User Tag List

Pagina 16 di 16 PrimaPrima ... 61516
Risultati da 151 a 160 di 160
Like Tree66Likes

Discussione: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

  1. #151
    cancellato
    Data Registrazione
    10 Jan 2015
    Messaggi
    10,203
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da Parsifal Corda Visualizza Messaggio
    Ma leggendo i Vangeli tu conosci il dogma della Trinità?
    Ovvio che è presente in questi, ma è il Magistero che lo definisce. E le definizioni, che sono molto precise e con terminologie filosofiche, non stanno nei Vangeli.
    Vedi proprio sulla Trinità il Concilio di Nicena e l'homoousios (termine greco non presente nella Bibbia dei Settanta), con l'homoiousios ariano. Senza tale Concilio, ossia tale Magistero (che vale anche per i protestanti), non ci sarebbe alcuna definizione del dogma della Trinità.
    MA mica sto dicendo che un credente deve leggere la Bibbia per interpretarla a modo suo anche sui dogmi, sto dicendo che se una religione ha dei testi sacri non è che possono essere ignorati

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #152
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da jack9 Visualizza Messaggio
    MA mica sto dicendo che un credente deve leggere la Bibbia per interpretarla a modo suo anche sui dogmi, sto dicendo che se una religione ha dei testi sacri non è che possono essere ignorati
    Vedi più sopra.
    Comunque con l'alfabetizzazione di massa di oggi informarsi sul Cristianesimo e approfondire anche con la lettura delle Scritture è un obbligo per me.
    ϟ qualis vibrans


  3. #153
    cancellato
    Data Registrazione
    10 Jan 2015
    Messaggi
    10,203
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da Parsifal Corda Visualizza Messaggio
    Vedi più sopra.
    Comunque con l'alfabetizzazione di massa di oggi informarsi sul cristianesimo e approfondire anche con la lettura delle scritture è un obbligo per me.
    Scusatemi per l'ot che sto facendo, sono d'accordo anch'io che uno non può prendere di sana pianta e leggere e capire la Bibbia da solo, anche perché magari potrebbe seguire Marcione credendo di essere nel giusto perché per esempio decontestualizzerebbe alcune cose e arriverebbe che ne so a togliere l'antico Testamento
    Parsifal Corda likes this.

  4. #154
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Una buonissima di G Amato
    Com’era prevedibile, i risultati ottenuti dal Popolo della Famiglia il 5 giugno 2016 sono stati oggetto di una ridda di commenti e valutazioni, da cui sono scaturiti alcuni rilievi critici. Cerchiamo di rispondere alle dieci principali obiezioni sollevate in proposito.


    Obiezione n. 1: La media ponderata dei voti che il Popolo della Famiglia ha ottenuto a livello nazionale si attesta all’1,07%. Un po’ poco per chi aveva la pretesa di rappresentare i cristiani in politica.
    Niente affatto. Io direi, invece, che sia più giusto definire questo risultato con il suo vero nome: miracolo. Chi mastica un po’ di politica sa che solo un intervento sovrannaturale avrebbe potuto consentire ad un movimento nato lo scorso 11 marzo di raggiungere un simile traguardo a livello nazionale, nonostante l’oscuramento assoluto da parte di qualunque mezzo di comunicazione, avvenuto, peraltro, in palese e assoluta violazione delle disposizioni in tema di “par condicio”.
    Ma a discapito di questa vergognosa censura, il risultato è sotto gli occhi di tutti.
    Ebbene, l’unica considerazione da fare è la seguente: se in soli ottantacinque giorni, il Popolo della Famiglia – in condizioni di assoluto black-out mediatico – è riuscito a raggiungere l’1% dei consensi a livello nazionale, non è impossibile immaginare che in un anno di lavoro, e a condizioni diverse di visibilità, si possa superare la soglia minima del 3% prevista dall’Italicum per accedere in parlamento. Parlo di un anno, perché è ragionevole pensare che si vada al voto per le elezioni politiche nel 2017.
    Quindi, piuttosto che di un fallimento sarebbe meglio parlare di un miracolo. Anzi, per essere precisi, in realtà, i miracoli sono stati tre. Gli esperti di cose politiche, infatti, ci avevano detto che in meno di tre mesi sarebbe stato impossibile trovare persone disposte a candidarsi. E, invece, abbiamo trovato centinaia e centinaia di candidati. Una volta trovati i candidati, ci hanno poi detto che non saremmo riusciti ad ottenere le firme necessarie per la presentazione delle liste. E, invece, abbiamo trovato migliaia e migliaia di persone disposte a firmare. Una volta trovate le firme, ci hanno poi detto che non saremmo comunque mai riusciti a superare, a livello nazionale, una percentuale media superiore allo zero virgola. E, invece, abbiamo ottenuto l’1,07%. Adesso ci dicono che, comunque, non riusciremo in un anno a raggiungere l’obiettivo del 3%. A questo punto non ci resta che attendere la smentita di questa ulteriore previsione malaugurante ed attendere fiduciosi il quarto miracolo.
    La fiducia, peraltro, è legata anche ad un altro importante elemento emerso in questa campagna elettorale. Si tratta del coinvolgimento entusiasta di migliaia di persone lontanissime dalla politica, di veri e propri “neofiti” lanciatisi in un’impresa che sapevano ardua, solo per vera passione e con disinteressata generosità. Questo, nonostante fosse ben presente in tutti loro il fatto che, a differenza di altri partiti, con il Popolo della Famiglia non c’è nulla da guadagnare o da spartire in termini di interessi personali. Il volantinaggio porta a porta, i cortei strombazzanti di auto con bandiere, i sandwich-man, gli attacchinaggi notturni, fatti non da militanti di partito, ma da persone normalissime come tante mamme, papà e persino nonni, è stato davvero uno spettacolo commovente. Soprattutto nel particolare momento storico che stiamo vivendo, caratterizzato da un totale disincanto, se non addirittura fastidio per tutto ciò ha anche soltanto il vago sentore di “politico”. Abbiamo visto in opera un vero e proprio popolo di gente comunissima, capace di mobilitarsi per un ideale. Persino gli avversari hanno dovuto ammettere di non ricordare una cosa simile dagli anni Settanta. Ebbene, il coinvolgimento emozionante, l’entusiasmo contagioso, lo slancio generoso, la dedizione disinteressata, l’«ingenua baldanza» (avrebbe detto il mio Maestro don Giussani) di tutti coloro che si sono generosamente e appassionatamente spesi in questa campagna elettorale, rappresentano la speranza ed il potenziale di crescita del Popolo della Famiglia.
    Obiezione n. 2: Due soli consiglieri eletti sui quindici comuni in cui il Popolo della Famiglia ha deciso di partecipare con una propria lista sono davvero un magro risultato.
    Avevamo precisato fin dall’inizio del nostro progetto politico, e sempre a chiare lettere, che l’obiettivo del Popolo della Famiglia in questa tornata elettorale amministrativa non era quello che accomuna e muove tutti gli altri partiti, ovvero l’occupazione di uno spazio di potere in termini di “posti”. Occorre avere, almeno, l’onesta intellettuale di riconoscerci il merito di essere stati chiari fin da principio. Abbiamo sempre ripetuto, in ogni occasione e in tutte le salse, che non ci interessava portare nei palazzi municipali un consigliere “morto”, capace solo di “fare testimonianza” e totalmente ininfluente. Il vero obiettivo del progetto era quello di creare una rete a livello locale – emulando l’operazione del MoVimento 5 stelle – sulla quale costruire la possibilità di arrivare in parlamento ed incidere a livello politico nazionale.
    Eppoi, – non ci stancheremo mai di ripeterlo – se il nostro obiettivo fosse stato quello, comune a tutti gli altri, di accaparrare il maggior numero di “posti” possibili, avremmo fatto scelte diverse.
    Ma, a quel punto, avremmo snaturato il progetto e tradito le stesse ragioni che hanno portato alla nascita del Popolo della Famiglia. Saremmo stati come tutti gli altri, e, quindi, inutili.
    Faccio un esempio concreto per rendere più evidente questa considerazione: a Rimini l’ultimo degli eletti della coalizione che appoggiava il sindaco Gnassi è entrato in consiglio comunale con 95 voti. La candidata sindaco del Popolo della Famiglia, Ada Campi, ha ottenuto 1044 voti, e la stessa lista ha raggiunto la percentuale del 1,65%. Se il Popolo della Famiglia avesse accettato l’accordo di sostenere Gnassi, oggi Ada Campi sarebbe consigliere comunale e forse anche assessore.
    Ma questa sarebbe stata un’altra storia.
    Obiezione n. 3: Aveva ragione chi riteneva che sarebbe stato più opportuno sostenere i politici dell’area cattolica già presenti in parlamento.
    Il punto è chiedersi chi sono i politici cattolici presenti il parlamento oggi.
    Se guardiamo, ad esempio, il risultato a Roma della Lista del Nuovo Centro Destra (Roma Popolare) che ha raggiunto l’1,28%, nonostante la sponsorizzazione di autorevoli ministri dell’attuale governo, ci rendiamo conto che siamo di fronte ad una realtà che sta per estinguersi. Non è servito neppure mettere in lista Roberta Beta, conduttrice radiofonica ed ex concorrente del Grande Fratello, od ottenere l’endorsement del pugile Vincenzo Cantatore.
    Questo pare essere, purtroppo, l’inesorabile trend di tutto il vecchio mondo della politica che in qualche modo poteva fare direttamente o indirettamente riferimento a quella Weltanschauung genericamente definita “cattolica”, ma che va oltre il dato prettamente confessionale.
    Si tratta di una realtà politica inesorabilmente destinata alla via del tramonto. Come dimostra, del resto, la clamorosa esclusione di Giorgia Meloni dal ballottaggio per il Campidoglio.
    Per questo motivo, più che osservare malinconicamente gli ultimi raggi del sole declinante, occorre rivolgere lo sguardo ad oriente e guardare con attenzione i primi bagliori di qualcosa che sta nascendo.
    Obiezione n. 4: Forse è arrivato davvero il momento di prendere atto che gli italiani non pensano possa servire una presenza politica dei cristiani.
    È vero esattamente il contrario. La XVIII legislatura sarà quella dell’abominio. Temo, infatti, che il prossimo parlamento tenterà di portare a termine la rivoluzione antropologica in atto. Eutanasia, utero in affitto, liberalizzazione delle droghe, matrimonio egualitario, adozione di minori a coppie omosessuali, eliminazione dell’obbligo di fedeltà coniugale previsto dall’art. 143 c.c. (disegno di legge C.2253). Forse si arriverà pure a discutere il disegno di legge S.1155 sulla depenalizzazione dell’incesto o a proposta dei “matrimoni multipli” del senatore grillino Carlo Martelli.
    Alla luce di tutto questo, appare quanto mai necessaria ed essenziale la presenza di chi sia in grado di difendere una posizione antropologica che non sia nemica dell’uomo. Non si tratta neanche più di definire questa posizione come “cristiana”. Qui si tratta di difendere la ragione umana. Si tratta di recuperare la capacità di distinguere il bene dal male. Si tratta di tutelare quella legge naturale che è scritta nel cuore di ogni persona ed è riconoscibile dalla stessa ragione umana.
    Oggi più che mai si avverte l’esigenza indefettibile di politici che abbiano il coraggio di fermare la pericolosa regressione antropologica in cui sta precipitando, a livello normativo, l’Italia.
    Obiezione n. 5: La Chiesa cattolica non ha sostenuto il progetto del Popolo della Famiglia.
    Occorre prendere atto, con una buona dose di sano realismo, che le gerarchie ecclesiastiche cattoliche non sono più in grado, purtroppo, di muovere un solo voto dei fedeli cattolici.
    Il collateralismo della Chiesa al mondo politico che gravitava nella sua area è definitivamente tramontato. L’esito che ha avuto l’appoggio – seppur non ufficiale – del Vicariato di Roma alla Lista Marchini rappresenta un esempio lampante di questa constatazione.
    Bisogna avere l’onesta di riconoscere, infatti, che il voto cattolico oggi è in totale e assoluta libera uscita. Se questo sia un male o un bene lo giudicherà la storia.
    Certo è che mi ha particolarmente ferito vedere un amico che subito dopo aver ricevuto la comunione alla Messa domenicale, si è recato al seggio elettorale convinto più che mai di votare il MoVimento 5 Stelle, il cui guru Beppe Grillo, com’è noto, non ha avuto il minimo scrupolo a scimmiottare proprio il sacramento eucaristico, distribuendo dei grilli secchi nella bocca degli accoliti e accompagnando il gesto con la frase sacrilega: «Questo è il mio corpo». Se qualcuno volesse archiviare quell’episodio blasfemo come una goliardica boutade fatta nel corso di uno spettacolo, è pregato di considerare che tra gli adepti, rigorosamente in fila, pronti a ricevere il «corpo» del guru, vi erano anche dei rappresentanti delle istituzioni come il senatore della Repubblica Alberto Airola, il consigliere regionale del Piemonte Davide Bono e la candidata sindaco di Torino Chiara Appendino. Quest’ultimo particolare, peraltro, aggiunge alla vicenda anche un alone inquietante.
    Tornando al tema della capacità di influenza del voto da parte delle gerarchie ecclesiastiche, bisogna ammettere, purtroppo, che il vero problema sta all’interno della stessa Chiesa cattolica. Molti rappresentanti del basso clero, tanto per cominciare, non rispondono più alle indicazioni che giungono dai vertici. Il numero incredibilmente numeroso di parroci che hanno fatto esplicitamente campagna elettorale per il PD, ad esempio, sta a dimostrare questa evidenza. Per non parlare di quei sacerdoti – da noi incontrati per presentare il progetto politico del Popolo della Famiglia – che hanno sposato integralmente la posizione di Enzo Bianchi, il priore della Comunità di Bose, e che oggi parlano di una «nuova grammatica antropologica», secondo la quale si può arrivare a legittimare le unioni civili omosessuali perché «chiunque ha diritto di amare e di essere amato».
    Ritengo, quindi, che la Chiesa in questo momento sia, giustamente, più preoccupata di fare chiarezza al proprio interno sulla visione antropologica che intende indicare ai propri fedeli, piuttosto che di dare indicazioni di voto.
    Obiezione n. 6: per i cristiani l’unico criterio che rimane da seguire in politica è quello del male minore e del voto utile.
    Anche in questo caso la realtà si è incaricata di smentire in tormentone sul “voto utile” e sul “male minore”. Basta prendere il caso eclatante di Roma. Abbiamo visto, infatti, che questa logica sbandierata con accanita insistenza per tutti i versi ha portato al fatto che i cristiani romani oggi si vedono costretti a dover scegliere tra un convinto radicale e un’esponente della setta grillina. Non ci pare un gran risultato. Il punto è che continuando su questa logica si è destinati all’irrilevanza politica. È arrivato, invece, il momento di compiere una vera e propria rivoluzione copernicana, di cambiare di centottanta gradi la prospettiva, e anziché inseguire rassegnati il fallace criterio del “male minore”, guardare con fiducia il criterio fruttuoso del “Bene maggiore”. Oggi con il Popolo della Famiglia questo si può fare.
    Obiezione n. 7: preso atto dell’irrilevanza politica dei cristiani, non resta che destreggiarsi in maniera tattica, secondo il criterio per cui «inimicus inimici mei, amicus meus».
    Di tutte le corbellerie circolare nell’avvelenato finale di questa tornata elettorale, quella per cui «il nemico del mio nemico è amico mio» merita un premio alla fiera delle assurdità politiche.
    Torniamo al caso di Roma. Mi ha lasciato letteralmente basito l’appello lanciato da alcuni “cattolici” per il voto alla grillina Virginia Raggi, preferendola al radicale Roberto Giachetti. L’idea – che nasce da un intento “punitivo” nei confronti di Renzi e del PD – rivela una cecità preoccupante. Vorrei sommessamente ricordare, infatti, che il MoVimento 5 Stelle non è soltanto quello del citato gesto blasfemo e sacrilego di Beppe Grillo, ma è oggi la forza politica che incarna la punta più avanzata del relativismo etico in salsa politically correct. È il movimento dell’eutanasia, dell’utero in affitto, della liberalizzazione delle droghe, del matrimonio egualitario, dell’adozione di minori a coppie omosessuali. È il movimento del senatore Carlo Martelli, docente universitario di matematica, che in un suo memorabile discorso tenuto al Senato della Repubblica ha esordito in questo modo: «In Italia non si è avuto mai il coraggio di metter in discussione il fatto che il matrimonio debba essere una cosa binaria a due. Anzi questa cosa viene continuamente venduta come famiglia naturale. Ma naturale de che? La natura non prevede questo. La natura ha sempre previsto qualcos’altro. Il matrimonio binario è una costruzione sociale data da un certo tipo di religione. Allora, se qualcuno voleva fare qualcosa di veramente avanzato, come per esempio fanno i buddisti, doveva prevedere qualche cosa di plurimo. Perché non possono sposarsi più persone? Stipulano degli accordi multipli. Questo è un livello di tutela sociale. Perché se veramente si dice che l’amore deve essere libero, allora anche quattro, cinque, sei persone debbono potersi sposare, con le evidenti economie di scala che si otterrebbero in termini di tutela dei minori, perché se un bambino ha più genitori non è più ostaggio delle eventuali liti tra due (…)». È il movimento dell’onorevole deputato Carlo Sibilia che si è dichiarato favorevole al «matrimonio interspecista», ovvero quello tra un essere umano e un animale. Ora, qualcuno munito di un minimo di sano raziocinio può davvero ritenere possibile affidare la gestione del bene comune agli strampalati accoliti della setta del guru Grillo?
    L’invito a preferire la Raggi a Giachetti, fa venire in mente uno che, costretto a decidere di che morte morire, opti per essere ucciso attraverso una lenta e sofferente scorticazione piuttosto che essere eliminato con un rapido colpo di pistola alla nuca. Forse sarebbe più intelligente pensare a come evitare di finire schiacciati difronte a simili micidiali aut-aut.
    Obiezione n. 8: In politica ciò che conta è la logica aritmetica del consenso, mentre è destinata ad essere marginalizzata qualunque posizione identitaria forte sotto il profilo di principi etici, valori, ideali, e che abbia la pretesa di “fare cultura”.
    Anche questo è falso. Si è appena conclusa la grande collettiva commemorazione funebre di Marco Pannella, e proprio l’influenza nefasta della sua cultura liberale, liberista e libertaria nella società italiana sta a dimostrare che in questo caso l’aritmetica non conta. Pannella e il suo movimento radicale, proprio per la loro posizione identitaria forte, sono riusciti a condizionare culturalmente la politica e a cambiare la società, pur con percentuali di consenso elettorale che non si sono mai discostate dai minimi termini. Non si comprende perché la stessa cosa non debba valere per altre posizioni identitarie. Il problema è, semmai, quello di trovare politici che abbiano il coraggio di giocarsi la faccia su principi, valori e ideali. Da questo punto di vista bisogna dare atto che Pannella e i suoi quel coraggio l’hanno avuto, anche se con risultati esiziali e devastanti sotto il profilo antropologico. Chi milita nel Popolo della Famiglia intende fare la stessa cosa, ma da una prospettiva valoriale opposta.
    Obiezione n. 9: La famiglia in politica rappresenta un tema divisivo e non consente, comunque, la realizzazione di un ampio fronte comune.
    È vero il contrario. L’esperienza della campagna elettorale ci ha regalato, ad esempio, un’inaspettata e gradita sorpresa: l’incontro tra religioni e confessioni diverse. Abbiamo sperimentato l’amicizia collaborativa degli ortodossi, che ci hanno ricordato i punti n. 19 e 20, relativi proprio alla famiglia, della dichiarazione congiunta firmata da Papa Francesco e dal Patriarca di Mosca Kirill. Abbiamo conosciuto la fraterna vicinanza degli evangelici che proprio sulla battaglia in favore della famiglia ci hanno spiegato l’importanza del concetto di «co-belligeranza». Abbiamo testato la fattiva cooperazione degli amici islamici che ci hanno fatto conosce importanti documenti sulla famiglia come la Dichiarazione dei diritti umani nell’Islam del 1990 (art.5) e la Carta Araba dei diritti dell’Uomo del 1994 (art.33).
    Mai come in questa campagna elettorale abbiamo compreso cosa intendesse San Giovanni Paolo II quando parlava della famiglia come «il prisma attraverso cui considerare tutti i problemi sociali», e quanto proprio la famiglia potesse diventare occasione concreta e proficua di vero ecumenismo. Quello della comune battaglia in difesa dell’uomo e non quello delle vacue chiacchiere inconcludenti.
    Ci ha stupiti, peraltro, anche il fatto di aver incontrato nel nostro cammino tante persone agnostiche o atee che hanno generosamente dato la propria disponibilità ad impegnarsi politicamente per tutelare la famiglia, nella prospettiva di un fronte comune e variegato.
    Il tema della famiglia più che divisivo a noi pare decisivo per il futuro delle prossime generazioni e della stessa umanità.
    Obiezione n. 10: Sarebbe stato meglio aspettare il referendum confermativo sulla riforma costituzionale di Renzi per costruire un partito politico che si radicasse nel territorio attraverso la costituzione dei Comitati per il NO.
    A prescindere da ogni valutazione di merito sulla riforma, a noi non pare che possa costruirsi qualcosa partendo da una posizione antagonista. Costruire sul “contro”, in una prospettiva negativa non sembra davvero convincente.
    Inoltre, ci sono due aspetti da non sottovalutare. Primo: non è vero che la riforma in sé contenga il rischio di una deriva autoritaria; semmai è il combinato disposto della riforma e dell’Italicum a renderla pericolosa. Ma questo va spiegato nel dettaglio anche al panettiere sotto casa. E non è facile. Secondo: la riforma prevede anche degli aspetti positivi e condivisibili, come ad esempio l’eliminazione del bicameralismo perfetto, la riduzione dei costi della politica, una maggiore democrazia diretta, la limitazione del ricorso ai decreti legge, che trovano un certo consenso nell’opinione pubblica; contiene però anche molti difetti sotto il profilo giuridico che la rendono inaccettabile. Ma queste sono tecnicalità di natura costituzionale che non mi pare possano suscitare un grande appeal per l’uomo della strada. E, comunque, non può essere questa la via per arrestare la rivoluzione antropologica in atto su vita, famiglia ed educazione. Si può ingaggiare una battaglia politica sulla riforma, e il Popolo della Famiglia, in quanto movimento politico, non si esimerà dal prendere posizione, ma non si può pensare di costruire un partito partendo dal referendum confermativo di una riforma costituzionale.
    Ogni grande costruzione, compresa quella delle gigantesche piramidi, è sempre partita da un piccolo mattone. E in politica, oggi, questo mattone c’è già. Si chiama Popolo della Famiglia.

    09/06/2016
    http://www.lacrocequotidiano.it/arti...torale-del-pdf
    ϟ qualis vibrans


  5. #155
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,059
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    KEMAL ATATURK SU MAOMETTO E IL CORANO

    « Per quasi cinquecento anni, queste regole e teorie di un vecchio arabo e le interpretazioni di generazioni di religiosi pigri e buoni a nulla hanno deciso il diritto civile e penale della Turchia. Loro hanno deciso quale forma dovesse avere la Costituzione, i dettagli della vita di ciascun turco, cosa dovesse mangiare, l’ora della sveglia e del riposo, la forma dei suoi vestiti, la routine della moglie che ha partorito i suoi figli, cosa ha imparato a scuola, i suoi costumi, i suoi pensieri e anche le sue abitudini più intime.

    L’Islam, questa teologia di un arabo immorale, è una cosa morta. Forse poteva andare bene alle tribù del deserto, ma non è adatto a uno Stato moderno e progressista"

    ci vorrebbe un Ataturk


    Inviato da Anthos

  6. #156
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,890
    Mentioned
    91 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da Parsifal Corda Visualizza Messaggio
    L’Italia ha bisogno dei cattolici


    ARTICOLO TRATTO DALL’EDIZIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCEwww.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora





    L’approvazione da parte del Senato del disegno di legge sulle unioni omosessuali è avvenuta con 173 voti, la maggioranza dei quali di parlamentari sedicenti cattolici, alcuni presenti anche al Circo Massimo a sostegno del Family Day. Un popolo aveva indicato una via, in quella sede: crisi di governo e urne. Il popolo ha parlato, ma non è stato ascoltato.In pochissimi giorni da quel ferale giovedì 25 febbraio, i parlamentari hanno: annunciato una legge sulla adozioni che supplisse allo stralcio della stepchild adoption garantendo «adozioni per tutti, compresi omosessuali e single»; ripreso l’iter del divorzio lampo, perché il divorzio breve approvato appena un anno fa è improvvisamente diventato obsoleto, visto che l’unione civile si scioglie con un battito di ciglia; incardinato quattro progetti di legge sull’eutanasia; attivato un intergruppo trasversale di 160 deputati chiamati dal guru Roberto Saviano a varare normative per la droga libera. Nei pochi spazi liberi sui giornali si discuteva solo dell’utero affittato dal leader che si definiva comunista, di quello che la giovane conduttrice televisiva avrebbe voluto affittare a gay bisognosi e del magistrato del Tribunale dei minori di Roma che inventava contra legem una sentenza con addirittura una stepchild adoption incrociata garantita a una coppia lesbica, con ogni donna che diventava “mamma” della figlia dell’altra in virtù del rapporto omosessuale che intercorreva tra le due. Questo è il quadro emerso in meno di una settimana dal giorno in cui il governo Renzi poneva una violenta e a-democratica mozione di fiducia sul maxi-emendamento al ddl Cirinnà, ottenendo il voto favorevole anche del partito di Angelino Alfano. Ricordiamo, peraltro, che sia Renzi sia Alfano si proclamano “cattolici”.
    Se però i parlamentari cattolici producono questi risultati, c’è evidentemente un problema di rappresentanza. Certamente il popolo che si è radunato il 30 gennaio al Circo Massimo non si è visto rappresentato in queste decisioni. Eppure è un popolo vasto, assai più vasto persino rispetto a quello visibilmente presente al Family Day. E’ un popolo composto da mamme, papà, nonni, nonne, religiosi, sacerdoti e religiose, che può dare molto al nostro Paese e di cui l’Italia ha davvero bisogno. Ma soprattutto è un popolo composto interamente da figli, figli che non dimenticano il diritto primigenio di ogni figlio, quello di avere una mamma e un papà. Da questa radice nasce un popolo dai valori forti, saldi, per i quali non c’è predisposizione ad alcun compromesso. Un popolo che vuole salvaguardare la propria identità e non accetta che dalle scuole siano estirpati a dicembre il Natale e a marzo la Pasqua. Un popolo che nelle aule scolastiche vuole il Crocifisso come segno della propria identità, non un corso gender per bambini di cinque anni da turbare nell’aspetto dell’identità sessuale.
    E’ un popolo che lavora, che fatica, che non si vergogna di dire che per una donna viene prima il proprio essere madre che uno stipendio da impiegata e che, dunque, il grande imbroglio di sacrificare la famiglia a un’illusione di carriera è l’ennesimo falso mito di progresso. Si aiuti invece la donna a svolgere la propria decisiva funzione materna, anche nell’ambito della propria legittima e molto spesso indispensabile attività lavorativa. Ma un Paese che non fa più figli, che nel 2015 ha un saldo tra morti e nuovi nati pesantemente a favore dei primi, è un Paese che non ha futuro. E invece il Popolo della Famiglia è un popolo tutto rivolto al futuro.
    Quel popolo si è manifestato come grande novità al Circo Massimo e, a partire da quell’appuntamento, nel Paese tutto. Veniva dato per disperso e ormai irrilevante il popolo cattolico nell’agone pubblico. Qualcuno gioiva per averlo marginalizzato e reso innocuo. Altri lo davano per definitivamente addomesticato.
    E invece. E invece ora il Popolo della Famiglia sceglie ancora una volta di manifestarsi e per farlo si incammina su una strada faticosa ma decisiva: la richiesta di consenso agli italiani. Da subito, da oggi stesso, lavoreremo alla costruzione di liste del Popolo della Famiglia in vista delle amministrative di primavera, presenteremo nostri candidati sindaci in centinaia di città e comuni, ci assumeremo la responsabilità di una rappresentanza politica diretta per quelle idee. Chi ha detto di volerle rappresentare le ha in realtà strumentalizzate e tradite, ora è tempo di costruire dal basso una forza capace di essere un baluardo di libertà e verità nei confronti di una politica che sta lanciando la società italiana verso il baratro.
    Donne e uomini, giovani e giovanissimi, nonne e nonni tutti uniti a difesa della vita e della famiglia come «società naturale fondata sul matrimonio» come recita l’articolo 29 della Costituzione. Ora il gioco si fa serio e sarà complesso: chiediamo agli italiani consensi e sul consenso saremo misurati. Se sarà sorprendente, come sorprendente è stata la massiccia partecipazione alle manifestazioni in difesa della famiglia, allora avremo la possibilità concreta di cambiare la storia d’Italia, e di fare del nostro Paese il luogo da cui potrà partire una resistenza anche a livello europeo, che, presto o tardi, spazzerà via tutti quei falsi miti di progresso incardinati nelle società di mezzo continente da normative ispirate al più bieco individualismo.
    Con l’aiuto di Dio, con lo sguardo benevolo di Maria Vergine e con il vostro operativo consenso e sostegno, questo ennesimo impossibile traguardo potrà essere raggiunto. Mettiamoci in cammino, la strada è lunga e faticosa, ma da oggi essa può condurre ad obiettivi doverosi e concreti da raggiungere. Ognuno sia responsabile di una spinta positiva dal basso che aiuti ogni fratello e ogni sorella a prendere coraggio e a mettersi in marcia per fare quel che è giusto e salvare l’Italia dalla sua deriva verso il nulla.



    03/03/2016
    http://www.lacrocequotidiano.it/arti...-dei-cattolici
    Mamma mia che brutto simbolo...............
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  7. #157
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,890
    Mentioned
    91 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Mi sa che Adinolfi le sta sparando un po' troppo grosse


    http://www.lacrocequotidiano.it/arti...il-3-nazionale
    Flaviogiulio likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  8. #158
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 May 2013
    Località
    Delegazione Apostolica di Spoleto
    Messaggi
    4,963
    Mentioned
    213 Post(s)
    Tagged
    52 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da Gianky Visualizza Messaggio
    Mi sa che Adinolfi le sta sparando un po' troppo grosse


    http://www.lacrocequotidiano.it/arti...il-3-nazionale
    Pure con tutta la simpatia che ho nei suoi riguardi... beh, decisamente sì. L'unico risultato apprezzabile è quello di Verona, a proposito... si sa chi appoggieranno al ballottaggio?

  9. #159
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da Gianky Visualizza Messaggio
    Mi sa che Adinolfi le sta sparando un po' troppo grosse


    http://www.lacrocequotidiano.it/arti...il-3-nazionale
    se, magari
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  10. #160
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 May 2013
    Località
    Delegazione Apostolica di Spoleto
    Messaggi
    4,963
    Mentioned
    213 Post(s)
    Tagged
    52 Thread(s)

    Predefinito Re: nasce ' Popolo della famiglia ' , nuovo soggetto politico

    Citazione Originariamente Scritto da Flaviogiulio Visualizza Messaggio
    Pure con tutta la simpatia che ho nei suoi riguardi...
    http://www.lacrocequotidiano.it/arti...prima-le-mamme
    Simpatia che ora non ho più. Le sue ultime dichiarazioni contro il ddl Pillon sono davvero demenziali. Si riempie la bocca di coerenza coi valori del Family day per poi ritrovarsi dalla stessa parte della barricata con le femministe più inveterate. Dove non arriva il pudore dovrebbe soccorrere almeno il senso del ridicolo.

 

 
Pagina 16 di 16 PrimaPrima ... 61516

Discussioni Simili

  1. Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 31-05-12, 22:01
  2. la confederazione duosiciliana: nasce un nuovo soggetto politico
    Di uqbar nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 29-12-11, 16:49
  3. un nuovo soggetto politico
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-04-08, 16:36
  4. un nuovo soggetto politico?
    Di Ruggero d'Altavilla nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-11-04, 12:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226