User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree4Likes
  • 2 Post By Draigo
  • 2 Post By FRUGALE

Discussione: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

  1. #1
    Realismo Spietato
    Data Registrazione
    06 Feb 2013
    Località
    Batteria dello Chaberton
    Messaggi
    8,972
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    Giustamente Massimo Bordin di Radio Radicale stamattina alla rassegna stampa si indignava contro queste, adesso ci mettiamo a fare i distinguo nella degenerazione?

    Femministe contro l'utero in affitto: "Non è un diritto" - Repubblica.it

    Femministe contro l'utero in affitto: "Non è un diritto"

    L'appello promosso da "Se non ora quando". "Diciamo no a chi vuole un figlio a tutti i costi"
    di ANNALISA CUZZOCREA

    ROMA. Un appello contro la pratica dell'utero in affitto. La richiesta all'Europa di metterla al bando. Il desiderio di rompere quello che viene definito "un silenzio conformista su qualcosa che ci riguarda da vicino". A promuoverlo sono le donne di Senonoraquando libere . A firmare, un mondo vasto che va dal cinema alla letteratura, dal campo universitario a quello delle associazioni per i diritti. Così ci sono Stefania Sandrelli, Giovanni Soldati, Fabrizio Gifuni, Sonia Bergamasco, Claudio Amendola, Francesca Neri, Ricky Tognazzi, Simona Izzo, Micaela Ramazzotti. E poi intellettuali come Giuseppe Vacca, Peppino Caldarola, la scrittrice Dacia Maraini. E ancora le suore orsoline di Casa Rut a Caserta, l'associazione Slaves no more di Anna Pozzi, Aurelio Mancuso, già presidente di Arcigay e ora di Equality Italia.

    Un elenco in fieri che da oggi sarà pubblicato sul sito Che libertà. Sotto un testo che recita: "Noi rifiutiamo di considerare la "maternità surrogata" un atto di libertà o di amore. In Italia è vietata, ma nel mondo in cui viviamo l'altrove è qui: "committenti" italiani possono trovare in altri Paesi una donna che "porti" un figlio per loro. Non possiamo accettare, solo perché la tecnica lo rende possibile, e in nome di presunti diritti individuali, che le donne tornino a essere oggetti a disposizione". Il nodo è quello della differenza tra desiderio e diritto. I temi sono quelli del limite, della libertà e della modernità. Per questo, racconta chi ha raccolto le firme come la docente universitaria Francesca Izzo, "mi ha colpita una certa resistenza. Molti, forse più uomini ma anche donne, hanno mostrato una singolare ignoranza della questione, si sono dichiarati troppo inesperti per esprimersi. C'è quasi la disponibilità a considerarla una cosa accettabile senza volersene troppo occupare". Dice la regista Cristina Comencini: "Una madre non è un forno. Abbiamo sempre detto che il rapporto tra il bambino e la mamma è una relazione che si crea. Concepire che il diritto di avere un figlio possa portarti all'uso del corpo di donne che spesso non hanno i mezzi, che per questo vendono i loro bambini, riconduce la donna e la maternità a un rapporto non culturale, non profondo".

    Già alcune femministe italiane - dopo quelle francesi, che hanno stilato un manifesto simile qualche mese fa - hanno sostenuto queste tesi e sono state, come scriveva ieri Avvenire, accusate di omofobia. "Ma la questione riguarda per l'80 per cento coppie eterosessuali - dice Izzo - non c'entra con i diritti dei gay che abbiamo sempre difeso. Ad esempio sostenendo la possibilità, per tutti, di adottare". Fabrizia Giuliani, docente di filosofia del linguaggio e deputata del Pd, spiega: "Mi sono battuta per la legge contro l'omofobia, mi sto battendo per le unioni civili, penso che la politica debba lavorare seriamente sulla riforma delle adozioni. Tutte cose che non sono in contraddizione con il nostro appello. In quel testo noi diciamo una cosa fondamentale: "Nessun essere umano deve essere ridotto a mezzo". Questo vale per tutti. Su questo, sul concetto profondo di libertà, dobbiamo tutti essere in grado di mettere in campo un pensiero nuovo. Il tempo di gestazione non è un tempo meccanico, quel bambino non è un oggetto, quella donna non è solo un corpo, perché il nostro corpo siamo noi".
    Grandi buchi vengono scavati in segreto, dove i pori della terra dovrebbero bastare, e cose che dovrebbero strisciare hanno appreso a camminare.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Realismo Spietato
    Data Registrazione
    06 Feb 2013
    Località
    Batteria dello Chaberton
    Messaggi
    8,972
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    Violini tzigani

    http://ilmanifesto.info/su-di-noi-un...he-a-sinistra/

    «Su di noi, “famiglie arcobaleno”, un muro anche a sinistra» Diritti. Claudia Della Seta e sua nipote, che nascerà grazie alla Gestazione per altri


    In un altro paese europeo sarebbe una storia come tante. Qui da noi, in Italia, è invece la storia di una famiglia che per i vicini di casa, per la scuola, per i colleghi di lavoro, perfino per il panettiere sotto casa è come ogni altra famiglia.
    Uguale alle altre per tutti, ma non per lo Stato. La storia di un amore tra due persone, due uomini, che come ogni coppia a un certo punto del loro percorso sentono la necessità di non essere più soli, di avere qualcuno a cui trasmettere e con cui condividere il loro amore. Di avere un figlio. Ed è la storia di una nonna, che anche lei è nonna a tutti gli effetti per tutti tranne, appunto, per lo Stato.
    Insieme formano una di quelle famiglie allargate che da tempo si definiscono arcobaleno, perché proprio come le sorprese che ti riserva la vita anche i sentimenti possono essere tanti e non sono mai di un colore solo, quello dell’eterosessualità.
    «Come mamma di un figlio omosessuale anni fa non avrei mai pensato che un giorno sarei stata nonna» racconta Claudia Della Seta, un’adolescenza vissuta a Roma negli anni ’70, un padre comunista, le prime battaglie femministe. Poi il lavoro di attrice (ha girato, fra gli altri, con Moretti e Virzì) e in seguito, lei di origine ebrea, la scelta di vivere in Israele.
    «Mio padre era un funzionario del Pci ed era decisamente filopalestinese», ricorda. «Per questa sua posizione eravamo visti con sospetto dagli ebrei. Poi, quando decisi di trasferirmi a Tel Aviv, molti miei amici della sinistra romana non capirono, vissero questa decisione come un tradimento. Per questo diciamo che in famiglia siamo abituati ad essere considerati diversi».
    In Italia ci sono almeno mille famiglie arcobaleno, riunite nell’associazione omonima, con più di 300 bambini.
    Una realtà consistente ma finora completamente ignorata dallo Stato che fatica a riconoscere a queste coppie gli stessi diritti di quelle eterosessuali. Al punto che il ddl Cirinnà sulle unioni civili, in discussione al Senato ma bloccato da mesi dall’ostruzionismo di Ncd, Lega e una parte consistente di Forza Italia, per quanto unanimemente considerato una buona mediazione tra le varie parti, esclude ancora le famiglie arcobaleno da una serie di importanti diritti. Come, ad esempio, la possibilità per i figli frutto della Gestazione per altri (Gpa) di essere inseriti nell’asse ereditario visto che viene riconosciuta la legittimità di solo uno dei due genitori. Quello escluso, e con lui la sua famiglia, per la legge non esistono.
    Cinque anni fa il figlio di Claudia, Dylan Tripp, comincia a parlarle della possibilità di avere un bambino attraverso la Gestazione per altri. Dylan ha 39 anni e da otto convive a Roma con i suo compagno. «Non so come avrei reagito se non avessi già conosciuto tante esperienze simili», racconta Claudia. «In Israele le famiglie omogenitoriali sono una realtà ormai comune. Ho aiutato a crescere tanti bambini di amici omosessuali, quindi ho avuto modo di conoscere questa realtà non sui libri, ma nella vita di tutti i giorni. Ho visto crescere questi ragazzi compleanno dopo compleanno senza problemi e oggi molti di loro andranno all’università. Tutto questo mi ha resa più aperta, e quando Dylan mi ha comunicato la loro decisione ero pronta».
    La bambina di Dylan e del suo compagno nascerà tra poco più di un mese, a gennaio. Sarà il momento conclusivo di un percorso lungo, cominciato due anni fa a Los Angeles, in California. «La donna che mi darà una nipote è una signora afroamericana che ha già diversi figli suoi — spiega Claudia -. Dylan e il suo compagno l’hanno conosciuta attraverso un’agenzia. Si sono incontrati, hanno parlato, anche con la donatrice. Hanno scelto di fare la Gpa in America proprio perché non ci fosse mai il dubbio che sfruttavano una persona povera».
    In Italia la legge 40 non consente la gestazione per altri. Ma nonostante questo destre e integralisti cattolici hanno scatenato una battaglia dai toni durissimi per cancellare dal ddl Cirinnà anche la cosiddetta stepchild adoption, la possibilità di adottare il figlio biologico del partner. Resistenze che, però, non appartengono solo alla parte più conservatrice della società. «Torno spesso a Roma e mi capita di parlare con amici progressisti, quelli che definiresti “dalla parte giusta” e mi rendo conto che su questo argomento, la gestazione per altri, ci sono ancora troppi muri», confida Claudia. «Nessuno ti dice apertamente di essere contrario, però senti che la considerano anche loro una cosa brutta. Ti fanno domande del tipo: “Ma come, tu affitti l’utero di una donna?”. Io rispondo che non è così. Spiego che la Gpa viene praticata soprattutto dalle coppie eterosessuali che non possono avere figli, come mai però finora nessuno ha detto niente? Perché l’utero della donna, del quale per secoli non è importato niente a nessuno, solo adesso è diventato sacro, ora che alla Gpa fanno ricorso anche le coppie omosessuali?. Israele è un paese con mille problemi, dove il governo fa delle cose terribili, ma per tanti motivi è molto più avanzato. Dell’Italia invece mi ha sempre colpito la nostra ipocrisia: la donna va protetta solo se si parla di come utilizza il suo utero, non nei casi di femminicidio. Non me la bevo: o siamo importanti sempre o non lo siamo mai. Credo invece che le donne che prestano il proprio corpo perché altre coppie possano avere un bambino compiano un gesto di amore».

    Un gesto di amore che però rischia di essere dimezzato una volta varcato il confine italiano, con un genitore messo all’angolo dalla legge. E che, in caso di morte del partner, allo stato attuale delle cose si vedrebbe portare via il figlio, come un estraneo. «Mia nipote potrebbe essere tolta in qualsiasi momento alle persone che l’hanno cresciuta», si indigna Claudia. «Una bambina voluta da mio figlio e dal suo compagno, ma che tutti noi condividiamo e aiuteremo a crescere. Se però dovesse succedere qualcosa verrebbe tolta a uno dei suoi genitori e data in adozione a degli sconosciuti. Che logica ha tutto questo?».
    Una delle opposizione fatte alle famiglie arcobaleno e che la “vera” famiglia sarebbe quella naturale, composta da un uomo e una donna. La vostra è dunque una famiglia innaturale? «La natura ha previsto l’omosessualità», risponde decisa Claudia. «C’è una cantante transgender israeliana che si chiama Dana International. Più di dieci anni fa vinse l’Eurofestival e in quell’occasione disse: “Io sono stata creata da Dio e Dio non fa errori”. Ecco ai cattolici che dicono di difendere la famiglia io dico che se Dio ha creato le persone omosessuali, forse dovremmo riuscire a capire perché esistono. E’ semplice, no?».
    Grandi buchi vengono scavati in segreto, dove i pori della terra dovrebbero bastare, e cose che dovrebbero strisciare hanno appreso a camminare.

  3. #3
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    Il deviazionismo in Egalia viene risolto con metodologie Mercaderiane, ma in nome dell'AMMMOOOOREEEE.
    Preferisco di no.

  4. #4
    Realismo Spietato
    Data Registrazione
    06 Feb 2013
    Località
    Batteria dello Chaberton
    Messaggi
    8,972
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    Tanto per capirci le orsoline di casa rut a Caserta sono queste (prima a sx):

    Grandi buchi vengono scavati in segreto, dove i pori della terra dovrebbero bastare, e cose che dovrebbero strisciare hanno appreso a camminare.

  5. #5
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    Ma l'avete letta quella bottana? "Dalla parte giusta"? Ma cosa vuol dire giusto, chi lo ha deciso, lurida vacca ignorante? Quale adivinità vi ha investito di tale sapienza? Abominevoli creature.

    Roghi.
    Flaviogiulio and Miles like this.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  6. #6
    Semplificare!
    Data Registrazione
    18 Dec 2010
    Messaggi
    11,520
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    L'utero è mio, e il canone d'affitto lo decido io.
    Miles and Kroenen like this.
    ...up the babooens!!

  7. #7
    Semplificare!
    Data Registrazione
    18 Dec 2010
    Messaggi
    11,520
    Mentioned
    63 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Le ho viste tutte. Femministe contro l'utero in affitto

    Citazione Originariamente Scritto da Cale Yarborough Visualizza Messaggio
    Tanto per capirci le orsoline di casa rut a Caserta sono queste (prima a sx):
    Dell'orso ha poco, ma forse a rutti pompa.
    ...up the babooens!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 28-10-15, 10:57
  2. la Nuova prostituzione: l'utero in affitto
    Di trilex nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 25-12-14, 23:18
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-03-14, 06:12
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-03-11, 11:53
  5. «Utero in affitto», l'India dice basta
    Di codino nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-03-08, 23:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226