User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 19 di 19
  1. #11
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,885
     Likes dati
    2,423
     Like avuti
    14,806
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    La posizione dell'AMI mi sembra sia contraria alla riforma Renzi, sbaglio?
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  2. #12
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,908
     Likes dati
    270
     Like avuti
    133
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    No non sbagli ssolutamente questa la posizione ufficiale

    C O M U N I C A T O
    La Direzione Nazionale dell'Associazione Mazziniana Italiana

    Considera alla stregua di un'ennesima occasione mancata l'imminente conclusione della procedura parlamentare delle riforme costituzionali per le seguenti motivazioni:

    1) la pur opportuna riforma del bicameralismo perfetto trasforma il Senato in un organo sostanzialmente non elettivo al di fuori della logica della rappresentanza politica nazionale, introducendo elementi di assai dubbia semplificazione nel procedimento legislativo, mentre avrebbe potuto formarsi una seconda camera politicamente responsabile in termini di garanzia costituzionale, benché priva del potere fiduciario oppure si sarebbe potuto impostare un sistema monocamerale;
    2) nonostante si effettui un parziale riequilibrio rispetto ad un'altra discutibile riforma costituzionale, quella del 2001, risulta confermata la formulazione per cui la Repubblica si articolerebbe nel coacervo delle autonomie, perdendo la sua unitarietà;
    3) nessuna modifica si rivolge alla necessità di attuare la Costituzione nelle parti in cui ciò non è avvenuto, quali lo statuto pubblico dei partiti e dei sindacati, la razionalizzazione dei regolamenti parlamentari, l'amministrazione della giustizia e l'efficienza della PA;
    4) ancora una volta, non viene effettuato il raccordo tra la Costituzione ed il quadro giuridico dell'Unione europea, perdendo la possibilità di delineare il percorso federalista, ma soprattutto perpetuando il deficit di legittimazione democratica della partecipazione italiana alle istituzioni europee;
    5) gli istituti di democrazia diretta, dal referendum all'iniziativa legislativa popolare, avrebbero potuto realmente essere rafforzati con il ricorso alle nuove tecnologie per la raccolta delle firme, la cui soglia invece viene elevata con effetto disincentivante.

    In tale ottica, la DN deplora la politicizzazione del referendum confermativo in itinere sia da parte della maggioranza di Governo che sembra puntare ad un voto non attinente al tema ma praticamente plebiscitario rispetto alla sua leadership, ma anche da parte delle opposizioni che evocano lo spettro dell'autoritarismo, ma non fanno proposte e rischiano, anche nelle loro fasce più illuminate, di appiattirsi sulla mera conservazione.

    La DN rivendica il diritto del popolo italiano di scegliere nel merito della proposta di riforma che sarà sottoposta a referendum senza condizionamenti di sorta, senza subire ricatti nè suggestioni allarmistiche.
    A nostro avviso, la proposta è sbagliata e va respinta con un voto contrario perché non risolve nessun problema ed anzi altri ne crea, ma non perché sia in gioco la tenuta democratica così come essa non è la panacea dei mali del Paese che verrebbero magicamente risolti con un tratto di penna.

    La DN ribadisce pertanto la necessità di modificare la seconda parte della Costituzione, ferma restando la prima parte in cui sono racchiusi i valori di riferimento dell'ordinamento repubblicano. Ribadisce altresì la validità della forma di governo parlamentare che tuttavia ha bisogno di essere rafforzata nei rapporti del Parlamento con il Governo, il Presidente della Repubblica, la Corte costituzionale per recuperarne lo spirito originario rispetto alle successive degenerazioni.

    Auspica quindi che la riforma in corso sia azzerata e si apra una vera fase costituente attraverso l'elezione di un'assemblea ad hoc dal momento che un parlamento a base maggioritaria non appare l'organo più indicato ad elaborare una riforma di così vasta portata.
    Pertanto, preso atto che il Governo, anziché indicare il proprio orientamento politico in ordine al referendum relativo alla riforma costituzionale, ha dichiarato di considerare tale esito quale atto di “fiducia” dell’esecutivo;


    Considerato che l’istituto referendario consiste nell’interpello del Popolo, che subordinare all’esito di esso, diversi eventi politici, equivale alla volontà di condizionare la “volontà sovrana” e che tale atteggiamento è contrastante con ogni principio “educativo”, ma soprattutto viola la stessa libertà dei singoli e della collettività;


    Auspica che, prima della prova referendaria, il Governo della Repubblica revochi la connessa domanda di “fiducia” garantendo così la continuità delle funzioni statuali ed il rispetto della volontà popolare;


    Invita le proprie organizzazioni sul territorio a partecipare alla campagna referendaria nelle forme che riterranno più appartenere al livello locale.


    Firenze, 31 gennaio 2016

  3. #13
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,908
     Likes dati
    270
     Like avuti
    133
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
    sezione di Bologna



    8 agosto 1848 - 8 agosto 1849 : un anno di Risorgimento a Bologna”
    Conversazioni a cura di Maurizio Cavazza



    4 novembre 2016 ore 18.00
    8 agosto : a Bologna è successo un quarantotto”
    18 novembre 2016 ore 18.00
    I Bolognesi nella Repubblica Romana “
    6 dicembre 2016 ore 18.00
    Ugo Bassi : prete e patriota “



    Sala Marco Biagi - Quartiere Santo Stefano , via Santo Stefano 119 Bologna




    Con il patrocinio del Quartiere Santo Stefano del Comune di Bologna

  4. #14
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,961
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    Lettera ai mazziniani

    Cari amici mazziniani,


    il referendum svoltosi ieri ci consegna la fotografia di un paese che si è spaccato e di cui è nostro compito contribuire a ricostruire il tessuto connettivo. L’elevata partecipazione al voto è il solo dato inoppugnabilmente positivo di una competizione elettorale che da entrambe le parti non ha risparmiato toni apocalittici. Sono state pienamente confermate le preoccupazioni di chi, soprattutto dopo la Brexit, intravvedeva i pericoli di portare avanti una riforma peraltro pasticciata e come tale non risolutiva dei problemi che oggi angosciano i cittadini.


    La Direzione nazionale dell’AMI, attuando l’unanime mandato congressuale ricevuto a Terni un anno fa, aveva a suo tempo messo in guardia rispetto ad una simile deriva, invitando a rifarsi ai valori di una Costituzione da attuare prima che da riformare. Nessuna iniziativa, come noto, è stata invece assunta nella campagna elettorale, anche per rispetto alla varietà delle posizioni presenti nella compagine associativa.


    In ogni caso, non c’è alcuna vittoria da celebrare per il successo del No, come non ci sarebbe stata per quello del Sì. In tutti e due gli schieramenti, infatti, si sono coagulati orientamenti, malcontenti, umori assai disparati (e forse disperati!), da cui non sarebbe stato possibile trarre indicazioni per il futuro.


    Restano d’altra parte sul tappeto alcuni nodi problematici che la riforma avrebbe sciolto soprattutto con riferimento al Titolo V e che prima o poi dovranno essere riaffrontati, ma viene finalmente smentita la falsa idea che si esca dalla crisi con la bacchetta magica delle modifiche costituzionali ed esce ribadita la necessità di non procedere a colpi di maggioranza quando è in gioco la legge fondamentale.


    Nella difficile fase politica che si apre, è indispensabile il massimo senso di responsabilità da parte di tutte le forze politiche e sociali per ripartire dando finalmente agli italiani una legge elettorale che restituisca loro l’effettiva designazione della propria rappresentanza politica. Finché questo nodo non sarà sciolto in modo inequivocabile e senza mezze misure, non ci sarà alcun sostanziale recupero della fiducia nelle istituzioni.


    In ultima analisi, la conferma del sistema bicamerale sancita dall’esito referendario rimette al centro il Parlamento ed impone quindi che esso torni ad essere l’immagine più diretta e rappresentativa del corpo elettorale al fine di smentire le fuorvianti semplificazioni di una democrazia che si vorrebbe ora diretta ora plebiscitaria.


    Riuniamoci, dunque, attorno ai valori della Costituzione repubblicana per riaffermare la centralità del rapporto tra eletti ed elettori e per accompagnare l’Italia verso l’Europa grazie ad una vera politica riformatrice. Se mai ce ne fosse stato bisogno, è ormai evidente che le tendenze cosiddette “populiste” non si neutralizzano inseguendole e magari superandole nell’antipolitica, ma trasferendo il terreno del confronto sulla realtà della crisi italiana, che a sua volta si declina drammaticamente nell’accentuarsi delle diseguaglianze sociali e territoriali, nel disagio giovanile, nell’arretratezza strutturale del sistema amministrativo e produttivo.


    Solo una classe politica che sia il frutto di un’autentica legittimazione democratica potrà e dovrà porre mano alle riforme necessarie, negli amplissimi margini che anche la Costituzione vigente consente. Si dia quindi al più presto agli italiani la possibilità di eleggerla!



    Il Presidente Nazionale


    Mario di Napoli


    Modigliana, 05 dicembre 2016


    Lettera ai mazziniani | AMI - Associazione Mazziniana Italiana

    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  5. #15
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,961
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    Appello al Parlamento


    La Direzione Nazionale fa appello al Parlamento perché nel più breve tempo possibile faccia uscire il paese dalla presente situazione di sospensione dell’esercizio della sovranità popolare dovuta alla mancanza di una legge elettorale omogenea per entrambe le Camere a seguito dell’esito referendario e alla luce del pronunciamento della Corte Costituzionale.


    Lamenta ancora una volta come la riforma elettorale del 2005 abbia scavato un fossato fra eletti ed elettori che ha fortemente indebolito la democrazia rappresentativa.


    Auspica che le forze parlamentari trovino il senso di responsabilità per superare gli interessi di un presumibile ed immediato tornaconto ed assicurare all’Italia un sistema elettorale che tenga in equilibrio il principio della rappresentatività e quello della governabilità, ristabilendo il circuito fiduciario fra cittadini ed istituzioni che è l’anima della Repubblica.


    Milano, 27 gennaio 2017 La Direzione Nazionale A.M.I.





    Appello al Parlamento | AMI - Associazione Mazziniana Italiana
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  6. #16
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,961
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    Documento Direzione Nazionale A.M.I. del 04.02.2018

    La Direzione Nazionale dell’Associazione Mazziniana Italiana, riunita a Roma il 4 febbraio 2018,

    DENUNCIA come il processo di formazione delle liste e l’avvio della campagna elettorale abbiano confermato in pieno le preoccupazioni sulla nuova legge elettorale che non riesce a garantire né la rappresentatività né la governabilità;

    RICHIAMA i partiti che chiedono il voto dei cittadini il prossimo 4 marzo a contribuire con senso di responsabilità a ridare agli italiani il senso di essere una comunità democratica che sviluppi le libertà individuali e collettive, promuova la giustizia sociale e lavori per la federazione europea;

    PROTESTA contro la sottovalutazione dei serpeggianti fenomeni di neofascismo, antisemitismo ed antieuropeismo che, facendo leva sul diffuso clima di disorientamento, isolamento ed insicurezza, stanno proliferando in Italia e in Europa, allontanandoci dai valori fondativi della Repubblica e dell’Unione europea;

    CONFIDA che, nella prossima legislatura, gli italiani riscoprano la politica come fattore di cambiamento e trasformazione della realtà per una società più libera e più giusta, obiettivo per cui risulta necessario che il nuovo Parlamento si impegni fattivamente per la piena attuazione della Costituzione – riaprendo il dibattito sulle modifiche che restano utili come il superamento del bicameralismo perfetto e il riequilibrio dei poteri tra Stato e Regioni; per la costruzione dell’avvenire delle giovani generazioni grazie ad investimenti sulla formazione e l’innovazione ed all’avanzamento dei diritti civili; per il rilancio dell’Europa federale, la cui mancanza oggi è fonte di destabilizzazione politica, depressione economica e disuguaglianza sociale;

    AUSPICA pertanto la partecipazione alle urne dei cittadini per rafforzare l’unità nazionale, la democrazia antifascista ed i valori della Costituzione, anche in vista di una riforma dei trattati europei.

    Roma, 04 febbraio 2018

    La Direzione Nazionale A.M.I.


    Documento Direzione Nazionale A.M.I. del 04.02.2018 | AMI - Associazione Mazziniana Italiana

    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  7. #17
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,908
     Likes dati
    270
     Like avuti
    133
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    Si è tenuto a Roma il XXVIII congresso nazionale dell' Associazione Mazziniana , importante appuntamento perchè , per ragioni statutarie si chiude la Presidenza di Mario Di Napoli ,durata tre mandati. A detta di tutti gli succederà il vicepresidente Michele Finelli, docente di storia , di 46 anni .
    Il congresso pur avendo confermato la posizione non partitica dell' Associazione ha confermato e forse accentuato il ruolo di cultura politica con forti nessi nell' attualità.
    Qui una raccolta di documentazione

    https://novefebbraio.forumfree.it/?t...entry629657847

  8. #18
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,908
     Likes dati
    270
     Like avuti
    133
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    per un disguido tecnico credevo di aver postato in tempo questa importante iniziativa dell' AMI di Parma
    mi scuso per il ritardo credo sia comunque interessnate conoscerla

    AMI Parma, ripartire da Mazzini per ridare l’ anima alla Repubblica


    https://novefebbraio.forumfree.it/?t=77117446

  9. #19
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,961
     Likes dati
    309
     Like avuti
    924
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA attività e comunicati

    Lettera ai Mazziniani.

    NO al “Taglio dei Parlamentari”

    L’Associazione Mazziniana esprime forti perplessità sulla legge “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei Parlamentari”, approvata l’8 ottobre del 2019 alla Camera dei Deputati.
    Non è in discussione l’acclarato distacco della classe dirigente dalla società civile, sempre denunciato con fermezza dai mazziniani, ma sono a rischio i principi democratici e di rappresentanza sui quali i Costituenti hanno fondato la comunità nazionale.
    Il provvedimento non è inserito nell’ambito di una armonica e complessiva riforma della macchina statale, ottenibile peraltro anche attraverso leggi ordinarie, ma è figlio di un populismo aggressivo che, insistendo sull’aspetto della diminuzione dei costi della politica, colpisce il principio della rappresentanza democratica.
    Tagliare del 36,5% i parlamentari rischia di allontanare ulteriormente i cittadini dalla partecipazione alla vita democratica del paese.
    Da questa riforma, che porterà ad un nocivo ampliamento dei collegi, saranno infatti penalizzate le minoranze politiche e i territori in cui sono attive.
    Al contrario la “casta”, presunto obbiettivo della riforma, si rafforzerà poiché vedrà crescere il potere decisionale dei partiti sulla scelta dei candidati, opacizzandone ulteriormente i meccanismi di selezione e non migliorandone necessariamente la qualità.
    La diminuzione del numero dei Parlamentari, inoltre, comporterà una riduzione delle 14 Commissioni Permanenti di Camera e Senato, costringendo i deputati e i senatori a partecipare ai lavori di più Commissioni. Ciò rallenterà i tempi legislativi, favorendo l’uso della decretazione d’urgenza da parte del Governo, che si rafforzerà rispetto al Parlamento.
    In ragione di queste considerazioni, nella difesa del pluralismo politico e culturale su cui è fondata la democrazia italiana l’AMI, pur nella legittima libertà di orientamento al voto dei propri aderenti, sottolinea la necessità di partecipare al quesito referendario non solo per rispettare un dovere previsto dalla Costituzione, ma anche per respingere una frettolosa riforma costituzionale che, come quelle degli ultimi vent’anni, non rappresenta il risultato unitario di un confronto leale fra tutte le forze politiche.

    Genova, 3 marzo 2020


    Lettera ai Mazziniani. | AMI - Associazione Mazziniana Italiana
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. L'ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
    Di lucrezio nel forum Repubblicani
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 22-02-15, 20:49
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-01-10, 20:35
  3. (A.M.I.) Associazione Mazziniana Italiana
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 127
    Ultimo Messaggio: 22-10-08, 19:43
  4. Convegni Associazione Mazziniana Italiana
    Di Mastigaforo nel forum Repubblicani
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 25-07-06, 11:43
  5. COMUNICATO STAMPA Associazione Mazziniana Italiana
    Di jeronimus2002 (POL) nel forum Repubblicani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-02-03, 14:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •