User Tag List

Pagina 2 di 9 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 89
Like Tree29Likes

Discussione: La brexit e noi comunisti

  1. #11
    Сардиния
    Data Registrazione
    12 Nov 2009
    Località
    Терранова
    Messaggi
    7,133
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Keynez Visualizza Messaggio
    Non a caso un insigne marxista-leninista come Domenico Losurdo non sta con il PC euroscettico di Rizzo ma col PCI fondato dagli ex PdCI più i dissidenti di Rifondazione. Nuovo PCI che pur essendo ipercritico non vuole la distruzione dell'Unione europea.

    Nessuno vuole la distruzione dell'europa. Solo dell'Euro. Senza sovranità monetaria non puoi fare economia espansiva. Ragazzo, il comunismo vuole la nazionalizzazione dei mezzi di produzione ...o non è comunismo. SVEGLIA!!!
    Chiedilo a Vladimiro Giacché per vedere cosa dice del PDCI!!!
    amaryllide likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    264 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Dogma Visualizza Messaggio
    Nessuno vuole la distruzione dell'europa. Solo dell'Euro. Senza sovranità monetaria non puoi fare economia espansiva. Ragazzo, il comunismo vuole la nazionalizzazione dei mezzi di produzione ...o non è comunismo. SVEGLIA!!!
    Chiedilo a Vladimiro Giacché per vedere cosa dice del PDCI!!!
    Queste tue politiche economiche si tradurrebbero nel depauperamento dei ceti più poveri a favore dei più ricchi. Sarebbe solo un'altra forma di trasferimento di soldi verso il capitale, che vedrebbe svalutarsi i propri debiti.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  3. #13
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    47,862
    Mentioned
    795 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Dogma Visualizza Messaggio
    Nessuno vuole la distruzione dell'europa. Solo dell'Euro. Senza sovranità monetaria non puoi fare economia espansiva. Ragazzo, il comunismo vuole la nazionalizzazione dei mezzi di produzione ...o non è comunismo. SVEGLIA!!! Chiedilo a Vladimiro Giacché per vedere cosa dice del PDCI!!!
    Pure io voglio la nazionalizzazione delle industrie.

  4. #14
    Сардиния
    Data Registrazione
    12 Nov 2009
    Località
    Терранова
    Messaggi
    7,133
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    Tu stesso allora ti stai smentendo. Se il capitale è così forte a livello europeo lo è anche a livello nazionale.
    Se le forze più liberiste sono così imbattibili a livello europeo a maggior ragione lo sono a livello nazionale.
    Se l'opposizione si compra a livello nazionale a maggior ragione la battaglia va fatta a bruxelless.

    Inoltre io parlo di una alleanza AMPIA, che comprenda anche i socialdemocratici, non solo le forse puramente marxiste.
    La vittoria si ottiene col dialogo con le forze aperte al progresso, non chiudendosi a riccio, esattamente come la battaglia si eve svolgere a livello comunitario e non nazionale.

    Quanto al PCI contrario all'UE negli anni '70, ti ricordo che il decennio dopo e negli anni '90 avvenne l'opposto. L'UE divenne una bandiera della sinistra e venne avversata da destra.

    tutt'altro. Se tu perdi in un paese, i tuoi sodali di classe, ti porteranno aiuto da Bruxelles!!! Te l'ho spiegato. In nessun modo puoi vincere nei quattro paesi più importanti nell'arco di un mandato pieno. Rileggi attentamente. In questo modo il capitale ha tutto il tempo di intervenire e tagliare le gambe al governo fuori controllo (caso Grecia docet).

    Avete firmato una serie di accordi che portano al vincolo di bilancio e alla perdita di sovranità monetaria. Senza il controllo della moneta e la direzione politica del bilancio, come caxxo puoi fare politiche espansive in meno di cinque anni e senza l'appoggio ed il controllo della BCE???? NON PUOI E NON TE LO PERMETTEREBBERO NEPPURE GLI AMICI!!!! il motivo te l'ho spiegato. Rileggi!!!

    Tu ragioni con il cuore, ma con la testa si giunge ad altro.
    amaryllide likes this.

  5. #15
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    264 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Dogma Visualizza Messaggio
    tutt'altro. Se tu perdi in un paese, i tuoi sodali di classe, ti porteranno aiuto da Bruxelles!!! Te l'ho spiegato. In nessun modo puoi vincere nei quattro paesi più importanti nell'arco di un mandato pieno. Rileggi attentamente. In questo modo il capitale ha tutto il tempo di intervenire e tagliare le gambe al governo fuori controllo (caso Grecia docet).

    Avete firmato una serie di accordi che portano al vincolo di bilancio e alla perdita di sovranità monetaria. Senza il controllo della moneta e la direzione politica del bilancio, come caxxo puoi fare politiche espansive in meno di cinque anni e senza l'appoggio ed il controllo della BCE???? NON PUOI E NON TE LO PERMETTEREBBERO NEPPURE GLI AMICI!!!! il motivo te l'ho spiegato. Rileggi!!!

    Tu ragioni con il cuore, ma con la testa si giunge ad altro.
    Tutto questo ragionamento NON regge per la semplice ragione che Bruxelless non è il monolite assoluto che rappresenti tu (de core, altro che accuse di sentimentalismo rivolte agli altri), ma un semplicissimo "governo" da conquistarsi tramite la lotta elettorale. Quindi SE ora vinci in Italia ma a Bruxelless c'è chi Governa che è di destra questi ti bloccherà. Se vinci a bruxelles, anche se in Italia c'è una maggioranza di destra si potranno portare avanti politiche socialdemocratiche.

    Basandosi su questo è OVVIO che il vincolo di bilancio, i "rinforzi" dall'esterno e tsipras sono rischi che puoi vedere solo rinunciando a priori a cercar di conquistare la capitale e prendendoti solo i villaggi. E' ovvio che così perdi.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  6. #16
    Сардиния
    Data Registrazione
    12 Nov 2009
    Località
    Терранова
    Messaggi
    7,133
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    Queste tue politiche economiche si tradurrebbero nel depauperamento dei ceti più poveri a favore dei più ricchi. Sarebbe solo un'altra forma di trasferimento di soldi verso il capitale, che vedrebbe svalutarsi i propri debiti.

    i suoi crediti, casomai ...e si rivaluterebbe il lavoro, però. Quindi si avrebbe uno redistribuzione del plusvalore verso le classi lavoratrici. Questo è Keynes, mica Marx! Marx va oltre!


    infatti l'idea di tenere bassa la svalutazione e fisso il cambio, nasce proprio dall'esigenza del grande capitale di non perdere il valore di cambio della moneta ...ossia il suo controvalore intrinseco del potere d'acquisto!
    una svalutazione della moneta del 6-7% annuo, secondo te va a vantaggio del lavoratore o del capitalista, in un modello Keynesiano???
    amaryllide likes this.

  7. #17
    Сардиния
    Data Registrazione
    12 Nov 2009
    Località
    Терранова
    Messaggi
    7,133
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    Tutto questo ragionamento NON regge per la semplice ragione che Bruxelless non è il monolite assoluto che rappresenti tu (de core, altro che accuse di sentimentalismo rivolte agli altri), ma un semplicissimo "governo" da conquistarsi tramite la lotta elettorale. Quindi SE ora vinci in Italia ma a Bruxelless c'è chi Governa che è di destra questi ti bloccherà. Se vinci a bruxelles, anche se in Italia c'è una maggioranza di destra si potranno portare avanti politiche socialdemocratiche.

    Basandosi su questo è OVVIO che il vincolo di bilancio, i "rinforzi" dall'esterno e tsipras sono rischi che puoi vedere solo rinunciando a priori a cercar di conquistare la capitale e prendendoti solo i villaggi. E' ovvio che così perdi.
    Infatti abbiamo visto tutti come i greci hanno conquistato il potere di Bruxelless con l'elettorato!!! ...
    amaryllide likes this.

  8. #18
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    264 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Dogma Visualizza Messaggio
    Infatti abbiamo visto tutti come i greci hanno conquistato il potere di Bruxelless con l'elettorato!!! ...
    Infatti tsipras s'è battuta da sola, infatti.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  9. #19
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    264 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Dogma Visualizza Messaggio
    i suoi crediti, casomai ...
    No, no: i debiti. Basta studiar la storia. La iperinflazione di weimar permise alle imprese di avere grandi prestiti e di ripagarli con cartaccia svalutata.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  10. #20
    Сардиния
    Data Registrazione
    12 Nov 2009
    Località
    Терранова
    Messaggi
    7,133
    Mentioned
    59 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La brexit e noi comunisti

    Citazione Originariamente Scritto da Garat Visualizza Messaggio
    No, no: i debiti. Basta studiar la storia. La iperinflazione di weimar permise alle imprese di avere grandi prestiti e di ripagarli con cartaccia svalutata.
    ...qui hai preso una stecca .. ...scherzi a parte, hai appena detto il contrario. Infatti come ti ho anticipato, la svalutazione permette al lavoro di abbattere il costo del denaro, ossia del Capitale e quindi del creditore. Quindi la svalutazione ha colpito il credito a vantaggio del debito! Ossia il capitale a vantaggio del lavoro. Infatti i mezzi di produzione sono la base stessa del lavoro (non confondere la proprietà dei mezzi di produzione con il capitale ...sono due cose diverse) ...e qui siamo all'ABC!
    Infatti Keynes, sostiene la nazionalizzazione dei mezzi di produzione per poter riavviare il lavoro, vale a dire stampando moneta e svalutando la medesima (ovviamente svalutare significa stampare un quantitativo che parte da un controvalore superiore da tre volte in su quello della produzione, il cui surplus va per redistribuzione a finanziare il sistema economico reale anziché le tasche della finanza virtuale)*. In pratica, nella fase di espansione i mezzi di produzione nazionalizzati (ma anche privati) si indebitano con il sistema monerario a costo zero (è questa la magia di Keynes). L'importante è poter avere un bacino di domanda e questa viene creata incrementando i salari con la moneta nazionale che va a consumare la produzione locale (se ti ricordo come fece Hitler a finanziare i mezzi di produzione, ti viene un coccolone ).
    L'afflusso di prodotti esteri, comporterebbe un aggravio di costo sul mercato interno pari alla svalutazione della moneta sul tasso di cambio e quindi questi finiscono fuori mercato.
    Tu dirai, ma così mi crescono i costi di importazione di materie prime ed è vero. Però io produco qualcosa ad un prezzo più basso e siccome lo faccio con il controllo della banca centrale, di fatto esporto merce in cambio di merce in un circolo chiuso. Sempre che io abbia i mezzi e qualcosa da produrre!!!
    Siccome questo modello non fa che incrementare ricchezza, al cadere delle reddite finanziarie (il CAPITALE), si incrementa il valore delle reddite da produzione (il Lavoro). Questo incrementa la mobilità sociale e la fornitura di servizi sociali. Quindi Welfare.

    Esiste un pensiero, anche di Marx, che porta al comunismo anche muovendo da questa strada ...lo vuoi sapere come??



    (*) diversamente da quello che sta facendo il QE di Draghi!!!
    amaryllide likes this.

 

 
Pagina 2 di 9 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. I comunisti britannici, portoghesi e svizzeri salutano il Brexit
    Di amaryllide nel forum Comunismo e Socialismo Libertario
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-06-16, 04:08
  2. Brexit: Cosa c'è dietro la Brexit
    Di Metabo nel forum Politica Europea
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-06-16, 20:03
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-01-09, 00:27
  4. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 27-02-08, 21:20
  5. [Anniversario] Ilio Barontini, quando i comunisti erano comunisti
    Di Sandokan80 nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-01-07, 20:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226