User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
Like Tree5Likes

Discussione: Ogni tanto ritornano...

  1. #1
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Ogni tanto ritornano...

    http://www.uccronline.it/2015/12/13/jerry-coyne-ci-riprova-ma-non-reggono-i-suoi-argomenti-contro-dio/

    Ve li ricordati i cosiddetti “cavalieri dell’ateismo“? Quel gruppetto di simpaticoni (Dawkins, Harris, Dennett e Hitchens) che ha tenuto banco fino al 2010, inondando le librerie con volumi nei quali descrivevano le prove scientifiche dell’inesistenza di Dio e dibattevano su quanto andrebbero odiati e rinchiusi nei manicomi tutti coloro che hanno fede in Lui?
    Tanto fumo, poi spariti nel nulla. Dopo la morte del compianto Christopher Hitchens, gli altri hanno avuto un piccolo sbandamento: Richard Dawkins, da “ateo più famoso del mondo” è passato a definirsi “agnostico” e, infine, “cristiano culturale” (tanto che recentemente ha criticato i cinema inglesi che si sono rifiutati di proiettare un annuncio della Chiesa d’Inghilterra sulla preghiera del “Padre nostro”). Il filosofo Sam Harris, invece, ha fatto “coming out” e ha deciso di diventare una “persona spirituale”, rifiutando l’ateismo. Daniel Dennett si è ritirato in pensione godendosi finalmente le sue 73 primavere. Per questo siamo stati catapultati improvvisamente nel passato quando ci è capitato recentemente di leggere un’intervista a Jerry Coyne (nella foto qui a fianco), biologo in pensione, che ha sempre ruotato attorno ai già citati “4 cavalieri” senza però riuscire mai a trovare abbastanza spazio, covando parecchia invidia. Nel 2011 infatti si lamentò che ai “raduni atei” si respira troppa aria «di autocompiacimento, scarso livello, debolezza dei colloqui e fanatismo verso alcuni atei famosi (come Richard Dawkins)». Per questo, disse, «ho rifiutato diversi inviti». Nel 2014 abbiamo ripreso un’altra sua dichiarazione, quando ha sostenuto: «Dato che i genitori possono (purtroppo) legalmente fare proselitismo verso i loro figli a casa, non vi è alcuna giustificazione per sostenere pubblicamente l’educazione religiosa fuori casa». No comment.
    Nella recente intervista ha rispolverato “le prove scientifiche dell’ateismo” usate per anni dai suoi colleghi più famosi: «ci sono una serie di cose nell’evoluzione e nella scienza che minano la religione. Prima di tutto, il fatto che la storia Genesi è sbagliata. Non ci sono prove che ci sia una funzione qualitativamente diversa tra gli esseri umani e le altre specie, tranne forse il linguaggio. Noi non siamo prodotti speciali della creazione di Dio». E’ l’argomento del riduzionismo: per negare Dio si cerca di negare l’uomo e la sua unicità rispetto al resto della natura. Oltre al fatto che la Genesi non sbaglia perché non pretende essere un libro scientifico sulla creazione dell’Universo e non è stato scritta con questo scopo, non ha senso sostenere che il linguaggio sia l’unica cosa che ci differenzia dal mondo animale. Anche prima di saper comunicare verbalmente (anche se si respinge la teoria del protolinguaggio di Bickerton bisogna comunque ammettere che l’uomo, ad un certo punto, ha voluto iniziare a codificare un linguaggio), infatti, l’uomo sperimentava già le sue incredibili capacità cognitive: l’autocoscienza di sé, il senso religioso, la moralità, il pensiero astratto, il simbolismo, il desiderio di vivere e non soltanto sopravvivere ecc. Tanto che il biologo evoluzionista Marc Hauser, docente presso l’Harvard University e uno dei maggiori esperti nel campo della cognizione animale e umana, ha proposto che sia più interessante studiare le differenze tra animali e uomo piuttosto che rimarcare le analogie, tanto da coniare il termine, “humaniqueness”, per sottolineare il divario insormontabile tra uomini e animali. «Non siamo animali», ha scritto nel 2008 il celebre evoluzionista americano. «Dimenticate tutte le notizie sul nostro patrimonio genetico comune con gli scimpanzé. Questi dati sul patrimonio genetico comune non ci danno alcuna informazione sul problema della nostra unicità, la nostra humaniqueness». E’ proprio l’evoluzione oggi a mettere al centro dell’Universo l’essere umano, dandogli un posto privilegiato. Diversi filosofi, inoltre, come Alvin Plantinga, hanno rilevato l’autoconfutazione dell'”argomento riduzionista”, usato anche da Coyne, facendo notare che se si vuole relegare le nostre esperienze cognitive a epifenomeni del cervello, per tentare di negare l’unicità umana, allora si distrugge anche la razionalità dato che il pensiero è sostituito da semplici eventi neurali elettrochimici. Così, le asserzioni stesse del riduzionista (Jerry Coyne, in questo caso) non sono altro che tracce nella rete neurale del suo cervello: non c’è dunque nessun motivo di fidarci del suo intelletto e non ci sono motivi per prendere sul serio le tesi del riduzionista.
    Dopo l'”argomento riduzionista”, Coyne ha puntato su quello cosmologico: l’universo sarebbe inutile (citazione di S. Weinberg) e si sarebbe originato autonomamente “dal nulla”: «Una delle teorie su come l’universo è venuto in essere è la teoria del Big Bang, uno scoppio accaduto naturalmente nel vuoto quantistico. La gente dice: “Non si può ottenere un universo dal nulla. Ci deve essere Dio”. Invece si può se si concepisce il nulla come il vuoto quantistico dello spazio esterno». Il biologo americano ha riciclato la tesi del fisico Lawrence Krauss, autore del libro “Un universo dal nulla: perché c’è qualcosa piuttosto che niente”, tuttavia non ha considerato la valanga di critiche che ha ricevuto tale teoria. Ha ben sintetizzato il problema il prof. Marco Bersanelli, docente di Astrofisica presso l’Università di Milano: «Che cos’è questo “nulla” dal quale tutto avrebbe preso le mosse? Il “vuoto” quantistico primordiale nel quale una fluttuazione può dare origine a una particella, e in linea di principio a realtà fisiche più complesse? Ma questo significa che il “vuoto” dei fisici è radicalmente diverso dal “nulla” del filosofo e del teologo. Anzi, se le cose fossero davvero andate così, quel “vuoto” iniziale finirebbe per essere l’opposto del “nulla”: sarebbe la realtà fisica più “piena” che si possa immaginare, il seme creato dal quale sboccia il fiore dell’universo. Rinasce perciò inevitabile la domanda: questo “vuoto” primordiale, da dove viene? E le leggi della fisica, che in esso agiscono, chi se l’è inventate? Se anche ci fossero moltitudini di universi con leggi diverse, da dove verrebbe la meta-legge così ben congegnata da generare tutto ciò?». Effettivamente il problema è che il “nulla” di cui parla Coyne, copiando Krauss, è un pieno di leggi fisiche di cui giustificare l’esistenza. Altro che nulla! Non a caso Krauss, ben più competente di Coyne, ha preso le distanze -in modo stizzito- dalla sua tesi dopo le critiche ricevute: «non mi interessa niente di cosa il “nulla” significa per i filosofi, mi interessa il “nulla” della realtà. E se il “nulla” della realtà è pieno di roba, beh allora me ne andrò via con questo. Ma, in tutta serietà, non ho mai detto che l’Universo è nato dal nulla…se avessi intitolato il libro soltanto come “Un universo meraviglioso”, poche persone sarebbero state attratte da esso». Uno banale spot di marketing, altro che ateismo scientifico!
    Il terzo e ultimo argomento usato da Jerry Coyne nella sua intervista è quello del libero arbitrio: «La scienza sta cominciando a minarlo mostrando che non c’è nessuna scelta che possiamo fare, ma essa è un output del nostro cervello materialista. Siamo creature fisiche, fatta di molecole. Pertanto, i nostri pensieri e comportamenti sono i risultati dei moti molecolari». Se le cose stanno così ritorna allora l’autoconfutazione spiegata dal prof. Plantinga: la tesi di Coyne è prodotta dai suoi moti molecolari, senza che lui lo abbia deciso (non esiste il libero arbitrio)? Allora perché dargli peso? Non è certo una tesi scientifica. C’è anche un’altra contraddizione: se Coyne si sforza di sostenere la sua tesi è perché vuole convincere la nostra libertà ad aderire al suo ragionamento. Se però fosse davvero convinto del materialismo, allora dovrebbe sapere che i suoi uditori sono già pre-determinati: alcuni saranno determinati a “pensare” che lui ha ragione lui e altri che si sta sbagliando, tutto a seconda della particolare attività fisiochimica del nostro cervello. Si eviterebbe la fatica di convincere le libertà altrui. Questa contraddizione è stata definita “self-referential arguments”. E’ comunque falso che la scienza stia minando il libero arbitrio. Il prof. Michael Gazzaniga, da molti identificato come il neuroscienziato più famoso al mondo, ha affermato: «Siamo persone, non cervelli. Ho un grandissimo rispetto per quello che i filosofi hanno detto sul libero arbitrio. Sarebbe assurdo rigettare d’un colpo tutta la riflessione svolta fino a oggi. La classica domanda “siamo liberi?” sembra sempre più mal posta, se non insensata. Tutti devono essere considerati responsabili delle proprie azioni. È a livello sociale che risiede la responsabilità, con buona pace delle neuroscienze. Allo strato mentale va aggiunto quello della cultura in cui siamo immersi. Le neuroscienze devono quindi capire i propri limiti e il livello a cui si muovono con la propria spiegazione». Oltre ai limiti delle neuroscienze, citate da Gazzaniga, non c’è nessun argomento sostenibile contro al libero arbitrio e le tesi materialiste sono state da tempo confutate. Come ha concluso il prof. Filippo Tempia, ordinario di Fisiologia presso l’Università di Torino, «allo stato attuale delle conoscenze non si può scientificamente negare il libero arbitrio nell’uomo» (“Siamo davvero liberi?”, Codice edizioni 2010, p. 108). Non vogliamo qui addentrarci in una questione molto lunga, che abbiamo già trattato altre volte: a chi volesse approfondire consigliamo gli articoli (anche questo) del prof. Eddy Nahmias, filosofo e neuroscienziato della Georgia State University, nonché il recente libro “Free: Why Science Hasn’t Disproved Free Will” (Oxford University Press 2015) del prof. Alfred R. Mele, docente di filosofia presso la Florida State University (recensito anche sul nostro sito web).
    Da quanto abbiamo visto, i “cavalieri dell’ateismo” non avevano tutti i torti quando hanno deciso di ritirarsi dalla scena pubblica, c’è poco da fare se questi erano gli argomenti a sostegno della loro posizione. Peccato che Jerry Coyne non intenda ancora seguire le loro orme, eppure dovrebbe farlo se è vero -come ha scritto il prof. Edward Fraser, noto filosofo del Pasadena City College-, che «Coyne non è né lontanamente ben informato, né equanime, né è in grado di fare distinzioni di base o in alcun modo di ragionare con precisione. Lui commette strafalcioni ogni volta che apre bocca, e purtroppo la apre molto spesso, molto pubblicamente, e molto forte».
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    sofico
    Ospite

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    Il mondo ateista e' di una tristezza infinita.

  3. #3
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    Oggi va per la maggiore. Talvolta penso però che un giorno, quando alla fine la maggior parte degli occidentali si sarà allontanato dalla religione, si affievolirà anche lo stesso anti-cristianesimo, con un possibile ritorno per semplice curiosità priva di preconcetti o pregiudizi.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Ogni tanto ritornano...

    privilegiato nel senso che l'uomo, al pari degli altri animali, ha un inizio biologico e una fine biologica .
    una domanda affascinante , che scaturisce dall'osservazione clinica dei neurologi , e' : nella sindrome della mano aliena , di chi e' la volonta' che ne determina gli atti ?


    Inviato da Anthos

  5. #5
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    E perchè dovrebbe essercercene una?
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    casomai perche' piu' di una ...


    Inviato da Anthos

  7. #7
    emv
    emv è offline
    Moderatore Cattolico
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    5,884
    Mentioned
    97 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    privilegiato nel senso che l'uomo, al pari degli altri animali, ha un inizio biologico e una fine biologica .
    una domanda affascinante , che scaturisce dall'osservazione clinica dei neurologi , e' : nella sindrome della mano aliena , di chi e' la volonta' che ne determina gli atti ?


    Inviato da Anthos
    Ho letto qualcosa sulla patologia. Pare che la mano affetta compia atti con una logica, non sono solo movimenti casuali. Se è così è ben strano è come vi fosse una memoria stampata delle azioni a cui i neuroni attingono deposita in qualche zona sconosciuta magari fuori dal cervello.
    "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo" Mt 28, 19


  8. #8
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    230 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    Citazione Originariamente Scritto da sofico Visualizza Messaggio
    Il mondo ateista e' di una tristezza infinita.
    Pensavo all'inizio che quella di Claudia Koll fosse una conversione di comodo per darsi notorietà.
    Però ha smesso di fare film col culo di fuori ed infatti da allora non se la fila più nessuno.
    Poi vedo persone che nella loro qualità di semplici "impiegati nel settore scienza" (l'assistente di biologia dell'università periferica del Tennessee aut similia) diventano dei fenomeni ultra citati (e con libri ultravenduti) in quanto profeti di ateismo.
    Francamente, tornando a casa, chi conoscerebbe Oddifreddi , che altrimenti sarebbe un semplice matematico che insegna all'università come ce ne sono a centinaia?
    Preferisco di no.

  9. #9
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    Tra l'altro Odifreddi proviene da una famiglia molto religiosa.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  10. #10
    sofico
    Ospite

    Predefinito Re: Ogni tanto ritornano...

    Dietro l'ateismo penso ci sia voglia di vizio. Se ci fosse una moralità di stampo cristiano anche in una società atea non vedo perche' questi attacchi furiosi contro il cristianesimo.
    Se al contrario una chiesa accogliesse ogni tipo di abominio morale ecco che diventerebbe subito accettata. La gente vuole fare quello che gli pare.
    E' una supposizione mia, pero'...
    FRUGALE likes this.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Ogni tanto ritornano...
    Di Sgiar nel forum Fondoscala
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 30-04-08, 16:45
  2. ogni tanto ritornano - furti in aeroporto (FCO)
    Di landingFCO nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-11-07, 13:47
  3. Ogni tanto...
    Di Dottor Zoidberg nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 20-11-07, 19:32
  4. ogni tanto.....
    Di alfonso (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-09-07, 21:01
  5. ogni tanto..
    Di hessler nel forum Padania!
    Risposte: 168
    Ultimo Messaggio: 08-08-06, 17:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226