User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    ___La Causa del Popolo___
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Sovranità politica, indipendenza economica, giustizia sociale
    Messaggi
    33,138
     Likes dati
    39,968
     Like avuti
    24,001
    Mentioned
    578 Post(s)
    Tagged
    136 Thread(s)

    Predefinito La geopolitica del Terrore

    La geopolitica del Terrore è una lezione mai imparata

    C’è chi il terrorismo lo esporta e chi invece lo combatte. L'Occidente ha scelto i primi e ora si stupisce per quello che è accaduto a Bruxelles.

    Ora che Bruxelles viene colpita con azioni terroristiche organizzate quanto sanguinose, la storia si ripete e trascina con sé l’opinione pubblica nella spirale delle emozioni. Nonostante gli scorsi attacchi di Parigi il circo politico-mediatico commette gli stessi errori di valutazione: c’è chi continua a cantare il ritornello bellicista del “siamo in guerra” e chi invece già prepara marce – reali o virtuali – per la solidarietà. La verità è che in questi cinque mesi le alleanze dell’Occidente in Medio Oriente non si sono ridimensionate così tanto rispetto al passato. Perché dopo qualche leggera apertura nei confronti di Iran (fine dell’embargo e accordi economici con l’Europa), la Russia (le sanzioni dovrebbero restare in vigore fino al 31 luglio del 2016) e la Siria (nei tavoli di pace a Ginevra Assad non viene menzionato) questo è rimasto ancora troppo legato agli interessi di Turchia e Arabia Saudita, due dei maggiori sponsor di Daesh. Se il capo dell’Eliseo François Hollande ha consegnato poche settimane fa, nel silenzio più totale, la legion d’onore al principe ereditario Muhammad bin Nayef Al Saud, vice presidente del consiglio dei ministri e capo degli Interni del Regno, per il suo impegno nella lotta al terrorismo (sic!); se Angela Merkel ha ceduto più volte alla strategia del presidente Erdogan che utilizza l’esodo dei rifugiati siriani come ricatto e allo stesso tempo come arma puntata verso l’Europa; se John Kerry viene al vertice anti-Daesh a Roma per spiegare ai suoi alleati che Assad è il male assoluto; se Israele minaccia i candidati in corsa per la Casa Bianca sugli accordi di cooperazione con Teheran; se su ordine saudita, prima il Consiglio di cooperazione del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman e Qatar) poi la Lega Araba hanno dichiarato ufficialmente la milizia sciita libanese Hezbollah, sì la stessa che combatte Daesh in prima linea da oltre cinque anni, come “organizzazione terroristica”. Insomma se questo è l’andamento della politica estera occidentale non c’è poi da stupirsi se le bombe esplodono di nuovo nel cuore dell’Europa. Gli imbecilli cantano e gli stolti piangono, ma di geopolitica del Terrore non se ne sente proprio parlare perché l’equazione è troppo scomoda agli occhi di chi deve raccogliere consenso: c’è chi il terrorismo lo esporta, i nostri alleati, e chi invece lo combatte. Bisogna scegliere da che parte stare e chiedersi: la crociata statunitense in Medio Oriente iniziata nel 2001 ci ha resi più sicuri?

    La geopolitica del Terrore è una lezione mai imparata
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  2. #2
    ___La Causa del Popolo___
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Sovranità politica, indipendenza economica, giustizia sociale
    Messaggi
    33,138
     Likes dati
    39,968
     Like avuti
    24,001
    Mentioned
    578 Post(s)
    Tagged
    136 Thread(s)

    Predefinito Re: La geopolitica del Terrore

    L'Intellettuale Dissidente / Esteri


    Nemici in casa, amici alla porta

    La Mogherini piange le vittime di Bruxelles, vittime dell’indottrinamento finanziato dagli stessi governi con cui l’Europa va a braccetto, mentre chiede all’ONU di estendere le sanzioni alla Russia per la questione della Crimea. Tutto ciò si traduce in un paradigma semplice e grottesco: non abbiamo la forza di scegliere e di imporre la nostra volontà. È solo il Belgio fallito, o l’Europa vede il cartello del capolinea in fondo alla via?
    di Francesco Manta - 24 marzo 2016


    Troppe parole si sono spese nella condanna unanime ed ipocrita del tragico gesto terrorista occorso a Bruxelles lunedì scorso, del quale si susseguono opinioni contrastanti senza che nessuno ammetta la colpa che negli anni è maturata, cioè quella di stendere tappeti rossi ai nostri “friends with benefits”, che hanno inondato di denaro le casse dei governi europei per finanziare la diffusione di un indottrinamento islamista che, in buona parte dei casi e nella peggiore delle ipotesi, è degenerato nello scontro di civiltà che oggi ci segrega in una condizione di prigionieri in casa nostra.

    continua
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  3. #3
    ___La Causa del Popolo___
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Sovranità politica, indipendenza economica, giustizia sociale
    Messaggi
    33,138
     Likes dati
    39,968
     Like avuti
    24,001
    Mentioned
    578 Post(s)
    Tagged
    136 Thread(s)

    Predefinito Re: La geopolitica del Terrore

    L'Intellettuale Dissidente / Esteri

    Certi orrori non finiscono

    Riyadh chiama, Washington risponde. Obama si prostra alla famiglia reale saudita, irritata dal cambio di rotta statunitense nella regione. Un matrimonio che non sembra destinato a finire, ma che ha visto i due coniugi dirsi peste e corna l’un l’altro, e farsi anche di peggio. Dal petrolio a Daesh, passando per Teheran, tante questioni spinose, e i sauditi dettano legge per ripristinare i rapporti bilaterali. Come la politica mediorientale di Obama sia stata un disastro lo vediamo chiaramente, fino alla fine, anche nel voler fare la pace con i terroristi.

    Certi orrori non finiscono
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-11-09, 11:01
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-11-09, 12:54
  3. Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 15-07-06, 16:58
  4. Geopolitica
    Di peronimarco nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-10-04, 17:20

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •