User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
Like Tree3Likes
  • 1 Post By Kavalerists
  • 1 Post By Kavalerists
  • 1 Post By Kavalerists

Discussione: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

  1. #1
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    Mentre il mondo volge il suo sguardo sul COP21, il vertice internazionale sul clima, su Putin e l’Isis, su Damasco, sui migranti in Grecia e in Turchia, lo Yemen è in fiamme, e a fare la parte del piromane è l’Arabia Saudita, il cui ambasciatore Faisal bin Hassand Trad è presidente del gruppo consultivo del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (Unhrc) e che vede la sua politica regionale diventare sempre più aggressiva.

    Per un?analisi dell?Arabia Saudita
    LupoSciolto° likes this.
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    L’Arabia Saudita ha perso, adesso si pensi allo Yemen

    I Saud non solo non guadagnano territorio contro gli sciiti Houti, ma adesso vedono i miliziani minacciare parte del loro territorio al confine con lo Yemen: la guerra scatenata dall’Arabia Saudita è stato un disastro per Riyadh, ma adesso tocca pensare ad una soluzione per salvare la stremata popolazione yemenita

    L?Arabia Saudita ha perso, adesso si pensi allo Yemen
    LupoSciolto° likes this.
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  3. #3
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    Le facce del potere saudita

    Una rappresentazione corale ed autoreferenziale, quella avvenuta nei giorni scorsi in Arabia Saudita. Un rituale ormai noto al mondo occidentale, ma soprattutto orientale e troppo spesso tacciato di barbarie altrove. Ѐ forse una strategia atta a legittimare l’intervento in Yemen contro gli Houthi? A suscitare l’ulteriore reazione dell’Iran? Perché Obama impone sanzioni sull’esportazione di missili balistici iraniani, ma ufficialmente riconosce l’accordo sul nucleare?

    Le facce del potere saudita
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    vi segnalo una piccola comparazione tra iran-arabia saudita:
    Arabia Saudita-Iran, due Islam a confronto - Corriere.it

  5. #5
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)
    LupoSciolto° likes this.
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  6. #6
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    Verso il crollo dell’Arabia Saudita

    Mentre la dinastia Saudita si gode gli ultimi momenti della sua dittatura, la decapitazione del capo dell’opposizione, lo sceicco Nimr al-Nimr, toglie ogni speranza alla metà della popolazione araba

    Verso il crollo dell?Arabia Saudita
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  7. #7
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    Al Qaeda dichiara guerra all’Arabia Saudita

    Il leader di Al-Qaeda chiama alla violenza nei confronti dell’Arabia Saudita. Le esecuzioni di gennaio (47 persone condannate a morte e giustiziate) non hanno fatto storcere il naso solo all’Iran
    di Guido Dell'Omo - 15 gennaio 2016

    Al Qaeda dichiara guerra all?Arabia Saudita
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  8. #8
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    Riyadh in guerra su tre fronti getta la maschera

    L’aggressività politica e militare dei Saud sta portando il regno nel baratro.

    Riyadh in guerra su tre fronti getta la maschera

    L’aggressività politica e militare dei Saud sta portando il regno nel baratro.
    di Alvise Pozzi - 1 marzo 2016


    Mentre in Siria si fanno le prove di un cessate il fuoco selettivo e arbitrario, in Arabia Saudita inizia a serpeggiare il timore di una sconfitta totale che fatalmente porterebbe alla disgregazione del regno. Già diversi anni fa, in tempi non sospetti, il tenente colonnello Ralph Peters – autore di numerosi studi strategici del Pentagono – mise per la prima volta in dubbio che l’Arabia Saudita riuscisse a mantenersi entro i confini attuali; propose una mappa che ridisegnava gli Stati del Medio Oriente secondo una base confessionale, etnica e tribale1. Riyadh avrebbe perso la sovranità sui due luoghi più sacri dell’Islam – la Mecca e Medina – a favore di un ipotetico Sacro Stato Islamico; avrebbe visto i suoi territori meridionali ritornare sotto il dominio yemenita; altri finire entro una Grande Giordania e, inoltre, avrebbe assistito a un’espansione dell’influenza sciita specialmente nel Bahrein. All’epoca (era il 2006) sembrava un ardito studio ipotetico lontano dalla realtà; ma a rivederlo dieci anni dopo, sembra invece quasi profetico. Sono tempi duri per l’Arabia Saudita, probabilmente il periodo più difficile per la dinastia Saud dai tempi della fondazione dello Stato. Il recente cambio al vertice ha portato dei nuovi leader che non hanno le capacità, la lungimiranza né l’acume strategico dei predecessori. Il re Salman e suo figlio Mohammad bin Salman Al Saud – il più giovane ministro della Difesa del mondo – hanno rapidamente trascinato il Paese in una crudele guerra su tre fronti. E si sa come queste folli imprese generalmente finiscono: la Storia lo ha spesso insegnato a noi europei. Il primo fronte è naturalmente quello siriano dove Riyadh ha investito centinaia di milioni di dollari per creare, armare e finanziare i gruppi terroristici con l’unico scopo di abbattere il governo di Assad. L’intervento russo però non solo ha impedito la caduta di Damasco ma, con il sostegno dell’arcinemico iraniano e di Hezbollah, ha dato slancio alla controffensiva lealista. La guerra è praticamente perduta e solo la tregua fortemente voluta da Washington impedisce, per ora, la completa sconfitta dei “ribelli” riforniti di armi via Ankara. Anche il secondo fronte scricchiola in Yemen dove, nonostante l’imponente Coalizione sunnita e la massiccia campagna aerea, continuano i lanci di missili Qahir-1 contro le basi aeree e i punti di concentramento delle truppe saudite con risultati micidiali. Inoltre le forze Houthi e le unità dell’esercito fedeli all’ex presidente Saleh proseguono l’avanzata verso Taiz, mantenendo il controllo della capitale Sanaa. L’andamento delle operazioni così come la credibilità del moderno esercito saudita è così compromessa da aver portato Riyadh ad aver gettato la maschera e di essersi apertamente alleata con AQAP (al Qaida nella Penisola Araba). La connessione tra lo jihadismo sunnita e le forze armate saudite è ormai palese; eppure anche qui Riyadh gioca con il fuoco, perché una loro sconfitta o il loro abbandono provocherà una sicura reazione e, sia dalla Siria che dallo Yemen, non occorrono più di tre giorni per occupare i terminali petroliferi di Al Hasa. Il terzo fronte invece è quello di aver fatto crollare il prezzo del petrolio come tattica per cercare di accaparrarsi l’intero mercato petrolifero. Lo scopo era di mettere fuori gioco i grandi produttori – in primis Russia e Stati Uniti – obbligandoli a cedere quote di mercato, cosa che non è avvenuta. Non solo la Russia ha incrementato le vendite e Washington ha generosamente sostenuto finanziariamente i propri produttori, ma ha anche innescato una reazione a catena che ha depresso la crescita globale. Ora, con l’Iran tornato a esportare e il budget statale in profondo rosso si vocifera di privatizzare l’Aramco e di tagliare i sussidi statali; mossa che minerebbe la “pace sociale” del regno. Non a caso, infatti, il recente incontro con russi per trovare un accordo sul taglio della produzione arriva fuori tempo massimo. Così Riyadh, dopo aver gettato la maschera, rischia seriamente di dover gettare anche la spugna con conseguenze imprevedibili sulla penisola arabica.

    Riyadh in guerra su tre fronti getta la maschera
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  9. #9
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    Il teorema saudita: colpire Hezbollah per indebolire l’Iran

    Il teorema di Riad è figlio di una contraddizione: come può il maggior sponsor di Daesh accusare di terrorismo una forza politico-militare che in questo decennio ha conquistato la fiducia della popolazione locale? Da prolungamento della rivoluzione khomeinista, Hezbollah si è poco a poco “libanesizzato” fino a diventare il principale alleato del governo cristiano-maronita del generale Aoun.

    Il teorema saudita: colpire Hezbollah per indebolire l?Iran
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  10. #10
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,573
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: Per un'analisi dell' Arabia Saudita

    La rivoluzione sauditaRiyadh è pronta a cambiare il suo sistema economico con possibili conseguenze globali
    di Andrea Muratore - 30 aprile 2016



    L’imprevedibile Arabia Saudita riserva un nuovo colpo di scena. Da sempre enigmatico, abile a muoversi sul filo delle ambiguità e del doppiogiochismo per poter condurre i propri interessi sul piano internazionale, il governo di Riyadh questa volta gioca a viso aperto e annuncia l’imminente rivoluzione del suo sistema economico attraverso una serie di provvedimenti che potrebbero, nel lungo termine, condizionare l’intero sistema globale, modificandone i rapporti di forza attraverso una serie di ripetute reazioni a catena. Il governo saudita ha infatti dato il via libera all’ambizioso piano Saudi Vision 2030, il cui scopo è convogliare massicci investimenti su diversi settori dell’economia tradizionalmente marginali rispetto al mastodontico compound petrolifero, riducendo progressivamente la dipendenza dell’Arabia Saudita dall’oro nero. Il principe Mohammed bin Salaman, secondo in linea di successione al trono, ha espresso con chiarezza gli obiettivi di lungo termine del piano: sfruttare le grandi risorse di materie prime sino ad ora scarsamente estratte come uranio, fosfati, oro, argento; rilanciare l’occupazione; aumentare dal 40% al 60% la partecipazione dei privati all’economia nazionale; aumentare il contributo aggregato del settore non petrolifero all’economia portandolo dagli attuali 44 a oltre 267 miliardi di dollari (1000 miliardi di riyal). Il regno wahabita mira a procacciare le risorse necessarie a avviare la sua rivoluzione economica quotando in Borsa il colosso petrolifero di Stato Saudi Aramco, che rappresenta con i suoi 11 milioni di barili estratti ogni giorno e i suoi 332 miliardi di dollari fatturati annualmente la più grande impresa petrolifera del pianeta, rendendo disponibile sul mercato il 5% delle sue azioni. L’obiettivo della casa di Saud è fare di Saudi Aramco una holding con organi di governance eletti e di utilizzare gli introiti provenienti dalla quotazione del colosso, il cui valore complessivo è stimato attorno tra i 2000 e i 2500 miliardi di dollari, per alimentare il fondo sovrano saudita rendendolo il più grande del mondo. Decuplicando la propria dotazione, come desiderato dal principe Salaman, quest’ultimo raggiungerebbe quota 2000 miliardi di dollari, doppiando il fondo sovrano norvegese che rappresenta al giorno d’oggi il massimo colosso della categoria. Il potere di fuoco nelle mani dei governanti di Riyadh, se tale operazione andasse a buon fine, sarebbe immenso e consentirebbe all’Arabia Saudita di portare a compimento gli altri progetti di Saudi Vision 2030, nonché di implementare massicce iniziative di acquisizione di società estere al fine di diversificare il portafoglio operativo, sul modello di quanto compiuto negli ultimi anni dai fondi sovrani di Emirati Arabi e Qatar. La decisione del governo saudita giunge come un fulmine a ciel sereno a pochi giorni dal completo fallimento del summit dell’OPEC di Doha, che non è riuscito ad appianare le divergenze tra i diversi paesi produttori di petrolio, e rappresenta una delle scelte più decisive e influenti mai compiuta da un governo in campo economico negli ultimi decenni. Tale mossa a sorpresa, infatti, è gravida di importantissime conseguenze in campo geopolitico e rappresenta la nemesi storica della condotta tenuta dai sauditi negli ultimi mesi. Il cambio di prospettiva del regime wahabita, infatti, è dovuto in primo luogo a questioni reddituali: il crollo dei prezzi sui mercati internazionali, infatti, mette a repentaglio la stabilità economica del regno, che già nel 2015 ha dovuto registrare un deficit senza precedenti di 87 miliardi di dollari, ma a sua volta è la conseguenza delle politiche indiscriminate portate avanti dall’Arabia Saudita, che non ha mai imposto tagli alla sua produzione al fine di portare, attraverso il crollo dei prezzi, al fallimento dei concorrenti americani attivi nel campo dello shale oil. L’attrito diplomatico e strategico con l’Iran ha portato a ulteriori turbolenze nei mercati petroliferi, dato che il ritorno della Repubblica Islamica sulla scena internazionale ha aumentato le sue prospettive geopolitiche, giustificando incrementi alla sua produzione che hanno generato gli attriti con Riyadh nell’ultima sessione dell’OPEC. Da qui la presa di coscienza dei sauditi: essi si stanno rendendo conto che in futuro il petrolio potrebbe non garantire una redditività degna di quella passata e, spinti dal loro senso degli affari rodato e dal cinismo che sempre li ha contraddistinti, non hanno esitato a progettare la riorganizzazione della struttura su cui il regno ha costruito le sue fortune negli ultimi decenni per avviare un sostanziale cambiamento sistemico. Decisione che potrebbe trasformarsi in un boomerang se l’Arabia Saudita non riuscirà a trovare un adeguato bilanciamento tra lo smarcamento dalla dipendenza petrolifera e la gestione dei suoi giacimenti di oro nero, che restano immensi: basti pensare che recenti rilievi di Saudi Aramco hanno attestato una disponibilità residua di almeno 71 miliardi di barili nel solo sito di Ghawar, il giacimento più grande del mondo, fonte del 6,25% della produzione mondiale di petrolio. È ragionevole pensare che la decisione sia stata ponderata considerando ipotetico uno scenario di relativa calma nel prezzo del greggio, che dovrebbe mantenersi a livelli decisamente ridotti per diversi anni; tuttavia, se l’Arabia Saudita decidesse in futuro di disinvestire parzialmente dal suo settore chiave e di ridurre la produzione, ciò si potrebbe riflettere a livello aggregato in una diminuzione sensibile dell’offerta complessiva e perciò in un aumento del prezzo di mercato, che quindi potrebbe violare i presupposti che hanno giustificato il lancio di Saudi Vision 2030.Se invece la scelta risultasse vantaggiosa, la potenza finanziaria rappresentata dal rinvigorito fondo sovrano saudita porterebbe a un’espansione economica potenzialmente inarrestabile, che oltre a caratterizzare la ristrutturazione del sistema interno porterebbe con ogni probabilità all’acquisizione di ingenti partecipazioni in gruppi occidentali, incrementando l’influenza di Riyadh nel sistema interno dei paesi europei e nordamericani, trovando nuove maniere per esercitare pressione sui suoi tradizionali alleati occidentali. Alla casa di Saud servono continui afflussi di denaro per poter gestire la sua impegnativa politica estera, divenuta a partire da metà 2015 sempre più interventista e ulteriormente sovraccaricata dall’onerosa spedizione militare in Yemen, che rischia di trasformarsi in una disfatta militare, politica e, soprattutto, economica visti i costi sinora sopportati dal regime wahabita, assolutamente sproporzionati con gli obiettivi della missione, che prevedevano un ritorno del paese a uno status quo favorevole agli interessi di Riyadh. Difficili da prevedere sono invece gli impatti che Saudi Vision 2030 avrà sulla stessa concezione del petrolio come vettore principale delle strategie geopolitiche di potenze regionali e planetarie; l’Arabia Saudita ha da sempre funto come modello per i suoi vicini mediorientali, ed è stata vista come principale punto di riferimento dell’OPEC da parte degli Stati esterni al cartello. Il “grande gioco del petrolio”, come raccontato eloquentemente da un omonimo saggio di Benito Li Vigni, è entrato negli ultimi anni in una delle sue fasi più roventi, dato che la connessione globale delle diverse economie ha reso sempre più rilevante il ruolo del petrolio come strumento di potenza politica, che ha acquisito una rilevanza paragonabile alla sua utilità quale risorsa strategica. È difficile che la presa di posizione saudita possa, almeno nel medio periodo, modificare questo stato di cose; del resto, tra i paesi produttori il regno è sempre stato uno dei pochi a disporre esclusivamente dei benefici legati al possesso di giacimenti, risparmiandosi le turbolenze politiche interne, la destabilizzazione e il coinvolgimento in guerre sanguinose cui sono andate incontro nazioni come Libia, Iraq, Nigeria.Tuttavia, nel lungo periodo la diversificazione del portafoglio potrebbe essere una strategia in grado di far scuola, portando anche altri paesi a seguire il modello saudita. È bene ricordare che i fondi sovrani siano, oltre che motori di massicci investimenti, anche le fondamenta dello stato sociale di cui beneficiano i cittadini degli stati che producono surplus dalla vendita di petrolio. La Norvegia, ad esempio, destina tutti i proventi delle sue estrazioni al progressivo incremento del fondo destinato alle pensioni, mentre l’Arabia Saudita ha da sempre concesso agevolazioni sensibili ai suoi cittadini, che beneficiando della ricchezza prodotta dal redditizio commercio hanno da sempre destato poche preoccupazioni ai loro governanti, chiudendo più di un occhio dinnanzi al sensibile incremento di violazioni e limitazioni dei diritti umani e sociali di base posti in essere dal regime wahabita. In particolar modo, dai benefici è completamente esclusa l’enorme massa dei lavoratori stranieri (principalmente indiani, nepalesi e pakistani), chiamati in massa a contribuire all’edificazione di quartieri principeschi, grattacieli, impianti sportivi e infrastrutture in cambio di paghe misere, sottoposti a turni massacranti e privi di qualsiasi assistenza o diritto di base. Una massa nascosta, informe e disgraziata che potrebbe accrescere ulteriormente i suoi componenti a seguito dell’avvio di nuovi progetti economici in Arabia Saudita e nei paesi confinanti. Come testimoniato dal caso scandaloso delle centinaia di operai morti durante la costruzione degli stadi destinati a ospitare i Mondiali di calcio del Qatar nel 2022, essi rappresentano gli sconfitti del perverso “grande gioco” di cui il petrolio e le risorse affini sono il motore e la posta in palio. Sebbene Saudi Vision 2030 potrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione dal punto di vista economico e geopolitico, l’unica triste certezza nel contesto della penisola araba è che il popolo-ombra dei moderni schiavi conoscerà solo il volto oscuro del cambiamento, essendo destinato a fornire la manovalanza per lo sviluppo dei nuovi progetti e a doversi poi accontentare delle misere briciole lasciate dal banchetto dei fondi di investimento e degli altri potentati economici affini.

    La rivoluzione saudita
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

 

 

Discussioni Simili

  1. Morto il Re dell'Arabia Saudita
    Di Pickeroll nel forum Politica Estera
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 26-01-15, 17:03
  2. In programma l’invasione dell’Arabia Saudita
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-11-05, 22:58
  3. In programma l’invasione dell’Arabia Saudita
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-11-05, 19:50
  4. La balcanizzazione dell'Arabia Saudita
    Di cornelio nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-03-04, 14:17

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226