User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
Like Tree7Likes

Discussione: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

  1. #1
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    226 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesùdi Francesco Agnoli02-12-2015AA+A++






    Il 30 novembre 1900, a Parigi, moriva Oscar Wilde, l'autore de Il ritratto di Dorian Gray. La sua figura è spesso strumentalizzata e incompresa, nella sua profondità e nel suo dramma. Per questo può essere utile ricordare almeno alcune cose. Oscar Wilde nasce a Dublino il 16 ottobre 1854. Come racconta il biografo Francesco Mei, suo padre, sir William, è un medico affermatissimo, che «cambia più spesso le amanti che non le camicie» (Francesco Mei, Oscar Wilde, Rcs, Milano, 2001). Sua madre, Jane, è «portata a trascurare l'andamento della casa, compresa l'educazione morale dei figli». William e Jane sono una coppia "aperta", con tutte le caratteristiche del caso. Quando Oscar nasce, la madre, «che aspettava ardentemente una bambina», resta delusa. Proietta sul figlio, maschio, i suoi desideri: il piccolo Oscar viene vestito da bambina, «agghindato con trine e pizzi» e patisce tanto le imposizioni della madre, quanto l'assenza del padre. Vari biografi mettono in luce come Wilde abbia interiorizzato una figura negativa di padre, e questo gli abbia impedito di sviluppare appieno la sua virilità e il suo senso di paternità: cercherà sempre, in altre figure maschili, il padre che non ha avuto, e sarà, con la moglie e con i figli, il marito infedele e il padre assente che non aveva apprezzato in suo padre.Presto Wilde si distacca dalla famiglia, andando a studiare in collegio, prima al Trinity College diDublino, poi ad Oxford. Rimanendo per certi aspetti «un eterno fanciullo», incapace di «maturare, almeno sul piano affettivo». Suo padre non è per lui oggetto di ammirazione, anzi Oscar non approva «lo sfrenato libertinaggio del genitore. E non è escluso che proprio per reazione agli eccessi paterni, egli abbia concepito sin dall'adolescenza una sorta di riluttanza a stabilire rapporti impegnativi con le donne». Si sposerà, amerà sua moglie, ma, un po' come il padre, senza mai riuscire a farlo veramente, alternando i rimorsi e il desiderio di tornare da lei, all'insicurezza e alla mutevolezza, ai rapporti fuggevoli e molteplici con donne, uomini e ragazzini. In un vortice di depravazione, come dirà lui stesso, che lo porterà, dopo il successo, alla prigione, ma anche ad una salute inferma, causa l'uso prolungato di alcool, liquori, assenzio... sino alla fine dei suoi giorni. Condannato al carcere nel 1895, con l'accusa di aver avuto rapporti omosessuali con svariatiragazzini e prostituti, Wilde scrive da lì alla moglie Constance: «Perdonami... i miei peccati sono stati tremendi e imperdonabili...». Wilde si vergogna della sua vita passata, anela alla rigenerazione, alla rinascita, si fa dare il Vangelo, gli scritti dei cardinali inglesi Newman e Manning, la Storia dei Papi... e progetta di scrivere, una volta fuori dal carcere, qualcosa su san Francesco, quasi a riparazione del suo «perseguimento selvaggio del piacere che inaridisce il corpo e lo spirito». Nel 1897 scrive una lettera che prende il titolo da un salmo, De profundis, a lord Alfred Douglas, il suo amante. Il 30 novembre 1900 Oscar Wilde muore, dopo essere entrato nella Chiesa cattolica, di cui era sempre stato un estimatore, e aver ricevuto l'estrema unzione (Paolo Gulisano, Il ritratto di Dorian Gray, Ancora, Milano, 2009, p. 181).Come per Baudelaire, Verlaine, Rimbaud e Huysmans (il cui romanzo Controcorrente è considerata la"bibbia dell'estetismo" e che poi diventerà oblato benedettino), passati tutti, chi più chi meno, da un forte rapporto con la fede religiosa, anche Wilde non può essere compreso se non riandando alla sua domanda: sono i piaceri del mondo, i “frutti terrestri” a saziare la fame dell'uomo, oppure la nostra "inquietudine", per citare Agostino, è saziata solo dall'incontro con Dio? Riportiamo qualche frase dal De profundis, scritto quando il poeta non è più sul palcoscenico, ma giù dal piedistallo su cui lui stesso aveva voluto mettersi, per essere da sé il senso della propria vita; scritto quando al posto dei piaceri sensuali e della dissipazione, vi sono il dolore e la solitudine; quando il tentativo di costruire una vita splendida, al di là del bene e del male, «come se Dio non ci fosse» e «tutto fosse lecito», si è rivelato un fallimento. Scrive Wilde: «Bisogna, sì, ch'io mi dica che da me stesso io mi sono distrutto e che nessuno, piccolo oppure grande, non si può rovinare che con le sue proprie mani. Io sono pronto a dirlo; mi sforzo di confessarlo, quantunque, forse, in questo momento, non lo si creda. Senza alcuna compassione io sostengo contro di me l'implacabile accusa. Per quanto terribile sia stato ciò che il mondo mi ha fatto di male, quel che io feci a me stesso fu più tremendo ancora... Mi divertii a fare l'ozioso, il dandy, l'uomo alla moda. Mi circondai di poveri caratteri e di spiriti miserevoli. Divenni prodigo del mio proprio genio e provai una gioia bizzarra nello sperperare una giovinezza eterna. Stanco di vivere sulle cime, discesi volontariamente in fondo agli abissi per cercarvi delle sensazioni nuove. La perversità fu nell'orbita della passione quel che il paradosso era stato per me nella sfera del pensiero. Infine il desiderio si cangiò in una malattia, o in una follìa, o in entrambe le cose. Divenni noncurante della vita altrui. Colsi il mio bene dove mi piacque e passai oltre. Dimenticai che ogni più piccola azione quotidiana forma o deforma il carattere e che, per conseguenza, ciò che si è compiuto nel segreto della propria intimità si sarà poi costretti a proclamarlo al mondo intero. Così, non fui più padrone di me stesso. Non riuscii più a dominare la mia anima e la ignorai. Permisi al piacere di governarmi e finii coll'essere abbattuto da una sventura orrenda. Adesso non mi rimane più che una cosa: l'assoluta umiltà...».Poi, parlando di Gesù, scrive: «Certo, egli ha il senso della pietà per i poveri, per coloro che sonorelegati nelle prigioni, per gli umili, per i miserabili, ma egli ha molta più compassione per i ricchi, per gli edonisti, per coloro che sacrificano la loro libertà e divengono gli schiavi delle cose, per quelli che portano abiti preziosi e abitano in palazzi regali. Le ricchezze e le voluttà a lui sembrano invero delle tragedie più grandi che la penuria e il dolore. Per Natale sono riuscito a procurarmi un Testamento Greco e ogni mattina, dopo aver spazzato la mia cella e forbito i miei utensili, leggo un passo dei Vangeli, una dozzina di versetti presi a caso, non importa dove. È una deliziosa maniera di cominciar la giornata. Ciascuno, anche vivendo una vita turbinosa e disordinata, dovrebbe fare così...». Sentiva Wilde, che Gesù aveva pietà anche di lui, del suo edonismo sfrenato, su cui aveva cercato di costruire la propria felicità, e che era stato, invece, al contrario, la sua condanna.
    @foglia , penso che ti interesserà
    Hatshepsut likes this.
    Preferisco di no.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Mar 2015
    Messaggi
    18,260
    Mentioned
    1110 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Si infatti. Grazie @Miles.
    E' quasi commovente il percorso spirituale con cui Wilde cercò la sua pace.

    Wilde, rivolgendosi all’amico Andrè Gide: “La pietà è un sentimento meraviglioso, che prima non conoscevo […] Sapete quale nobile sentimento sia la pietà? Ringrazio Dio, sì, ogni sera ringrazio Dio in ginocchio di avermela fatta conoscere. Sono entrato in prigione con il cuore di pietra; non pensavo che al mio piacere… Ora il mio cuore si è aperto alla pietà. Ho capito che la pietà è il sentimento più profondo, più bello che esista. Ed ecco perché non serbo rancore verso chi mi ha condannato, né per nessuno dei miei detrattori: è merito loro se ho imparato cos’è la pietà”.
    emv likes this.
    La morte significava ben poco per me. Era l'ultimo scherzo in una serie di pessimi scherzi. Charles Bukowski
    {;,;}

  3. #3
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    226 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Citazione Originariamente Scritto da foglia Visualizza Messaggio
    Si infatti. Grazie @Miles.
    E' quasi commovente il percorso spirituale con cui Wilde cercò la sua pace.

    Wilde, rivolgendosi all’amico Andrè Gide: “La pietà è un sentimento meraviglioso, che prima non conoscevo […] Sapete quale nobile sentimento sia la pietà? Ringrazio Dio, sì, ogni sera ringrazio Dio in ginocchio di avermela fatta conoscere. Sono entrato in prigione con il cuore di pietra; non pensavo che al mio piacere… Ora il mio cuore si è aperto alla pietà. Ho capito che la pietà è il sentimento più profondo, più bello che esista. Ed ecco perché non serbo rancore verso chi mi ha condannato, né per nessuno dei miei detrattori: è merito loro se ho imparato cos’è la pietà”.
    Potrà interessarti anche questo , allora:

    1/ La conversione di Oscar Wilde. Intervista allo scrittore e saggista Paolo Gulisano, di Antonio Gaspari 2/ Wilde, l?"anticlericale" che dedicava poesie al Papa, di Antonello Cannarozzo - Diario
    Preferisco di no.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Mar 2015
    Messaggi
    18,260
    Mentioned
    1110 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Si dice che Wilde avrebbe voluto avvicinarsi alla religione cattolica già da giovane, ma che suo padre glielo impedì. Mi sembrerebbe plausibile, ma correggimi se sbaglio, che una vera conversione non possa avvenire in poco tempo e solo in concomitanza con eventi drammatici come il carcere, la malattia o l'avvicinarsi della morte.
    La morte significava ben poco per me. Era l'ultimo scherzo in una serie di pessimi scherzi. Charles Bukowski
    {;,;}

  5. #5
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    226 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Citazione Originariamente Scritto da foglia Visualizza Messaggio
    Si dice che Wilde avrebbe voluto avvicinarsi alla religione cattolica già da giovane, ma che suo padre glielo impedì. Mi sembrerebbe plausibile, ma correggimi se sbaglio, che una vera conversione non possa avvenire in poco tempo e solo in concomitanza con eventi drammatici come il carcere, la malattia o l'avvicinarsi della morte.
    Guarda , sulle conversioni si può dire tutto ed il suo contrario. Non esiste statistica in merito.
    Vi sono conversioni istantanee ed omnicomprensive ed altre che durano una vita.
    Alcune hanno come catalizzatori specifici eventi drammatici, altre viceversa una semplice riflessione su Dio e sulla vita (che è altrettanto drammatica)
    Non esistono statistiche in merito.
    Ci possono essere esempi, quello sì, ed ognuno è caso a se:
    https://forum.termometropolitico.it/...nversioni.html

    Comunque , a mio modestissimo avviso, per capire la conversione di Wilde (che è praticamente sempre taciuta), basta leggere uno degli aforismi del periodo della sua vita, quando si mostrava come agnostico e gaudente e decadente dandy: "La Chiesa cattolica è soltanto per i santi e per i peccatori. Per le persone rispettabili va benissimo quella anglicana"
    Da un lato è la critica non nuova al periodo vittoriano (calcola che a fine '800 essere Cattolico in Inghilterra era comunque poco meno che essere mulatto nel sudafrica degli anni 70.
    Dall'altro evidentemente percepiva che il Cattolicesimo non nasce per condannare l'uomo, ma per abbracciarlo.

    Ti lascio questa ulteriore riflessione:

    La conversione di Oscar Wilde ? Aleteia.org ? Italiano
    Hatshepsut and Parsifal Corda like this.
    Preferisco di no.

  6. #6
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    226 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    @foglia , se ti interessa l'argomento conversioni, anche questa è una bella testimonianza:

    https://forum.termometropolitico.it/...radizione.html
    Preferisco di no.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Mar 2015
    Messaggi
    18,260
    Mentioned
    1110 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Citazione Originariamente Scritto da Miles Visualizza Messaggio
    @foglia , se ti interessa l'argomento conversioni, anche questa è una bella testimonianza:

    https://forum.termometropolitico.it/...radizione.html
    In un certo senso, non per convertirmi solo per curiosità. Sono un'atea sui generis perchè non credo in Dio, ma non sono contro la Chiesa. Un po' come a scuola quando il prof non sapeva spiegare e non lo capivi, ma la materia ti piaceva e la studiavi lo stesso.
    La morte significava ben poco per me. Era l'ultimo scherzo in una serie di pessimi scherzi. Charles Bukowski
    {;,;}

  8. #8
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    226 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Citazione Originariamente Scritto da foglia Visualizza Messaggio
    In un certo senso, non per convertirmi solo per curiosità. Sono un'atea sui generis perchè non credo in Dio, ma non sono contro la Chiesa. Un po' come a scuola quando il prof non sapeva spiegare e non lo capivi, ma la materia ti piaceva e la studiavi lo stesso.
    Guarda, per esperienza diretta, posso dirti che la conversione richiede "solo" un atto di profondissima umiltà.
    Un po' come la scuola , che pensi "boh la matematica non serve a nulla che mi frega studiarla, vado bene in altre materie ed alla fine mi promuovono" e poi viceversa ti rendi conto che averla studiata non è che era opzionale, era necessario.
    Comunque la tua passione letteraria è nota, più studi molti grandi autori, più non potrai non trovarvi la loro ricerca di Dio (pensa solo a Dostoevskij )
    Anthos likes this.
    Preferisco di no.

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Mar 2015
    Messaggi
    18,260
    Mentioned
    1110 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Citazione Originariamente Scritto da Miles Visualizza Messaggio
    Guarda, per esperienza diretta, posso dirti che la conversione richiede "solo" un atto di profondissima umiltà.
    Un po' come la scuola , che pensi "boh la matematica non serve a nulla che mi frega studiarla, vado bene in altre materie ed alla fine mi promuovono" e poi viceversa ti rendi conto che averla studiata non è che era opzionale, era necessario.
    Comunque la tua passione letteraria è nota, più studi molti grandi autori, più non potrai non trovarvi la loro ricerca di Dio (pensa solo a Dostoevskij )
    Si è vero, per cambiare idea serve almeno un briciolo di umiltà in genere.
    Che la religione sia necessaria lo vedo bene, ma l'ateismo mi si adatta caratterialmente e la questione riguarda le mie riflessioni sulla necessità di semplificare e razionalizzare.
    Il faticoso lavoro di riflessione fatto da altri e messo nero su bianco va onorato.
    La morte significava ben poco per me. Era l'ultimo scherzo in una serie di pessimi scherzi. Charles Bukowski
    {;,;}

  10. #10
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    226 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Oscar Wilde, l'inquieto che implorava la pietà di Gesù

    Citazione Originariamente Scritto da foglia Visualizza Messaggio
    Che la religione sia necessaria lo vedo bene, ma l'ateismo mi si adatta caratterialmente e la questione riguarda le mie riflessioni sulla necessità di semplificare e razionalizzare.
    Caratterialmente sarei un mangiapreti iconoclasta.
    Guarda un po' dove sono finito.
    Il carattere va forgiato, vero. Ma se non è sotto il controllo della tua ragione, è solo un intralcio al tuo io.
    Scusa questa lezione di filosofia spicciola così mattineria.
    Preferisco di no.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. la conversione di Oscar Wilde
    Di Cuordileone nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-12-08, 20:16
  2. Oscar Wilde
    Di GLADIUS (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 04-12-08, 14:44
  3. Oscar Wilde
    Di Klearchos nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-05-08, 11:28
  4. Oscar Wilde svolta in Vaticano
    Di MazingaZ nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-01-07, 13:52
  5. Oscar Wilde.
    Di Eymerich (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 90
    Ultimo Messaggio: 26-06-06, 13:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226