User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 14 di 14
Like Tree12Likes

Discussione: La degenerazione del femminismo

  1. #11
    E il mai diventa oggi
    Data Registrazione
    26 Sep 2009
    Messaggi
    62
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La degenerazione del femminismo

    Proprio stamattina stavo leggendo questo articolo: From shopping to naked selfies: how 'empowerment' lost its meaning | World news | The Guardian

    What girl power was to the 90s, empowerment has become to the 2010s: a catch-all and therefore empty word denoting a watered-down feminism, one beloved of bubbly celebrities and canny advertisers alike.

    [...] a strong mentality was emerging from fourth-wave feminism, one that at least partially defines the movement: to judge other women for choosing to do something – anything – is inherently anti-feminist, because those women made their choice and therefore it is a feminist act. The word “empowered” regained traction and women who lived their lives according to their own choices and desires were described as “self-empowered”. “Choice feminism” replaced “consumer feminism”, but the two ultimately come down to the same thing: that is, if a woman does something of her own free will – whether it’s pole-dancing or buying shoes – then it’s a feminist act. And more than ever, it’s not only about feminism; it’s about empowering the woman as an individual.

    Empowerment has become the cover for doing whatever the hell you like. It is a self-created safe space: as long as you say you are empowered, anyone who complains is trying to oppress you.

    [...] do whatever you like, but don’t kid yourself that you’re doing anything more than pleasing yourself. Buying shoes is not a strike against the patriarchy. Telling other women to shut up online is not a feminist act. Tweeting photos of your boobs is not empowering the world.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Uomo tropicale
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Quaternario
    Messaggi
    9,677
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: La degenerazione del femminismo

    La guerra femminista contro gli studenti


    Le università americane stanno espellendo studenti maschi falsamente accusati, senza garantire loro nemmeno i normali diritti di difesa.
    Studenti hanno subito procedimenti in cui aver espresso opinioni, quali criticare il femminismo o le discriminazioni “positive” come le quote rosa, viene considerato molestia sessuale, in aperta violazione del diritto alla libertà di parola (esempi sono citati in Students for Individual Liberty in Davis v. Monroe County Board of Educationi).
    All’Università di Columbia, le “lettere d’amore” sono considerate molestie sessuali.
    All’Università di Yale “l’innuendo sessuale non verbale, ad esempio l’inflessione della voce” è considerata molestia sessuale.
    Le femministe hanno ora ottenuto che per la condanna non sono più necessarie prove “oltre ogni ragionevole dubbio”, ma solo la “preponderanza dell’evidenza”. Se cioè un giudice crede al 50,01% che uno studente accusato possa essere colpevole (ad esempio perché una femminista lo accusa senza prove), deve condannarlo.
    Inoltre le scuole subiscono pressioni affinché vengaeliminata la possibilità di contro-interrogare l’accusatrice, strumento che permette di scoprire alcune false accuse.
    All’Università della California a Davis una femminista è stata arrestata per aver fabbricato 108 false accuse.
    Gli studenti iniziano a difendersi: all’Università di Chattanooga uno studente preventivamente allontanato per via di una calunnia femminista chiede 1 milione di dollari di risarcimento per il danno subito.
    L’Univeristà di George Washington ha espulso uno studente per via di una calunnia femminista, ignorando 3 testimoni oculari: lo studente ha chiesto 6 milioni di dollari di risarcimento.
    Uno studente espulso dall’Università di Brown ancora per via di una calunnia femminista, ha denunciato l’Università, l’accusatrice, e suo padre (accusandolo di aver influenzato con ricche donazioni gli ufficiali del caso).
    L’Università del North Dakota ha rifiutato di riammettere uno studente, espulso per una calunnia femminista, anche dopo che la magistratura aveva rinviato a giudizio la sua accusatrice per calunnia.
    Il problema riguarda anche i professori: vari europei rinunciano ad insegnare in università americante, per via dell’opprimente clima femminista (non si può parlare liberamente; è imprudente fare esami con studentesse a porte chiuse…). Lubos Motl, professore dimessosi da Harvard per tornare in Europa, scrive: “nello scenario femminista estremo, il MIT sarà composto di due parti distinte, maschile e femminile. La parte maschile assomiglierà al MIT come lo conosciamo oggi; la parte femminile sarà principalmente composta di gente che sa poco di tecnologica e usa il MIT come fonte di soldi senza controlli e carità per assistenza ed asili”.
    Il femminismo ha colpito anche al massimo livello: Larry Summers, rettore di Harvard (la più prestigiosa università americana) ha dovuto dimettersi per aver motivato il reclutamento sulla base del merito piuttosto che delle quote rosa, venendo sostituito da femministe che hanno imposto quote rosa.
    * * *
    Anche il Wall Street Journal del 20/8/2011 denuncia l’attacco contro gli studenti, di fatto sostenendo che le femministe falsificano le statistiche al fine di seminare odio contro gli uomini e imporre la presunzione di colpevolezza in modo che false accuse basate sul nulla possano distruggere la vita di studenti innocenti(il testo originale in inglese segue)

    Office for Civil Rights new interpretation of Title IX “strongly discourages” universities from permitting the accused “to question or cross-examine the accuser” during the hearing. In addition, if universities provide an appeals process, it must be available to both parties—which subjects the accused to double jeopardy.

    Most egregiously, OCR requires universities to render judgment using “a preponderance of the evidence” standard. This means that in a rape case, a campus disciplinary board of faculty, administrators and perhaps students serves as both judge and jury. Few if any of these judges are likely to have professional competence in fact-gathering, evidence analysis or judicial procedure. Yet to deliver a verdict of guilty, they need only believe that the accused is more likely than not to have committed the crime.
    This is the lowest standard. It is much less demanding than “beyond a reasonable doubt,” which is used in the criminal justice system, and the intermediate standard of “clear and convincing proof.” Yale, Stanford and many other universities have rushed to comply with OCR’s directives.
    On campus, where casual sex is celebrated and is frequently fueled by alcohol, the ambiguity that often attends sexual encounters is heightened and the risk of error in rape cases is increased. The consequences for a wrongly convicted student are devastating: Not only is he likely to be expelled, but he may well be barred from graduate or professional school and certain government agencies, suffer irreparable damage to his reputation, and still be exposed to criminal prosecution.
    OCR directives reducing critical due process protections on campus carry forward the work of extensive university bureaucracies built to ensure compliance with Title IX. These bureaucracies churn out materials on sexual harassment and sexual violence to train students, faculty and administrators to behave and think properly and to prepare those who serve on disciplinary boards. The materials are likely to include dubious statistics about the incidence of sexual assault; vulgar generalizations that men are controlling, angry and deceitful; and assurances that women neither lie nor make errors in alleging that they have been sexually assaulted.
    In short, universities are institutionalizing a presumption of guilt in sexual assault cases. This implements the doctrine developed in the 1980s and ’90s by postmodernists, radical feminists and critical legal studies scholars that inspired the ruinous campus speech codes. That doctrine teaches that the American political order is designed to oppress the weak; that racial minorities and women, whether they realize it or not, are victims; and that the truth, except for the first two propositions, is infinitely malleable.
    These teachings—and the disdain for the rights of the accused and liberty of thought and discussion that they sustain—are animated by illiberal convictions shared by many faculty and administrators, as well as the Obama administration Department of Education. Notwithstanding their selective appeal to the relativity of truth to neutralize alternative views, they are convinced that in practice all the hard questions about right and wrong have been finally settled and that faculty and administrators are uniquely in possession of the correct answers. Such dogmatism and imperviousness to evidence are hallmarks of the authoritarian mind. […]
    Articolo a firma di Peter Berkowitz, senior fellow at Stanford University’s Hoover Institution.

    L’articolo si conclude chiedendo se ci saranno professori capaci di deunciare queste leggi illiberali. O se accadrà come in Italia quando il fascismo impose le leggi razziali.

    Oggi che le questioni di genere e il pestaggio maschile che dura da due generazioni vengono usate per gli obiettivi più balordi, non è escluso il rischio del ripetersi di episodi criminali ispirati dalle stesse ragioni che mossero la mano omicida di Marc Lepine, lo studente 25enne che nel 1989 compì una strage presso il Politecnico che lo aveva rifiutato e che lasciò – chiarissimo – questo messaggio: “Notate che oggi mi suicidio non per motivi economici ma politici. Perché ho deciso di mandare le femministe, che hanno sempre rovinato la mia vita, al Creatore. Per 7 anni la vita non mi ha portato gioia e, essendo stato totalmente blasé, ho deciso di mettere una fine a quelle virago”.

    Fonti:


    http://townhall.com/columnists/mikea...ape/page/full/


    http://washingtonexaminer.com/blogs/...lse-accusation


    http://www.openmarket.org/2011/06/07/why-cross-examination-rights-matter-in-campus-sexual-harassment-cases-under-title-ix/



    » La guerra femminista contro gli studenti Il Femminismo
    Kavalerists likes this.
    L'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio

  3. #13
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,559
    Mentioned
    411 Post(s)
    Tagged
    112 Thread(s)

    Predefinito Re: La degenerazione del femminismo

    Citazione Originariamente Scritto da Logomaco Visualizza Messaggio
    E' necessario fermarle. A qualunque costo.
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  4. #14
    Forumista
    Data Registrazione
    08 Oct 2015
    Messaggi
    668
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La degenerazione del femminismo

    Citazione Originariamente Scritto da Logomaco Visualizza Messaggio
    La guerra femminista contro gli studenti


    Le università americane stanno espellendo studenti maschi falsamente accusati, senza garantire loro nemmeno i normali diritti di difesa.
    Studenti hanno subito procedimenti in cui aver espresso opinioni, quali criticare il femminismo o le discriminazioni “positive” come le quote rosa, viene considerato molestia sessuale, in aperta violazione del diritto alla libertà di parola (esempi sono citati in Students for Individual Liberty in Davis v. Monroe County Board of Educationi).
    All’Università di Columbia, le “lettere d’amore” sono considerate molestie sessuali.
    All’Università di Yale “l’innuendo sessuale non verbale, ad esempio l’inflessione della voce” è considerata molestia sessuale.
    Le femministe hanno ora ottenuto che per la condanna non sono più necessarie prove “oltre ogni ragionevole dubbio”, ma solo la “preponderanza dell’evidenza”. Se cioè un giudice crede al 50,01% che uno studente accusato possa essere colpevole (ad esempio perché una femminista lo accusa senza prove), deve condannarlo.
    Inoltre le scuole subiscono pressioni affinché vengaeliminata la possibilità di contro-interrogare l’accusatrice, strumento che permette di scoprire alcune false accuse.
    All’Università della California a Davis una femminista è stata arrestata per aver fabbricato 108 false accuse.
    Gli studenti iniziano a difendersi: all’Università di Chattanooga uno studente preventivamente allontanato per via di una calunnia femminista chiede 1 milione di dollari di risarcimento per il danno subito.
    L’Univeristà di George Washington ha espulso uno studente per via di una calunnia femminista, ignorando 3 testimoni oculari: lo studente ha chiesto 6 milioni di dollari di risarcimento.
    Uno studente espulso dall’Università di Brown ancora per via di una calunnia femminista, ha denunciato l’Università, l’accusatrice, e suo padre (accusandolo di aver influenzato con ricche donazioni gli ufficiali del caso).
    L’Università del North Dakota ha rifiutato di riammettere uno studente, espulso per una calunnia femminista, anche dopo che la magistratura aveva rinviato a giudizio la sua accusatrice per calunnia.
    Il problema riguarda anche i professori: vari europei rinunciano ad insegnare in università americante, per via dell’opprimente clima femminista (non si può parlare liberamente; è imprudente fare esami con studentesse a porte chiuse…). Lubos Motl, professore dimessosi da Harvard per tornare in Europa, scrive: “nello scenario femminista estremo, il MIT sarà composto di due parti distinte, maschile e femminile. La parte maschile assomiglierà al MIT come lo conosciamo oggi; la parte femminile sarà principalmente composta di gente che sa poco di tecnologica e usa il MIT come fonte di soldi senza controlli e carità per assistenza ed asili”.
    Il femminismo ha colpito anche al massimo livello: Larry Summers, rettore di Harvard (la più prestigiosa università americana) ha dovuto dimettersi per aver motivato il reclutamento sulla base del merito piuttosto che delle quote rosa, venendo sostituito da femministe che hanno imposto quote rosa.
    * * *
    Anche il Wall Street Journal del 20/8/2011 denuncia l’attacco contro gli studenti, di fatto sostenendo che le femministe falsificano le statistiche al fine di seminare odio contro gli uomini e imporre la presunzione di colpevolezza in modo che false accuse basate sul nulla possano distruggere la vita di studenti innocenti(il testo originale in inglese segue)

    Office for Civil Rights new interpretation of Title IX “strongly discourages” universities from permitting the accused “to question or cross-examine the accuser” during the hearing. In addition, if universities provide an appeals process, it must be available to both parties—which subjects the accused to double jeopardy.

    Most egregiously, OCR requires universities to render judgment using “a preponderance of the evidence” standard. This means that in a rape case, a campus disciplinary board of faculty, administrators and perhaps students serves as both judge and jury. Few if any of these judges are likely to have professional competence in fact-gathering, evidence analysis or judicial procedure. Yet to deliver a verdict of guilty, they need only believe that the accused is more likely than not to have committed the crime.
    This is the lowest standard. It is much less demanding than “beyond a reasonable doubt,” which is used in the criminal justice system, and the intermediate standard of “clear and convincing proof.” Yale, Stanford and many other universities have rushed to comply with OCR’s directives.
    On campus, where casual sex is celebrated and is frequently fueled by alcohol, the ambiguity that often attends sexual encounters is heightened and the risk of error in rape cases is increased. The consequences for a wrongly convicted student are devastating: Not only is he likely to be expelled, but he may well be barred from graduate or professional school and certain government agencies, suffer irreparable damage to his reputation, and still be exposed to criminal prosecution.
    OCR directives reducing critical due process protections on campus carry forward the work of extensive university bureaucracies built to ensure compliance with Title IX. These bureaucracies churn out materials on sexual harassment and sexual violence to train students, faculty and administrators to behave and think properly and to prepare those who serve on disciplinary boards. The materials are likely to include dubious statistics about the incidence of sexual assault; vulgar generalizations that men are controlling, angry and deceitful; and assurances that women neither lie nor make errors in alleging that they have been sexually assaulted.
    In short, universities are institutionalizing a presumption of guilt in sexual assault cases. This implements the doctrine developed in the 1980s and ’90s by postmodernists, radical feminists and critical legal studies scholars that inspired the ruinous campus speech codes. That doctrine teaches that the American political order is designed to oppress the weak; that racial minorities and women, whether they realize it or not, are victims; and that the truth, except for the first two propositions, is infinitely malleable.
    These teachings—and the disdain for the rights of the accused and liberty of thought and discussion that they sustain—are animated by illiberal convictions shared by many faculty and administrators, as well as the Obama administration Department of Education. Notwithstanding their selective appeal to the relativity of truth to neutralize alternative views, they are convinced that in practice all the hard questions about right and wrong have been finally settled and that faculty and administrators are uniquely in possession of the correct answers. Such dogmatism and imperviousness to evidence are hallmarks of the authoritarian mind. […]
    Articolo a firma di Peter Berkowitz, senior fellow at Stanford University’s Hoover Institution.

    L’articolo si conclude chiedendo se ci saranno professori capaci di deunciare queste leggi illiberali. O se accadrà come in Italia quando il fascismo impose le leggi razziali.

    Oggi che le questioni di genere e il pestaggio maschile che dura da due generazioni vengono usate per gli obiettivi più balordi, non è escluso il rischio del ripetersi di episodi criminali ispirati dalle stesse ragioni che mossero la mano omicida di Marc Lepine, lo studente 25enne che nel 1989 compì una strage presso il Politecnico che lo aveva rifiutato e che lasciò – chiarissimo – questo messaggio: “Notate che oggi mi suicidio non per motivi economici ma politici. Perché ho deciso di mandare le femministe, che hanno sempre rovinato la mia vita, al Creatore. Per 7 anni la vita non mi ha portato gioia e, essendo stato totalmente blasé, ho deciso di mettere una fine a quelle virago”.

    Fonti:


    http://townhall.com/columnists/mikea...ape/page/full/


    http://washingtonexaminer.com/blogs/...lse-accusation


    http://www.openmarket.org/2011/06/07/why-cross-examination-rights-matter-in-campus-sexual-harassment-cases-under-title-ix/



    » La guerra femminista contro gli studenti Il Femminismo
    Le femministe sono un cancro sociale.

    _ Varg _
    Novus Ordo Seclorum

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-03-15, 15:13
  2. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 22-01-15, 19:14
  3. Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 12-10-06, 20:14
  4. Dall' ultra-femminismo-comunista all'ultra-femminismo-filoccidentale
    Di EresiaMaxima nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-09-06, 12:27
  5. Il femminismo e la sua degenerazione
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 134
    Ultimo Messaggio: 28-05-05, 20:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226