User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista junior
    Data Registrazione
    30 Jun 2010
    Messaggi
    17
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito regno di napoli e religione cattolica

    Una discreta convivenza di costumi, religioni, fedi e dottrine diverse che altrove erano in guerra, fu invece possibile nei territori del regno di Napoli, grazie alla posizione centrale che occupa il Mezzogiorno nel Mediterraneo. Dall'inizio del dominio angioino si impose a Napoli il cattolicesimo come religione di stato e dei sovrani, e la chiesa cattolica trovò il consenso della maggior parte della popolazione. Alla nascita del regno diverse guerre comportarono la sconfitta e la conseguente interdizione delle altre confessioni religiose a cui aderivano minoranze e coloni stranieri: Islam e chiesa ortodossa. In Calabria e in Puglia fino al concilio di Trento e alla controriforma sopravvisse l'uso del rito greco e del Credo Niceno (simbolo recitato senza filioque). La riconversione di molte delle diocesi greche alla tradizione latina inizialmente fu affidata ai benedettini e ai cistercensi che si sostituirono gradatamente con le loro missioni ai monasteri basiliani, poi fu incoraggiata e ufficializzata da una serie di disposizioni che seguirono il concilio di Trento.[41][86]

    Un'altra importante minoranza religiosa era costituita dalle comunità ebraiche: diffuse nei principali porti della Calabria, della Puglia, e in alcune città della Terra di Lavoro e della costa campana, furono espulse dal regno nel 1542 e riammesse poi, con tutti i diritti di cittadinanza, solo sotto il governo di Carlo III di Spagna, circa due secoli più tardi.

    Il controllo dottrinale cattolico fu esercitato prevalentemente nelle gerarchie nobiliari e nella giurisprudenza e determinò d'altra parte lo sviluppo di filosofie e etiche eversive nei riguardi della Chiesa di Roma, laiche e spesso anticurialiste: queste dottrine nacquero su basi atomistiche e gassendiane ed ebbero diffusione dal XVII sec. (filosofie portate a Napoli da Tommaso Cornelio)[37] e confluirono poi in una forma fortemente locale di giansenismo nel XVIII sec.[39]

    Particolarmente diffuso fra la popolazione di tutto il regno era il culto dei santi e dei martiri, invocati spesso come protettori, taumaturghi e guaritori, nonché la devozione alla Vergine Maria (Concezione, Annunciazione, Assunzione). D'altra parte nei territori del regno sono sorti centri di vocazione, di ecumenismo, e ordini monastici nuovi quali i teatini, i redentoristi e i celestini

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    08 Aug 2009
    Messaggi
    427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: regno di napoli e religione cattolica

    Citazione Originariamente Scritto da il sanfedista Visualizza Messaggio
    Una discreta convivenza di costumi, religioni, fedi e dottrine diverse che altrove erano in guerra, fu invece possibile nei territori del regno di Napoli, grazie alla posizione centrale che occupa il Mezzogiorno nel Mediterraneo. Dall'inizio del dominio angioino si impose a Napoli il cattolicesimo come religione di stato e dei sovrani, e la chiesa cattolica trovò il consenso della maggior parte della popolazione. Alla nascita del regno diverse guerre comportarono la sconfitta e la conseguente interdizione delle altre confessioni religiose a cui aderivano minoranze e coloni stranieri: Islam e chiesa ortodossa. In Calabria e in Puglia fino al concilio di Trento e alla controriforma sopravvisse l'uso del rito greco e del Credo Niceno (simbolo recitato senza filioque). La riconversione di molte delle diocesi greche alla tradizione latina inizialmente fu affidata ai benedettini e ai cistercensi che si sostituirono gradatamente con le loro missioni ai monasteri basiliani, poi fu incoraggiata e ufficializzata da una serie di disposizioni che seguirono il concilio di Trento.[41][86]

    Un'altra importante minoranza religiosa era costituita dalle comunità ebraiche: diffuse nei principali porti della Calabria, della Puglia, e in alcune città della Terra di Lavoro e della costa campana, furono espulse dal regno nel 1542 e riammesse poi, con tutti i diritti di cittadinanza, solo sotto il governo di Carlo III di Spagna, circa due secoli più tardi.

    Il controllo dottrinale cattolico fu esercitato prevalentemente nelle gerarchie nobiliari e nella giurisprudenza e determinò d'altra parte lo sviluppo di filosofie e etiche eversive nei riguardi della Chiesa di Roma, laiche e spesso anticurialiste: queste dottrine nacquero su basi atomistiche e gassendiane ed ebbero diffusione dal XVII sec. (filosofie portate a Napoli da Tommaso Cornelio)[37] e confluirono poi in una forma fortemente locale di giansenismo nel XVIII sec.[39]

    Particolarmente diffuso fra la popolazione di tutto il regno era il culto dei santi e dei martiri, invocati spesso come protettori, taumaturghi e guaritori, nonché la devozione alla Vergine Maria (Concezione, Annunciazione, Assunzione). D'altra parte nei territori del regno sono sorti centri di vocazione, di ecumenismo, e ordini monastici nuovi quali i teatini, i redentoristi e i celestini
    il rito greco ortodosso ebbe molto seguito nel sud sepcialmente in calabria e puglia e ancora oggi ci sono dei centro importanti come ad esempio a Bari e a Rossano dove esiste ancora l'ordine di san Nilo.

    La trattazione purtroppo omette di parlare della tragedia dei poveri valdesi immigrati dal piemonte che furuno massacrati senza pietà per ordine dei vescovi cattolici perchè ritenuti eretici . Miracolosamente ancora oggi esistono alcune piccole comunità valdesi in Calabria.
    Il massacro dei valdesi è una pagina tragica di cui i cattolici duosiciliani debbono vergognarsi

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 149
    Ultimo Messaggio: 25-10-14, 11:17
  2. religione cattolica e conservatorismo sociale nel regno di napoli
    Di il sanfedista nel forum Conservatorismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-07-10, 18:17
  3. religione cattolica e regno di napoli
    Di il sanfedista nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-07-10, 18:16
  4. gli ufo e religione cattolica
    Di Cuordy nel forum Cattolici
    Risposte: 74
    Ultimo Messaggio: 14-06-09, 17:47
  5. Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 26-12-06, 20:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226