User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
Like Tree3Likes

Discussione: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

  1. #1
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    Maurizio Blondet 25 febbraio 2016 3
    Come tutti i pensionati, resto molto a casa, e quindi sento le radio. Mentre faccio le mie cose sento l’una e l’altra, le tengo accese mentre scrivo, salto da quella di Confindustria a Rai Uno, da Radio Radicale a Rai Tre.
    E di cosa parlano le radio, in questi giorni? Con quale tema occupano ore ed ore, sfiancanti, ossessive e ripetitive? Eh sì, avete indovinato: la legge sulle “unioni civili”. La “legge ferita”, ha lacrimato stamattina un tizio che fa’ la rassegna stampa: ferita perché sì, i finocchi avranno le loro unioni, ma non potranno adottare il figlio del partner. Non potete immaginare il dolore delle radio per la Cirinnà ferita, mutilata: ore ed ore a recriminare del “tradimento del 5 Stelle”, ad affliggersi perché “non siamo ancora entrati in Europa”, a lamentare “la vittoria di Alfano” e “di Verdini”, per non dire “della Chia che non è avanti come papa Francesco”.
    Non riescono a pensare ad altro, a parlare d’altro, questi stipendiati. “E’ stato cancellato l’obbligo di fedeltà!”, s’indigna uno al microfono, “per non far somigliare le unioni civili al matrimonio cattolico!”. Come se fra kulandre vigesse la fedeltà… Si vorrebbe ridere ma non si riesce: non si può fare a meno di partecipare alla loro desolazione. Sono gli orfani della Cirinnà. Inconsolabili vedove dell’adozione del figliastro. Non riescono proprio a parlar d’altro. E’ un’idea fissa, devono elaborare il lutto.
    Per esempio su Rai Tre, stipendificio di rivoluzionari a spese del contribuente, megafono della “cultura” (che beninteso è solo “di sinistra”), c’è una trasmissione dal titolo “Tutta la Città ne parla”. E secondo costoro, di cosa parlava “tutta la città”? Uno pensa: delle 30 mila pensioni d’oro dei parassiti pubblici da 50000 a 200 mila euro annui; delle intercettazioni americane sul nostro ex governo; la miseria galoppante dopo 8 anni di crisi ininterrotta; la disoccupazione giovanile al 50%. Che so, dell’ISIS in Libia. O magari, vuoi vedere, “tutta la Città” sta parlando del delitto del giorno, quello del bisessuale che ha sedotto la professoressa bruttina, le ha fatto cacciare 180 mila euro, e poi l’ha strangolata in combutta con l’amante maschio cinquantenne e la madre-mostro?
    Invece no: “tutta la città ne parla”, della Cirinnà ferita e tradita. Il conduttore lo assevera con questo metodo: abbiamo ricevuto delle mail. E le legge: si capisce subito che sono accuratamente selezionate. E’ il metodo di Rai Tre: si parlano tra loro, invitano interlocutori che la pensano come loro,si danno sempre ragione. E’ la Sinistra, bellezza.
    Il conduttore infatti ha invitato, a parlare di come “i cattolici” hanno mutilato la legge sulle unioni civili, “il teologo, anzi filosofo cattolico…”. E avete già indovinato: Vito Mancuso. Uno di successo. Che non crede alla Presenza Reale, alla divinità di Cristo, alla Transustanziazione, e l’ha scritto: l’unico senso per cui può essere presentato come cattolico, è che è un prete spretato.
    Ma si sorvoli, almeno avrà una solida formazione di filosofia. Ben presto si capisce cosa intendano per “filosofia” lui e il conduttore e gli altri invitati: una ideologia depassé, e ridotta ai minimi termini. Il conduttore vuole che lo spretato lo confermi nella sua convinzione: che “la natura” come dato fisso e immutabile è una superstizione cattolica. La “natura” non esiste, e quindi non esiste “La famiglia naturale”.
    Sono ancora e sempre fermi lì: è marxismo del tipo più superato e minimo. Marx e seguaci hanno sostenuto che “la natura umana” è un dato storico, mutevole; che la cosiddetta “natura umana” è determinata dalle condizioni materiali economiche. Prendete il contadino servo della gleba, trasformatelo in operaio, e ne cambiate la pretesa “natura umana”. Nella sua versione grande e tragica, il marxismo provò, cambiando “i rapporti di produzione” e l’abolizione della proprietà privata, a viva forza (e sterminando intere classi sociali definite “borghesi”, come i kulaki) a far scaturire l’Uomo Nuovo. Questi qui, sapendo che ormai la proposta comunista è impresentabile, hanno ripiegato sul livello inferiore: “Il genere è una costruzione sociale”. O come disse Simone De Beauvoir: “Donna non si nasce, si diventa. E’ l’insieme della storia e della civiltà a elaborare quel prodotto intermedio tra il maschio e il castrato che chiamiamo donna”.

    Di qui il nuovo esperimento sociale: forzare i maschietti all’asilo a mettersi il rossetto, “educare al sesso fluido”, obbligare (educare) gli scolari a ritenere normali “avere due ppà”, l’elevazione dell’invertito e del transessuale a modello da imitare. L’esito non è meno totalitario di quello del marxismo realizzato dal Gulag. Come quello, si nutre di semplificazioni ideologiche e obbligatorie, che vengono definite “filosofia” mentre sono ideologia: del tipo più consunto, vieto e prevedibile.
    Chiamato a confermare, Vito Mancuso esegue: anzitutto attacca “la visione metafisica” (ossia della Chiesa, secondo lui) per cui esiste una “natura”. Oggi “ogni persona responsabile deve accettare il magistero della scienza. Se vuole dare al mondo energia positiva” (come Vanna Marchi, Vito toglie le negatività) non deve riferirsi né al Vangelo né ai miti religiosi, ma alla scienza. E la scienza cosa dice, a Vito Mancuso? “La scienza dice che la natura è processo”, che è l’ideologia evoluzionista più semplificata: ogni vivente sta diventando qualcosa d’altro. Ne consegue, per il filosofo, che “tutto ciò che appare in natura è per sé naturale”.
    Quindi, il discorso è finito. Non osate dire che l’inversione sessuale è “innaturale”, o che esiste una “famiglia naturale” meritevole di diritti. La filosofia ve lo impone.
    Si resta abbacinati da tanta intelligenza. Vito Mancuso apre eccezionali orizzonti al Progresso. La peritonite, la cancrena, il carcinoma gastrico, il cancro dell’utero, sono – per il fatto che appaiono in natura- fenomeni naturali. Smettete di giudicarli male, di provare a curarli. Come tutti i fatti naturali, non restano fissi: sono “un processo”. Dunque lasciateli arrivare alla naturale evoluzione del processo. Altrimenti li volete reprimere. Siete repressivi del cancro e della peritonite. Come del kulandrone e del transex.
    Anche l’etica conquista, grazie a Mancuso, nuovi insperati orizzonti. Lo spretato filosofo si batte perché la società oscurantista non faccia pesare sull’invertito, il LGBT, un giudizio morale negativo. Ciò è molto bello e progressista . Ma perché limitarsi a quello? Anche l’omicidio è un fatto naturale. Lo dimostra il fatto che “appare” nella società. Specialmente l’uxoricidio, lo ammetto, risponde ad un impulso profondamente naturale. Ma perché vogliamo escludere l’assassinio per rapina, l’incendio doloso, l’abigeato, il falso in bilancio? La decapitazione da parte dei membri del Califfato? Sono tutti fatti che “appaiono in natura”, in quella seconda natura che è la società umana. Non esprimete giudizi negativi, non cercate di reprimerli.
    Di solito i filosofi di un tempo, prima di dare aria alla bocca, cercavano di immaginare le conseguenze ultime delle loro idee filosofiche. Mancuso, e la Sinistra coltissima, non ne hanno bisogno. Le loro idee filosofiche del resto non sono tutte malefiche: se consideriamo tutto ciò che appare in natura “naturale”, il cancro e la peritonite non vanno curati; l’omicida non va processato e incarcerato (sarebbe discriminazione). Sono dunque possibili grandi risparmi del sistema sanitario e dell’apparato giudiziario civile e penale, nella giungla dell’assenza di giudizi morali. Tutt’al più si potrebbero lasciar sussistere questi organi pubblici per un solo scopo: pagare gli stipendi agli addetti. Che è proprio quello che stanno sempre più facendo gli ospedali e i tribunali.
    E’ il Progresso che avanza. La Libertà da ogni Tabù, finalmente! Nessun giudizio etico basato sulla “metafisica”! Nessun giudizio medico-sanitario basato sulla distinzione – e discriminazione – fra “malattia” e salute, fra male e bene! Esiste solo “Il processo evolutivo”: un evoluzionismo per cui il coronamento del tipo umano – ai tempi di Darwin il WASP, bianco-anglosassone-protestante – è cambiato: adesso il punto più eccelso dell’evoluzione umana è la Kulandra.
    Basta così, era solo per dirvi di cosa sono piene, da giorni, le radio. Il conduttore non cessa di piangere sulla Cirinnà incompiuta, e adesso pone la domanda-chiave, importantissima, agli interlocutori che s’è scelto per farsi dare ragione: gli italiani sono “più avanti della classe politica”?
    E’ il suo dilemma angoscioso. Io che mi ricordo i marxisti di allora, lo riconosco: è il classico cruccio ideologico. Il termine “essere avanti” è tipico dell’ideologia, e del totalitarismo: sostituisce domande molto scomode. Del tipo: quello che dico è vero o falso? Giusto o sbagliato? Utile o dannoso? Tutte domande che il progressista si esime dall’affrontare. Basta che dica al disturbatore le gliele pone: “Sei indietro . Io sono avanti. La classe politica è meno avanti dei cittadini. Lo dicono le statistiche. E tu sei un kattolico oscurantista, ancora co ‘sta metafisica! Al GuLag!”.
    Non chiedete mai “avanti rispetto a cosa”. Perché si può essere “avanti” nella disgregazione sociale, nella patologia e nel degrado, ossia avanti in basso. Quando si dice, per esempio, che “il cancro di quel paziente è molto avanzato”, di solito il paziente non lo considera un progresso. Ma è la Radio Rai 3. Essa è “avanti”, e dice che “tutta la Città” parla della Cirinnà. D’accordo, ma non vi vergonate di essere così luogo-comunisti e depassè?



    Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento. - Blondet & Friends
    Haxel likes this.
    Preferisco di no.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    non solo tutte le radio
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  3. #3
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    non solo tutte le radio
    La creazione di un bisogno immaginario è il modo migliore per ignorare i bisogni e le necessità reali.
    Un marketing perfetto...
    Haxel likes this.
    Preferisco di no.

  4. #4
    emv
    emv è offline
    Moderatore Cattolico
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    4,732
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    E' assolutamente un marketing scientemente programmato. Basterebbe andare a vedere chi sono i proprietari dei maggiori network radiofonici e/o soprattutto chi ne controlla la pubblicità. Adesso vado a memoria ma mi pare ci fosse un certo De Benedetti.
    "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo" Mt 28, 19

    "Eva fu creata dalla costola di Abramo"

    Giordi


  5. #5
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    Citazione Originariamente Scritto da emv Visualizza Messaggio
    E' assolutamente un marketing scientemente programmato. Basterebbe andare a vedere chi sono i proprietari dei maggiori network radiofonici e/o soprattutto chi ne controlla la pubblicità. Adesso vado a memoria ma mi pare ci fosse un certo De Benedetti.
    Coincidenze.

    Come questa:

    Unioni civili, Renzi: ?Obama si è congratulato con me per questa legge? | Imola Oggi

    C'è come una coincidenza precisa negli interessi , distruggere diritti reali e coprire questo vuoto con una cortina fumogena di pseudodiritti inventati.
    Creare un uomo nuovo, atomizzato, senza alcun legame e punto di riferimento alcuno con qualcosa di più grande di lui (e la famiglia è la prima cellula della società) completamente alla mercè di ogni input che viene fatto passare per proprio desiderio intimo, mentre invece è solo il prodotto di qualche think tank del marketing.
    Altro che alchimisti...
    Preferisco di no.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,051
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    veramente pare che questo testo miri a consolidare legami e a riconoscerne il valore civile , il contrario dell'atomizzazione.


    Inviato da Anthos

  7. #7
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    veramente pare che questo testo miri a consolidare legami e a riconoscerne il valore civile , il contrario dell'atomizzazione.


    Inviato da Anthos
    L'intrinsicità di questo testo è semmai che la famiglia naturale non è più base di alcunchè, ma lo diviene (teoricamente, ontologicamente non può) qualunque capriccio, qualunque eggregore basato sulla fallace equazione "voglio=devo" oppure "penso=modifico la realtà".
    Perchè parliamoci chiaro, si è tentato , si è quasi riuscito e probabilmente si riuscirà, Dio non permetta, a creare il fantamatrimonio gayo.
    Preferisco di no.

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,051
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    continuera' ad essere la base e ci sara' sempre il matrimonio religioso .


    Inviato da Anthos

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    veramente pare che questo testo miri a consolidare legami e a riconoscerne il valore civile , il contrario dell'atomizzazione.


    Inviato da Anthos
    Mira a degenerare l'istituto familiare, a fronte di legami sterili e/o temporanei. Rapporti non fecondi e artificiosi che devono avere la stampella di pratiche abominevoli che saranno legittimate a cascata per imporci uno stile di vita non sano. Il tutto per la società è già un danno in sè, i tribunali creando ulteriore incertezza faranno il resto. Siamo una colonia di LGBTLandia
    ϟ qualis vibrans


  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,051
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Tutte le radio ne parlano. Allo sfinimento.

    nel senso che marito e moglie divorzieranno perche' il marito si vorra' sposare col cognato e la moglie con la cognata ? quindi mi stai dicendo che il matrimonio e' una finzione sociale pronta ad implodere?


    Inviato da Anthos

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Caso Ruby : Berlu assolto per ... sfinimento !
    Di cantonenordovest nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-03-15, 13:12
  2. Bimba rom usata allo sfinimento per elemosinare
    Di Rolling Stone nel forum Cronaca
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 02-05-13, 18:12
  3. Tutte le case allo Stato, tutto il reddito a te
    Di Robert nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 31-01-13, 17:02
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-09-12, 00:59
  5. "finalmente tutte le forze politiche parlano di indipendenza"
    Di tzirboneddu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-09-10, 15:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226