User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    Talebano
    Data Registrazione
    08 Feb 2011
    Messaggi
    7,327
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Virginia Raggi Watch

    Tremano le municipalizzate, Raggi le vuole azzerare - La Stampa

    Tremano le municipalizzate, Raggi le vuole azzerare

    I vertici di Ama e Atac hanno già rimesso i mandati


    paolo baroni


    ROMA
    Poltrone che scottano, poltrone che ballano, poltrone che già si liberano. L’insediamento di Virginia Raggi alla guida di Roma capitale e l’arrivo di un assessore che si occuperà a tempo pieno dello sfoltimento delle partecipate, una galassia di decine e decine di società che pesa come un macigno sui conti di Roma capitale, è destinato a provocare un vero e proprio terremoto. Ufficialmente dallo staff della Raggi escludono che si voglia procedere con uno «spoil system puro. Valuteremo caso per caso, seguendo il principio del merito» spiegano. In realtà ieri a Montecitorio il neo-sindaco ha avuto un lungo incontro con il direttorio 5 Stelle durante il quale si è parlato a lungo proprio di partecipate. Secca la decisione finale: non solo occorre cambiare i vertici delle controllate, ma occorre azzerare interamente i primi due livelli del management.

    MANDATI A DISPOSIZIONE
    Già oggi i vertici dell’Ama, la municipalizzata per l’igiene urbana, il presidente Daniele Fortini e la consigliera Carolina Cirillo, rimetteranno il loro mandato. Altrettanto farà il direttore generale dell’Atac, Marco Rettighieri. Per Fortini e Cirillo si tratta di «un gesto di cortesia istituzionale» nei confronti della nuova sindaca, dal momento che la loro nomina è avvenuta durante l’amministrazione di Ignazio Marino. E prescinde dal colore della nuova giunta. Fortini resterà in carica per l’ordinaria amministrazione, visto che da marzo l’Ama è rimasta senza direttore generale, ma esclude una riconferma. «È un’eventualità che non si è proposta», sostiene.

    «Domani (oggi, ndr) rimetterò il mandato. Penso sia un gesto istituzionale, elegante ed apprezzabile - ha confermato a sua volta Rettighieri -. Questo non vuol dire dare le dimissioni. Aspetterò di essere contattato dalla nuova amministrazione. Se sono disposto a restare? Sono valutazioni da fare a suo tempo, non metto mai il carro davanti ai buoi». Dalla sua Rettighieri, ex manager dell’Expo chiamato dal commissario Francesco Paolo Tronca per risollevare dal baratro il settore trasporti, potrà far valere i primi risultati del lavoro di risanamento che, stando al bilancio 2015 approvato proprio ieri, ha già visto le perdite scendere da 141 a 79 milioni nonostante il calo degli introiti. Ma non è detto che basti.

    ARRIVA BLANDINI IL TAGLIATORE
    Il compito di mettere ordine alle circa 30 società partecipate da Roma Capitale, a quanto pare, spetterà ad un economista esperto in diritto societario, Antonio Blandini, che insegna diritto commerciale alla facoltà di Economia della Federico II di Napoli e diritto commerciale evoluto alla Luiss di Roma. Per lui si prospetterebbe un incarico a tempo, legato al compimento della sua mission.

    A parte Ama e Atac la questione più delicata riguarda però Acea visto che si tratta di una società quotata, dove Roma Capitale ha il 51% mentre i privati controllano il restante 49% (15,8% il Gruppo Caltagirone, 12,48% i francesi di Suez). La Raggi in campagna elettorale ha detto di voler cambiare «di sicuro» tutto il management della multiutility, imitando le gesta di Marino di due anni fa, e di voler tornare a una gestione interamente pubblica dell’acqua. Cosa difficilmente praticabile se non al prezzo di penali salatissime. Nonostante i forti ribassi in Borsa (-19% negli ultimi tre mesi contro il -3% del comparto), i vertici di Acea ostentano tranquillità, come pure i soci privati. «Non eravamo preoccupati e non lo siamo ora. Abbiamo un piano industriale da realizzare e continueremo a realizzarlo col rigore e la serenità di sempre: il consiglio andrà a scadenza, c’è la legge e ci sono le prerogative dei soci», ha spiegato ieri l’amministratore delegato Alberto Irace, arrivato due anni fa direttamente dalla fiorentina Publiacqua col beneplacito di Renzi. Ieri è circolata la voce che il presidente Catia Tomasetti fosse pronta «a fare un passo indietro». Ma la notizia è stata smentita «categoricamente». Irace auspica «un confronto sereno» e si dice pronto a «interloquire con tutti gli azionisti», forte anche del fatto che alla Raggi non conviene destabilizzare più di tanto la società, forzando la mano e magari convocando un’assemblea straordinaria che le farebbe guadagnare solo qualche mese rispetto alla scadenza naturale del Cda fissata per marzo 2017. Tanto più che Acea è una società ben gestita che assicura un ricco dividendo al Campidoglio: ben 51 milioni solo nel 2015.
    "la Le Pen col 40% avrà incassato una grande vittoria" (Candido)


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Intollerante
    Data Registrazione
    23 Jul 2015
    Messaggi
    8,433
    Mentioned
    533 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Roma Tremano le municipalizzate, Raggi le vuole azzerare

    La Stampa

    Poltrone che scottano, poltrone che ballano, poltrone che già si liberano. L’insediamento di Virginia Raggi alla guida di Roma Capitale e l’arrivo di un assessore che si occuperà a tempo pieno dello sfoltimento delle partecipate, una galassia di decine e decine di società che pesa come un macigno sui conti di Roma capitale, è destinato a provocare un vero e proprio terremoto. Ufficialmente dallo staff della Raggi escludono che si voglia procedere con uno «spoil system puro. Valuteremo caso per caso, seguendo il principio del merito» spiegano. In realtà a Montecitorio il neo-sindaco ha avuto un lungo incontro con il direttorio 5 Stelle durante il quale si è parlato a lungo proprio di partecipate. Secca la decisione finale: non solo occorre cambiare i vertici delle controllate, ma occorre azzerare interamente i primi due livelli del management.

    MANDATI A DISPOSIZIONE
    I vertici dell’Ama, la municipalizzata per l’igiene urbana, il presidente Daniele Fortini e la consigliera Carolina Cirillo, rimetteranno il loro mandato. Altrettanto farà il direttore generale dell’Atac, Marco Rettighieri. Per Fortini e Cirillo si tratta di «un gesto di cortesia istituzionale» nei confronti della nuova sindaca, dal momento che la loro nomina è avvenuta durante l’amministrazione di Ignazio Marino. E prescinde dal colore della nuova giunta. Fortini resterà in carica per l’ordinaria amministrazione, visto che da marzo l’Ama è rimasta senza direttore generale, ma esclude una riconferma. «È un’eventualità che non si è proposta», sostiene.

    «Rimetterò il mandato. Penso sia un gesto istituzionale, elegante ed apprezzabile - ha confermato a sua volta Rettighieri -. Questo non vuol dire dare le dimissioni. Aspetterò di essere contattato dalla nuova amministrazione. Se sono disposto a restare? Sono valutazioni da fare a suo tempo, non metto mai il carro davanti ai buoi». Dalla sua Rettighieri, ex manager dell’Expo chiamato dal commissario Francesco Paolo Tronca per risollevare dal baratro il settore trasporti, potrà far valere i primi risultati del lavoro di risanamento che, stando al bilancio 2015 approvato, ha già visto le perdite scendere da 141 a 79 milioni nonostante il calo degli introiti. Ma non è detto che basti.

    ARRIVA BLANDINI IL TAGLIATORE
    Il compito di mettere ordine alle circa 30 società partecipate da Roma Capitale, a quanto pare, spetterà ad un economista esperto in diritto societario, Antonio Blandini, che insegna diritto commerciale alla facoltà di Economia della Federico II di Napoli e diritto commerciale evoluto alla Luiss di Roma. Per lui si prospetterebbe un incarico a tempo, legato al compimento della sua mission.

    A parte Ama e Atac la questione più delicata riguarda però Acea visto che si tratta di una società quotata, dove Roma Capitale ha il 51% mentre i privati controllano il restante 49% (15,8% il Gruppo Caltagirone, 12,48% i francesi di Suez). La Raggi in campagna elettorale ha detto di voler cambiare «di sicuro» tutto il management della multiutility, imitando le gesta di Marino di due anni fa, e di voler tornare a una gestione interamente pubblica dell’acqua. Cosa difficilmente praticabile se non al prezzo di penali salatissime. Nonostante i forti ribassi in Borsa (-19% negli ultimi tre mesi contro il -3% del comparto), i vertici di Acea ostentano tranquillità, come pure i soci privati. «Non eravamo preoccupati e non lo siamo ora. Abbiamo un piano industriale da realizzare e continueremo a realizzarlo col rigore e la serenità di sempre: il consiglio andrà a scadenza, c’è la legge e ci sono le prerogative dei soci», ha spiegato l’amministratore delegato Alberto Irace, arrivato due anni fa direttamente dalla fiorentina Publiacqua col beneplacito di Renzi. È circolata la voce che il presidente Catia Tomasetti fosse pronta «a fare un passo indietro». Ma la notizia è stata smentita «categoricamente». Irace auspica «un confronto sereno» e si dice pronto a «interloquire con tutti gli azionisti», forte anche del fatto che alla Raggi non conviene destabilizzare più di tanto la società, forzando la mano e magari convocando un’assemblea straordinaria che le farebbe guadagnare solo qualche mese rispetto alla scadenza naturale del Cda fissata per marzo 2017. Tanto più che Acea è una società ben gestita che assicura un ricco dividendo al Campidoglio: ben 51 milioni solo nel 2015.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    Il m5s ha vinto perché le persone per bene si sono rotte di vedere questi raccomandati senza arte ne parte, avere questi lavori o lavoretti, ma anche poltrone d'oro perché leccano il deretano al pd o alla casta.
    Quindi la raggi per ogni municipalizzata che chiude può pardere anche 10 voti, ma ne guadagna 1000.

  4. #4
    Neo oscurantista
    Data Registrazione
    19 Aug 2014
    Località
    Nel giallo della Rosa sempiterna
    Messaggi
    21,326
    Mentioned
    207 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    be' mi pare il minimo, questi hanno sempre votato contro il salva-roma adesso sono sicuro che coerentemente smetteranno di pigliare soldi dei contribuenti italiani per tappare i buchi e porteranno un po' di libri in tribunale
    Per un nuovo oscurantismo democratico!

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2010
    Messaggi
    31,037
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    125 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    Citazione Originariamente Scritto da Rotwang Visualizza Messaggio
    La Stampa

    Poltrone che scottano, poltrone che ballano, poltrone che già si liberano. L’insediamento di Virginia Raggi alla guida di Roma Capitale e l’arrivo di un assessore che si occuperà a tempo pieno dello sfoltimento delle partecipate, una galassia di decine e decine di società che pesa come un macigno sui conti di Roma capitale, è destinato a provocare un vero e proprio terremoto. Ufficialmente dallo staff della Raggi escludono che si voglia procedere con uno «spoil system puro. Valuteremo caso per caso, seguendo il principio del merito» spiegano. In realtà a Montecitorio il neo-sindaco ha avuto un lungo incontro con il direttorio 5 Stelle durante il quale si è parlato a lungo proprio di partecipate. Secca la decisione finale: non solo occorre cambiare i vertici delle controllate, ma occorre azzerare interamente i primi due livelli del management.

    MANDATI A DISPOSIZIONE
    I vertici dell’Ama, la municipalizzata per l’igiene urbana, il presidente Daniele Fortini e la consigliera Carolina Cirillo, rimetteranno il loro mandato. Altrettanto farà il direttore generale dell’Atac, Marco Rettighieri. Per Fortini e Cirillo si tratta di «un gesto di cortesia istituzionale» nei confronti della nuova sindaca, dal momento che la loro nomina è avvenuta durante l’amministrazione di Ignazio Marino. E prescinde dal colore della nuova giunta. Fortini resterà in carica per l’ordinaria amministrazione, visto che da marzo l’Ama è rimasta senza direttore generale, ma esclude una riconferma. «È un’eventualità che non si è proposta», sostiene.

    «Rimetterò il mandato. Penso sia un gesto istituzionale, elegante ed apprezzabile - ha confermato a sua volta Rettighieri -. Questo non vuol dire dare le dimissioni. Aspetterò di essere contattato dalla nuova amministrazione. Se sono disposto a restare? Sono valutazioni da fare a suo tempo, non metto mai il carro davanti ai buoi». Dalla sua Rettighieri, ex manager dell’Expo chiamato dal commissario Francesco Paolo Tronca per risollevare dal baratro il settore trasporti, potrà far valere i primi risultati del lavoro di risanamento che, stando al bilancio 2015 approvato, ha già visto le perdite scendere da 141 a 79 milioni nonostante il calo degli introiti. Ma non è detto che basti.

    ARRIVA BLANDINI IL TAGLIATORE
    Il compito di mettere ordine alle circa 30 società partecipate da Roma Capitale, a quanto pare, spetterà ad un economista esperto in diritto societario, Antonio Blandini, che insegna diritto commerciale alla facoltà di Economia della Federico II di Napoli e diritto commerciale evoluto alla Luiss di Roma. Per lui si prospetterebbe un incarico a tempo, legato al compimento della sua mission.

    A parte Ama e Atac la questione più delicata riguarda però Acea visto che si tratta di una società quotata, dove Roma Capitale ha il 51% mentre i privati controllano il restante 49% (15,8% il Gruppo Caltagirone, 12,48% i francesi di Suez). La Raggi in campagna elettorale ha detto di voler cambiare «di sicuro» tutto il management della multiutility, imitando le gesta di Marino di due anni fa, e di voler tornare a una gestione interamente pubblica dell’acqua. Cosa difficilmente praticabile se non al prezzo di penali salatissime. Nonostante i forti ribassi in Borsa (-19% negli ultimi tre mesi contro il -3% del comparto), i vertici di Acea ostentano tranquillità, come pure i soci privati. «Non eravamo preoccupati e non lo siamo ora. Abbiamo un piano industriale da realizzare e continueremo a realizzarlo col rigore e la serenità di sempre: il consiglio andrà a scadenza, c’è la legge e ci sono le prerogative dei soci», ha spiegato l’amministratore delegato Alberto Irace, arrivato due anni fa direttamente dalla fiorentina Publiacqua col beneplacito di Renzi. È circolata la voce che il presidente Catia Tomasetti fosse pronta «a fare un passo indietro». Ma la notizia è stata smentita «categoricamente». Irace auspica «un confronto sereno» e si dice pronto a «interloquire con tutti gli azionisti», forte anche del fatto che alla Raggi non conviene destabilizzare più di tanto la società, forzando la mano e magari convocando un’assemblea straordinaria che le farebbe guadagnare solo qualche mese rispetto alla scadenza naturale del Cda fissata per marzo 2017. Tanto più che Acea è una società ben gestita che assicura un ricco dividendo al Campidoglio: ben 51 milioni solo nel 2015.
    La Raggi non pesterà mai i piedi ai poteri forti di Roma.
    E a Roma rimarrà quasi tutto come prima a parte qualche toppa sulle strade.
    E non taglierà nessuno dei grandi sprechi promessi in campagna elettorale. Infatti sta già piangendo per ricevere altri soldi dal tesoro e quindi dai contribuenti italiani.
    Lega e Fratelli d'Italia, la destra tamarra che vuole la flat tax al 15% a vantaggio dei più ricchi dimostrando così di stare da una sola parte.

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2010
    Messaggi
    31,037
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    125 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    Citazione Originariamente Scritto da Indra88 Visualizza Messaggio
    be' mi pare il minimo, questi hanno sempre votato contro il salva-roma adesso sono sicuro che coerentemente smetteranno di pigliare soldi dei contribuenti italiani per tappare i buchi e porteranno un po' di libri in tribunale
    Raggi ha già chiesto altri soldi e sta piangendo miseria. Pare che abbia scoperto in poche ore che non si sia più nessun spreco e ladrocinio da tagliare.
    Lega e Fratelli d'Italia, la destra tamarra che vuole la flat tax al 15% a vantaggio dei più ricchi dimostrando così di stare da una sola parte.

  7. #7
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    31,186
    Mentioned
    593 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    Il m5s ha vinto perché le persone per bene si sono rotte di vedere questi raccomandati.
    Il compito di mettere ordine alle circa 30 società partecipate da Roma Capitale,...spetterà ad...Antonio Blandini, che insegna ...diritto commerciale evoluto alla Luiss di Roma.
    Tu sai che università è la LUISS, vero? Mi spiace per te che sei contro l'euro, Metabo caro, ma questi sono più liberisti di Renzi, te ne accorgerai prestissimo. O pensi davvero che i poteri forti lascino vincere Grillo se pensasse davvero di fare quello che promette ai gonzi che lo votano, anzichè a loro?

  8. #8
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    31,186
    Mentioned
    593 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    certo, certo, con un docente della LUISS ad avere i pieni poteri, i poteri forti si stanno cacando sotto, come no...

  9. #9
    Super Troll
    Data Registrazione
    22 Sep 2009
    Località
    scomparsa
    Messaggi
    92,244
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    466 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    Antonio Blandini è professore ordinario di Diritto commerciale presso la facoltà di Economia dell’Università Federico II di Napoli ed è titolare dell’insegnamento di Diritto societario presso la facoltà di Economia della Luiss e dunque?
    Nessuna lealtà è dovuta ad un traditore

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    23,833
    Mentioned
    76 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Le municipalizzate di Roma tremano, Raggi le vuole azzerare

    I romani presumo non si accontenteranno di vedere le teste che rotolano, ma vorranno anche vedere i servizi che funzionano, raccolta rifiuti, trasporti ecc. I passi indietro sono necessari ma non sufficienti.
    Sovranità! Onore! Patria! Famiglia! Fede!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Roma a Raggi
    Di Maximin nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-06-16, 15:24
  2. La Raggi vuole come assessore Lo Cicero :omofobo ed assenteista.
    Di Dav. c. G. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-06-16, 19:59
  3. Roma per Raggi e per Giachetti
    Di Rotwang nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-06-16, 12:07
  4. Raggi (m5s) : a ROMA una funivia...
    Di envie nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 09-05-16, 20:56
  5. La rivoluzione Raggi a Roma
    Di Rotwang nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 04-05-16, 13:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226