User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    gennaio 4, 2016 Lascia un commento

    Michael Hoffman The Japan Times, 19 dicembre 2015
    Hasekura Rokuemon (Rokuemon Hasekura)

    Natale si avvicina. Cristiani e non, pensano a temi cristiani. Quali sono i temi cristiani? Amore. Perdono. Mansuetudine. Porgi l’altra guancia. Il regno dei cieli. C’era una volta il Giappone quasi cristianizzato. Nel 1549, un missionario basco di nome Francisco Xavier fu il primo a predicare la parola di Cristo sul suolo giapponese. Nel 1638, una rivolta cristiana guidata da contadini affamati nella provincia povera di Shimabara, presso Nagasaki, fu schiacciata con tanta furia genocida da seppellire la “dottrina perniciosa” per 250 anni. Quegli anni sono noti in Giappone come “secolo cristiano”.
    Fin dall’inizio, Xavier vide qualcosa di proto-cristiano nel carattere giapponese. I giapponesi, disse, “sono tra i più desiderosi di conoscenza…. Mi sembra che tra i non credenti nessun popolo possa eccellere quanto loro“. I semi che piantò diedero i loro frutti. La dottrina attraeva offrendo la vita eterna in un mondo migliore. I missionari vagavano per la terra, convertendo feudatari uno a uno, e la gente comune in massa. Intorno al 1580 vi erano circa 200 chiese con 150000 fedeli giapponesi. Era l’onda del futuro? Nel 1582, si verificò un evento epocale nella storia del Giappone, la prima missione diplomatica del Giappone in Europa sponsorizzata da tre signori di Kyushu che abbracciarono la fede e volevano relazioni col papa. Gli ambasciatori furono cordialmente ricevuti in Vaticano e tornarono a casa dopo nove anni. Nel 1613, una seconda missione seguì, inviata da Date Masamune, Signore di Sendai. Le sue motivazioni erano in parte religiose e in parte commerciali. Scambi con Spagna e Nuova Spagna (Messico) erano una prospettiva allettante. Anche se non battezzato, Masamune fu istruito alla fede e simpatizzò fino al punto di accogliere nel suo remoto dominio settentrionale profughi cristiani, giapponesi e stranieri, quando la persecuzione stava rapidamente raggiungendo il culmine. Il suo ambasciatore a capo della missione, che per più di otto anni (1613-20) vagò dal Messico a Roma via Francia e Spagna, era un samurai di nome Hasekura Rokuemon (1571-1622), battezzato in Spagna come Francisco Felipe Faxicura. Aveva un messaggio di Masamune per Papa Paolo VI: “Al fine d’incoraggiare i miei sudditi a diventare cristiani, vi auguro d’inviare missionari della chiesa francescana. Vi garantisco che potrete costruire una chiesa e che i vostri missionari saranno protetti“. Era sincero senza dubbio, ma dalla parte sbagliata della storia. Decenni prima della ribellione di Shimabara, il primigenio fervore cristiano del Giappone cominciò a scemare. La prima repressione ufficiale avvenne nel 1587. Anche se applicata scarsamente, annunciò che il peggio doveva ancora venire. Nel 1596, 26 cristiani, sei francescani spagnoli e 20 giapponesi, furono crocifissi a Nagasaki. Quando la missione di Hasekura tornò nel 1620, quei cristiani che non avevano abiurato con la forzata o subito un martirio spaventoso, erano dei fuggitivi, una pietosa accozzaglia che sprofondava verso l’oblio. Hasekura morì in disgrazia nel 1622.
    Lo incontriamo di nuovo, trasfigurato in un superbo romanzo, “Il Samurai” (1980) di Shusaku Endo (1923-1996). Battezzato da bambino, Endo anni dopo disse a un intervistatore, “Ci sono stati molti momenti in cui sentivo di volermi liberare del mio cattolicesimo, ma non fui mai capace di farlo”. L’ambivalenza di ciò pervade la sua opera. Il suo Hasekura, il “samurai” del titolo, sembra più vicino ad Endo che allo storico Hasekura. L’immaginario Hasekura non è il leader della missione, ma un suo membro subalterno, un’inarticolata e spaesata auto-immagine di Endo? E la sua conversione al cristianesimo, come quella di Endo, non è scelta ma imposta; va fino in fondo a malincuore in modo accigliato, per il bene della missione. Il suo disonore al ritorno, come membro di una disprezzata setta nemica, è tragicamente ironico. Gesù lo disgustava: “Era sulla croce, un uomo emaciato nudo, braccia tese e deboli, la testa penzoloni, eppure i barbari meridionali (europei) lo chiamano ‘salvatore’! Non capisco. L’unico uomo che un samurai può chiamare ‘salvatore’ è il suo padrone. Il Signore del guerriero impersona il potere, la forza, la gloria terrena. Cosa personifica Gesù sulla croce? Miseria, umiliazione e impotenza“. Poi, nel romanzo, a Roma, un conclave di alti ecclesiastici delibera su come rispondere alla missione giapponese. Un certo Padre Valenti, rientrato disperato dopo 30 anni di lavoro missionario in Giappone, consiglia di respingere l’apertura di Date. La causa è senza speranza, dice. Il giapponese non sarà mai cristiano. “Nessuno in questo mondo“, dice, “è meno adatto alla nostra fede dei giapponesi. “I giapponesi”, spiega, “sono fondamentalmente incapaci di concepire l’Assoluto, un Essere che trascenda l’uomo e la natura”. Gli dei giapponesi, scintoisti e buddisti, sono di questo mondo, non di altrove. Non c’è un “altrove“. “Questo mondo” è tutto quello che c’è. I cristiani giapponesi non sanno chi adorano, sostiene Valenti, non certo Dio Padre, Figlio e Spirito Santo del cattolicesimo romano. “È facile“, Valenti continua, “insegnare ai giapponesi la caducità di questo mondo. Fin qui tutto bene, hanno una sensibilità ben già sviluppata”. Ma dove i cristiani vedono un problema (la caducità) chiedendo una soluzione (eternità), i giapponesi vi vedono la bellezza. I giapponesi, dice Valenti, e lo dice quasi con orrore, celebrano la caducità. Si consideri la fioritura dei ciliegi; non fioriscono solo per appassire e cadere? Eppure non c’è nulla di più bello, niente per cui l’anima giapponese sia più reattiva?
    L’amore, il perdono, porgere l’altra guancia, si esplora la tradizione nativa invano per trovarvi degli esempi. Il sacrificio di sé abbonda, ma sotto forma di morte in battaglia, in obbedienza ai supremi comandi del proprio signore. Il Gesù di Endo è una figura pietosa. È il “servo sofferente” del profeta Isaia del Vecchio Testamento, è divino, nella visione di Endo, non per il potere, ma per l’amore. “Disprezzato e reietto tra gli uomini, uomo del dolore“. Nel suo infinito amore, tutto abbraccia e tutto perdona. Il Gesù di Endo, in un certo senso, è il fiore di ciliegio della cultura occidentale. Quando il cristianesimo giunse a bussare alle porte del Giappone, il Giappone, ospitale in un primo momento, infine gli si rivoltò contro dicendo, in effetti “Abbiamo già i fiori di ciliegio“.Il nuovo libro di Michael Hoffman è “Nella terra del Kami: Un viaggio nel cuore del Giappone“. Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    333 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    Gli anni intorno al 1638 erano quelli del crollo della dinastia cinese ming e della presa del potere degli stranieri Manciù,
    il tutto basato su rivolte dei contadini poveri fomentate dai cristiani, crollo del potere politico e intervento risolutore di una dinastia straniera(aiutata dai cristiani).
    In seguito i manciù portarono la Cina da paese più ricco del mondo a paese più povero....

    I giapponesi, che non erano stupidi, si affrettarono a mettere fuorilegge il cristianesimo, salvando così il loro paese dal "male cinese"
    rimasero indipenti, e poterono, quando vollero, mettersi al pari degli occidentali in pochi anni.
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    Citazione Originariamente Scritto da agaragar Visualizza Messaggio
    Gli anni intorno al 1638 erano quelli del crollo della dinastia cinese ming e della presa del potere degli stranieri Manciù,
    il tutto basato su rivolte dei contadini poveri fomentate dai cristiani, crollo del potere politico e intervento risolutore di una dinastia straniera(aiutata dai cristiani).
    In seguito i manciù portarono la Cina da paese più ricco del mondo a paese più povero....

    I giapponesi, che non erano stupidi, si affrettarono a mettere fuorilegge il cristianesimo, salvando così il loro paese dal "male cinese"
    rimasero indipenti, e poterono, quando vollero, mettersi al pari degli occidentali in pochi anni.
    Del resto il cristianesimo dove si insinua ci sono crolli politici-economici.

  4. #4
    Montagnardo
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    6,350
    Mentioned
    310 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    Ho studiato sul libro Storia dei Gesuiti in Giappone (1549-1639), molto interessante. I Giapponesi intuirono subito della pericolosità costituita dalla religione cristiana, che fece molti proseliti nella regione meridionale di Kyushu, anche tra gli stessi daimyo, minando le religioni tradizionali nipponiche come il buddhismo, il neoconfucianesimo, lo shintoismo e in generale culti pagani popolari. Poi vedendo che fine avevano fatto il Messico e le Filippine sotto il dominio cattolico, i Giapponesi stroncarono ogni nuova penetrazione europea e cristiana e si sono salvati.. Per questo amo il Giappone tra l'altro alcuni daimyo potenti chiesero ai gesuiti perché volevano bandire le loro millenarie religioni, bandire certe "pratiche" innocue per la società (tipo l'omosessualità) per uno nato da una vergine, dopodiché li crocifissero tutti severo ma giusto.

  5. #5
    Socialcapitalista
    Data Registrazione
    01 Sep 2002
    Località
    -L'Italia non è un paese povero è un povero paese(C.de Gaulle)
    Messaggi
    89,493
    Mentioned
    333 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Ho studiato sul libro Storia dei Gesuiti in Giappone (1549-1639), molto interessante. I Giapponesi intuirono subito della pericolosità costituita dalla religione cristiana, che fece molti proseliti nella regione meridionale di Kyushu, anche tra gli stessi daimyo, minando le religioni tradizionali nipponiche come il buddhismo, il neoconfucianesimo, lo shintoismo e in generale culti pagani popolari. Poi vedendo che fine avevano fatto il Messico e le Filippine sotto il dominio cattolico, i Giapponesi stroncarono ogni nuova penetrazione europea e cristiana e si sono salvati.. Per questo amo il Giappone tra l'altro alcuni daimyo potenti chiesero ai gesuiti perché volevano bandire le loro millenarie religioni, bandire certe "pratiche" innocue per la società (tipo l'omosessualità) per uno nato da una vergine, dopodiché li crocifissero tutti severo ma giusto.
    La superiorità culturale di Cinesi e Giapponesi consiste proprio nel fatto di non avere religioni organizzate,
    esse si basano su una menzogna, vale a dire una falsa via di comunicazione con l'aldilà
    Il confucianesimo non è una religione ma un'etica, così come il Tao.
    esisteva solo un certo culto degli antenati,
    il Buddismo non ha mai veramente avuto presa di massa nè in Cina nè in Giappone, e in Tibet ha solo portato a una società retrograda.
    Lo Shinto nacque solo in epoca moderna dal sincretismo di varie credenze tradizionali, proprio per contrastare il cristianesimo.

    Solo i Coreani, tradizionalmente oppressi da Cina e Giappone, hanno dato uno spazio al cristianesimo.
    Addio Tomàs
    siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i 5 stelle

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Il ‘secolo cristiano’ che non sbocciò in Giappone

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    Ho studiato sul libro Storia dei Gesuiti in Giappone (1549-1639), molto interessante. I Giapponesi intuirono subito della pericolosità costituita dalla religione cristiana, che fece molti proseliti nella regione meridionale di Kyushu, anche tra gli stessi daimyo, minando le religioni tradizionali nipponiche come il buddhismo, il neoconfucianesimo, lo shintoismo e in generale culti pagani popolari. Poi vedendo che fine avevano fatto il Messico e le Filippine sotto il dominio cattolico, i Giapponesi stroncarono ogni nuova penetrazione europea e cristiana e si sono salvati.. Per questo amo il Giappone tra l'altro alcuni daimyo potenti chiesero ai gesuiti perché volevano bandire le loro millenarie religioni, bandire certe "pratiche" innocue per la società (tipo l'omosessualità) per uno nato da una vergine, dopodiché li crocifissero tutti severo ma giusto.
    Ancora oggi i giapponesi non hanno una vera religione di stato, alcuni di loro fanno matrimoni in chiesa tipo i cattolici, ma solo per moda senza essere credenti, ma con un prete e la croce, quindi diventano cattolici all'occorrenza del matrimonio facendo i vari rituali e cosi via, del resto le religioni orientali sono molto vicine a quelle indio-europei classiche, de resto gli stessi giapponesi discendono da popolazione mongole-siberiane.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-01-11, 22:00
  2. E' Cristiano Il Grande Olocausto Del XX Secolo
    Di skorpion (POL) nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 28-01-07, 16:14
  3. E' Cristiano Il Grande Olocausto Del Xx Secolo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-07-03, 19:21
  4. E' Cristiano Il Grande Olocausto Del Xx Secolo
    Di skorpion (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 11-03-03, 09:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226