User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Jerome

Discussione: Oscar Wilde, L'anima dell'uomo sotto il socialismo (estratto)

  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    44,824
    Mentioned
    686 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Oscar Wilde, L'anima dell'uomo sotto il socialismo (estratto)

    È chiaro, quindi, che nessun socialismo autoritario potrà funzionare. Perché mentre nel sistema attuale un gran numero di persone possono condurre una vita che abbia una certa dose di libertà, espressività e felicità, in un sistema di baracche industriali, o in un sistema di tirannia economica, nessuno potrebbe assolutamente godere di tale libertà. È deplorevole che parte della nostra comunità debba vivere praticamente in schiavitù, ma proporre di risolvere il problema riducendo in schiavitù l’intera comunità è infantile. Ogni uomo deve essere lasciato completamente libero di scegliersi il proprio lavoro. Nessuna forma di costrizione deve essere esercitata su di lui. Altrimenti, il suo lavoro non sarà buono per lui, non sarà buono in sé, non sarà buono per gli altri. E per lavoro io intendo semplicemente qualunque genere d’attività. Io non riesco a credere che qualsiasi socialista, oggigiorno, possa seriamente proporre che un ispettore si presenti ogni mattina in tutte le case per controllare che ciascun cittadino si sia alzato e abbia svolto le sue otto ore di lavoro manuale. L’umanità ha superato quello stadio e riserva una forma di vita tale a coloro che, in modo molto arbitrario, essa sceglie di chiamare criminali. Ma confesso che molte delle opinioni socialiste che ho incontrato mi sembrano maculate da idee autoritarie, se non di reale coercizione. Naturalmente, autoritarismo e coercizione sono fuori discussione. Tutte le associazioni debbono essere volontarie. È solo nelle associazioni volontarie che l’uomo si trova bene. Ci si potrebbe chiedere come l’individualismo, che adesso è più o meno dipendente dall’esistenza della proprietà privata, beneficerà dell’abolizione di tale proprietà. La risposta è molto semplice. È vero che, nelle attuali condizioni, pochi uomini che hanno avuto mezzi privati propri, come Byron, Shelley, Browning, Victor Hugo, Baudelaire e altri, sono stati in grado di realizzare la loro personalità più o meno completamente. Nessuno di questi uomini ha mai lavorato un solo giorno per il salario. Essi erano affrancati dalla povertà. Avevano un vantaggio immenso. La domanda è se sia per il bene dell’individualismo che tale vantaggio debba essere abolito. Supponiamo che lo sia. Cosa accadrebbe allora all’individualismo? Come ne beneficerà? Ne beneficerà in questo modo. Nelle nuove condizioni l’individualismo sarà di gran lunga più libero, più raffinato e più intensificato di quanto non lo sia adesso. Non sto parlando del grande individualismo fantasiosamente realizzato dai poeti che ho menzionato, ma del grande vero individualismo generalmente latente e potenziale nel genere umano. Perché il riconoscimento della proprietà privata ha veramente nuociuto all’Individualismo, e lo ha oscurato, confondendo un uomo con ciò che possiede. Questo ha portato l’Individualismo completamente fuori strada. Ha reso il guadagno, non la crescita, il suo scopo ultimo. Cosicché l’uomo s’è messo a pensare che la cosa importante è l’avere, non sapendo che invece è l’essere. La vera perfezione dell’uomo sta non in ciò che l’uomo possiede, ma in ciò che l’uomo è. La proprietà privata ha schiacciato il vero individualismo e ha instaurato un individualismo che è falso. Ha precluso a una parte della comunità di essere individuale facendola morire di fame. Ha precluso all’altra parte della comunità di essere individuale mettendola sulla strada sbagliata e intralciandola. Infatti, la personalità dell’uomo è stata talmente assorbita dai suoi possedimenti che la legge inglese ha sempre trattato i reati contro la proprietà con molta più severità dei reati contro la persona, e la proprietà continua a essere la prova della cittadinanza completa. L’industria necessaria per fare denaro è inoltre molto demoralizzante. In una comunità come la nostra, dove la proprietà conferisce distinzione, posizione sociale, onore, rispetto, titoli immensi, e altre piacevolezze del genere, l’uomo, essendo ambizioso di natura, si prefigge lo scopo di accumulare questa proprietà, e continua ad accumularne tra fatica e tedio anche molto dopo che ha acquisito assai più di ciò che vuole e può usare o godere, o forse anche conoscere. L’uomo si ucciderà con il superlavoro per difendere la proprietà, e davvero, considerando gli enormi vantaggi arrecati dalla proprietà, non c’è da meravigliarsi. Dispiace che la società sia costruita su tali basi, che l’uomo è stato forzato in una routine in cui non può sviluppare liberamente ciò che in lui è meraviglioso e affascinante e delizioso – routine nella quale, di fatto, egli si perde il vero piacere e la vera gioia di vivere. È inoltre, nelle attuali condizioni, molto insicuro. Un mercante enormemente ricco può essere – spesso lo è – in ogni momento della sua vita alla mercé di cose che non sono sotto il suo controllo. Se il vento soffia un nodo in più, o il clima cambia repentinamente, o accadono altre cose da niente, la sua nave può affondare, le sue speculazioni possono andare male ed egli si ritrova a essere un povero, con la sua posizione sociale perduta. Ora, niente dovrebbe essere in grado di danneggiare un uomo, se non egli stesso. Niente dovrebbe essere in grado di rapinare un uomo. Quel che un uomo ha davvero è ciò che è in lui. Ciò che è fuori di lui dovrebbe essere una faccenda di nessuna importanza. Con l’abolizione della proprietà privata, allora, noi potremo avere un Individualismo vero, bello, salutare. Nessuno sprecherà la sua vita ad accumulare cose e simboli di cose. Si vivrà. Vivere è la cosa più rara al mondo. Infatti molti si limitano ad esistere, ecco tutto.
    Gian_Maria likes this.
    Io ho fondato la mia causa sul nulla.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,734
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Oscar Wilde, L'anima dell'uomo sotto il socialismo (estratto)

    Bellissimo estratto, grazie, lo condivido su FB.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

 

 

Discussioni Simili

  1. Wilde e l'anima dell'uomo sotto al socialismo
    Di Ticonderoga nel forum Comunismo e Socialismo Libertario
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-12-14, 19:16
  2. la conversione di Oscar Wilde
    Di Cuordileone nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-12-08, 20:16
  3. Oscar Wilde
    Di GLADIUS (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 04-12-08, 14:44
  4. Oscar Wilde
    Di Klearchos nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-05-08, 11:28
  5. Oscar Wilde.
    Di Eymerich (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 90
    Ultimo Messaggio: 26-06-06, 13:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226