User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    51,467
    Mentioned
    815 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Ansa News: intervista elettorale al candidato alla presidenza Ronnie

    Ansa POL 31/05/2016 PIR CITY -
    Intervista elettorale al candidato alla presidenza del centrodestra Ronnie





    Citazione Originariamente Scritto da Ronnie Visualizza Messaggio


    Cominciamo con Ronnie candidato alla presidenza di POL della coalizione di centrodestra le interviste elettorali in vista delle imminenti elezioni del 5 giugno 2016

    Anzitutto grazie per questa intervista.


    1)Ronnie lei ha una forte esperienza della politica polliana (in quest’ultima legislatura è stato non a caso il presidente della Camera dei Deputati di POL) ed ha affrontato in passato molte sfide elettorali (ad esempio si è in passato candidato nel collegio uninominale come deputato contro Flenzi) ma questa è la prima volta in assoluto che si corre per la presidenza di POl in prima persona: ritiene che questa sia la piu difficile sfida politica – simbolica su POL?


    Di questo gioco ho scritto la Costituzione. Effettivamente, se perdessi, non cadrei dall'altezza più piccola. Però la sfida non mi preoccupa per me stesso... quanto per chi sarà il mio avversario e il rischio che egli vinca. Sono infatti le idee che rappresento: vita, libertà e ricerca della felicità, il pomo della discordia. Tra me e gli avversari, un socialdemocratico e una comunista, è il modello sociale, ciò che fa la differenza. E' l'approccio economico, quello che cambia.

    Se vinco io vincono certe idee, ed è per questo che devo vincere. Ho un dovere nei confronti degli elettori. Questo fa premio su tutto, anche sulla convenienza, per chi ha presieduto due dei tre poteri, di non mettersi in campo e non misurarsi ancora col voto generale sulla persona. E' un ordalìa. L'ordalìa della libertà. E comunque vada, dopo, non sarò la stessa persona di prima. Avrò sulle spalle il peso di così tanti voti, e in ogni 3d, discutendo, saprò che più della metà delle persone mi ha scelto, o che più della metà ha scelto contro di me.

    2) Ronnie qual'è il suo giudizio sui due principali sfidanti per le elzioni di POL che le si contrappongono in queste elezioni ovvero Alepk per il centrosinistra è appoggiato dal Partito del Progresso) e Anna appoggiata da una forte coalizione messa in piedi dal POl a 5 Stelle ,Partito Comunista e Partito socialista democratico del lavoro? Qual è per le i l’avversario piu temibile?
    Guardi glielo dico subito: io non temo nessuno di loro. Io temo solo di non saper risvegliare i miei compatrioti polliani, io temo di non sapere spiegare quanto è importante il voto delle elezioni polliane perchè almeno in un'elezione ancora permessa, in un Italia commissariata, si dica che la causa della Libertà, della Famiglia, dei sani valori a cui tutti teniamo, non ha saputo prevalere. Questo è il mio unico timore.

    Rossi o rosa, quelli non sono i nostri.
    3) Ritiene che questa volta sarà piu diffcile per il centrodestra di POl rispetto alle precedenti elezioni vinte dal centrodestra dato che all’epoca gli avversari erano molto piu divisi rispetto a questa campagna elettorale?
    E' vero, il fatto di essere uniti dalla destra liberale a quella sociale può mettere in difficoltà la nostra electability per i più puri e convinti delle proprie idee, che su POL sono le persone più frequenti, essendo un forum principalmente composto di persone attente alla politica. Io comunque ho fiducia nel popolo di POL, che non esiterà, nell'unica occasione che gli rimane per dire che vorrebbe un centrodestra unito in Italia, dal fare la cosa giusta e sostenerci.

    4) Ronnie lei è stato definito un “liberale rothbardiano”: ci può spiegare in cosa consistono le idee liberali rothbardiane?
    Un liberale che fonda le proprie opinioni economiche sul diritto naturale, e sul concetto di sistema economico normale derivante da una sua applicazione, dunque una persona che ha a cuore certi valori, e che ne fa discendere certi principi.
    Il mio opposto potrebbe essere un liberale solo economico alla Zingales (ammesso che lo sia...) pronto in qualsiasi momento a modificare qualunque posizione sui diritti inalienabili delle persone nel nome di un modellino matematico.
    Ho parlato di Luigi Zingales, che per note ragioni è l'amico che nessuno vorrebbe.

    5) Che opinione politica ha del suo candidato alla vicepresidenza Giò? Perchè si presenta alle elezioni in "tandem" con lui?



    Giò è uno che non ha le mie idee, e che rappresenta una destra molto più conservatrice sul piano sociale.
    Ma stessimo combattendo per la salvezza del paese e se i comunisti sparassero per uccidere, proprio sulla mia trincea, vorrei uno con i valori di Giò al mio fianco.

    6) Ronnie come risponde alle critche della sinistra che riportiamo in questa intervista?

    Inviato in origine da Gdem88
    C'è da dire che esponenti come Ronnie, e mi spiace davvero dirlo, non hanno molto da invidiare alla destra...nel suo caso parliamo di una persona che sarebbe stata tranquillamente con Alleanza Nazionale, non quindi di un moderato ma di un liberale
    autenticamente di destra conservatrice e monarchica, con venature reazionarie, per giunta con inclinazioni vicine agli estremi per carattere e propensione personale.
    Queste sono le critiche? Francamente, a parte l'indelicata attribuzione di uno specifico partito, che è un trucchetto per cercare di alienarmi consensi negli elettori storici dell'altro, non vedo tanto spirito critico in Gdem. Mi sta dipingendo per quel che sono: una persona con valori antichi, che non li nasconde all'elettorato. Non mi sottraggo al tema partitico: visto che si parla di quello, la mia preferenza negli anni iniziali della seconda repubblica fu per AN, ma dopo pochissimo, già dal 2001, preferii FI. Ma voglio fare una domanda provocatoria a Gdem: prendiamo Antonio Martino, ispiratore politico di FI, che è stato tranquillamente al Governo con Alleanza Nazionale. Ebbene secondo l'illustre esponente del socialcomunismo citato, con chi avrebbe dovuto stare al governo Martino per avere la patente di liberale dai socialisti. Forse con Veltroni?



    7) Ronnie lei come presidente della Camera di POL si è piu volte definito orgoglioso (tra tutte le varie mozioni approvate dalla Camera di POL) della “paradossale” serietà della mozione sulla finanziaria discusssa e votata dalla Camera di POL su proposta del centrodestra da cui a suo dire la politica reale avrebbe molto da imparare: Ci puo’ spiegare perchè?
    Le rispondo in quattro punti:

    1) in venti anni la serissima seconda repubblica italiana non è stata mai capace di impostare una manovra in cui si riducessero contemporaneamente tutte e tre queste cose: spese pubbliche sconvenienti, tasse sulle famiglie e debito sui nostri figli, che valesse più di pochi miliardi. Ma questa manovra scritta da dei giocatori su un forum virtuale ne vale trenta in meno di spese, e quasi trenta in meno di tasse! Abbiamo fatto qualcosa di mai visto. Una dimensione del genere fu raggiunta solo da finanziarie con tasse molto maggiori.
    2) in venti anni non c'è mai stata una manovra la cui relazione illustrativa stesse dentro pochi fogli A4 eppure questa manovra è molto più complessa di qualunque manovra italiana degli ultimi 20 anni, visto che ha due rilevanti misure fuori bilancio (gli allegati) che sono totalmente innovative sul piano tecnico;

    3) perchè in venti anni non c'è mai stata, in un paese che ha addirittura una ragioneria di stato e una corte dei conti l'una contro l'altra armate per valutare la correttezza dei conti, una manovra che fosse fondata solo sulle coperture minime, e che conseguentemente tenesse fuori bilancio misure di riserva, a copertura delle minime, per un ammontare minimo triplo delle coperture minime.

    4) Chi certifica questa serietà? Le nostre stimate opposizioni! Che su tutto l'amba aradam della manovra, pienamente autorizzate a criticarne ogni aspetto, hanno invece evitato qualsiasi critica argomentata e scritto un solo emendamento: per conservare il canone RAI (valore 1,6 miliardi, su 30 di manovra). Tutte le loro critiche, in mesi di discussione, si sono quindi ridotte a "va bene, ma proprio non definanziateci anche la RAI".

    E' stata una vittoria praticamente totale, con indiscussa supremazia tecnica e politica della coalizione.
    Ultima modifica di [email protected]; 31-05-16 alle 13:00

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-05-16, 12:27
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31-05-16, 01:48
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-05-15, 11:47
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-05-15, 11:16
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-05-15, 14:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225