Eutanasia: la California dice sì, in Italia un nuovo appello di Max Fanelli | Associazione Luca Coscioni

Eutanasia: la California dice sì, in Italia un nuovo appello di Max Fanelli





Associazione Luca Coscioni


9 Giu 2016



Eutanasia



Comunicato stampa dell'Associazione Luca Coscioni e del Comitato Eutanasia Legale

Mentre anche in California entra oggi in vigore la nuova legge che regolamenta il suicidio assistito, legge firmata dal governatore cattolico Jerry Brown, l'Italia rimane al palo.

La discussione sul controllo dell'eutanasia clandestina attraverso la sua legalizzazione, discussione richiesta da oltre 70mila cittadini attraverso una proposta di legge di iniziativa popolare, ha visto fino ad ora una sola seduta delle Commissioni congiunte Affari Sociali e Giustizia. Dal 3 marzo ad oggi i gruppi parlamentari hanno deciso di lasciare sospesa una discussione sulla quale in questi anni i parlamenti d'europa e d'america si stanno meritoriamente interrogando.

Come Associazione Luca Coscioni, facciamo nostre le parole di Max Fanelli che oggi, insieme al comitato Eutanasia Legale, ha inviato un nuovo video-appello ai parlamentari: "Mi chiamo Massimo Fanelli, meglio conosciuto come Max, ho 56 anni e da settembre 2013 sono malato di SLA, ora nella fase terminale. Sopravvivo grazie ad un respiratore automatico e mi alimento via Peg, un buco nello stomaco. Sono completamente paralizzato e mi è rimasto solo un occhio, con il quale riesco a comunicare grazie ad un pc a controllo oculare". E continua: "A nome di tutte le decine di miglia di persone, movimenti, partiti, sia laici che cattolici che vogliono una legge sul Fine Vita, ora suddivisa nelle due commissioni, Testamento Biologico [DAT] ed Eutanasia, vi chiedo di riprendere la discussione sull'eutanasia interrotta dopo solo il primo incontro del 3 marzo 2016".