User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 68
Like Tree2Likes

Discussione: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Diagnosi della Erasmus Generation: l'ultima "privatizzazione" - Blondet & Friends

    Facce quanto meno da schiaffi.
    Teste quanto meno da scaricare dell'aria fritta e del vuoto a perdere.
    O semplicemente quanto meno da dimenticare al più presto.
    Alle quali permettiamo di comandarci, quanto meno come tanti idioti.



    Maurizio Blondet 28 marzo 2016 5
    La famiglia di Giulio Regeni, il ricercatore ucciso al Cairo perché per conto di “docenti britannici” s’era introdotto nella opposizione clandestina con cui simpatizzava, e su cui scriveva articoli su Il Manifesto, pretende né più né meno che l’Italia rompa i rapporti con l’Egitto. “Lo si deve non solo a Giulio – proclama – ma alla dignità di questo Paese”. E non solo le tv e i magistrati, ma il governo, per bocca di Gentiloni e tweet di Renzi, dà loro corda. Anche se la Farnesina fa’ sapere che per ora, non è in vista il richiamo del nostro ambasciatore. Meno male.
    A Palazzo Marino, con la famgliaMa che cosa significa questo? Perché si rivela qui una tendenza, segnalata da una serie di altri fatti. Cominciamo con le “due Vanesse” andate di testa loro in Siria a combattere Assad e poi fattesi rapire dagli amici, per il cui riscatto lo Stato, ossia tutti noi, abbiamo pagato almeno 6 milioni di euro – di fatto co-finanziando la guerriglia. Passiamo per il funerale di Stato, con messaggio del presidente della Repubblica, funerale in pompa magna, che la famiglia ha voluto “laicissimo” ma a cui hanno presenziato “i rappresentanti delle tre religioni monoteistiche” di quella giovane uccisa – dopotutto – durante un concerto pop a Parigi: Valeria Solesin, dottoranda alla Sorbona, esaltata mediaticamente come “solare, cosmopolita cervello in fuga” nonché “transnazionale”, “ex-volontaria di Emergency”, a cui L’Espressoha dedicato la copertina: “Donna dell’Anno” in quanto espressione più alta della “generazione Bataclàn”, la gioventù “competitiva sul piano globale”, che vive felicemente all’estero cogliendo”le opportunità offerte dalla “Unione Europea”; la generazione che “sa unire studio e divertimento” ed è rimasta uccisa da chi “odia i nostri stili di vita” aperti e disinibiti.
    Morta al BataclànMettiamoci il lutto per le sei ragazze Erasmus morte in Spagna: coi genitori che parlano ai media con l’alto e contenuto dolore, e i media che riportano le loro parole, con la retorica che un tempo era riservata alle famiglie di caduti per la patria, non a un incidente stradale (dopotutto) dopo una notte brava.
    Come interpretare questa tendenza? Finalmente non ho scoperto la diagnosi esatta: è “un rinnovato processo di privatizzazione della politica”, quale esito tragicomico della ulteriore “de-sovranizzazione della politica” stessa. Ed essa si configura come “la sollevazione culturale neoliberale della Erasmus Generation”, che è a sua volta una articolazione continentale della “Fun Generation, Selfie Generation de-territorializzate e omologata negli stili di vita e nei desideri di consumo, alla classe media globale newyorkese e californiana”.
    Non sono parole mie. Le prendo da uno dei libri più illuminanti che ho letto negli ultimi anni: “L’immagine sinistra della globalizzazione – Critica del radicalismo liberale”, di cui è autore Paolo Borgognone (Editore Zambon, 1044 pagine, 28 euro).


    Il tema del libro è il documentato resoconto di come “i dirigenti della sinistra si siano riciclati impunemente nella sequenza Pci-Pds-Ds-Pd fino a diventare i più zelanti esecutori delle politiche liberiste, e i più convinti piazzisti dell’Europa delle banche, dell’euro, del pareggio di bilancio e dell’austerità” (ricordate Bersani reggicoda di Monti?) e come la gerarchia (ex)comunista sia stata capace di “legittimarsi agli occhi” dei poteri globali quale “ affidabile gestore dei processi di ‘modernizzazione’ tardo-capitalistica”, riciclandosi – come già ha notato Costanzo Preve, in “personale politico di gestione dell’attuale americanizzazione culturale”.
    Ma la diagnosi di Borgognone non si ferma qui: affonda il bisturi critico sui figli di “questa classe media di nuovo conio, disinibita e illimitata nella propria antropologia del desiderio capitalistico senza confini”, approdata alla “religione idolatrica del mercato – monoteismo del denaro e delle ‘libertà individuali’, (che) sostituisce alle classi sociali le indistinte moltitudini snazionalizzate, dedite ai flussi del desiderio” secondo “i modelli di consumo della subcultura del nomadismo cosmopolitico della rete globale internet”.

    Armati di questa diagnosi, possiamo vedere che le due Vanesse, non meno del povero Regeni, hanno privatizzato lo “interventismo dei diritti umani” ; pulsione tanto più naturaliteramerikana in quanto hanno preteso di farla come iniziativa privata individuale: promotori di rivoluzioni colorate e primavere arabe in forma di micro-impresa. Nemmeno si rendono conto di quanto sia imperialista la loro attitudine: come un Dipartimento di Stato in sedicesimo, le due Vanesse sanno meglio dei siriani quel è il loro bene, e Regeni ha capito meglio degli egiziani dove sta’ per loro il progresso dove devono esser guidati. E dove? Ovviamente nel McWorld dei desideri standard e dei consumi globali, dove si è affrancati da ogni appartenenza; della libertà di Facebook, di cui loro stessi sono il prodotto e che considerano l’unico possibile: perché – come sancì la Tatcher – Non c’è Alternativa al mercato globale. Le due Vanesse in fondo hanno combattuto perché le ragazze siriane godano delle discoteche e delle libertà sessuali, come loro, in un mondo senza visti dove fare del turismo: sessuale o guerrigliero secondo le voglie.
    Poiché la “Erasmus Generation” studia sì (forse: sei mesi in una università estera di secondo piano, uniti”al divertimento”), ma da turista del mondo: non frequenta il pensiero né la cultura profonda, sicché può succedere che per equivoco il povero Regeni prenda – usiamo il gergo della neo-generation – per “società civile” quelli che sono i Fratelli Musulmani o altro settarismo regressivo wahabita e assassino. L’uno credeva di partecipare ad una “rivoluzione democratica” per abbattere “l’autoritarismo”; le Vanesse si sono intruppate e ficcate nei più inestricabili odi di kabila e di etno-linguistica, di religione e tribù di cui nulla capiscono, pensando che siano la parte “avanzata” della società, in lotta illuministica contro il “fascista Assad”; convinti che turcomanni e curdi, cirenaici e tripolitani, nonché terroristi wahabiti ardano dalla voglia di sciogliersi nella “massa vagabonda, senza patria e senza stato, cittadina del non-luogo virtuale globalizzato” di cui loro si sentono cittadini. Anche questa incapacità di comprendere le culture “altre”, o meglio rifiuto in nome di una omologazione vista come compimento della storia umana nel Mercato Globale, li denuncia come “culturalmente americanizzati”, totalmente subalterni alla “logica speculativa del ‘mondo senza confini’ nonché ‘senza classi sociali”, di cui nemmeno intuiscono che esso è il nuovo totalitarismo: quello che perpetua gli equilibri geopolitici stabiliti dalla NATO perché – come proclama incessantemente “il circo mediatico” , l’umanità nei suoi millenni “non ha inventato niente di meglio del mercato – servile apologia diretta dello stato di cose presenti”, ed intimazione minacciosa a non cambiarle. Altrimenti vi arriva la rivoluzione colorata e il regime change, coi bombardamenti delle democrazie.
    Vediamo qui che effettivamente, la Erasmus Generation sta provocando la ulteriore de-sovranizzazione dello Stato: la famiglia Regeni pretende imperiosamente che lo Stato si adegui alle scelte private del figlio e ne faccia la politica estera nazionale; lo Stato esiste ormai solo per pagare i riscatti delle operatrici a cui è saltato in mente di ficcarsi nella guerriglia in Siria; il capo dello Stato ha il dovere di celebrare la Vittima del Bataclan come eroina caduta per “il nostro stile di vita”. Del resto, non è strano. E’ solo una ulteriore evoluzione del riconoscimento delle nozze gay e dell’utero in affitto per legge: le leggi esistono solo per legalizzare e legittimare ogni genere di godimento immediato; lo Stato non osi chiedere, per contro, alcun sacrifico e dovere in nome del destino comune. Esistono solo individui, narcisi della Selfie Generation.
    Matteo Renzi, il selfie-tipo, ne ha coscientemente rivendicato il potere di governo, nell’ambito del la “estensione illimitata della american way of life in un’Europa scientemente defraudata dello proprie tradizioni nazionali e popolari”: “Noi – sancì nel febbraio 2014 – viviamo in un momento in cui la generazione Erasmus, che tra l’altro è rappresentata nel governo, ha conosciuto il sogno degli Stati Uniti d’Europa come concretezza, conosciuto l’euro come moneta unica”; una generazione che ha “una prospettiva di futuro e non di vivere di rimpianti e ricostruzionifasulle del passato”.
    Ovviamente Renzi alludeva qui a Federica Mogherini, ex Erasmus e nostra gloria in Europa. La Mogherini che piange per le vittime di Bruxelles e un attimo dopo conferma che “la policy europea verso la Siria e l’opposizione siriana non subirà alcuna revisione”. Il che ha un significato preciso: la UE mantiene l’embargo crudele contro Assad, che impedisce al governo di Damasco persino di acquistare medicinali per i bambini malati, mentre insiste a favorire i “ribelli”; ossia coloro che (secondo la versione ufficiale) hanno fatto gli attentati a Bruxelles. A questi ribelli, l’Europa non impone alcun embargo: nemmeno di armi. La Francia, per esempio,continua a venderne a iosa all’Arabia Saudita, e così la Gran Bretagna, senza che la UE abbia da eccepire.
    Perché? E’ ovvio: perché Washington lo vuole, e questa è la stella polare verso cui si orienta la Mogherini: naturaliter. Lo stesso Renzi ha avuto modo di constatare come questa ex Erasmus abbia tradito il suo stesso governo, rifiutandosi di prestargli un qualche appoggio nei rapporti con la Germania (la servile richiesta di “flessibilità” nella spesa pubblica) e nella sua vaga richiesta di mettere fine all’embargo contro Mosca. Ma cosa pretendeva, in fondo, il nostro Fonzie? E’ quello a cui la generazione Erasmus è stata addestrata: seppellire ogni patria nell’individualismo del godimento immediato, nella “sinistra neolibertaria, ultracapitalistica” e globale. Squaletti in carriera in nome di tutti i poteri forti transnazionali, spietati, perché sanno cosa è bene per noi, meglio di noi.
    Ora sono al potere, e completano l’opera dei loro padri piddini e vendolisti. Una sola speranza: che – come tutti i fenomeni di moda- passano di moda. Non c’è nulla che invecchi tanto presto quanto la gioventù postmoderna.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    38,735
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Facce da scaricare nello sciacquone del cesso.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Che hanno però preso il comando.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    caso regeni

    La mamma, se il 25/4 giorno vuoto governo agisca

    Cronaca.LA DIRETTA DAL SENATO 'Sul viso di Giulio il male del mondo'. Lo ha detto la madre di Giulio nel corso della conferenza stampa al Senato

    Sul viso di questi due genitori viceversa tutto tranne ciò che dovrebbe essere la disperazione e la riservatezza di chi vive l'innaturale dipartita dei figli prima dei genitori.
    Come capita di vedere sempre in situazioni simili.
    Senso di vomito.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.


    caso regeniLa mamma, sul viso di Giulio ho visto il male del mondo

    Cronaca."Se il 5 aprile sarà una giornata vuota confidiamo in una risposta forte del nostro Governo", ha detto la mamma in una conferenza stampa al Senato, tenuta insieme al marito, e alla quale ha preso parte anche il senatore Luigi Manconi


    Sta a vedere che per quello stronzetto, che inizio a capire e commiserare, dovremo su LORO ordine creare un caso diplomatico complicatissimo con la Libia da affrontare.
    Ma andassero aff......!
    Non fanno nemmeno pena.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Ci sarà mai qualcuno che dica a questi due che in Egitto, o altrove, a nessuno che non se la vada a cercare una simile fine non capita?
    Chiunque sia stato e per qualunque scopo l'abbia fatto.
    Il figlio non era un santerellino, chiaro questo?
    O se lo era, era pure stupido.
    E questo in certe situazioni si paga comunque.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Migranti: "Fortune", sindaco Riace tra i 50 grandi del mondo

    Domenico Lucano viene inserito nella classifica per il suo impegno nel campo dell'immigrazione


    Domenico Lucano con la presidente della Camera Laura Boldrini © ANSA/ANSA +






    La rivista americana "Fortune" ha inserito il sindaco di Riace, Domenico Lucano, al 40/mo posto della classifica dei 50 leader più influenti del mondo. Il sindaco Lucano viene inserito nella classifica di "Fortune" per il suo impegno nel campo dell'immigrazione. Il Comune di Riace, infatti, ha dato ospitalità, da quando Lucano é sindaco, ad oltre seimila immigrati che, tra l'altro, hanno avviato anche una serie di attività artigianali ed imprenditoriali che hanno determinato la rivitalizzazione del centro della provincia di Reggio Calabria. Domenico Lucano é l'unico italiano presente nella classifica di "Fortune".

    Dove per "impegno" si intende quello di fare bella figura nell'organizzarne il trasferimento al Nord.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Tutti chiedono verità per Giulio Regeni. Ma siamo proprio sicuri di volerla sapere? E a quale prezzo? - Rischio Calcolato | Rischio Calcolato


    Era l’8 febbraio di quest’anno quando il New York Times rilanciava la notizia in base alla quale il caso Regeni sarebbe stato al centro degli incontri di alto livello, a Washington e a Il Cairo, tra esponenti dell’amministrazione Usa e del governo egiziano. “I colloqui diplomatici a Il Cairo e Washington questa settimana probabilmente contribuiranno a concentrare l’attenzione internazionale sulla morte del dottorando italiano il cui corpo, con segni di pesanti percosse, è stato trovato la settimana scorsa a Il Cairo”, scriveva l’influente quotidiano americano.

    Di più, il giornale newyorchese faceva notare come l’occasione per unirsi al pressing italiano sarebbero state una visita del ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry, a Washington e il viaggio a Il Cairo di Sarah B. Sewall, la più alta in grado al Dipartimento di Stato per i diritti umani. Durante questi incontri, stando al New York Times, “probabilmente sarà dicusso anche il caso Regeni, visto da alcuni in Egitto e all’estero come un nuovo, allarmente segnale degli abusi da parte delle forze di sicurezza in un Paese, dove è sempre più comune la detenzione arbitraria, come indicano gli osservatori dei diritti umani”. Nella capitale Usa, Shoukry aveva in agenda appuntamenti con il segretari di Stato John Kerry, la consigliera presidenziale per la sicurezza nazionale Susan E. Rice e vari esponenti di punta del Congresso. Mentre a Il Cairo, Sewall avrebbe incontrato vari funzionari di governo.

    Sewall, che in precedenza è stata a capo del Carr Center for Human Rights Policy alla scuola di governo Kennedy di Harvard, ha dichiarato di avere l’intenzione di “apprendere di più sulle sfide che l’Egitto deve affrontare e i progressi che il Paese ha fatto in questa direzione”. Immediata fu la reazione del Dipartimento di Stato Usa alle indiscrezioni del quotidiano: dopo aver offerto le più profonde condoglianze alla famiglia e agli amici del ricercatore friulano, si limitò a dire che “osserviamo che le indagini ufficiali sull’omicidio di Regeni sono in corso con la partecipazione degli investigatori italiani”.
    Come mai tutto questo interesse per un dottorando italiano, seppur ucciso brutalmente in Egitto? Come mai scomodare il Dipartimento di Stato? E se le indiscrezioni del New York Times erano vere, cosa è emerso da quegli incontri? Il nostro governo, l’intelligence e gli inquirenti sono stati informati di qualche cosa dagli americani? Domande lecite, penso, dopo la straziante conferenza stampa di martedì dei genitori di Giulio Regeni in Senato insieme al presidente della Commissione per i diritti umani, Luigi Manconi, in cui si è chiesto al governo di prendere posizione netta verso Il Cairo se dall’incontro tra gli inquirenti atteso per il 5 aprile non arriveranno novità serie sul caso, dopo la ridda di bufale e depistaggi propinati finora dalle autorità e dalla polizia egiziana.

    Come mai Manconi, che è politico di lungo corso, non ha chiesto che il governo riferisca su quell’interessamento americano così repentino – il corpo era stato trovato da una settimana – e che mobilitava i piani all’altissimi dell’amministrazione Usa? Forse perché è più facile attaccare Al-Sisi, i metodi brutali dei suoi servizi segreti e del suo esercito (come se quelli delle altre nazioni ci andassero per il sottile, quando serve) che fare domande serie. E, forse, scomode.
    Non è che l’interessamento Usa e la pressione diplomatica erano per conto terzi, ovvero per il potente alleato degli americani nel Golfo, quel Qatar che non disdegna il supporto all’estremismo sunnita ma che ospita la più grande base aerea Usa fuori dagli Stati Uniti? Proprio il segretario di Stato, John Kerry, ha creato in tre anni un rapporto molto stretto con i diplomatici del Qatar, usati come messaggeri nelle relazioni con Hamas nei territori palestinesi, con i talebani in Afghanistan e con i gruppi ribelli in Siria e Libia. Washington, ad esempio, ha ringraziato il Qatar per aver mediato, nell’estate del 2014, tra Israele e Hamas dopo l’offensiva dello Stato ebraico, oltre che per il suo ruolo nella liberazione di alcuni ostaggi occidentali, tra cui il sergente dell’esercito Bowe Bergdahl, scambiato con cinque comandanti talebani.

    I funzionari Usa che ritengono fondamentale l’alleanza con il Qatar considerano l’emirato indispensabile nella lotta contro lo Stato islamico visto che, per esempio, i raid statunitensi contro gli estremisti partono da una base del Qatar e che la forza aerea dell’emirato fornisce sostegno logistico e sorveglianza. Il Qatar, però, fornisce anche sostegno diplomatico e finanziario ai gruppi ribelli in Medio Oriente, compresi quelli che hanno legami con al Qaida, stando molte fonti arabe e statunitensi citate dal Wall Street Journal. Il Qatar, inoltre, si trasforma in un rifugio sicuro per i leader di Hamas e dei Fratelli musulmani, guarda caso chi era al potere prima di Al-Sisi in Egitto e che avevano un rapporto privilegiato con il Qatar, tanto da portare Doha verso l’isolamento tra gli stessi Paesi del Golfo. Il precedente emiro, Hamad bin Khalifa al Thani, aveva infatti promesso entro il 2018 investimenti per circa 21 miliardi di dollari in favore dell’ex leader egiziano Mohamed Morsi, attualmente in carcere e dei Fratelli Musulmani, bollati ora come organizzazione terroristica.

    Un sostegno totale, tanto che il ministro di Stato per gli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Anwar Gargash, chiese ufficialmente a Doha di prendere le distanze dalle dichiarazioni di Yusuf al-Qaradawi, teologo casualmente egiziano ma naturalizzato qatarino e presidente dell’Unione internazionale degli studiosi musulmani, che proprio dal Qatar invitava gli egiziani alla rivolta contro i militari, criticando aspramente sia l’Arabia Saudita sia gli Emirati Arabi Uniti. La replica ufficiale del Qatar non ha incluso alcuna presa di distanza dalle dichiarazioni di al-Qaradawi, né garanzie sul fatto che, in futuro, le esortazioni del teologo saranno più contenute. Non è un caso che l’Egitto di Al-Sisi sia sempre più nel mirino (benevolo, per ora) dell’Arabia Saudita, la quale lo scorso dicembre ha stanziato un piano di aiuti da 8 miliardi di dollari per Il Cairo.

    Di più, Re Salman ha recentemente definito Egitto, Arabia Saudita e Turchia come i tre Paesi più importanti della regione, vedendo il ricompattamento del fronte sunnita in chiave anti-iraniana come una priorità assoluta. Guarda caso, tra pochi giorni il presidente egiziano sarà a Istanbul, su invito ufficiale del governo, per il summit annuale dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica, mentre nei giorni scorsi alcuni quotidiani turchi hanno reso noto che il presidente Erdogan sarebbe intenzionato a coinvolgere il Cairo in un working-group sulla questione libica.
    Forse Washington agiva davvero come proxy ma resta il fatto: le nostre istituzioni hanno chiesto conto o ricevuto informazioni dagli Usa rispetto all’esito di quei colloqui, ammesso che si siano tenuti veramente? Da martedì Matteo Renzi è proprio in visita negli Stati Uniti, chiederà lumi? Magari domani e direttamente a Obama, che vedrà a Washington per il summit sulla sicurezza nucleare? Ed è vero che il governo italiano sta subendo pressioni da quello statunitense affinché rompa le relazioni con l’Egitto sul caso Regeni? E qui comincio a chiedermi anche altro: perché mai i servizi o la polizia di Al-Sisi avrebbero dovuto ritenere Giulio Regeni una minaccia, tanto da torturarlo e ucciderlo? Il suo lavoro di ricerca, soprattutto sui sindacati? Ho letto l’articolo che ha pubblicato “Il Manifesto” dopo la sua morte (delicatezza infinita) e francamente dentro non mi pare ci fossero rivelazioni tali da giustificare un omicidio di Stato, soprattutto di questa efferatezza. Una sola cosa è certa, poi: se fossero stati loro, se fosse stato il governo egiziano, il corpo non si sarebbe mai trovato, perché l’Egitto non può inimicarsi l’Italia.

    E, soprattutto, l’Eni, dopo che sul finire di agosto dello scorso anno è stato scoperto il più grande giacimento a gas del Mediterraneo, il quale si trova nell’offshore egiziano presso il prospetto esplorativo denominato Zohr. Il giacimento supergiant presenta un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi (bcm) di gas in posto (5,5 miliardi di barili di olio equivalente) e un’estensione di circa 100 chilometri quadrati. Si tratterebbe, quindi, di un giacimento anche più grande di Leviathan, il giacimento al largo delle coste di Israele, stimato intorno ai 620 bcm e ritenuto, finora, il maggiore del Mediterraneo. Eni, attraverso la controllata Ieoc Production BV, detiene nella licenza di Shorouk la quota del 100% e ne è l’operatore.

    Nel marzo del 2015 ha siglato un accordo che prevede investimenti totali per un valore stimato di circa 5 miliardi di dollari al 100% ma l’investimento complessivo dovrebbe raggiungere addirittura i 7 miliardi di dollari, stando al responsabile della compagnia petrolifera di stato egiziana, Egyptian Natural Gas Holding Company (Egas), Khaled Abdel Badie, per il quale il solo investimento iniziale per il giacimento di gas di Zohr ammonta a circa 3,5 miliardi di dollari. Una crisi diplomatica Italia-Egitto sarebbe benedetta da molti nostri concorrenti, gli stessi che non si fecero tanti scrupoli in Libia nel 2011. O che stanno esplorando anch’essi l’offshore egiziano, avendo vinto insieme ad Eni la gara d’appalto.

    Purtroppo, il profilo professionale del povero Giulio era perfetto per creare una falsa pista o, quantomeno, un falso mandante. Perché si sa, se muore un italiano in Egitto per una rapina, nessuno invoca la rottura delle relazioni diplomatiche in caso non si trovi l’assassino ma se a venire sequestrato e torturato a morte è un giovane ricercatore, sul destino del quale la polizia egiziana gioca al depistaggio (sicuri che non ci siano settori ancora fedeli ai Fratelli Musulmani?) con i nostri inquirenti, allora sì che monta l’indignazione dell’opinione pubblica e certe ipotesi emergono e, magari, vengono anche prese in esame. Che fosse l’agenda nascosta di qualcuno farci arrivare ai ferri corti con Al-Sisi? Il quotidiano “La Stampa” ha dedicato un articolo alla Oxford Analytica, l’agenzia di intelligence inglese con cui Regeni collaborava. E di cosa si occupa questo gruppo? “Analizza tendenze politiche ed economiche su scala globale per enti privati, agenzie e ben cinquanta governi, una specie di privatizzazione di altissimo livello della raccolta di intelligence. Ha uffici, oltre che a Oxford, a New York, Washington e Parigi, e vanta una rete di 1,400 collaboratori.

    Promette “actionable intelligence”, informazioni su cui si possa agire, senza ideologie o inclinazioni politiche”. Non esattamente un ambiente di lavoro noioso. E cosa faceva Regeni per quel gruppo? Non le fotocopie, a quanto pare: “Dal settembre 2013 al settembre 2014, Giulio ha lavorato alla produzione del Daily Brief, una decina di articoli pubblicati ogni giorno sugli eventi principali e mandata a una lista di clienti d’elite. E’ uno dei prodotti di punta del gruppo, modellato sui briefing che Kissinger preparava per Nixon”. Già, perché il fondatore di Oxford Analytica, David Young, era tra i dirigenti dei cosiddetti “idraulici”, il gruppo che doveva “tappare” le fughe di notizie e di cui facevano parte anche G. Gordon Liddy e Howard Hunt, entrambi finiti dietro le sbarre per il Watergate.

    “Dopo lo scandalo, Young lasciò l’America per completare un dottorato di ricerca in relazioni internazionali ad Oxford (leggenda vuole che la sua tesi fosse tenuta sotto chiave perché conteneva informazioni riservate), e nel 1975 fondò la Oxford Analytica. Nel cui board figurano anche John Negroponte, ex direttore della United States Intelligence Community e Sir Colin McColl, ex capo dell’MI6, il servizio segreto inglese”. Insomma, diciamo che non è la redazione del Gazzettino Padano.

    E Giulio sarebbe dovuto tornare in Inghilterra, lo ha confermato il professore Glen Rangwala, con cui il dottorando avrebbe dovuto infatti collaborare per un corso non appena rientrato dall’Egitto. Rangwala smentì l’ipotesi che dall’Università qualcuno possa aver passato i report del ragazzo agli 007: “Per nessun motivo al mondo gli accademici di Cambridge diffondono le ricerche degli studenti ai servizi segreti”. Perché non ne hanno bisogno, visto che Oxford e Cambridge sono storicamente bacini di reclutamento per MI5, servizio segreto interno e MI6, quello per l’estero di Sua Maestà.

    E non lo dico io, lo dice la storia e lo conferma, paradossalmente, un articolo pubblicato sul sito oxfordstudent.com a firma di Catherine Edwards e dall’eloquente titolo “Oxford, spie e il servizio segreto”. In quel pezzo si fa notare, ad esempio, che quasi tutti i capi dell’MI6 provenissero da Oxford o Cambridge, che i due atenei furono usati come campi di reclutamento durante la Guerra Fredda per evitare la diffusione del comunismo in Inghilterra, che David Cornwell – più noto come John Le Carrè – aveva studiato a Cambridge e lavorò sia per l’MI5 che l’MI6, che Sir David Spedding, oxfordiano, fu responsabile per molte azioni sotto copertura in Medio Oriente e che il famoso “agente Scott”, al secolo Arthur Wynn, faceva il doppio gioco reclutando studenti per farli diventare spie del Cremlino.

    Giulio Regeni non era una spia ma lavorava per un’agenzia di intelligence di alto livello che intrattiene rapporti professionali con aziende e governi, quindi con servizi segreti: forse, era una spia a sua insaputa. Forse, è stato usato. Certamente, è stato tradito. Magari qualche domanda in più a Washington e Londra andrebbe fatta, se davvero si vuole la verità e si pensa di poterne sopportare il peso, prima di richiamare in fretta e furia l’ambasciatore italiano dall’Egitto come vorrebbe l’ex di Lotta Continua, Luigi Manconi. O, peggio, applicare sanzioni economiche che appaiono suicida. Ho sterminato rispetto per il dignitoso dolore dei genitori di Giulio Regeni e per la loro voglia di giustizia ma proprio per questo non intendo accodarmi al treno di ipocrisia che è partito non appena ritrovato quel corpo straziato. Giulio era finito in un guazzabuglio di interessi troppo più grande di lui, probabilmente e ne ha pagato il prezzo. Evitiamo di trasformare questa tragedia nell’ennesima farsa all’italiana, per favore. Sarebbe già questo un modo di onorare la memoria di Giulio.

    Molto interessanti e divertenti i commenti dei lettori all'articolo.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,556
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    Ho un grosso rimpianto.
    Il non aver potuto, a suo tempo, pagare un viaggetto in Egitto ai vari Picio, Baldracchini, Minchiarini, Boschini, Guidini, Lorenzini, Giannini & C.
    Non a Sharm, no, no.
    Proprio in Egitto.
    O in alternativa in Turchia, in Arabia Saudita o in qualunque altro paese non molle e finito come il nostro, preda ormai della delinquenza indisturbata di qualsiasi origine.
    Avrebbero imparato molte cose.
    Fondamentali.
    Per noi.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    7,515
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Selfie-Erasmus Generation. Speriamo che la moda passi presto.

    ma anche no.

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Speriamo che questa campagna elettorale finisca presto
    Di Maximilian nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 31-01-13, 20:59
  2. Speriamo che presto si vada a votare
    Di Guidastro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 28-10-10, 16:01
  3. speriamo presto
    Di andreas (POL) nel forum Calabria
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-02-08, 15:40
  4. speriamo presto
    Di nordista nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-10-05, 19:38
  5. Speriamo che non passi la riforma sul federalismo....
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-03-04, 21:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224