User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Mar 2010
    Messaggi
    502
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Alle origini dello stato di Israele - di Pier Francesco Zarcon

    ALLE ORIGINI DELLO STATO DI ISRAELE

    (Intrighi europei e dramma degli arabi)

    di Pier Francesco Zarcone

    Il sorgere della questione palestinese.
    È dalla fine della I guerra mondiale che un solco sanguinoso divide il
    mondo arabo dal mondo ebraico sionista o filosionista, e questo rappresenta il
    passaggio da un’epoca storica ad un'altra nelle relazioni fra queste due realtà, che
    per secoli avevano convissuto in modo assai diverso in Nord Africa e nel Medio
    Oriente. Le drammatiche vicende del popolo palestinese hanno formato da tempo
    oggetto dell’interesse e della passione politica delle sinistre e dei libertari, ma
    reputiamo non inutile ripercorrerne le tappe formative, quasi per meglio fissarle
    nella memoria dei compagni come chiarificazione storica di fondo di uno scenario
    che non resterà indenne dagli eventi mediorientali che si vanno svolgendo in
    questi giorni.
    In occidente il “fanatismo islamico” è ormai diventato un luogo comune
    diffuso ed alimentato dai mass-media, eppure per quanto in linea di massima
    animati da forte passionalità religiosa, a volte matrice di pulsioni integraliste, in
    termini di tolleranza relativa gli arabi, nei confronti dei seguaci delle religioni
    monoteiste, hanno una storia che non deve fare i conti con secoli e secoli di cupa
    e organizzata oppressione religiosa come invece i cristiani, soprattutto papisti.
    Laddove è stata in vigore la tradizionale legge islamica (ed al riguardo si
    tenga presente che i Wahabiti dell’Arabia Saudita ed i loro epigoni contemporanei
    fino ai Taliban del mullah Omar e ad Al Qaeda di Osama bin Laden
    rappresentano più un’innovazione estremistica moderna che non un ritorno alla
    tradizione dell’Islam che, piaccia o no ben altre civiltà ha prodotto) ebrei,
    cristiani, zoroastriani in quanto “gente del libro” (ahl al-kitáb) possono vivere in
    pace nello stato islamico pagando i tributi ed assoggettandosi ad uno speciali
    regime giuridico. Essi sono i muminum, i protetti, di cui le autorità musulmane
    tutelano vita, beni, libertà di praticare la propria religione. In cambio, i titolari
    (dimmí) di questo statuto giuridico personale pagano ogni anno una tassa
    fondiaria (kharágh) ed una tassa personale (gizyah), sono soggetti - anche nelle
    procedure penali e civili - ai propri capi religiosi operanti come etnarchi, ma non
    soggiacciono all’applicazione delle leggi islamiche.“Naturalmente” (!) non
    possono fare proselitismo religioso.
    Un tale stato di cose, sancito giuridicamente, fa certo ribellare la nostra
    coscienza sia moderna sia libertaria, ma se lo si storicizza e soprattutto se lo si
    rapporta alla situazione degli Stati europei – almeno fino alla rottura dell’unità
    religiosa dell’Europa occidentale – si comprende come mai fino all’avvento di
    Stati protestanti i dissidenti religiosi o i non cattolici quando potevano scegliere
    fuggissero nei paesi musulmani all’epoca facenti parte dell’impero ottomano (in
    Turchia probabilmente esistono ancora famiglie ebree sefardite, da tempo ivi
    residenti, che conservano le chiavi delle case che i propri antenati furono costretti
    a lasciare in Spagna e Portogallo tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo).
    Tale regime giuridico fu in vigore dall’epoca dei Califfi Omayyadi e
    Abbassidi fino a quella dei Califfi Ottomani. Taluni ebrei sotto gli Abbassidi
    giunsero a ricoprire incarichi di pubblica responsabilità, con i musulmani gli
    israeliti furono tutti massacrati dai crociati a Gerusalemme, con i musulmani
    cooperarono quando questi governavano la penisola iberica, e insieme furono
    perseguitati dala “riconquista” cattolica. Proprio in Nord Africa e Medio Oriente
    gli ebrei ebbero la possibilità di rifugiarsi e di rifarsi una vita in tranquillità
    (compatibilmente con i tempi) e prosperità. In definitiva fino al sorgere del
    sionismo arabi (musulmani e cristiani) ed ebrei vissero sostanzialmente in pace
    fra loro.
    Il sionismo si costituì come movimento organizzato nel 1896-97,
    propugnando la necessità di realizzare in termini politici l’antica aspirazione
    israelitica al “ritorno” in quella che per essi è sempre stata la terra oggetto di una
    divina “promessa” ad Abramo: «Alla tua discendenza ho dato questa terra»
    (Genesi XI, 18) altresì adducendo di essere i soli discendenti di quel Patriarca.
    Naturalmente qui prescindiamo da considerazioni sul fatto che ad attestare la cosa
    sono solo i medesimi destinatari della promessa, in testi scritti dai loro stessi
    “antenati”, senza che se ne abbia traccia alcuna da parte del divino promettente.
    In realtà, in Palestina non sono mai venuti a mancare nuclei ebraici,
    neppure a seguito delle due devastanti guerre con Roma (sotto Nerone/Vespasiano
    e sotto Adriano), ma è pur vero che dal 71 d.C. in poi l’entità numerica della
    collettività ebraica nella regione si ridusse sempre di più. Comunque gli ebrei
    palestinesi non furono mai mano del 10% delle popolazione, e sono stati – in
    definitiva – gli unici israeliti aventi titolo secolare per la permanenza in quel
    paese.
    Nel corso del tempo, peraltro, profondi legami culturali e religiosi furono
    mantenuti fra le comunità ebraiche di Palestina e i nuclei della diaspora, legami
    rafforzati dalle drammatiche e sanguinose vicissitudini degli ebrei in Europa;
    vicissitudini che mantennero viva la speranza di una futura redenzione nella terra
    dei padri. A questo si aggiunga che nella cultura ebraica risulta radicato il
    convincimento che Israele abbia da svolgere nell’umanità una missione che non
    potrebbe essere realizzata senza uno stretto rapporto col suolo della Terra Santa,
    terra che non rappresenterebbe un mero oggetto passivo, ma il socio attivo e
    vivente nell’ambito di un rapporto di matura religiosa.
    Certamente quest’aspirazione non significava la volontà o la previsione
    che tutti i professanti la fede di Abramo si trasferissero in Palestina, ma la
    certezza che un giorno tutti gli israeliti perseguitati vi avrebbero potuto trovare le
    condizioni per una nuova vita.
    Un primo movimento di emigrazione verso la Palestina (allora dominio
    degi ottomani) si manifestò con una certa consistenza verso la fine del XIX sec.,
    quando il movimento BILU (dalle iniziali del verso biblico: «Casa di Giacobbe
    venite ed andiamo», Isaia II, 5) iniziò la colonizzazione nella regione. Il
    programma del BILU stabiliva la necessità di incoraggiare e rafforzare
    l’immigrazione e la colonizzazione ebraica in Palestina attraverso la fondazione
    di colonie organizzate in forma di cooperative. Il primo gruppo di coloni,
    costituito da scampati ai pogrom russi del 1881 giunse in Palestina nel 1882, e si
    preparò nella scuola agricola di Mikvé Israel, istituita nel 1870 dall’Alleanza
    Israelitica Universale. I BILU furono presto emulati dai Chovevé Zión (amici di
    Sion), di modo che si sviluppò un flusso di immigrati che continuò fino al 1914.
    Intanto, nel 1896, il giornalista austriaco di religione ebraica Teodoro
    Herzl – sviluppata una serie di riflessioni in parte indotte dall’ondata emotiva con
    cui il caso Dreyfuss aveva colpito il mondo ebraico – pubblicava a Vienna il libro
    Judenstaadt, in favore di uno Stato ebraico a tutela degli ebrei oggetto all’epoca
    di un montante sentimento antisemita aizzato dalla propaganda delle destre
    estreme e reazionarie. L’altro importante evento successivo fu il I Congresso
    Sionista riunitosi a Basilea nel 1897, che adottò formalmente la decisione di
    costruire la patria statale degli ebrei in Palestina.
    La cosa interessante – che ha purtroppo avuto un tragica continuazione – è
    che in fondo sia Herzl sia i suoi adepti sionisti si volsero alla Palestina (per i
    motivi storico/religiosi sopra accennati) con l’atteggiamento mentale di chi
    intenda stanziarsi su un territorio privo di abitanti, atteso che degli interessi degli
    arabi palestinesi (all’epoca sudditi del Sultano di Costantinopoli) non se ne
    preoccupò nessuno. Tanto, si potrebbe dire, l’impero ottomano era così vasto che
    avrebbero potuto benissimo spostarsi da un’altra parte. In questo si può vedere
    anche l’esito della mentalità imperialista e colonizzatrice dominante da tempo
    nell’Europa occidentale e nel Nord America.
    Herzl – con una certa preveggenza politica – ad un certo punto pensò di
    cercare l’appoggio della Gran Bretagna per il progetto politico sionista, e nel 1902
    arrivò a convincere l’allora ministro delle colonie Chamberlain a permettere lo
    studio di un progetto per la sistemazione di popolazione ebraica nel Nord del
    Sinai, in quel tempo appartenente all’Egitto, che però di trovava sotto protettorato
    britannico. Il progetto si rivelò inattuabile.
    Herzl morì nel 1904, ma il movimento da lui fondato si diffuse sempre
    più, anche grazie all’appoggio concesso da Lord Rothschild, dal Barone
    Rothschild governatore della Banca di Francia e da larghi settori della finanza
    ebraica internazionale.
    Poco prima della Grande Guerra si erano ormai stanziati in Palestina circa
    12.000 coloni ebrei, a fronte dei 44.000 israeliti già ivi residenti e sudditi
    ottomani. Le organizzazioni sioniste cercarono di ottenere dal Sultano il permesso
    di costituire nel paese una vasta colonia autonoma, senza tuttavia riuscirvi.
    Peraltro, le attività di consolidamento della loro presenza proseguirono, ed in
    quegli anni Giaffa divenne il centro delle industrie e dei commerci ebraici, ed i
    Congresso Sionista decise che a Gerusalemme sorgesse una Università ebraica.
    Lo scoppi della guerra mondiale rese ancora più febbrile il lavorio di
    pressioni esercitato dai sionisti sul governo britannico (che porterà poi alla
    famigerata Dichiarazione Balfour), agevolato dal fatto che in quei frangenti la
    Gran Bretagna aveva un disperato bisogno di appoggio finanziario e di aiuto
    scientifico, che appunto finanzieri e scienziati israeliti le fornirono. E questo portò
    ad un progressivo rafforzarsi dei legami fra il governo di Londra e gli ambienti
    sionisti.
    La Dichiarazione Balfour.
    Nel novembre 1914 il dirigente sionista Herbert Samuel prese contatto con
    il Ministro degli Affari Esteri britannico, Edward Gray, invitandolo a farsi
    patrocinatore della costituzione di uno Stato ebraico in Palestina, Stato che
    sarebbe diventato alleato della Gran Bretagna proteggendo da oriente il Canale di
    Suez, e impedendo la formazione – con la sconfitta dell’impero ottomano - di un
    possibile e vasto Stato Arabo in Sira e Iraq, oggettivamente contrario agli interessi
    di Londra nella zona.
    Gray chiese a Samuel di presentare ai membri del Gabinetto un apposito
    memorandum, il che avvenne nel gennaio del 1915, ma l’idea non piacque al
    Primo Ministro Asquith ed al generale Kitchener Ministro della Guerra; entrambi
    erano convinti della necessità di puntare invece sull’aiuto arabo come elemento
    fondamentale per vincere la guerra in Medio Oriente contro l’impero ottomano
    alleato de Germania e Austria-Ungheria. A motivo delle immediate esigenze
    militari sul fronte del Canale di Suez – la Gran Bretagna compì una mossa
    destinata a complicare in prospettiva lo scenario medio orientale dopo il
    disfacimento del potere ottomano nella Mezzaluna Fertile, impantanando cioè la
    politica britannica in una rete di contraddizioni che le avrebbe fatto assumere
    palesi connotazioni di doppiezza, e le avrebbe inimicato entrambe le reali parti
    interessate dal fenomeno sionista: i sionisti stessi e gli arabi.
    Le autorità britanniche, cioè, accolsero le proposte per un’alleanza
    antiturca avanzate dallo Sceriffo della Mecca Hussein, della dinastia Hashemita, e
    le trattative con Hussein arrivarono a buon punto. Fra Hussein e Mac Mahon, Alto
    Commissario britannico al Cairo, intercorse uno scambio di corrispondenza
    attraverso cui lo Sceriffo Hashemita intendeva ottenere dalla Gran Bretagna le più
    ampie garanzie per costituire, dopo la guerra, uno Stato arabo unitario in tutta
    l’Arabia e la Mezzaluna Fertile (vale a dire, in Palestina e negli attuali territori di
    Libano, Siria, Giordania, Iraq).
    Nella corrispondenza intercorsa fra di essi non si parlò mai in modo
    specifico della Palestina, per cui Hussein ed i suoi la considerarono senz’altro
    inclusa nel nuovo Stato, mentre Mac Mahon la pensava - nascostamente - in modo
    diverso. Alla fine la Gran Bretagna comunicò a Hussein che le sue condizioni
    erano state accettate, salvo alcune riserve riguardanti il desiderio di Londra di
    conservare una sfera di influenza nella regione di Baghdad e gli interessi
    tradizionali francesi nel Levante (Libano). Nel gennaio 1916 venne stipulato
    l’accordo arabo/britannico per lo scoppio della Rivolta Araba (di cui il colonnello
    Edward Lawrence sarà il più noto personaggio mediatico): Tuttavia, ma nel
    successivo mese di maggio le stesse autorità britanniche stipularono con la
    Francia l’Accordo Sykes/Picot per la spartizione delle regioni a Nord della
    penisola araba in due rispettive sfere di influenza. Questo patto, naturalmente, non
    venne reso noto agli arabi, fino a quando i bolscevichi non misero le mani, nel
    1917, sugli archivi zaristi e ne dettero pubblica comunicazione: alle inevitabili
    proteste di Hussein Londra rispose con mere garanzie generiche.
    A complicare la situazione interveniva il fatto che nel 1916 diventò Primo
    Ministro britannico Lloyd Gorge e il concomitante peggioramento della
    situazione militare sul fronte francese fece prevalere in seno al governo di Londra
    l’opinione che fosse di maggiore convenienza favorire in qualche modo i sionisti,
    tanto più che essi, come contropartita, avrebbero potuto esplicare tutta la loro
    influenza sulla comunità ebraica americana in senso favorevole all’intervento
    degli Usa nella guerra a fianco del blocco nemico degli Imperi Centrali. A tale
    fine Lloyd Gorge iniziò a contattare il Comitato Sionista, incontrandosi con
    Chaim Weizmann il 7 febbraio 1917.
    I sionisti manifestarono un’irriducibile opposizione ad un’amministrazione
    internazionale o anglo/francese in Palestina, accettando invece di essere posti
    sotto protettorato inglese se fosse stata loro concessa la possibilità di un’illimitata
    immigrazione, di acquistare terre, e di costituire poi nel paese uno Stato
    indipendente. In cambio promisero di esplicare ogni sforzo per fare intervenire in
    guerra gli Usa. Prima di prendere accordi definitivi Lloyd Gorge ritenne
    opportuno ottenere il consenso della Francia, ed a tal fine i sionisti inviarono un
    loro emissario, Sokoloff, a Parigi per trattare con quel governo. La missione non
    riuscì, per l’opposizione degli ebrei francesi ostili al progetto sionista ed
    influenzati dal Ministro degli Esteri. Alla fine, però, Parigi dette il suo consenso
    per le pressioni di Londra.
    I sionisti mantennero le loro promesse, e dopo essere entrato in guerra il
    governo statunitense fece a sua volta pressioni su Londra affinché rendesse
    pubblici i suoi impegni verso il sionismo A questo fine intercorsero trattative fra il
    Presidente Wilson, Lloyd Gorge, il Ministro degli Esteri britannico Balfour ed i
    capi sionisti, dalle quali derivò la preparazione del testo della Dichiarazione
    Balfour del 2 novembre 1917, sotto forma di lettera di quest’ultimo a Lord
    Rothschild, membro del Comitato Sionista: «Caro Lord Rothschild, sono molto
    lieto di inviarLe da parte del Governo di Sua Maestà la seguente dichiarazione di
    simpatia per le aspirazioni degli Ebrei sionisti, che è stata sottoposta ed
    approvata dal Governo. Il Governo di Sua Maestà vede con favore lo stabilirsi in
    Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico ed userà i suoi migliori
    uffici per facilitare il conseguimento di questo obiettivo, essendo chiaramente
    comprensibile che nulla sarà fatto che possa pregiudicare i diritti civili e religiosi
    delle comunità non ebraiche esistenti in Palestina o i diritti e gli statuti politici
    che gli Ebrei godono in ogni altro paese. Le sarò grato se porterà questa
    dichiarazione a conoscenza della Federazione sionista. Sinceramente Vostro.
    Arthur James Balfour».
    Dal punto di vista linguistico/concettuale è interessante osservare che la
    stragrande maggioranza araba della popolazione palestinese fu definita “comunità
    non ebraica”: è come se si fosse chiamata “non minoranza” la più parte della
    popolazione. Se è vero che non si dà forma senza sostanza, il “lapsus” di Balfour
    è rivelatore di un chiaro modo di pensare imperialistico, tanto suo quanto del
    mondo sionista.
    Va comunque detto che la Dichiarazione non ottenne l’approvazione di
    tutti i maggiori esponenti dell’ebraismo britannico. David Alexander, Presidente
    del Comitato degli Ebrei Britannici, e Claude Montefiore, Presidente dell’Unione
    Ebraica Britannica, affermarono che il fine del sionismo poteva doveva essere la
    creazione in Palestina di un centro spirituale e religioso ebraico, non di uno stato
    ebraico indipendente. E anche Edwin Montagu, Ministro degli Affari dell’India ed
    ebreo, manifestò la sua netta opposizione in vari memorandum, basandola sul
    fatto che gli ebrei sono semplicemente membri di una religione e non già un
    popolo, per cui non avrebbe avuto senso creare uno Stato per questo “popolo”.
    Posizione condivisa nel 1917 in Italia da Luigi Luzzatti. D’altro canto, proseguiva
    Montagu, a parte che il sionismo non poteva dirsi rappresentante di tutti gli ebrei,
    la Gran Bretagna non poteva violare il principio di autodeterminazione del popolo
    della Palestina, che doveva rimanere arbitro del destino del proprio paese. Ma
    simili atteggiamenti non erano destinati ad avere successo.
    Nel 1917 Londra pubblicò la Dichiarazione Balfour, ma ciò nonostante,
    nel giugno 1918, il Residente britannico al Cairo ebbe l’improntitudine di
    dichiarare ufficialmente che «Gli arabi conserveranno la sovranità su tutti i
    territori che avranno conquistato con le armi». Tutto ciò fece diventare
    sospettosi Hussein e i dirigenti arabi a lui legati, che tuttavia non recedettero da
    una linea nel complesso moderata verso la Gran Bretagna, come risulta anche da
    una nota presentata il 4 novembre 1918 alla Commissione per l’Oriente del
    governo britannico dal colonnello Lawrence. Nella nota si affermava che gli arabi
    potevano anche accettare la creazione di un focolare ebraico a condizione che
    rimanesse sotto controllo inglese, in cambio di una riduzione al minimo delle
    concessioni territoriali alla Francia e della totale libertà per la regione peninsulare
    dell’Hedjaz.
    Ne risulta quindi che i dirigenti arabi dell’epoca, riguardo al problema di
    insediamenti ebraici in Palestina, non andarono mai oltre la linea dell’accettazione
    di un semplice “focolare”, né abbandonarono quest’atteggiamento a seguito del
    cosiddetto “accordo Weizmann/Feisal” del gennaio 1919, che diventerà uno dei
    cavalli di battaglia della propaganda sionista. In realtà Feisal (figlio di Hussein),
    nel suo incontro con l’esponente sionista Chaim Weizmann (futuro Presidente
    dello Stato di Israele), accettò sì «l’immigrazione degli ebrei in Palestina su vasta
    scala» e «l’insediamento degli immigrati ebrei nelle terre ed una coltivazione
    intensiva del suolo» precisando però che «i contadini arabi saranno protetti nei
    loro diritti ed assistiti nella tutela dello sviluppo economico», aggiungendo
    inoltre, prima di firmare l’accordo, un’importantissima riserva: «Purché gli arabi
    ottengano la loro indipendenza, come richiesta nel mio memorandum datato 4
    gennaio 1919 all’Ufficio Esteri del governo della Gran Bretagna, io sarò
    d’accordo sugli articoli di cui sopra. Ma se la più piccola violazione dovesse
    essere fatta io non sarò allora vincolato da una sola parola del presente Accordo,
    che sarà considerato nullo e di nessun conto e validità, né io sarò responsabile in
    alcun modo di nulla».
    Quindi, se Weizmann avesse chiarito a Feisal, capo della Rivolta Araba,
    che l’obiettivo del sionismo era addirittura la creazione di uno Stato ebraico
    indipendente in Palestina, in nessun modo Feisal avrebbe firmato. Invece
    Weizmann fu molto abile nel rassicurare il capo arabo e nell’assicurargli che
    avrebbe esplicato tutta la sua influenza per fare ottenere agli arabi l’indipendenza.
    Finita la guerra ed iniziata a Parigi la Conferenza della Pace, gli arabi
    cercarono disperatamente di ottenere dai britannici il rispetto delle promesse
    fatte, ma senza alcun esito. Per calmare le proteste arabe nel 1919 gli Alleati
    inviarono nel Medio Oriente la Commissione King-Crane, che propose la
    creazione di una Siria unita comprendente Libano e Palestina – il che avrebbe
    soddisfatto una fondamentale esigenza araba - e sostenne la necessità di apportare
    «serie modifiche al programma estremista sionista per la Palestina concernente
    l’illimitata immigrazione ebraica, in vista dell’obiettivo di fare della Palestina
    uno Stato prettamente ebraico».
    In più tale Commissione aggiungeva che «ripetutamente negli incontri
    della Commissione con esponenti israeliti è risultato che i sionisti mirano ad una
    estromissione praticamente completa degli attuali abitanti non ebraici mediante
    varie forme di acquisto», per cui «La Conferenza della Pace non dovrebbe
    chiudere gli occhi dianzi al fatto che il sentimento antisionista in Palestina e in
    Siria è intenso e non può essere preso alla leggera. Nessun ufficiale consultato
    dai membri della Commissione ritiene che il programma sionista possa essere
    attuato se non con la forza delle armi (…). Questo sta a dimostrare da parte della
    popolazione non ebraica della Palestina e della Siria un forte risentimento per
    l’ingiustizia del programma sionista. Le decisioni che per essere attuate
    richiedono l’intervento degli eserciti sono talvolta necessarie, ma certamente non
    vanno prese gratuitamente per favorire l’ingiustizia».
    La Conferenza della Pace non tenne in alcun conto queste
    raccomandazioni, ed in Medio Oriente la situazione precipitò. Una delegazione
    sionista recatasi a Parigi ottenne dalla Conferenza che alla Gran Bretagna venisse
    attribuito il mandato sulla Palestina, regime che venne poi approvato nel luglio
    1922 dalla Società delle Nazioni, con l’esplicita raccomandazione di rispettare il
    testo della Dichiarazione Balfour. Nel 1920 la medesima neocostitutita Società
    aveva affidato alla Francia il mandato su Siria e Libano, proprio mentre si riuniva
    a Damasco un Congresso Panarabo da cui Feisal uscì nominato re della Siria.
    L’intervento armato francese distrusse radicalmente le speranze arabe, atteso che
    la Francia si oppose anche alla costituzione della Siria in Stato arabo sotto
    protettorato, come invece era stato deciso a Sanremo dalla Suprema Conferenza
    Interalleata.
    Per cercare di ridurre il montante odio arabo nei suoi confronti, la Gran
    Bretagna nel marzo 1921 convocò al Cairo una Conferenza per gli Affari
    d’Oriente, in cui Churchill – facendo proprie le proposte di Lawrence – ottenne
    che:
    a) Feisal diventasse re dell’Iraq e che il mandato su quel paese (concessogli a
    Sanremo) si trasformasse in alleanza anglo/iraqena;
    b) ad Abdullah, fratello di Feisal, fosse dato il regno di Transgiordania, sotto
    mandato britannico;
    c) la Gran Bretagna mantenesse il mandato in Palestina per controllare
    l’evolversi del focolare ebraico.
    Quando ancora non si era del tutto calmato il malcontento arabo in
    Palestina, il governo di Londra – cedendo alle ben sostenute pressioni sioniste –
    nominò Alto Commissario per la Palestina Sir Erbert Samuel. Agli occhi degli
    Samuel arabi aveva una caratteristica poco adatta a garantirne l’equilibrio: era di
    religione ebraica. La conseguenza fu che la popolazione locale (come c’era da
    aspettarsi) prese la nomina per un affronto, scoppiarono torbidi sanguinosi nel
    paese con la morta di parecchi ebrei ed arabi. La doppiezza britannica creò un
    solco di odio degli arabi nei confronti di Londra durato per parecchi decenni ed è
    alla sua luce che si spiega come, per esempio, Nasser fu subito creduto quando nel
    giugno 1967 accusò i britannici di aver mandato aerei in auto di Israele.
    I Palestinesi in modo particolare si sentirono brutalmente traditi ed
    abbandonati ad un’invasione di stranieri che si comportavano ben presto come
    padroni in base alle loro rivendicazioni “bibliche e storiche”. Dal punto di vista
    delle dotte contese non era difficile per gli arabi controbattere che anch’essi erano
    discendenti di Abramo, in quanto avevano come ascendenteil di lui figlio Ismaele;
    che erano stanziati sul territorio da circa 1.300 anni; oppure che era ben opinabile
    un asserito diritto storico sulla Palestina vantato da russi, polacchi, danubiani etc.
    sol perché di religione ebraica, etnicamente e culturalmente distinti dagli ebrei
    palestinesi che per secoli avevano continuato, senza interruzione, ad abitare nella
    regione. Ma al di là delle diatribe storico/teologiche i palestinesi erano ben
    consapevoli di quello che poi si sarebbe verificato, che cioè il sionismo li avrebbe
    ridotti a cittadini di second’ordine se non addirittura di sudditi., alla mercé dei
    “veri discendenti di Abramo”. D’altro canto le prese di posizione dei maggiori
    rappresentanti del sionismo non erano oggettivamente tali da rassicurare. Nel
    1919 Weizmann affermò a Parigi che bisognava fare della Palestina un paese
    ebraico così come l’Inghilterra è un paese inglese; e Sylvain Levi sosteneva che,
    essendo la Palestina troppo popolata da arabi, gli ebrei non avevano altra scelta
    che privarli dei loro beni. C’erano quindi tutte le condizioni perché il nascente e
    subito deluso nazionalismo arabo si scontrasse col nascente, baldanzoso e ben
    diversamente appoggiato a livello internazionale, nazionalismo sionista.
    Gli anni del mandato britannico
    Durante gli anni del loro mandato in Palestina le autorità britanniche – con
    una sconcertante mancanza di senso della realtà – rimasero attaccate al punto di
    vista che gli impegni assunti con i sionisti non erano incompatibili con il
    precedente impegno a tutelare i diritti degli arabi, e che la creazione del focolare
    ebraico era possibile senza arrecare danno alla popolazione araba, nonostante la
    brutale franchezza dei sionisti al riguardo; franchezza che nel 1922 e poi nel 1930
    costrinse il governo britannico a due prese di posizione ufficiali sul problema. Nel
    1922, Churchill dichiarò che era intenzione della Gran Bretagna creare in
    Palestina uno Stato ebraico, ma non di trasformare tutta la Palestina in Stato
    ebraico, aggiungendo però che l’immigrazione ebraica doveva essere consentita in
    base alla «capacità di assorbimento del paese». E nel 1930 il governo del
    laburista Ramsay Mac Donald respinse le richieste sioniste secondo cui l’obbligo
    di istituire il focolare ebraico doveva avere la precedenza su tutti gli altri impegni
    assunti dalla Gran Bretagna verso le comunità non ebraiche della Palestina (le
    quali, per inciso, si erano unite nella lotta contro il comune pericolo sionista).
    Tuttavia a quel punto si ebbe una prova del reale potere dell’influenza della lobby
    sionista, in quanto Mac Donald si rimangiò sostanzialmente la dichiarazione.
    Durante gli anni del consolidarsi del potere nazista in Germania il numero
    degli immigrati ebrei in Palestina crebbe a dismisura, raggiungendo il totale di
    60.000 unità l’anno, mentre corrrelativamente si estendeva nel paese il controllo
    sionista sulle risorse naturali e sulle pubbliche imprese del paese, quali l’energia
    elettrica, l’estrazione di materiali dal Mar Morto e l’irrigazione. Dopo una cruenta
    rivolta araba scoppiata nel 1936, la Gran Bretagna inviò nel paese una Reale
    Commissione per accertarne le cause e per definire una soluzione del problema.
    La Commissione riconobbe finalmente l’impossibilità di comporre il conflitto fra
    arabi ed ebrei sionisti, l’irrealizzabilità della politica condotta fino ad allora da
    Londra ma, distruggendo praticamente tutti i buoni propositi, indicò come
    soluzione la spartizione del paese in due Stati, uno arabo e uno ebraico. Gli arabi
    protestarono in massa ed esplosero nuove ondate terroristiche. In termini politici
    da parte araba venne reiterata l’esigenza di costituire tutta la Palestina in Stato
    indipendente senza forzate inclusioni nel mondo arabo di uno Stato straniero, e di
    far cessare l’immigrazione di colonizzatori europei di religione ebraica.
    La Gran Bretagna inviò allora in Palestina la Commissione Woodhead per
    studiare il progetto di spartizione, ma essa lo dichiarò irrealizzabile. Si decise
    quindi di convocare a Londra esponenti arabi e ebrei per una Conferenza della
    Tavola Rotonda, estendendo l’invito a Egitto e Iraq, a questo punto
    implicitamente riconoscendo la sostanziale unità del mondo arabo che era stata
    negata dalla pace del 1919. Poiché non si giunse a nessun accordo, il governo
    britannico, per dare soluzione al garbuglio da esso stesso creato, optò per una
    soluzione unilaterale: il Libro Bianco. In esso si esprimeva il proposito di
    costituire entro dieci anni uno Stato indipendente palestinese in cui arabi ed ebrei
    avrebbero ugualmente partecipato al governo e, prima di allora, l’immigrazione
    sarebbe stata limitata ad un massimo di 150.000 unità, in modo da lasciare il
    rapporto numerico arabi/ebrei nei limiti del 3 a 1. Furono altresì vietati nuovi
    acquisti di terre da parte di ebrei.
    Gli arabi nell’insieme rimasero soddisfatti dal Libro Bianco, si
    tranquillizzarono e non si prepararono al peggio che sarebbe inevitabilmente
    venuto per il palese contrasto fra il Libro Bianco e le intenzioni finali
    dell’imperialismo sionista. I sionisti, infatti, intensificarono gli sforzi per mettere
    a punto un loro apparato militare, in maniera da finire con l’essere abbastanza
    forti da costringere prima o poi i britannici ad abbandonare la partita ed
    impadronirsi quindi di tutto il paese. Allo scoppi della II Guerra Mondiale, poi si
    arruolarono in un certo numero nelle forze armate britanniche, per fare una
    preziosa pratica militare e poter vantare un credito morale verso Londra a causa
    del contributo fornito nella lotta al comune nemico nazista.

    (continua)

    http://www.aaargh.codoh.info/fran/li...iginistato.pdf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Mar 2010
    Messaggi
    502
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Alle origini dello stato di Israele - di Pier Francesco Zarcon

    La dichiarazione ONU di spartizione e la prima guerra arabo/israeliana.
    Alla fine del secondo conflitto mondiale la questione palestinese tornò ad
    essere oggetto dell’attenzione dei politici britannici, anche a causa
    dell’intensificarsi dell’attività terroristica delle formazioni paramilitari sioniste
    (che nel corso delle loro azioni realizzarono due colpi di rilevante impatto: la
    distruzione dell’ambasciata britannica a Roma, a Porta Pia, la collocazione di un
    ordigno, che fortunatamente non esplose, nella sede del Parlamento britannico a
    Londra, l’attentato al’Hotel King David di Gerusalemme). In Palestina il
    contingente militare britannico passò rapidamente a 200.000 unità, nel vano
    tentativo di porre fine alle azioni armate di Haganah, Irgun e Banda Stern. Nel
    1947 il disegno sionista cominciò a realizzarsi appieno.
    In Europa e negli USA – a parte le pressioni filosioniste interne – la
    questione finì con l’essere vista esclusivamente alla luce del genocidio perpetrato
    dai nazisti, per cui gli arabi non potevano destare soverchie simpatie, anzi erano
    facilmente presentabili come degli aspiranti emuli di Hitler nel levante
    mediterraneo, in ciò facilitati dalle stesse rodomontate verbali di tanti loro
    esponenti. Di modo che pur essendo per lo più semiti si attirarono la taccia di
    antisemiti!
    Dopo avere inutilmente esperito un ultimo tentativo per comporre
    pacificamente la situazione, il 18 febbraio 1947 la Gran Bretagna prese la
    pilatesca decisione di deferire all’ONU il problema della Palestina. Il 29
    novembre dello stesso anno l’Assemblea Generale dispose la spartizione del
    territorio palestinese in due Stati – uno arabo e uno ebraico – di cui vennero
    tracciate, più che le frontiere, le zone di rispettiva competenza, disegnando una
    mappa a “macchie di leopardo”. Gerusalemme venne internazionalizzata. I
    sionisti, in definitiva, ottennero il 56% della Palestina!
    Il piano di spartizione prevedeva esplicitamente – oltre ad un’utopistica
    forma di unione economica di tutta la regione – che lo Stato ebraico rispettasse i
    fondamentali diritti umani, civili e politici degli arabi residenti sul suo territorio, e
    riguardo alla questione delle proprietà arabe disponeva che «Nessuna
    espropriazione di terreni posseduti da Arabi nello Stato ebraico sarà permessa se
    non per ragioni di pubblico interesse. In tutti i casi di espropriazione, inoltre,
    dovranno essere prima dell’esproprio corrisposte tutte le indennità nella misura
    fissata dalla Corte Suprema». Tutte queste disposizioni sarebbero restate lettera
    morta.
    Tanto ieri (quando ipocritamente si manifestava un formale ossequio al
    diritto internazionale) quanto oggi (in cui dal 1992 in poi l’arroganza Usa ci ha
    fatto tornare alla dimensione hitleriana del puro diritto della forza e del palese
    disprezzo per il diritto internazionale) parlare di problemi giuridici può sembrare
    comico. Ma vale la pena farlo solo per chiarire certe situazioni al di là delle stesse
    finzioni giuridiche laddove esistono. Sulla titolarità di un potere giuridico
    dell’Assemblea Generale dell’Onu a disporre la spartizione della Palestina si
    potrebbe discutere assai, non avendo nell’ordinamento internazionale
    quest’organo né carattere legislativo né carattere giudiziario, di modo che la sua
    risoluzione tutt’al più poteva valere come semplice raccomandazione. Per non
    parlare del fatto che l’Onu ha così violato un principio basilare del suo stesso
    statuto, cioè la tutela del diritto di autodeterminazione dei popoli. E le popolazioni
    di Palestina – gli arabi (cristiani, musulmani, drusi, ed eventualmente atei), gli
    ebrei ostili alla creazione di uno Stato di Israele prima dell’avvento del messia,
    per motivi religiosi, e gli ebrei sionisti, invece favorevoli – non furono
    interpellati.
    Dopo tale decisione dell’Onu, durante i sei mesi che precedettero la
    proclamazione dello Stato di Israele i sionisti intensificarono le azioni
    terroristiche ai danni degli arabi palestinesi (famoso il massacro del villaggio di
    Deir Yassin) per indurli ad abbandonare tutto il paese, e le loro forze paramilitari
    scorrazzarono ampiamente nella zona assegnata dall’Onu allo Stato arabo. Al che
    – dopo il ritiro delle forze armate britanniche – l’intervento militare dei paesi
    arabi confinanti, che si verificò il 15 maggio 1948, finiva con l’essere necessario
    per difendere i palestinesi vittime delle atrocità e del terrorismo sionista, e privi di
    un apparato paramilitare pari a quello ebraico. Cominciava così il primo conflitto
    arabo/israeliano, che manifestò subito l’impotenza dell’Onu (il suo mediatore,
    conte Bernadotte, fu ucciso in Palestina da terroristi sionisti), e si interruppe
    malamente per i palestinesi con gli accordi armistiziali del 1949 fra Israele, da un
    lato, e Giordania, Siria, Egitto e Libano, dall’altro lato.
    Israele occupò il 77% della Palestina e la maggior parte di Gerusalemme,
    Abdullah di Giordania occupò ed annesse la Cisgiordania palestinese, e l’Egitto si
    prese la striscia di Gaza. Un milione e mezzo di palestinesi finì profugo a chiedere
    la carità dell’Onu, mentre i regimi arabi pensavano alle cose proprie. Va detto, per
    quello che vale, che gli accordi di armistizio non contavano nulla che
    formalmente pregiudicasse i diritti dei palestinesi. Ma a decidere davvero era la
    forza delle armi, che stava nelle mani di Israele.
    Un secondo conflitto scoppiò nel 1956, ed anch’esso si interruppe con un
    armistizio, il cui assetto fu simile a quello precedente.
    Quattro questioni – foriere di ulteriori sanguinosi contrasti – erano state
    lasciate irrisolte da questi due armistizi, che comunque non avevano posto fine
    alla guerra: il problema dei profughi arabi, la navigazione nel golfo di Aqaba ed
    attraverso gli Stretti di Tiran, la navigazione nel canale di Suez, Gerusalemme che
    l’Onu aveva internazionalizzato e Israele occupato per una buona metà. Il
    problema dei profughi riguardava circa 1.500.000 arabi palestinesi cacciati
    brutalmente, o spinti ad andarsene, da un’invasione armata di stranieri europei di
    religione ebraica. La propaganda sionista prima, ed israeliana poi, ha sostenuto
    che essi in realtà non furono cacciati dal proprio paese, ma se ne andarono
    spontaneamente, indotti a ciò dalla perfidia dei capi arabi, che fidando nel rapido
    esito dell’intervento degli eserciti di Egitto, Giordania e Siria, volevano avare
    mano libera per il massacro degli ebrei, ed evitare di fare vittime fra i propri
    confratelli. La bugia è rivelata dallo stesso comportamento dei sionisti prima
    dell’intervento degli Stati arabi confinanti. Abbiamo detto che la decisione
    dell’Onu fu nel novembre 1947, e l’intervento militare arabo a maggio del 1948:
    orbene – tanto per fare due esempi - un dirompente attentato ebraico all’Hotel
    Semiramis di Gerusalemme avvenne il 4 gennaio 1948, e la gratuita e terroristica
    strage di uomini, donne e bambini arabi fatta dai sionisti a Deir Yassin il 9 aprile
    dello stesso anno.
    Nel 1948 l’Onu in una sua risoluzione stabilì che «ai profughi desiderosi
    di tornare alle loro case ciò fosse permesso non appena possibile, e che si dovesse
    corrispondere un risarcimento in cambio delle proprietà a coloro che scegliessero
    di non tornare; e per la perdita o il danno alle proprietà, secondo i principi della
    legislazione internazionale o secondo equità, il risarcimento dovesse essere
    corrisposto dai governi o autorità responsabili». Ma non si è mai fatto nulla in tal
    senso per indurre Israele ad ottemperare, anzi è noto che Israele non rispetto
    nessuna risoluzione dell’Onu, e nessuno l’ha bombardata per questo, costituendo
    un bastione dell’imperialismo Usa nella regione, e un complice per tante azioni
    sporche in Medio Oriente e America Latina.
    Aqaba e Stretti di Tiran. Israele si affaccia nel golfo di Aqaba in
    violazione della risoluzione dell’ONU del 1947, poiché quella zona non le era
    stata assegnata, e fu da essa occupata dopo la firma degli accordi di armistizio del
    1949, le cui mappe non riportano quella parte di territorio. Il 10 marzo di
    quell’anno gli israeliano attaccarono il Negev meridionale, occuparono il
    villaggio di Umm Rashrash e vi fondarono poi Eilath. L’Onu non intervenne.
    Nel 1950 l’Egitto, per tutelare interessi propri e dell’Arabia Saudita,
    occupò le isole di Tiran e Sanafir, che appartenevano a quest’ultimo paese, con il
    consenso di Riyad. Nel 1955, l’Egitto, perdurando lo stato di guerra con Israele,
    vietò il passaggio degli Stretti alle navi da guerra israeliane e ai mercantili anche
    di paesi terzi se si rifiutassero di sottostare ai suoi controlli. La cosa costituì il
    “casus belli” per la guerra del 1956 e del 1967, anche se difficilmente il golfo di
    Aqaba potrebbe essere considerato facente parte di acque internazionali, poiché la
    sua larghezza non supera le diciassette miglia, di modo che le sue acque rientrano
    nelle acque territoriali dei paesi che vi si affacciano. Anche il divieto di passaggio
    di navi israeliane nel canale di Suez fu motivato dall’Egitto (prima della pace fatta
    da Sadat) con la persistenza dello stato di guerra.
    Nell’immaginario collettivo europeo – dominato dalla propaganda
    israeliana, dal conformismo dei media, dall’influsso lacrimevoli film/stereotipo
    come “Exodus”, dalla sua cattiva coscienza verso gli ebrei – la Guerra dei 6
    Giorni scoppiata nel 1967 è stata vista come la lotta fra il Davide sionista ed il
    Golia arabo. La realtà è un po’ diversa, e se il pretesto fosse stato costituito solo
    dal problema delle libertà di navigazione nel golfo di Aqaba ed attraverso gli
    Stretti di Tiran, Isarele avrebbe ben potuto ragionevolmente esperire prima
    un’azione presso la Corte Internazionale di Giustizia. Questo non fu possibile,
    perché ad un Israele ormai militarmente fortissimo le azioni di Nasser -
    malaccorte, e non preparate diplomaticamente - dettero il pretesto per coronare il
    sogno sionista: il controllo totale di Gerusalemme e delle Palestina, un’ulteriore
    riduzione della popolazione araba nella regione, il controllo dei pozzi petroliferi
    nel Sinai giungendo fino al Canale, e inoltre consentirono al governo di Tel Aiv di
    fronteggiare problemi interni socio/economici che minacciavano di esplodere.
    Per la prima volta dal 1947, a seguito di una profonda crisi economica e
    finanziaria, in Israele si era manifestato il preoccupante fenomeno di
    un’emigrazione ebraica verso altri paesi, col rischio che – continuando
    quest’esodo – si verificasse una più o meno prossima disgregazione del tessuto
    sociale dello Stato. La posizione aggressiva di Israele nella regione non si ridusse
    affatto per questo. Nel novembre 1966 vi furono incursioni in Giordania, e
    nell’aprile 1967 nel cielo di Damasco si ebbe uno scontro aereo fra aviogetti
    siriani ed israeliani. Oltre tutto era chiaro l’intento israeliano di rovesciare il
    regime siriano dell’epoca. Nel frattempo la penisola del Sinai era stata
    smilitarizzata e truppe Onu si erano disposte sul confine con Israele, anche col
    compito di assicurare la navigazione nel golfo di Aqaba alle navi neutrali e
    israeliane. Tuttavia era stato convenuto che queste truppe, essendo state stanziate
    con il consenso del Cairo, avrebbero dovuto lasciare il territorio egiziano se il suo
    governo lo avesse richiesto.
    Dopo il raid israeliano su Damasco le pressioni di Israele sui paesi arabi
    non scemarono di intensità per cui nel maggio 1967 lo Stato Maggior egiziano
    chiese che le truppe Onu si ritirassero dalla frontiera ripiegando verso Gaza. Gli
    Stretti di Tiran tornarono provvisoriamente sotto controllo egiziano. Tutto questo
    doveva avere il valore di monito verso i sionisti e di controbilanciamento della
    pressione di Israele sulla Siria, come chiarì Nasser a Johnsonn. Ma l’Egitto aveva
    solo chiarito, ma non aveva concordato nulla col “patron” di Israele a
    Washington, e gli israeliani non apsettavano altro.
    La mossa difensiva araba venne facilmente presentata all’opinione
    pubblica mondiale come un tentativo di ripetere le gesta hitleriane. In quattro
    giorni il presunto “Davide” spazzò via gli eserciti del povero “Golia”. E si arriva
    così alla storia contemporanea: terribile incremento dei numero dei profughi,
    privazione dei diritti della popolazione nella Cisgiordania occupata, guerra in
    Libano, creazione di armi di distruzione di massa in Israele, Intifada etc. E ancora
    sangue nella regione, e razzismo israeliano verso i palestinesi.
    Sosteneva Pio XI che la storia sarà pure maestra di vita, ma ha pochi
    allievi. Ammesso che il giudizio sia esatto, certo è che il sionismo, i dirigenti e le
    classi politiche dello Stato di Israele sono un’eccezione, poiché hanno appreso
    bene le lezioni della storia passata degli ebrei in Europa. Hanno cercato il potere,
    hanno costituito uno Stato essenzialmente capitalista, razzista, sfruttatore,
    imperialista, dispregiatore del diritto internazionale e delle dignità dei popoli e
    delle persone, hanno fatto propria la filosofia nazista della rappresaglia, hanno
    torturato in Palestina e dove il protettore Usa ha chiesto una mano contro ribelli e
    sovversivi. Hanno dimostrato ancora una volta che il potere nega la morale e, in
    buona sostanza hanno insultato la memoria ed il dolore dei morti dell’Olocausto,
    dei loro morti Ed oggi il soldato israeliano, arrogante, prepotente, che uccide
    donne e bambini, che blocca malati e partorienti ai posti di controllo, che si sente
    chiamato dal suo dio a dominare in quella terra, fa pensare – e dispiace - a quando
    altri giovani conn altre divise e con altri simboli facevano cose analoghe. Ma il
    principio di base è sempre lo stesso: “Noi siamo gli eletti” (dalla razza, da dio,
    non importa). Chi lo dice? “Ce lo diciamo da soli. Non potrete dimostrare il
    contrario se non quando avrete (se l’avrete) una forza militare capace di batterci”.
    Se ne può prendere atto realisticamente, ma almeno ci si risparmi
    l’ipocrisia del vittimismo.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-01-09, 01:42
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-01-09, 19:47
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-01-09, 14:46
  4. La folle brutalità dello stato d'israele
    Di ulfenor nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-08-06, 18:03
  5. La BRUTALITÀ DELLO STATO DI ISRAELE
    Di Marcellus nel forum Politica Estera
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 18-07-06, 15:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226