Il veto ad Adriana Faranda e le amnesie del partito della vendetta - L'alter-Ugo