User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
Like Tree4Likes
  • 3 Post By MaIn
  • 1 Post By Regina di Coppe

Discussione: questione treni

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,481
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito questione treni

    Ferrovie e pendolari, un'Italia a due velocità | QualEnergia.it

    In Italia aumentano le persone che viaggiano in treno, ma condinamiche molto differenti da Nord a Sud. Da una parte il successo di treni sempre più moderni e veloci che si muovono tra Salerno, Torino e Venezia - con una offerta sempre più ampia, articolata e con sempre più persone ogni giorno suFrecciarossa (+7,7% nel 2014 ed una previsione nel 2015 tra il 6 e il 7% di ulteriore crescita) e Italo - e dall’altra la progressivariduzione dei treni Intercity e dei collegamenti a lunga percorrenza (-22,7% dal 2010 al 2014) su tutte le altre direttrici nazionali, dove si è rimasti fermi agli anni '80 come tempi di percorrenza.La novità è che una analoga situazione si evidenzia sempre di più anche tra le Regioni. Sono 2 milioni e 842mila i passeggeri che ogni giorno usufruiscono del servizio ferroviario regionale, e nell’aumento generale (+2,5% rispetto al 2014) vi sono situazioni molto diverse.In Lombardia sono arrivati a 703mila (+4,9%), crescono anche in Puglia (+2,8%), mentre diminuiscono in Sardegna (-9,4%) e in Umbria (-3,3%). Emblematica la situazione inCampania dove, malgrado i pendolari siano tornati a crescere, siamo comunque a -130mila al giorno rispetto al 2009, e in Piemonte dove, dopo lacancellazione di 14 linee, sono 35.000 i viaggiatori al giorno in meno rispetto al 2011.La ragione di queste dinamiche differenti è nei tagli al servizio ferroviario regionaleche complessivamente dal 2010 sono stati pari al 6,5%, con punte del 18,9% in Basilicata, del 26,4% in Calabria, del 15,1% in Campania e del 13,8% in Liguria. In parallelo il record di aumento del costo dei biglietti si è registrato in Piemonte con +47%, in Liguria del 41%, del 25% in Abruzzo e Umbria, a fronte di un servizio che non ha avuto alcun miglioramento. In alcuni territori sono invece proprio scomparsi i treni, visto che in questi anni sono state chiusi 1.189 km di linee ferroviarie.Il rapporto di LegambienteÈ quanto emerge da Pendolaria 2015, il dossier di Legambiente (allegato in basso) che ha al centro dell’attenzione la situazione e gli scenari del trasporto ferroviario pendolare in Italia (ne avevamo dato un anticipazione in "Treni locali, ecco le 10 peggiori tratte per i pendolari in Italia"). Il dossier è stato presentato questa mattina a Napoli in un convegno.I tagli che fanno calare gli utentiPer far capire la differenza in termini di offerta di treni oggi in Italia, da Roma verso Milano nel 2007 i collegamenti Eurostar al giorno erano 17, mentre oggi tra Frecciarossa e Italo sono 63, con un aumento dell'offerta in 8 anni pari al 370%. Molto diversa la situazione per le 120mila persone che ogni giorno prendono i treni della exCircumvesuviana, a Napoli, che hanno visto un calo dell’offerta di treni del 30%.Ma una situazione analoga la vive anche chi sui collegamenti nazionali è fuori dai percorsi delle Frecce, perché il calo nell’offerta degli Intercity è stata dal 2010 del 19,7% e parallelamente sono calati i passeggeri del 40%.Treni e regioni di serie A e di serie BUn Paese con sempre più treni di Serie A e B, dove si evidenzia in alcune città una vera e propriaemergenza per i pendolari, mentre al Sud come una grande questione nazionale. Ogni giorno i treni regionali che circolano tra Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna sono meno di quelli della sola Lombardia (1.738 contro 2.300).Non solo, quei treni sono anche più vecchi al Sudrispetto al Nord (20,4 anni la media di età contro 16,6) e sono più lenti, perché larga parte delle linee sono a binario unico e non elettrificate.Ma nelle differenze all’interno del Paese, ci sono anche segnali molto positivi, che confermano la voglia di treno che c’è in tutta Italia. Dove si migliora il servizio (con nuovi treni, puntuali, un servizio efficiente) il successo è garantito: e lo raccontano proprio alcune linee pendolari di grande successo come in Alto Adige, dove i viaggiatori sonotriplicati in 4 anni, ma anche al Sud con la Foggia-Lucera e la Bari-Palese-Aeroporto in Puglia, il successo a Napoli della linea 1 della Metropolitana con le stazioni realizzate da artisti e architetti, e quello del collegamento diretto Palermo-Catania da quando vi sono nuovi treni e tempi di percorrenza ridotti.Spostare attenzione dalle grandi opere alla mobilità integrataPer l’associazione ambientalista l’avvicendamento tra Maurizio Lupi e Graziano Delrioal Ministero delle Infrastrutture ha portato alcuni cambiamenti positivi. In primo luogo l’approvazione della Delega Appalti, che ha finalmente cancellato la Legge Obiettivo introducendo regole chiare per progettazione, controlli, collaudi delle opere, e poi negli stanziamenti previsti nella Legge di Stabilità 2016 per il trasporto merci ferroviario e marittimo, per le ciclovie.Ora però serve una riforma complessiva del Ministero in modo da chiudere per sempre la stagione delle grandi opere e spostare attenzione e investimenti nelle aree urbane e in una visione integrata dei trasporti per ridurre le differenze nel Paese.Per Legambiente la situazione che vivono i pendolari è, infatti, figlia di precise responsabilità politiche in questi anni da parte del Ministero delle Infrastrutture e delle Regioni. Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti avrebbe le leve in mano per garantire un servizio dignitoso, intervenendo in particolare per rivedere le priorità di investimento infrastrutturali, per approvare un nuovo contratto di servizio per i collegamenti universali (Intercity)scaduto nel 2014, per controllare lo stato del servizio nelle Regioni e accompagnare il delicatissimo passaggio alle gare, in una fase di privatizzazione delle Ferrovie dello Stato.Le Regioni dal 2001 hanno la responsabilità per il servizio ferroviario regionale, mahanno investito poco (la media è uno stanziamento di 0,28% per i pendolari rispetto al bilancio annuale) e, malgrado differenze negli investimenti è evidente la diffusa necessità di un salto di qualità nelle politiche.“Il trasporto ferroviario, con i problemi che vivono ogni giorno i pendolari nelle città e nei collegamenti al Sud, sono una grande questione nazionale – dichiara Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente -, e un tema, oltre che ambientale, di dignità e diritto alla mobilità che riguarda milioni di cittadini. Serve subito un cambio delle priorità per passare dalle grandi opere a quelle utili e urgenti nelle città e per migliorare i collegamenti al Sud che sono privi di finanziamenti. Inoltre mancano le risorse per comprare quei 1.600 treni indispensabili a rilanciare il trasporto ferroviario regionale”.Le risorse ci sonoLe scuse non valgono, denuncia l'associazione ambientalista, nel bilancio dello Stato le risorse ci sono per realizzare, con una seria programmazione, un salto di qualità nel servizio ferroviario. Da dove partire? Tagliando gli incentivi all’autotrasporto, che nella Legge di Stabilità 2016 beneficia di 250 milioni di euro di sconti sui pedaggi autostradali, e di 3 miliardi di euro di sconti sull’accisa.Spostando le risorse dalle infrastrutture stradali a quelle ferroviarie, visto che con lo Sblocca Italia sono stati stanziati 1.530 milioni di euro per le strade e autostrade, e nel 2015 il Governo Renzi è anche intervenuto per salvare dal fallimento la prima autostrada realizzata in Italia in regime di project financing, la BreBeMi, con 320 milioni di Euro, oltre al prolungamento della Concessione.Anche le Regioni continuano a scegliere strade e autostrade come priorità degli investimenti. Complessivamente rappresentano il 56,1% degli stanziamenti regionali, mentre ferrovie e metropolitane devono spartirsi il restante 43,9%. L’Emilia-Romagna sta investendo 179 milioni di euro di risorse pubbliche per la realizzazione dell’autostrada regionale Cispadana.In Veneto, regione che ha investito pochissimo per i collegamenti ferroviari, risorse e impegno vanno nella realizzazione di nuovi progetti autostradali come laPedemontanaveneta, la Valdastico, il Raccordo anulare di Padova, la Nogara-Mare. Queste politiche sono tanto più sbagliate perché è proprio nelle città il deficit infrastrutturale italiano, rispetto all’Europa, in termini di dotazioni di linee metropolitane, tram, ferrovie suburbane.Le Proposte per rilanciare il trasporto ferroviarioOgni giorno nelle città italiane tra servizio regionale e metropolitano sono oltre 5,4 milioni i viaggiatori al giorno. Per Legambiente occorre porsi obiettivi ambiziosi perfare della mobilità una sfida prioritaria per modernizzare il Paese e realizzare gli impegni fissati alla COP21 di Parigi e dall’Unione Europea al 2030 in termini di riduzione delle emissioni di CO2.Per questo il Governo deve avere il coraggio di operare alcune scelte sulle priorità di investimento nei prossimi anni:

    1. Realizzare gli investimenti nella rete ferroviaria spostando il 50% degli investimenti previsti dal Contratto di Programma di RFI nei nodi urbani e nel Sud. Le risorse ci sono, bisogna muoverle dalle grandi opere alle città.
    2. Lanciare un programma di nuove linee di Tram e Metropolitana nelle città, attraverso un fondo da finanziare con 500 milioni all’anno da prendere dai sussidi all’autotrasporto (che valgono 3 miliardi di euro all’anno attraverso l’esonero dell’accisa) e concentrando qui gli investimenti del Piano Juncker e della BEI che oggi prevedono di realizzare autostrade (come la pedemontana veneta, la pedemontana lombarda e la terza corsia della Serenissima (A4).
    3. Potenziare il servizio ferroviario regionale con 500 milioni di euro all’anno da destinare al fondo per il TPL e il trasporto ferroviario regionale dopo i tagli degli ultimi anni.
    4. Comprare nuovi treni, per cambiare la situazione nelle Regioni italiane servono infatti almeno 500 milioni di euro all’anno per 10 anni, attraverso un cofinanziamento Statale, regionale e utilizzando i fondi del Piano Juncker. Anche qui, le risorse ci sono e il Ministero delle Infrastrutture ha tutte le possibilità di spostarle dall’autotrasporto o dagli introiti delle concessionarie autostradali, dalle risorse previste per l’Anas. In parallelo le Regioni devono raggiungere una spesa pari al 5% del bilancio regionale, per potenziare i servizi e sostituire il materiale rotabile.


    Servono 1.593 nuovi treniPer cambiare scenario servono più treni, a partire dalle linee dove è maggiore la domanda di servizio e aumentando la velocità media dei treni. Occorre inoltre potenziare l’offerta nelle aree metropolitane, aumentando la frequenza delle corse per raggiungere, sulle principali linee utilizzate dai pendolari, standard di servizio di livello europeo di frequenza delle corse, e migliorare il servizio delle Regioni meridionali.Servono nuovi treni, per sostituire quelli con oltre 20 anni di età e per potenziare il servizio sulle principali linee pendolari e regionali. Secondo uno studio di Legambiente ne servono 1.593 treni, di cui 1.259 per il servizio di trasporto regionale (429 a media percorrenza e 830 per i treni ad Alta frequentazione), 150 treni per il servizio di metropolitana, 184 tram.Per un investimento di questa dimensione si può stimare una spesa di circa 5-7 miliardi, considerando una parte degli interventi come revamping, e una riduzione dei costi legata alla possibilità di passare attraverso una stazione appaltante unica e una programmazione pluriennale. Un intervento di questo tipo necessita di un attenta regia nazionale e di risorse dedicate per il materiale rotabile, per evitare di lasciare da soli Regioni e Comuni.Dare un segnale al SudServono investimenti infrastrutturali nelle città e al Sud, se si vuole dare speranza che qualcosa cambi, dando così la possibilità ad un pendolare romano di lasciare a casa l’auto o per chi vive a Ragusa e Reggio Calabria di potersi spostare in treno. Il problema è che oggi gli investimenti nelle città e nel Mezzogiorno non sono finanziati e senza un cambio di strategia nulla cambierà nei prossimi 20 anni.Legambiente chiede al Governo di dare subito un segnale al Sud di cambiamento,intervenendo sulle 8 linee ferroviarie principali per velocizzare i percorsi e acquistando nuovi treni, per rendere più confortevole il viaggio e ampliare l’offerta. Per riuscirci non servono tante risorse, in particolare se le si confronta con quelle previste per le grandi opere. Piuttosto serve un Ministero delle Infrastrutture che le scelga come prioritarie e le finanzi nel contratto di programma con RFI, e in parallelo inserisca questi collegamenti nel contratto Intercity con Trenitalia e stanzi le risorse per acquistare i nuovi treni necessari a potenziare il servizio.Il rapporto "Pendolaria 2015" (pdf)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    29 Apr 2015
    Messaggi
    847
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: questione treni

    Parlando per il nord sicuramente serve un organizzazione migliore, mi sono reso conto che ultimamente stanno investendo solo in controllori. La scorsa settimana ho partecipato ad una scena epica, sono rimasto allibito...
    Una ragazza aveva fatto il biglietto mensile, che da noi serve una carta. Solo che la carta aveva valenza per 4 zone mentre la ragazza ne faceva abitualmente solo 3, insomma lei era in regola: arrivano due controllori e le chiedono il biglietto, lei lo mostra e loro dicono che non va bene perchè è una zona 4 e lei ne fa solo 3... insomma le vogliono fare quaranta euro di multa... ma mentre accade questo arrivano altri due controllori e dicono che il biglietto va bene e la ragazza non deve avere la multa. Alla fine c'erano quattro controllori che discutevano animatamente su sta cosa. E il giorno dopo il treno è arrivato con 20 minuti di ritardo alla stazione perchè c'era il ghiaccio sui binari (cosa strana per gli inverni, bha!...). Il mio odio per l'organizzazione totale dei treni in Italia cresce sempre più e prima o poi sfocerà in atti di violenza o vandalismo, me lo sento ...

    La cosa che mi fa più girare le balle è il fatto che non esiste un ente, un'organizzazione una qualsiasi cosa a tutela dei pendolari. Tutti, tutti si lamentano dei trasporti e nessuno che si prende la briga di leggere le leggi, pagare degli avvocati e iniziare a denunciare pesantemente e manifestare pesantemente! Piuttosto che avere a che fare con i treni italiani, quando inizierò a lavorare, ho deciso di comprare un camper e piazzarlo davanti alla porta del mio ufficio, poi il week end torno a casa!

    Parlando seriamente servirebbe un sindacato dei pendolari
    http://entrainfantasia.blogspot.it/

    "In tempi passati alberi e uomini erano buoni amici" Hayao Miyazaki

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    29 Apr 2015
    Messaggi
    847
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: questione treni

    E Legambiente ha bisogno di gente che impari a parlare con la popolazione e impari soprattutto a coalizzare la massa contro il padrone.

    Non è possibile che tutti gli stati hanno una tecnologia che ci permette di andare sulla luna in 18 ore e abbiamo dei treni che vanno piano come negli anni 30:

    Ravennanotizie.it - Legambiente: Treni in Romagna come nel 1938... ma allora forse erano in orario
    http://entrainfantasia.blogspot.it/

    "In tempi passati alberi e uomini erano buoni amici" Hayao Miyazaki

  4. #4
    girevoli
    Data Registrazione
    09 Jul 2009
    Messaggi
    9,224
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: questione treni

    .


    Il problema è riuscire a far funzionare bene quello che già c'è, prima ancora di pensare ad aumentare il numero di corse o treni.

    Che poi oltre alle criticità interne ci sono anche fattori esterni quali i furti di rame e gli attacchi alle centraline computerizzate....


    .
    Corpo sano in ambiente sano.

    Chi avvelena una persona per vendetta viene condannato per veneficio.
    Chi avvelena milioni di esseri umani per profitto viene onorato come capitano d'industria.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    29 Apr 2015
    Messaggi
    847
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: questione treni

    Ma i furti ci saranno anche negli altri stati Queen, in Norvegia ho preso un treno che ha fatto 500 chilometri, neanche un minuto di ritardo, c'era il vagone silenzioso dove non potevi usare ne computer, nè telefono, ne voce, è un altro mondo. E il costo era esiguo. Da noi la politica vuole far funzionare male i trasporti. Mettono i freccia rossa e gli italo che hanno precedenza sui regionali e altre vaccate simili, vogliono spingere tutto verso la privatizzazione e io spingo verso BlablaCar con macchiana a metano (che tanto l'energia elettrica che usano i treni è prodotta dal metano) e me ne vado a Milano da Bologna in due ore per 11 euro, comodo e socializzando
    http://entrainfantasia.blogspot.it/

    "In tempi passati alberi e uomini erano buoni amici" Hayao Miyazaki

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,481
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: questione treni

    Citazione Originariamente Scritto da Klauss Von Grebur Paiton Visualizza Messaggio
    Ma i furti ci saranno anche negli altri stati Queen, in Norvegia ho preso un treno che ha fatto 500 chilometri, neanche un minuto di ritardo, c'era il vagone silenzioso dove non potevi usare ne computer, nè telefono, ne voce, è un altro mondo. E il costo era esiguo. Da noi la politica vuole far funzionare male i trasporti. Mettono i freccia rossa e gli italo che hanno precedenza sui regionali e altre vaccate simili, vogliono spingere tutto verso la privatizzazione e io spingo verso BlablaCar con macchiana a metano (che tanto l'energia elettrica che usano i treni è prodotta dal metano) e me ne vado a Milano da Bologna in due ore per 11 euro, comodo e socializzando

    si ma il trasporto su gonna è meno sostenibile. immagina se chi utilizza il treno si riversasse su blablacar. sarebbe un casino. inoltre il treno risparmia ecologicamente sulla quantità di gente trasportata per viaggio non tanto sulla tipologia di carburante

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,481
    Mentioned
    99 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: questione treni

    Citazione Originariamente Scritto da Regina di Coppe Visualizza Messaggio
    .


    Il problema è riuscire a far funzionare bene quello che già c'è, prima ancora di pensare ad aumentare il numero di corse o treni.

    Che poi oltre alle criticità interne ci sono anche fattori esterni quali i furti di rame e gli attacchi alle centraline computerizzate....


    .
    non so quanto questi furti siano statisticamente rilevanti, di certo io riempirei le stazioni e i treni di telecamere per assicurare contro i furti ai passeggeri.

    so inoltre che in campania, sotto eboli(una cittadina a qualche decina di kilometri da salerno), il trasporto diventa del tutto insufficienti e a napoli circola una metro ogni 15 minuti ( a milano credo si stia a una ogni 5 minuti)

  8. #8
    girevoli
    Data Registrazione
    09 Jul 2009
    Messaggi
    9,224
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: questione treni

    .

    Oh, se parliamo di metropolitane, quella di Roma passa spesso, però ci sono troppe zone non coperte dal trasporto, ed oltre ad essere poco estesa rispetto a quelle di altre capitali, tra scioperi, guasti tecnici, allagamenti ogni volta che piove...
    Non è molto affidabile...

    .
    MaIn likes this.
    Corpo sano in ambiente sano.

    Chi avvelena una persona per vendetta viene condannato per veneficio.
    Chi avvelena milioni di esseri umani per profitto viene onorato come capitano d'industria.

 

 

Discussioni Simili

  1. Questione cecena e questione palestinese
    Di subiectus nel forum Politica Estera
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 07-02-11, 19:32
  2. Questione etnica e questione europea (G. Faye)
    Di carlomartello nel forum Destra Radicale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 03-02-10, 03:25
  3. Questione cattolica o questione clericale?
    Di anarchico_dissacratore nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 29-01-10, 09:04
  4. La questione Benazir Bhutto - La questione pakistana
    Di Combat nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-01-08, 21:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226