User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
Like Tree2Likes
  • 1 Post By amaryllide
  • 1 Post By Crescenzo Garofalo

Discussione: il democratico statunitense è il vero vincitore

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,480
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito il democratico statunitense è il vero vincitore

    immaginate un liberal, un democratico statunitense nato nel 1940.
    egli a venti anni si trova a difendere il mondo libero contro i sovietici e nel contempo a sostenere i diritti delle donne, dei neri, dei poveri.
    si ritrova a venti anni ad avere non solo un grande mito del passato in f.d. roosvelt ma anche un presidente adatto ai ventenni: bello, idealista, morto giovane (prima che il potere dimostri quanto l’ideale sia diverso dalla realtà) kennedy

    però nel 1964, a 24 anni, realizza il primo dei suoi grandi sogni: la fine della cultura della discriminazione anti-nero nelle istituzioni statunitensi grazie a L.B. Johnson
    più tardi, ormai pensionato, potrà persino vedere ad opera del suo partito l’ingresso di un mulatto nella casa bianca!
    ci saranno poi anni duri a dirigenza repubblicana ma anche anni in cui cade il suo grande nemico: l’unione sovietica. da questo momento quantomeno quasi tutta l’europa ad est della russia potrà essere integrata man mano nel sistema liberale e non vi sarà più un’ideologia in grado di contrastare il capitalismo e il liberalismo nel dominio del mondo.
    negli anni 90, il nostro cinquantenne democratico, è ormai un uomo inserito nella società, l’economia viaggia bene grazie alla net economy e la politica dà soddisfazione con l’elezione di un democratico Bill Clinton che rimarrà come il presidente più amato da quel momento in poi (rispetto ai successori).
    intanto un altro dei suo cavalli di battaglia: la fine della discriminazione contro gli omosessuali prende piede. ci vorrà ancora gli anni di un democratico alla casa bianca. Barrak Obama, per avere sconfiggere l’omofobia nelle istituzioni.
    E sempre con Obama verrà preso Bin Landen il terrorista che ha inflitto la ferita più profonda agli USA.
    Il nostro democratico ha ormai settanta anni e se è lontano il periodo in cui si faceva maledettamente nei raduni hippie si concede ancora qualche canna ancora ogni tanto ed è felice di constatare che le droghe cominciano ad essere liberalizzate e la tendenza sembra essere inarrestabile.

    ma sta forse per arrivare l’ennesima spinta in avanti dal suo partito: una donna alla casa bianca. un atto che sancirebbe simbolicamente quel processo di emancipazioni femminile che proprio i democratici hanno sostenuto e, forse, da questa donna una riforma sanitaria su modello europeo.
    intanto fuori dagli usa, l’america latina e l’europa sono ormai sostanzialmente democratici. così come india e giappone.
    ultimamente anche thailandia e birmania sembrano aver conquistato la democrazia portando il numero di persone governate da regimi democratici a numeri consistenti della popolazione terrestre.
    e i modelli economici adottati in giro per il mondo, sono sempre più simili a quello statunitense.
    il democratico statunitense può quindi guardare indietro, alla sua lotta politica, e constatare che anche se rimane tutto da fare… lui ha vinto grandi battaglie e quasi tutto il mondo gli riconosce che erano battaglie giuste.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    24,252
    Mentioned
    351 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: il democratico statunitense è il vero vincitore

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    immaginate un liberal, un democratico statunitense nato nel 1940.
    egli a venti anni si trova a difendere il mondo libero contro i sovietici e nel contempo a sostenere i diritti delle donne, dei neri, dei poveri.
    si ritrova a venti anni ad avere non solo un grande mito del passato in f.d. roosvelt ma anche un presidente adatto ai ventenni: bello, idealista, morto giovane (prima che il potere dimostri quanto l’ideale sia diverso dalla realtà) kennedy
    però nel 1964, a 24 anni, realizza il primo dei suoi grandi sogni:
    la fine della cultura della discriminazione anti-nero nelle istituzioni statunitensi grazie a L.B. Johnson
    più tardi, ormai pensionato, potrà persino vedere ad opera del suo partito l’ingresso di un mulatto nella casa bianca!
    ci saranno poi anni duri a dirigenza repubblicana ma anche anni in cui cade il suo grande nemico: l’unione sovietica. da questo momento quantomeno quasi tutta l’europa ad est della russia potrà essere integrata man mano nel sistema liberale e non vi sarà più un’ideologia in grado di contrastare il capitalismo e il liberalismo nel dominio del mondo.
    negli anni 90, il nostro cinquantenne democratico, è ormai un uomo inserito nella società, l’economia viaggia bene grazie alla net economy e la politica dà soddisfazione con l’elezione di un democratico Bill Clinton che rimarrà come il presidente più amato da quel momento in poi (rispetto ai successori).
    intanto un altro dei suo cavalli di battaglia: la fine della discriminazione contro gli omosessuali prende piede. ci vorrà ancora gli anni di un democratico alla casa bianca. Barrak Obama, per avere sconfiggere l’omofobia nelle istituzioni.
    E sempre con Obama verrà preso Bin Landen il terrorista che ha inflitto la ferita più profonda agli USA.
    Il nostro democratico ha ormai settanta anni e se è lontano il periodo in cui si faceva maledettamente nei raduni hippie si concede ancora qualche canna ancora ogni tanto ed è felice di constatare che le droghe cominciano ad essere liberalizzate e la tendenza sembra essere inarrestabile.
    ma sta forse per arrivare l’ennesima spinta in avanti dal suo partito: una donna alla casa bianca. un atto che sancirebbe simbolicamente quel processo di emancipazioni femminile che proprio i democratici hanno sostenuto e, forse, da questa donna una riforma sanitaria su modello europeo.
    intanto fuori dagli usa, l’america latina e l’europa sono ormai sostanzialmente democratici. così come india e giappone.
    ultimamente anche thailandia e birmania sembrano aver conquistato la democrazia portando il numero di persone governate da regimi democratici a numeri consistenti della popolazione terrestre.
    e i modelli economici adottati in giro per il mondo, sono sempre più simili a quello statunitense.
    il democratico statunitense può quindi guardare indietro, alla sua lotta politica, e constatare che anche se rimane tutto da fare… lui ha vinto grandi battaglie e quasi tutto il mondo gli riconosce che erano battaglie giuste.
    immaginate anche un carattere dal colore più leggibile....
    quanto alle battaglie vinte, mettiamoci anche le decine di golpe e interventi armati in tutto il mondo contro regimi che avevano la sola colpa di non essere sottomessi alla superpotenza yankee, e sostituiti con feroci dittatori. E la crisi causata dalla deregulation iniziata da Clinton. E la classe media creata da Roosevelt e distrutta da Obama (quest'anno per la prima volta negli ulti,mi 50 anni la middle class e minoritaria). E 3 milioni di yankee in galera, e due volte tanti liberi su parola. E i neri crivellati dagli sbirri tutti i giorni.
    Che grandi vittorie!
    Ultima modifica di amaryllide; 26-12-15 alle 15:54
    don Peppe likes this.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,480
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: il democratico statunitense è il vero vincitore

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    immaginate anche un carattere dal colore più leggibile....

    ho fatto un copia incolla dal mio blog

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    13 Feb 2015
    Messaggi
    7,211
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: il democratico statunitense è il vero vincitore

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    immaginate anche un carattere dal colore più leggibile....
    quanto alle battaglie vinte, mettiamoci anche le decine di golpe e interventi armati in tutto il mondo contro regimi che avevano la sola colpa di non essere sottomessi alla superpotenza yankee, e sostituiti con feroci dittatori. E la crisi causata dalla deregulation iniziata da Clinton. E la classe media creata da Roosevelt e distrutta da Obama (quest'anno per la prima volta negli ulti,mi 50 anni la middle class e minoritaria). E 3 milioni di yankee in galera, e due volte tanti liberi su parola. E i neri crivellati dagli sbirri tutti i giorni.
    Che grandi vittorie!
    Nessuno nega le colpe USA,al contrario di certi comunisti con l'URSS,ma ai tempi in cui commettevano quegli sbagli,il resto del mondo civilizzato andava ancora peggio.
    Keynez likes this.

 

 

Discussioni Simili

  1. Berlusconi è il vero vincitore!
    Di Onimaru nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 23-04-13, 14:46
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-04-13, 10:58
  3. Il vero vincitore degli ultimi due mondiali di F1
    Di MightyMax nel forum Tuttosport
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-12-11, 18:47
  4. Il vero vincitore è solo Roma, per ora
    Di Genyo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 12-04-06, 19:55
  5. Il Vero Fondamentalismo ? E' Quello Statunitense
    Di Ibrahim nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-02-06, 00:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226