User Tag List

Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23
Risultati da 21 a 23 di 23
Like Tree2Likes

Discussione: Fiducia sulle unioni civili, nuovo fascismo

  1. #21
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Fiducia sulle unioni civili, nuovo fascismo

    Citazione Originariamente Scritto da fiume sand creek Visualizza Messaggio
    Non conosco la carica istituzionale che hai citato.
    Quali sono i suoi compiti?
    Ed a quale ministero fanno capo?
    il "premier"?
    Mi riferivo a Renzi.
    Non so quale altra carica, scusa ma ogni tanto non ti capisco.
    ϟ qualis vibrans


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Fiducia sulle unioni civili, nuovo fascismo

    Un aspetto poco conosciuto sicuramente dai libertari fanatici del ddl Cirinnà:
    Con la Cirinnà “matrimonio” per tutti?

    Pubblicato 18 maggio 2016 | Da Libertà e Persona

    di Simona Muzzo
    La legge sulle Unioni civili, licenziata alla Camera la scorsa settimana, introduce un’altra grande “anomalia” giuridica, quella della regolamentazione di tutte le convivenze di fatto.Al fine -così si legge nel preambolo- di <<recepire nell’ordinamento legislativo le evoluzioni giurisprudenziali già consolidate nell’ambito dei diritti e dei doveri delle coppie conviventi>>, anche l’unione libera per antonomasia della cd famiglia di fatto viene omologata alla famiglia “costituzionale”(art. 29), in quanto i suoi componenti -con riferimento esclusivo a quelli di stato civile libero- si ritrovano, paradossalmente, ad essere titolari dei diritti/doveri nascenti da quel matrimonio che hanno sempre evitato, proprio per non assumerne (soprattutto) i doveri che ne scaturiscono. Sì, perché di fatto il testo normativo appena approvato non si limita a normare situazioni giurisprudenzialmente consolidate (successione nel contratto di locazione, risarcimento danni procurati dalla morte del convivente, assegnazione case popolari, nomina del convivente come tutore ecc) ma introduce ex novo diritti/doveri che sono propri dell’istituto matrimoniale.Viene ad esempio stabilito il diritto di permanenza del convivente superstite nella casa di residenza comune di proprietà del convivente deceduto per <<due anni o per un periodo pari alla convivenza se superiore a due anni e comunque non oltre i cinque anni>>. Se poi il convivente superstite ha figli minori o figli disabili allora potrà rimanere nella casa <<per un periodo non inferiore a tre anni>>. Tale diritto viene meno solo se il convivente superstite lasci la casa, si sposi o inizi una nuova convivenza.Ma il comma più “pesante” del maxiemendamento, a mio parere, è il 65 che introduce il diritto agli alimenti del convivente più debole in caso di cessazione della convivenza, con esplicito richiamo dell’art. 438 codice civile “Misura degli alimenti” e precisazione che <<l’obbligo alimentare del convivente ..è adempiuto con precedenza sui fratelli e sorelle>>.Insomma, convivenza e matrimonio, due situazioni ontologicamente diverse, finiscono per essere regolamentate in maniera uguale, in spregio ai principi di cui all’art. 3 della Costituzione. Ma soprattutto in violazione della libertà di autodeterminazione della persona.Eh sì, perché nel 1998 la Corte Costituzionale con la sentenza n.166 ha affermato che <<la convivenza more uxorio rappresenta l’effetto della scelta di libertà delle regole costruite dal legislatore per il matrimonio, donde l’impossibilità pena la violazione della libera determinazione delle parti di estendere alla famiglia di fatto, per le diversità delle situazioni raffrontate, le regole anche processuali connesse all’istituto del matrimonio>>.Concetto poi ribadito anche nel 2000 con la sentenza n.352: <<la convivenza more uxorio rappresenta l’effetto di una scelta di libertà dalle regole costruite dal legislatore per il matrimonio, (…) la convivenza è diversa dal vincolo coniugale e a questo non meccanicamente assimilabile al fine di desumere l’esigenza costituzionale di una parificazione di trattamento: essa (…) manca dei caratteri di stabilità e certezza del vincolo coniugale essendo basata sull’affectio quotidiana liberamente ed in ogni istante revocabile>>.Che dire? Non solo lo Stato è venuto meno al proprio dovere costituzionale di tutela della famiglia fondata sul matrimonio, ma addirittura ne ha celebrato il funerale.
    Con la Cirinnà ?matrimonio? per tutti? | Libertà e Persona
    ϟ qualis vibrans


  3. #23
    Super Troll
    Data Registrazione
    24 Aug 2011
    Messaggi
    58,477
    Mentioned
    270 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Fiducia sulle unioni civili, nuovo fascismo

    Citazione Originariamente Scritto da Parsifal Corda Visualizza Messaggio
    Un aspetto poco conosciuto sicuramente dai libertari fanatici del ddl Cirinnà:
    Con la Cirinnà “matrimonio” per tutti?

    Pubblicato 18 maggio 2016 | Da Libertà e Persona

    di Simona Muzzo
    La legge sulle Unioni civili, licenziata alla Camera la scorsa settimana, introduce un’altra grande “anomalia” giuridica, quella della regolamentazione di tutte le convivenze di fatto.Al fine -così si legge nel preambolo- di <<recepire nell’ordinamento legislativo le evoluzioni giurisprudenziali già consolidate nell’ambito dei diritti e dei doveri delle coppie conviventi>>, anche l’unione libera per antonomasia della cd famiglia di fatto viene omologata alla famiglia “costituzionale”(art. 29), in quanto i suoi componenti -con riferimento esclusivo a quelli di stato civile libero- si ritrovano, paradossalmente, ad essere titolari dei diritti/doveri nascenti da quel matrimonio che hanno sempre evitato, proprio per non assumerne (soprattutto) i doveri che ne scaturiscono. Sì, perché di fatto il testo normativo appena approvato non si limita a normare situazioni giurisprudenzialmente consolidate (successione nel contratto di locazione, risarcimento danni procurati dalla morte del convivente, assegnazione case popolari, nomina del convivente come tutore ecc) ma introduce ex novo diritti/doveri che sono propri dell’istituto matrimoniale.Viene ad esempio stabilito il diritto di permanenza del convivente superstite nella casa di residenza comune di proprietà del convivente deceduto per <<due anni o per un periodo pari alla convivenza se superiore a due anni e comunque non oltre i cinque anni>>. Se poi il convivente superstite ha figli minori o figli disabili allora potrà rimanere nella casa <<per un periodo non inferiore a tre anni>>. Tale diritto viene meno solo se il convivente superstite lasci la casa, si sposi o inizi una nuova convivenza.Ma il comma più “pesante” del maxiemendamento, a mio parere, è il 65 che introduce il diritto agli alimenti del convivente più debole in caso di cessazione della convivenza, con esplicito richiamo dell’art. 438 codice civile “Misura degli alimenti” e precisazione che <<l’obbligo alimentare del convivente ..è adempiuto con precedenza sui fratelli e sorelle>>.Insomma, convivenza e matrimonio, due situazioni ontologicamente diverse, finiscono per essere regolamentate in maniera uguale, in spregio ai principi di cui all’art. 3 della Costituzione. Ma soprattutto in violazione della libertà di autodeterminazione della persona.Eh sì, perché nel 1998 la Corte Costituzionale con la sentenza n.166 ha affermato che <<la convivenza more uxorio rappresenta l’effetto della scelta di libertà delle regole costruite dal legislatore per il matrimonio, donde l’impossibilità pena la violazione della libera determinazione delle parti di estendere alla famiglia di fatto, per le diversità delle situazioni raffrontate, le regole anche processuali connesse all’istituto del matrimonio>>.Concetto poi ribadito anche nel 2000 con la sentenza n.352: <<la convivenza more uxorio rappresenta l’effetto di una scelta di libertà dalle regole costruite dal legislatore per il matrimonio, (…) la convivenza è diversa dal vincolo coniugale e a questo non meccanicamente assimilabile al fine di desumere l’esigenza costituzionale di una parificazione di trattamento: essa (…) manca dei caratteri di stabilità e certezza del vincolo coniugale essendo basata sull’affectio quotidiana liberamente ed in ogni istante revocabile>>.Che dire? Non solo lo Stato è venuto meno al proprio dovere costituzionale di tutela della famiglia fondata sul matrimonio, ma addirittura ne ha celebrato il funerale.
    Con la Cirinnà ?matrimonio? per tutti? | Libertà e Persona

    Tu sei sposato?
    "I carnefici hanno bisogno di urlare per imporre le proprie menzogne!
    Alle vittime basta il silenzio perchè ad esse apprtiene la verità!"

 

 
Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23

Discussioni Simili

  1. Unioni civili, fiducia anche alla Camera
    Di zlais nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-05-16, 14:54
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-02-16, 20:51
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-16, 15:45
  4. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 29-08-15, 18:17
  5. Una riflessione sulle unioni civili
    Di famedoro nel forum Lista Bonino
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-05-11, 21:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226