User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree3Likes
  • 1 Post By Josef Scveik
  • 1 Post By Josef Scveik
  • 1 Post By Josef Scveik

Discussione: L’“état d’urgence”: un’arma per criminalizzare i rivoltosi

  1. #1
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,228
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito L’“état d’urgence”: un’arma per criminalizzare i rivoltosi

    Pubblichiamo di seguito il comunicato del Mouvement Inter Luttes Indépendant (MILI) del 20 maggio 2016 apparso su Paris Luttes. Il tema della repressione del conflitto viene associato al governo strutturale dei fenomeni sotto lo stato d'emergenza. Ciò non compromette un'ottica di rilancio del movimento.

    Decine di migliaia di persone si stanno mobilitando in questi giorni per bloccare l’economia, attaccare i simboli del capitalismo e affrontare la polizia, che colpisce con violenza la gioventù e certo non solo nelle ultime settimane.
    In molte zone della Francia, sindacalisti, militanti, giovani, persone che partecipano a Nuit Debout o differenti comitati d’azione sono passati all’offensiva. Le vie di comunicazione, le raffinerie, i depositi di mezzi pubblici, le stazioni e tutta una serie di altre infrastrutture sono disturbati nel loro normale funzionamento o addirittura fermi a causa di scioperi e blocchi. I cortei si moltiplicano, mentre le zone centrali delle città sono difese da centinaia di poliziotti, con idranti, griglie antisommossa e la solita dotazione d’armi, sempre così pericolose. Ciononostante, il numero delle persone che scendono nelle strade non diminuisce con una determinazione crescente. Anche oggi, abbiamo potuto vedere in testa al corteo raggrupparsi persone differenti, con pratiche di lotta violente oppure no, e inoltre un’enorme solidarietà.
    Il governo ha cercato di dividerci chiamando alla riscossa i servizi d’ordine sindacali per attaccare quelli che loro chiamano “casseurs”, “autonomi” o con altri nomi che distorcono la realtà.Oggi non si sono avuti scontri, diversamente da prima; ciò perché numerosi sindacalisti si sono attaccati come zecche alle famose “teste dei cortei”, dove si vedono dei giovani e meno giovani determinati a esprimere una rabbia estrema contro la legge sul lavoro e il suo mondo – il capitalismo.
    I “divieti a manifestare” [equivalenti ai Daspo in Italia, ma per i cortei] continuano a fioccare: teniamo a ricordare che questi divieti sono basati solo su supposizioni, ovvero su “veline” di questura raccolte da persone che lavorano per i Renseignements généraux [una specie di Digos]. Succede questo: queste persone si infiltrano nei cortei per spiare, osservando chi fa cosa, chi è di questo o quel collettivo, così da stabilire poi dei “collegamenti” e identificare quelli che sarebbero organizzati.

    Ma che cosa significa organizzarsi? Significa mettere in conto che il sistema non cadrà da solo? Organizzarsi può significare sia difendersi dalla polizia sia organizzare un pranzo solidale in un quartiere popolare. L’organizzarsi fa paura al governo, perché significa che le persone prendono atto che non si può pretendere di cambiare le cose senza legare la teoria alla pratica.

    È ancora su queste famose “veline” che si basano i fermi dei nostri compagni di Action Antifascist Paris*Banlieue. Ma che cosa hanno fatto? Hanno esercitato il loro diritto di opporsi a una manifestazione promossa da un sindacato di polizia di estrema destra, un’organizzazione che legittima gli assassinii degli sbirri, le mutilazioni inferte ai manifestanti e le altre violenze da parte della polizia. Li si incolpa di aver reagito al piano repressivo del ministro dell’Interno Cazeneuve impugnando davanti ai giudici i “divieti a manifestare” e di avere ottenuto ragione. Li si incolpa di avergli fatto fare una figuraccia. Di essersi presi ciò ch’era loro, cioè il diritto a manifestare e di essere al posto sbagliato nel momento sbagliato. Si tratta dei fermi preventivi basati su supposizioni.

    Il loro preteso Stato di diritto altro non è se non un “état d’urgence”, che afferma di combattere una minaccia terrorista mentre se la prende con la gioventù in rivolta e i suoi militanti attivi.

    Oggi, 20 maggio, ancora, un compagno della CNT è stato arrestato all’inizio di una manifestazione, perché avrebbe avuto con sé una bomboletta di spray urticante per proteggere il corteo in caso di attacchi da parte dei fascisti o della polizia. Di che cosa lo si incolpa dunque? Di essere un po’ troppo “radicale”? Eppure molti membri dei servizi d’ordine sindacali possiedono di questi spray...
    La lista non finisce qui. Questa mattina a Rennes un’azione che mirava ad aprire gratuitamente i tornelli della metropolitana si è risolta con 10 arresti, con l’accusa di aver voluto sabotare l’accesso.
    Per terminare, la sede del sindacato Solidaires 35 è stata perquisita nel corso della serata. Tre sindacalisti sono stati fermati e quindi accusati di associazione a delinquere con finalità di terrorismo.
    La neolingua dei media e della polizia è pervasiva e continuamente ripetuta, ma non cadiamo nella trappola, non facciamoci ingannare.
    Nostro nemico non è chi si organizza o compie delle azioni, per quanto criticabili queste possano essere.
    Non siamo dei giudici per determinare l’appropriatezza di un’azione.
    Siamo solo delle persone in rivolta, che appartengono alla plebe. La forza che ci ha permesso di andare avanti finora è la solidarietà, così come la nostra creatività.

    Non cadiamo nella dissociazione, denunciamo i danni dell’“état d’urgence” e le derive autoritarie del governo, non accontentiamoci di criticare la legge sul lavoro, ma l’insieme di ciò che le sta dietro.
    Una delle prime azioni che possiamo fare nei prossimi giorni è impedire la “eliminazione” dei blocchi, come desidera il premier Valls; possiamo anche comunicare a tutti quanto sta succedendo per trarne insieme un’analisi ponderata, utile ad amplificare la mobilitazione e continuare la rivolta.

    A presto, dunque. Nelle strade, nei metrò, ai blocchi o altrove, perché siamo numerosi e siamo ovunque!
    amaryllide likes this.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,228
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: L’“état d’urgence”: un’arma per criminalizzare i rivoltosi

    Citazione Originariamente Scritto da furioso2013 Visualizza Messaggio
    quindi è guerra ?
    quindi si possono usare le armi ?
    La polizia al servizio delle classi dominanti già le usa.
    amaryllide likes this.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  3. #3
    Canaglia
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    36,228
    Mentioned
    337 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: L’“état d’urgence”: un’arma per criminalizzare i rivoltosi

    Citazione Originariamente Scritto da furioso2013 Visualizza Messaggio
    con alcuni troppo poco.

    la violenza chiama violenza, e così come sono contrario all'uso di violenza gratuita, romperei la testa non a chi manifesta, ma a chi manifesta incendio e distruggendo cose non proprie.
    E alle fdo che psrano lacrimogeni ad altezza d'uomo o a chi spacca la testa a ragazzini indifesi (vedi sgombero di Modena) o agli anziani (vedi diverse manifestazioni NO TAV) cosa faresti?
    amaryllide likes this.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

 

 

Discussioni Simili

  1. I ridicoli rivoltosi siriani
    Di trilex nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-10-13, 17:02
  2. Criminalizzare gli sguardi
    Di Gianluca nel forum Fondoscala
    Risposte: 93
    Ultimo Messaggio: 11-03-13, 15:01
  3. Lo sapete che il 95% dei rivoltosi siriani non è siriano?
    Di dedelind nel forum Politica Estera
    Risposte: 88
    Ultimo Messaggio: 14-01-13, 01:08
  4. Che dite, c'è anche il vecchio Ron tra i rivoltosi?
    Di Abbott (POL) nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 30-09-08, 02:00
  5. Vicenza o come criminalizzare un Movimento
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-02-07, 12:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226