User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    34,282
    Mentioned
    238 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito XXVI Seduta del Senato: Principi di Intervento Minimo del Governo




    XXVI Seduta del Senato



    Principi di Intervento Minimo del Governo



    Fase presentazione pdl e dichiarazioni voto








    Chiedo gentilmente ai signori Senatori interessati se possono postare le loro proposte entro stasera alle 21.

    In modo da far partire tutte le votazioni nello stesso momento.

    Manderò dei pvt per avvertirli di farlo.


    Grazie.
    "I socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri."

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Basileus ton Romaion
    Data Registrazione
    28 Mar 2006
    Località
    Neà Ròmi
    Messaggi
    17,929
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: XXVI Seduta del Senato: Principi di Intervento Minimo del Governo

    DDL GALT

    Il Senato di PIR ritiene che i principi minimi di intervento dello Stato siano i seguenti:


    118. I cittadini dell’ITALIA hanno diritto al lavoro, cioè diritto di ricevere un lavoro garantito e
    retribuito secondo la quantità e la qualità [delle loro prestazioni].
    Il diritto al lavoro è assicurato dall’organizzazione socialista dell’economia nazionale,
    dall’aumento incessante delle forze produttive della società sovietica, dall’eliminazione della
    possibilità di crisi economiche e dalla liquidazione della disoccupazione.
    119. I cittadini dell’ITALIA hanno diritto al riposo.
    Il diritto al riposo è assicurato dalla riduzione della giornata lavorativa fino a 7 ore per l’immensa
    maggioranza degli operai, dall’istituzione di congedi annuali per gli operai e gli impiegati con
    mantenimento del salario, e dalla predisposizione di un’ampia rete di sanatori, case di riposo e
    club, posta al servizio dei lavoratori.
    120. I cittadini dell’ITALIA hanno diritto all’assistenza materiale durante la vecchiaia, nonchè in
    caso di malattia e di perdita della capacità lavorativa.
    Questo diritto è assicurato dall’ampio sviluppo dell’assicurazione sociale degli operai e degli
    impiegati a carico dello Stato, dall’assistenza medica gratuita ai lavoratori, e dall’ampia rete di
    stazioni di cura messa a disposizione dei lavoratori.
    121. I cittadini dell’ITALIA hanno diritto alla istruzione. Questo diritto è assicurato dall’istruzione
    elementare, generale ed obbligatoria, dal carattere gratuito dell’istruzione, compresa l’istruzione
    superiore, da un sistema di borse di studio statali per l’immensa maggioranza degli studenti delle
    scuole superiori, dall’insegnamento scolastico nella lingua materna e dall’organizzazione
    dell’insegnamento professionale, tecnico e agronomico gratuito per i lavoratori nelle officine, nei
    sovchoz, nelle stazioni di macchine e trattori e nei kolchoz.
    122. Alla donna sono accordati nell’ITALIA diritti uguali a quelli dell’uomo in tutti i campi della
    vita economica, statale, culturale e socio-politica.
    La possibilità di esercitare questi diritti è assicurata dall’attribuzione alla donna dello stesso diritto
    dell’uomo al lavoro, alla retribuzione del lavoro, al riposo, all’assicurazione sociale e
    all’istruzione; dalla tutela, da parte dello Stato, degli interessi della madre e del bambino; dalla
    concessione di congedi di gravidanza alla donna, con mantenimento del salario, e da un’ampia rete
    di case di maternità, di nidi e di giardini d’infanzia.
    123. L’uguaglianza giuridica dei cittadini dell’ITALIA indipendentemente dalla loro nazionalità e
    razza, in tutti i campi della vita economica, statale, culturale e socio-politica, è legge irrevocabile.
    Qualsiasi limitazione diretta o indiretta dei diritti e, al contrario, qualsiasi attribuzione di privilegi
    diretti o indiretti ai cittadini in dipendenza della razza o della nazionalità alla quale appartengano,
    così come qualsiasi propaganda di settarismo razziale o nazionale, ovvero di odio e disprezzo, è
    punita dalla legge.
    124. Allo scopo di assicurare ai cittadini la libertà di coscienza, la Chiesa nell’ITALIA è separata
    dallo Stato e la scuola dalla Chiesa. La libertà di praticare culti religiosi e la libertà di propaganda
    antireligiosa sono riconosciute a tutti i cittadini.
    125. In conformità con gli interessi dei lavoratori e allo scopo di consolidare il regime socialista, ai
    cittadini dell’ITALIA è garantita dalla legge:
    a) la libertà di parola;
    b) la libertà di stampa;
    c) la libertà di riunione e di comizi;
    d) la libertà di cortei e manifestazioni di strada.
    Questi diritti dei cittadini sono assicurati mettendo a disposizione dei lavoratori e delle loro
    organizzazioni le tipografie, le scorte di carta, gli edifici sociali, le strade, i mezzi di
    comunicazione e le altre condizioni materiali necessarie per il loro esercizio.
    126. In conformità con gli interessi dei lavoratori e allo scopo di sviluppare 1’autonomia
    organizzativa e l’attività politica delle masse popolari, è assicurato ai cittadini dell’ITALIA il diritto
    di unirsi in organizzazioni sociali: sindacati, consorzi cooperativi, organizzazioni della gioventù,
    organizzazioni sportive e di difesa, associazioni culturali, tecniche e scientifiche, mentre i cittadini
    più attivi e più coscienti provenienti dalle file della classe operaia e da altri strati di lavoratori si
    riuniscono nel Partito Comunista (bolscevico) dell’ITALIA, che è il reparto d’avanguardia dei
    lavoratori nella loro lotta per il consolidamento e lo sviluppo del regime socialista, e che
    rappresenta il nucleo direttivo di tutte le organizzazioni dei lavoratori, sia sociali che statali.
    127. Ai cittadini dell’ITALIA è assicurata l’inviolabilità della persona. Nessuno può essere
    sottoposto ad arresto se non in base a sentenza (postanovlenie) di un tribunale o con la conferma del
    procuratore.
    128. L’inviolabilità del domicilio dei cittadini e il segreto della corrispondenza epistolare sono
    tutelati dalla legge.
    129. L’ITALIA accorda il diritto di asilo ai cittadini stranieri perseguitati per avere difeso gli
    interessi dei lavoratori, o per la loro attività scientifica, o per avere partecipato a lotte di liberazione
    nazionale.
    130. Ogni cittadino dell’ITALIA è tenuto ad osservare la Costituzione
    ad eseguire le leggi, ad osservare la disciplina del lavoro, a
    comportarsi con onestà nei confronti del dovere sociale e a rispettare le regole della convivenza
    socialista.
    131. Ogni cittadino dell’ITALIA è tenuto a salvaguardare e a consolidare la proprietà sociale
    socialista, come base sacra e inviolabile del regime sovietico, fonte della ricchezza e della potenza
    della patria, fonte di vita agiata e civile per tutti i lavoratori.
    Coloro che attentano alla proprietà sociale, socialista, sono nemici del popolo.
    132. Il servizio militare generale è obbligatorio per legge. Il servizio militare nell’Armata Rossa
    Operaio-contadina è obbligo d’onore per tutti i cittadini dell’ITALIA.
    133. La difesa della patria è sacro dovere di ogni cittadino dell’ITALIA. Il tradimento della patria – la
    violazione del giuramento, il passaggio al nemico, il danno causato alla potenza militare dello Stato,
    lo spionaggio – è punito con il massimo rigore della legge, come il più grave dei misfatti.
    Questa è l'Italia del futuro: un Paese di musichette mentre fuori c'è la Morte

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    13,969
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: XXVI Seduta del Senato: Principi di Intervento Minimo del Governo

    Il Senato di PIR invita gli organi legislativi reali a:

    1) Attenersi strettamente agli obblighi costituzionali e a cessare il diffuso malcostume di delegare i processi legislativi ad altri soggetti amministrativi, non eletti dal popolo. Conseguentemente a negare diritti di "veto" implicito o esplicito, a questi soggetti non autorizzati dalla carta costituzionale.

    2) Prima di votare un qualsivoglia atto di legge, verificare che l'esercizio di quel potere sia autorizzato espressamente dalla Costituzione.

    3) Nell'esercizio della propria autorita' costituzionale, a non finanziare occupazione pubblica attraverso la creazione di posizioni lavorative "burocratiche" che distanzino il privato cittadino dagli organi legislativi. A tal fine sono da evitarsi le posizioni lavorative in aree particolarmente critiche circa l'amministrazione e l'interpretazione della legge per soggetti non eletti direttamente dal popolo. Da ultimo, a promuovere la formazione civica del lavoratore pubblico "conscio" delle limitazioni costituzionali, dei poteri dei vari parlamenti, nazionali, federali o regionali e del suo ruolo nella macchina pubblica.


    4) Approvare un limite del numero di mandati consecutivi dei vari eletti, in modo da riavvicinare il potere legislativo al popolo.

  4. #4
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: XXVI Seduta del Senato: Principi di Intervento Minimo del Governo

    Non ho capito, ma perché il ddl Galt parte da 118?

  5. #5
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    34,282
    Mentioned
    238 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito Rif: XXVI Seduta del Senato: Principi di Intervento Minimo del Governo

    Dichiaro chiusa questa fase.


    A breve aprirò la seduta di voto.
    Ultima modifica di Supermario; 02-07-10 alle 22:26
    "I socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri."

 

 

Discussioni Simili

  1. III Seduta del Senato: Fiducia al governo Laico
    Di C@scista nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 24-06-11, 11:00
  2. XXVI Seduta del Senato: Principi di Intervento Minimo del Governo
    Di Supermario nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 06-07-10, 13:36
  3. XXVI Seduta del Senato: Principi di intervento minimo di governo
    Di Supermario nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 02-07-10, 07:46
  4. Quarta Seduta del Senato: discussione fiducia al Governo Garat
    Di Supermario nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 14-03-10, 21:01
  5. Intervento di Claudio Grassi - 280° seduta pubblica del Senato
    Di Lavrentij nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-01-08, 12:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226