User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Freezer
  • 1 Post By Freezer

Discussione: La mia Africa.

  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La mia Africa.

    Io la vivo per la seconda volta.
    La prima è stata quando ero piccolo e poi ragazzino.
    Già allora era la "mia Africa".
    Ma avevano in tasca un documento ufficiale che li classificava itaglioti.
    Genocidio silente.

    LA MIA AFRICA - Auguri di Buona Pasqua - Rischio Calcolato | Rischio Calcolato


    Buongiorno a tutti e Buona Pasqua, a voi e alle vostre famiglie.
    Sono tornato fra di voi, su invito pressante di alcuni commentatori e di alcuni amici, che hanno apprezzato i miei spunti di riflessione, e verso i quali sento di avere un obbligo morale, che consisterà nel condividere con voi esperienze di vita vissuta in questo stimolante salotto virtuale che è “Rischio Calcolato”.
    Voglio anche farvi gli auguri di Pasqua, perchè al di là della fede personale di ognuno, ritengo che la speranza di una vita eterna dopo quella nel paese con la costituzione più bella del mondo, è una speranza che ormai fa capolino anche nel cuore dei più atei e agnostici fra i miei amici.
    Oggi e ancora per pochissimi giorni sono anche fisicamente fra voi, perchè in occasione di questa festività cristiana sono tornato a casa a trovare la mia anziana madre, e la parte restante della mia famiglia.
    Vi chiederete perchè me ne sono andato, ed il senso del titolo di questo pezzo: ebbene, grazie alle sanzioni contro la Russia, io e molti altri colleghi abbiamo perso il lavoro e in Italia a 47 anni sei un rottame, a meno che non hai la tessera del partito al potere o del sindacato in tasca e allora gli amici ti trovano qualche posto parapubblico.
    A me non è restato che caricare tutta la mia vita in macchina, i miei quattro stracci di vestiti, e partire senza pormi troppe domande alla volta della Polonia, dove un mio conoscente mi ha proposto una collaborazione.
    Vi racconterò in un altro post le mie esperienze personali (se vi risulteranno interessanti) in quel paese, ma oggi voglio spiegarvi il perchè di questo titolo: arrivato all’aereoporto di Bologna, in buon orario, mi sono diretto alla stazione ed ho preso un RV (regionale veloce) Bologna-Lecce carico di studentesse universitarie e di nuove risorse.
    Mano a mano che il treno scendeva lungo la dorsale adriatica, con un fatale ritardo progressivo, le studentesse e gli italiani scendevano ed aumentavano invece le nuove risorse, al punto da diventare quasi preponderanti nella mia carrozza di seconda classe; i forbiti idiomi delle nuove risorse, per la verità pronunciati non esattamente a volume da sala da te, riecheggiavano nella carrozza sui tanti Nokia 108 colorati.
    Arrivati dalle parti di Cesena mi sono reso conto di essere parte della quasi minoranza bianca in carrozza, ma contrariamente a quanto potreste pensare, non mi sono sentito affatto in pericolo: mi sono sentito semplicemente uno straniero in patria, privato del senso di appartenenza alla mia terra, un ex legame forte su cui si basavano tutte le mie certezze e le mie speranze di vita.
    Forse era un destino che finisse comunque così, di certo in Italia coloro che in questi anni hanno votato per il partito dell’Italia moderna multietnica sono i mandanti politici, e quindi quelli moralmente e materialmente responsabili, dell’accellerazione esponenziale di questo processo di de-italianizzazione dell’Italia, culturale, demografica, religiosa, economica, etc.
    Fa piacere constatare che ormai in molti sanno che “Kalergi” non è un’insalata vegana, ma un deliberato piano di alterazione etnica e demografica (ai danni) dell’Europa di cui l’Italia è laboratorio, cominciando da un ex ministro che proponenva di mettere fuorilegge i partiti che si opponevano al radioso futuro multietnico italiano, per finire con la lavanda ai piedi dei profughi, un gesto non ripetuto da altre somme autorità religiose.
    Poi mi sta bene riconoscere che ormai “Cialtronia” può essere l’omonimo più calzante per il paese con la costituzione più bella del mondo, e se vi chiedete perchè la penso così, continuate a leggere più in avanti.
    Quelle che seguono sono gli screenshots fatti sul mio telefonino questa mattina: visto che ormai per ordine del dottore non guardo più la TV, mi cerco le notizie su internet, Sputnik News è la mia home page, e non vi dico cosa ho provato nel leggere nella cronaca del mio paesello, ex provincia felice, le dichiarazioni del locale procuratore della repubblica circa l’insediamento mafioso e camorrista nella mia ex città governata da 70 anni dai kompagni e dalle loro varie degradazioni verso il rosa e il bianco: chissà se Saviano scriverà a questo proposito le stesse cose dei kompagni che scrisse a suo tempo su un noto partito ex secessionista, a proposito della penetrazione mafiosa e ndranghetista in Lombardia.
    Perderò il caldo e il sapore di sale delle spiagge dell’Adriatico, ma quelle fredde e non sovraffollate del Baltico profumano di libertà.
    Se mi chiedete perchè ormai penso di non tornare più in Italia, salvo che in vacanza a visitare la mia famiglia, vi rispondo alla Blondet: vi do il materiale e fatevi voi l’articolo.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,884
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.

    Il sogno dei cattocomunisti , manovalanza di un popolo vittima , si sta avverando .
    psico likes this.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,663
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio

    basta leggere questi screen per capire in che razza di manicomio di balordi e parassiti ci hanno infilati dal 1861

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,306
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Il sogno dei cattocomunisti , manovalanza di un popolo vittima , si sta avverando .

    Da sempre i comunisti sono sempre stati dalla parte dei forti, perché nella realtà dei fatti sono per la BORGHESIA più bieca.

    QUESTO E' IL LORO VERO IDENTIKIT.

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,306
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    basta leggere questi screen per capire in che razza di manicomio di balordi e parassiti ci hanno infilati dal 1861

    Ottimo articolo. Bravo 21 per averlo postato.

    La "costituzione più bella del mondo" è la solita invenzione autocelebrativa che si fanno gli italiani di sé, senza nessun fondamento di veridicità.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,884
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.

    Citazione Originariamente Scritto da psico Visualizza Messaggio
    Da sempre i comunisti sono sempre stati dalla parte dei forti, perché nella realtà dei fatti sono per la BORGHESIA più bieca.

    QUESTO E' IL LORO VERO IDENTIKIT.
    Penso che tutto ciò che è bieco piaccia a loro .
    Eridano likes this.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.



    Ricerca



    Trapoco tutta l'Africa sarà"made in China"

    © AP Photo/ Denis Farrell



    Economia156 14.04.2016(aggiornato 162 15.04.2016) URL abbreviato
    Mario Sommossa
    102403231

    Gli operatori economici italiani che han partecipato a gare pubbliche in qualche Paese africano e si sono scontrati con concorrenti cinesi, quasi sempre hanno perso la partita. A prima vista, si potrebbe immaginare che la causa vada cercata nei prezzi più bassi offerti dalle aziende cinesi, ma chi opera su quei Paesi sa che la ragione è ben altra.

    Davanti a gare per materiali o servizi di un valore x, molto spesso i cinesi hanno presentato offerte per un x moltiplicato anche trenta o quaranta volte, comprendendo un finanziamento garantito dal Governo di Pechino. Il prestito in oggetto non copriva solo la fornitura richiesta ma vi aggiungeva anche la realizzazione di infrastrutture necessarie al Paese africano. Si trattasse di ammodernamento o di nuove costruzioni di strade, porti, ospedali, edifici pubblici o telecomunicazioni, milioni di dollari erano messi a disposizione del Governo locale e si garantiva la loro realizzazione in tempi rapidi.

    © Sputnik.
    Le imprese italiane fallite sotto le bombe NATO in Libia

    Solitamente, le offerte prevedono che questi finanziamenti possano essere restituiti a tassi più che ragionevoli nell'arco di trent'anni. Diventano, quindi, eccezionalmente allettanti per Presidenti e Primi Ministri desiderosi di mostrare ai loro cittadini realizzazioni che le casse locali, spesso vuote o esauste a causa di corruzione e inefficienze, non potrebbero mai permettersi. Se, in aggiunta, il Paese coinvolto non riceve finanziamenti privati o pubblici dall'occidente a causa di una evidente instabilità politica o di mancato rispetto dei diritti umani, le offerte di Pechino diventano irrinunciabili.Solo al momento della firma dei contratti, a gara gia' chiusa e vincitore stabilito, si scopre che la generosità cinese pretende garanzie sovrane dai Governi locali e, nel caso che i pagamenti dovuti non potranno essere mantenuti, la proprietà a tutti gli effetti delle opere realizzate.

    © Sputnik. Vitaly Podvitsky
    Xi investe in Africa

    Poiché' l'instabilità politica in Africa e' molto diffusa e le gestioni finanziarie dei Governi non sono mai da manuale, la probabilità che, allo scadere del finanziamento, gli impegni assunti non saranno mantenuti è altissima. Risultato? Tra poche decine di anni la Cina si troverà direttamente a possedere le maggiori infrastrutture strategiche del Continente e, talvolta, le miniere o i pozzi oggetto dei generosi "prestiti". Lo stesso avviene con frequenza anche in Sud America.
    Qualcuno nel mondo sembra non accorgersi di quel che ciò significa e pensa che l'invadenza cinese sia puramente commerciale, quindi non pericolosa strategicamente. Sono gli stessi che sostengono che, nella sua storia, la Cina non sia mai stata particolarmente aggressiva al di fuori dei propri confini e che il suo esercito e la sua marina militare non sono, ne' saranno, in grado di fronteggiare la potenza militare degli Stati Uniti.
    Non ricordano, costoro, che il colonialismo moderno è più economico che militare e che il sobbarcarsi la gestione di popoli geograficamente lontani e' più costoso e più difficile che condizionarli economicamente. I tradizionali imperi coloniali sono finiti ed è impossibile che ritornino ma, come dimostrarono gli olandesi nel ‘600, non e' necessario "occupare" l'India o la Cina per diventare determinanti in alcune aeree del mondo: basta controllarne i commerci e gli snodi vitali. D'altronde, gli stessi cinesi gia' lo praticavano ancora prima degli olandesi e nel ‘400 i loro traffici commerciali imponevano le regole senza mai occupare territori ma imponendo condizioni, moneta e riscuotendo tributi da ogni città importante tra il mar Cinese Meridionale e la costa est dell'Africa.
    I pagamenti internazionali vedono la valuta cinese ancora al quarto posto, dopo il dollaro, l'euro e la sterlina, ma il suo trend crescente è evidente. Perché' Pechino teneva così tanto a far sì che lo Yuan fosse ammesso ufficialmente tra le valute ufficiali del mondo? Per intanto, lo Zimbawe (ex Rhodesia), soffocato da un'inflazione enorme, ha rinunciato ad avere una valuta locale ed ha adottato, dallo scorso gennaio, lo yuan quale moneta ufficiale del Paese in cambio della cancellazione di un debito verso Pechino di 40 milioni di dollari.

    © flickr.com/ photosteve101
    La fine dell'egemonia del dollaro si avvicina

    E' evidente che la Cina nutra particolari attenzioni per Paesi e territori che possono garantire materie prime e alimentari indispensabili per nutrire lo sviluppo economico e la numerosa popolazione. Così come è altrettanto scontato che, a quello scopo, è necessario mettere in sicurezza tutte le vie di comunicazione relative e i maggiori porti su queste vie. Lo si vede fisicamente con la politica aggressiva condotta da Pechino nel Mar Cinese Meridionale. Ma la loro politica non si ferma lì.Gli investimenti cinesi in settori strategici e ricchi di know-how si espandono in tutto il mondo e, mentre mirano ad assicurarsi le importazioni, si muovono anche nella direzione opposta, quella delle esportazioni. Ben quindici sono i contratti con vari Paesi per la creazione di zone di "Cooperazione commerciale" e sviluppo industriale e vanno dal Venezuela a Mauritius, dall'Indonesia alla Russia, dalla Nigeria al Pakistan e via dicendo. Si tratta sempre di investimenti finanziati dal Governo di Pechino con le clausole di cui sopra e molti di loro sono gia' operativi dal 2006. A tutt'oggi la Cina è già il primo partner commerciale con ben 124 Stati, mentre la "superpotenza" statunitense si deve fermare a 52.
    Invero, qualcuno ha cominciato a capire che le "donazioni" cinesi non sono del tutto disinteressate e che la apparente generosità del momento nasconde ambizioni di futuro controllo, anche politico. E' per questa intuizione che qualcuno di questi progetti, approvato in un primo tempo, e' stato poi cancellato o sospeso con pretesti vari. Sono i casi del Marocco, dell'Algeria e della Corea del Sud, ma anche altri Paesi cominciano a porsi le giuste domande.

    © AFP 2016/ Str
    L’accordo trentennale di acquisto di gas russo per una valore di 400 miliardi di dollari è da “regolarsi” non più in valuta americana ma nelle monete nazionali.

    Stranamente, chi continua a sottovalutare le mosse dell'"Impero di mezzo" è soltanto l'Occidente, ignara vittima del furbo understatement cinese.
    La ragione di questa cecità sta nel fatto che i politici nostrani pensano sempre a breve termine, alle prossime e frequenti scadenze elettorali, al consenso immediato. Al contrario, la saggia dirigenza cinese e' abituata da secoli a guardare su tempi lunghi, almeno sull'arco di cinquanta o cento anni. Sapranno mai i leader del nostro mondo trasformarsi da "politici" in veri "statisti"?






    Leggi tutto: Tra poco tutta l'Africa sarà "made in China"
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,570
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,884
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mia Africa.

    La Francia è una nazione , l'idaglia no .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

 

 

Discussioni Simili

  1. Ma... Africa?
    Di Ch4kra nel forum Politica Estera
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-06-15, 09:41
  2. Africa....
    Di Carrie nel forum Natura e viaggi
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 13-11-09, 17:39
  3. Mal d'Africa.
    Di blob21 nel forum Fondoscala
    Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 09-01-07, 00:27
  4. L'Africa
    Di Sgiar nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 24-03-05, 18:50
  5. USA for Africa
    Di Oli nel forum Musica
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 09-09-02, 17:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226