User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree1Likes
  • 1 Post By amaryllide

Discussione: Qual è il nemico principale contro il quale fare fronte comune?

  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,960
    Mentioned
    325 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Qual è il nemico principale contro il quale fare fronte comune?

    Di Manlio Dinucci
    Subito dopo la fine della guerra fredda, in seguito allo scioglimento del Patto di Varsavia e alla disgregazione dell’Urss, Washington lanciava ad avversari e alleati un inequivocabile messaggio: «gGli Stati uniti rimangono il solo Stato con una forza, una portata e un’influenza in ogni dimensione – politica, economica e militare – realmente globali. Non esiste alcun sostituto alla leadership americana».
    Sottolineava allo stesso tempo la «fondamentale importanza di preservare la Nato quale canale della influenza e partecipazione statunitensi negli affari europei, impedendo la creazione di dispositivi unicamente europei che minerebbero la struttura di comando dell’Alleanza», ossia il comando Usa. Oggi 22 dei 28 paesi della Ue, con oltre il 90% della popolazione dell’Unione, fanno parte della Nato, riconosciuta dalla Ue quale «fondamento della difesa collettiva». Sempre sotto comando Usa: il Comandante supremo alleato in Europa è nominato dal Presidente degli Stati uniti e sono in mano agli Usa tutti gli altri comandi chiave della Nato. Non si può dunque pensare di liberarci dai poteri rappresentati dalla Ue senza liberarci dal dominio e dall’influenza che gli Usa esercitano sull’Europa direttamente e tramite la Nato. Obiettivo fondamentale, sul piano nazionale, è costruire un forte movimento per l’uscita dell’Italia dalla Nato, per un’Italia indipendente e sovrana, per una politica estera basata sull’Articolo 11 della Costituzione. La Nato sotto comando Usa ha inglobato tutti i paesi dell’ex Patto di Varsavia, tre della ex Jugoslavia (demolita dalla Nato con la guerra), tre della ex Urss, e tra poco ne ingloberà altri (a partire da Georgia e Ucraina, questa di fatto già nella Nato), spostando basi e forze, anche nucleari, sempre più a ridosso della Russia. Accusando la Russia di «destabilizzare l’ordine della sicurezza europea», Usa e Nato hanno riaperto il fronte orientale, trascinando l’Europa in una nuova guerra fredda, voluta soprattutto da Washington per spezzare i rapporti Russia-Ue dannosi per gli interessi statunitensi. E l’avanzata Usa/Nato ad Est già coinvolge la regione Asia/Pacifico, mirando alla Cina. È il tentativo estremo degli Stati uniti e delle altre potenze occidentali di mantenere la supremazia economica, politica e militare, in un mondo in forte trasformazione, in cui emergono nuovi soggetti statuali e sociali. Allo stesso tempo Usa e Nato preparano altre operazioni sul fronte meridionale, strettamente connesso a quello orientale. L’imminente operazione in Libia «a guida italiana» è stata concordata dagli Stati uniti non con l’Unione europea, inesistente su questo piano come soggetto unitario, ma singolarmente con le potenze europee dominanti, soprattutto Francia, Gran Bretagna e Germania. Potenze che, in concorrenza tra loro e con gli Usa, si uniscono quando entrano in gioco gli interessi fondamentali. Si prepara così un’altra guerra nel quadro della strategia Usa/Nato, dopo Iraq 1991, Jugoslavia 1999, Afghanistan 2001, Iraq 2003, Libia 2011, Siria dal 2013, accompagnate nello stesso quadro strategico dalle guerre di Israele contro il Libano e Gaza, della Turchia contro i curdi del Pkk, dell’Arabia Saudita contro lo Yemen, dalla formazione dell’Isis e altri gruppi terroristi funzionali alla stessa strategia, dall’uso di forze neonaziste per il colpo di stato in Ucraina funzionale alla nuova guerra fredda contro la Russia. Da questi fatti dovrebbe essere chiaro qual è il nemico principale contro cui fare fronte comune. È una questione dirimente a tutti i livelli, soprattutto nel processo di costruzione di un partito comunista. I comunisti dovrebbero porsi alla testa di un vasto fronte contro l’imperialismo Usa e i suoi alleati e non aderire, in modo confuso e in ordine sparso, a movimenti che tendono a mettere tutti sullo stesso piano di responsabilità, relegando in secondo piano gli Usa e la Nato. Ritengo fuorviante a tutti i livelli proclamare una mobilitazione contro la guerra non nominando mai gli Stati uniti, facendoli così sparire dallo scenario mondiale. In tal modo la Nato diventa una entità vaga e, con la formula «UE-Nato» viene fatta apparire come subordinata alla UE, quando è vero il contrario. Tale impostazione è particolarmente grave in Italia che, imprigionata nella rete di basi Usa e di basi Nato sempre sotto comando Usa, è stata trasformata in ponte di lancio delle guerre Usa/Nato sui fronti orientale e meridionale. In tale quadro l’Italia, violando il Trattato di non-proliferazione, viene usata come base avanzata delle forze nucleari statunitensi in Europa, che stanno per essere potenziate con lo schieramento delle bombe B61-12 per il first strike nucleare. A questo punto, anche nell’Associazione per la ricostruzione del partito comunista, ciascuno si assuma le sue responsabilità, dichiarando e dimostrando con i fatti da che parte sta.
    Qual è il nemico principale contro il quale fare fronte comune? ? Ricostruire il Partito Comunista
    Dogma likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    TIBET LIBERO!
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    46,099
    Mentioned
    747 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Qual è il nemico principale contro il quale fare fronte comune?

    Dubito che la sinistra comunista possa fare fronte comune, ancora stanno divisi tra stalinisti, antistalinisti generici e trotskisti, ma Stalin e Trotsky sono morti da più di 50 anni e l'URSS non c'è nemmeno più.
    Io non credo in Dio, non credo nell'anima, non credo in nessuna Chiesa ma in tre principi soltanto: retto pensiero, retta parola, retta azione, semplici a dirsi, difficilissimi a mettere in pratica.G.Tucci, stud. buddhista
    La mia evoluzione politica

  3. #3
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    23,960
    Mentioned
    325 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Qual è il nemico principale contro il quale fare fronte comune?

    Citazione Originariamente Scritto da Mister K Visualizza Messaggio
    Dubito che la sinistra comunista possa fare fronte comune, ancora stanno divisi tra stalinisti, antistalinisti generici e trotskisti, ma Stalin e Trotsky sono morti da più di 50 anni
    più di 60, ahinoi!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-12-15, 19:32
  2. Il nostro principale nemico
    Di romualdi nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-02-09, 18:43
  3. Qual è il fronte principale dove si combatte il mondialismo?
    Di Kranzler II nel forum Destra Radicale
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 04-08-08, 13:12
  4. Il Nemico Principale
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-02-06, 12:21
  5. Il principale nemico del centrosinistra.
    Di Mauro V. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-10-05, 18:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226