo di san Pio X) o che "gridano verso il Cielo" (come nel catechismo di Giovanni Paolo II del 1992), con la denominazione di "peccato dei sodomiti".
    Ma questa tradizione sembra oggi caduta nel dimenticatoio.
    Il che non toglie che papa Francesco non è tenero quando prende di punta le giustificazioni ed esaltazioni correnti della pratica omosessuale.
    Solo quest'anno vi si è scagliato contro più volte. Ha denunciato ripetutamente "le nuove colonizzazioni ideologiche che cercano di distruggere la famiglia", colonizzazioni da lui identificate soprattutto nella "teoria del gender", a proposito della quale ha detto:
    "Io mi domando se la cosiddetta teoria del 'gender' non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa. Sì, rischiamo di fare un passo indietro. La rimozione della differenza, infatti, è il problema, non la soluzione".
    In particolare, Francesco ha denunciato più volte che questa "colonizzazione ideologica" è esercitata soprattutto contro le nazioni africane, subordinando gli aiuti finanziari all’introduzione di leggi che istituiscano il “matrimonio” fra persone dello stesso sesso. Una denuncia espressa anche nel documento finale del sinodo dei vescovi dello scorso ottobre.
    Si può quindi prevedere che papa Francesco darà nuovamente voce a questa denuncia quando in Uganda celebrerà la memoria di san Carlo Lwanga e dei suoi dodici compagni, martirizzati per aver difeso la propria castità.
    Se così avverrà, sarà interessante verificare se e quanto tale reiterata denuncia intaccherà il perdurante dominio del "brand" mondiale del pontificato di Francesco, il suo celeberrimo "Chi sono io per giudicare?" applicato agli omosessuali.
    ----------
    POST SCRIPTUM – L'omelia di papa Francesco nella messa celebrata il 28 novembre presso il santuario dei martiri ugandesi:
    > "Riceverete la forza dello Spirito Santo..."

    I martiri dell'Uganda, quelli che respinsero le "turpi richieste" del re - Settimo Cielo - Blog - L?Espresso
    Ultima modifica di Miles; 02-12-15 alle 19:36
    Grubach-Kléber likes this.
    Preferisco di no.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 132
    Ultimo Messaggio: 21-02-15, 17:03
  2. Quelli che : "i dividendi dell'euro"
    Di Leviathan nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 02-08-14, 15:42
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-09-10, 01:37
  4. I martiri dell´Estonia: "I fratelli della foresta"
    Di Iron81 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-07-04, 18:28
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-07-04, 17:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226