User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Lost Faraway

Discussione: Il carattere reazionario dell'antirazzismo

  1. #1
    socialista radicale
    Data Registrazione
    25 Nov 2015
    Località
    La Habana
    Messaggi
    2,323
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Il carattere reazionario dell'antirazzismo

    Carattere reazionario dell’antirazzismo

    L’antirazzismo è un’ideologia relativamente recente sorta con l’esplosione dell’immigrazione nei paesi occidentali a partire dagli anni ‘80. Esso in parte ricalca lo schema destra-sinistra, quali categorie manipolatorie del finto dibattito “democratico”. Chi di destra è contro l’immigrazione, chi è di sinistra è invece a favore. Tali schemi basati su coppie contrapposte, come la finta opposizione destra/sinistra, servono per fissare delle carreggiate prestabilite che impediscono qualsiasi discussione razionale sull’immigrazione. È assurdo considerare l’immigrazione come un fatto positivo o negativo in sé. In un certo contesto, ad esempio, in una fase di espansione economica, può essere un fattore di maggiore integrazione e intreccio fra popolazioni e culture diverse (ma per l’appropriazione di forza lavoro provenienti da altri paesi, per la cui formazione non si sostenuto nessun costo, come sosteneva giustamente Paolo Cinanni, sarebbe dovuto un indennizzo), in una fase di crisi economica, invece, può provocare, prevedibilmente, aspri conflitti con la popolazione locale.
    La sconfitta del comunismo ha condotto non alla correzione degli errori e punti deboli e alla elaborazione del metodo di analisi sociale marxiano, ma all’abbandono dell’analisi strutturale, il suo punto forte, verso una deriva eticistica di cui l’antirazzismo è una delle principali espressioni. L’antirazzismo non utilizza affatto categorie marxiane che potrebbero essere molto utili per l’analisi delle dinamiche sociali legate all’immigrazione, quali la funzione dell’ “esercito industriale di riserva” o il meccanismo della competizione tra lavoratori che per l’antirazzismo neanche esiste. L’antirazzismo è soprattutto condanna del “razzismo”, e quindi del “razzista”, rispetto al quale l’antirazzista si ritiene moralmente superiore. L’antirazzismo vorrebbe sanzionare la superiorità morale dei settori “istruiti” (in realtà con una cultura molto superficiale) e scolarizzati rispetto alle classi inferiori “piene di pregiudizi”. In questo senso è un’ideologia che segna un rapporto di classe.
    Come al solito tanta bontà, tanta vantata superiorità morale nascondono inconfessabili interessi egoistici. L’ideologia dell’antirazzismo è sostenuta soprattutto da quei settori “di sinistra”, provenienti dalle classi inferiori, che hanno potuto acquisire un’istruzione superiore in seguito alla scolarizzazione di massa post-’68. Purtroppo a tale scolarizzazione non ha corrisposto una trasformazione della struttura sociale che concedesse spazio alla mobilità sociale di questi settori. Si è risposto a tale richiesta di mobilità sociale attraverso l’espansione abnorme degli impieghi statali, creando in questi ambiti delle “occupazioni” semiparassitarie. La scolarizzazione di massa ha creato ampi settori giovanili non più disposti ai lavori a cui erano destinate le “classi inferiori”, creando un ampio spazio nell’ambito dei “lavori che gli italiani non vogliono più fare”. L’antirazzismo, con il suo disprezzo implicito delle classi inferiori, è in realtà l’oscura cognizione che per mantenere uno spazio “in alto”, cioè nei settori impiegatizi o nell’ambito dello spettacolo, è necessario, “in basso” l’apporto del lavoro immigrato per svolgere quei lavori “umili”, ma necessari al funzionamento della società. Tali settori nonostante l’ideologia “di sinistra” sono in realtà partecipi di un notevole disprezzo verso i lavori di carattere manuale. Tale mentalità si incontra con il desiderio del Capitale di aumentare i profitti attraverso la riduzione del costo del lavoro, immettendo lavoratori costretti a lavorare più a lungo per paghe inferiori. Ecco perché razzismo e antirazzismo sono i due poli antetici del discorso delle classi dominanti riguardo all’immigrazione.
    Chi scrive proviene dai settori suddetti, però ritiene di essersi reso conto che si è intrapresa una strada profondamente sbagliata. Non è uno spettacolo edificante quello che si sta nettamente delineando, di una società con uno strato inferiore semischiavizzato che fa “i lavori che gli italiani non vogliono fare” e uno strato medio-basso ampiamente parassitario, con i problemi psichici soliti di chi non ha una funzione socialmente utile. Ecco perché ritengo che l’antirazzismo, al di là delle buone intenzioni sbandierate, stia giocando un ruolo sostanzialmente regressivo e reazionario
    Tanto più che tale modello con la crisi economica è entrato in crisi e i settori popolari inviano segnali di sempre maggiore insofferenza. Non è possibile continuare su queste strada, bisogna imboccarne una completamente diversa. Si dovrebbe rilanciare una battaglia per promuovere un effettivo progresso sociale, innanzitutto ridando dignità al lavoro di ogni tipo. Bisognerebbe, inoltre nel settore della produzione sociale, riprendere la battaglia per la riduzione dell’orario di lavoro, poiché non serve aumentare lo sfruttamento, attraverso l’aumento della durata e intensità del lavoro, del singolo lavoratore, se poi si è costretti a restituire una buona quota dei profitti per finanziare l’ipertrofia degli impieghi nella “pubblica amministrazione”, pena il rischio di una grave crisi sociale. Per quanto riguarda il settore della riproduzione sociale, si deve infine prendere atto che la famiglia allargata appartenente alle società prevalentamente contadine è definitivamente tramontata e che la “famiglia nucleare” moderna non ha le possibilità materiali e morali di garantire la stessa cura dei bambini e degli anziani per cui è necessario l’intervento effettivo, reale e massiccio, non puramente palliativo come adesso, della collettività.
    Possiamo anche chiamarla società “multiculturale”, ma una società con ampi strati di lavoratori immigrati in condizione servile, è una società reazionaria. È necessario invece promuovere la piena integrazione degli immigrati che hanno già trovato una collocazione nella società italiana, per il resto, non è auspicabile né una completa chiusura né l’immigrazione incontrollata. L’immigrazione è un fenomeno sociale, non è un fenomeno naturale, essa va pianificata, disponendo le strutture adatte che rendano possibile l’integrazione della quota degli immigrati che si decide di accogliere, stabilita in base alle richiesta lavorativa effettiva e a parità di trattamento con i lavoratori già residenti, ma allo stesso tempo respingendo, con metodi umani e senza propositi punitivi, l’immigrazione clandestina. Bisogna farla finita con il lavoro di “badante”, che ha riempito il vuoto lasciata dalla demolizione dello stato sociale, in quanto costituisce, attraverso la reintroduzione del lavoro servile domestico, una grave regressione sociale, dirottando risorse e uomini dai settori ipertrofici dell’impiego statale, e dei vari lavori precarizzati, finanziati sempre con soldi pubblici, che funzionano da tampone, ma non risolvono nulla, verso i lavori “socialmente utili”, nel vero senso della parola, della cura dei bambini, degli anziani e delle persone inabili, che adesso ricadono sulle famiglie e particolarmente in Italia, sulle donne, creando condizioni frequentemente insostenibili.

    Carattere reazionario dell'antirazzismo » Pensare senza schemi
    Il potere statale moderno non è che un comitato che amministra gli affari comuni di tutta la classe borghese (Karl Marx)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    socialista radicale
    Data Registrazione
    25 Nov 2015
    Località
    La Habana
    Messaggi
    2,323
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Il carattere reazionario dell'antirazzismo

    A mio parere Gennaro Scala coglie essenzialmente i termini del problema della formazione della pseudo o sub-ideologia dell'antirazzismo, secondo una prospettiva marxista. Ma sempre nella sua ottica sbaglia nel de-constestualizzare il fattore che l'ha fatta sorgere, la migrazione internazionale, che invece deve essere analizzato secondo epoche, locazioni e situazioni distinte, come pur lo stesso autore in genere fa per per il tema dell'imperialismo. Inoltre emerge qui la limitazione di fondo del marxismo -se usato come strumento ideologico univoco e onnicomprensivo, e non come parte di un apparato critico plurale-. L'approccio strettamente marxista non coglie mai appieno la valenza in se dell'identità che è invece fondamentale ed autonoma, a mio parere. Non si può, in quest'ottica, parlare di "migranti" in generale, quando l'impatto negativo sull'identità è notevolmente distinto rispetto al carattere etnico sia dell'autoctono, sia dell'alloctono. Evidentemente i rumeni, per esempio, sono una popolazione molto affine agli italiani, e non possono essere paragonati agli indiani, che invece sono molto differenti. L'ipotesi di una "integrazione" nel primo caso è credibile, nel secondo no, a meno che non si prospetti una vera e propria degradazione identitaria, compatibile sí con gli interessi della borghesia cosmopolita, ma non con il popolo lavoratore che ha bisogno di difendere la sua identità, fra l'altro, per potersi difendere dalle ingiustizie e dall'oppressione. Un popolo senza identità o con un'identità degradata, è più facilmente sottomettibile di un popolo fiero ed orgoglioso, consapevole delle proprie radici e caratteri etnici e culturali.
    Kavalerists likes this.
    Il potere statale moderno non è che un comitato che amministra gli affari comuni di tutta la classe borghese (Karl Marx)

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,541
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Il carattere reazionario dell'antirazzismo

    Quando ho letto il titolo pensavo si parlasse della ormai famosissima Laura Boldrini, in quanto a vederla ed ascoltarla si coglie un forte piglio aristocratico, elitario.

    Riguardo il tema delle identità proposto nel messaggio n° 2, è molto più complesso di quanto sembri a volte, primo perché le identità non sono statiche ma dinamiche, possono magari restare fisse per migliaia di anni ma poi arriva quell' evento che trasforma radicalmente la società, la cultura, in poco tempo. Sono frutto delle trasformazioni che avvengono nell' economia, nella tecnologia e nella geologia. Queste sono le 3 forze che in grande parte fanno le culture, le identità. Poi ci sono le strategie della classi dirigenti, comunque coadiuvate dalla tecnologia e dall' economia, la tendenza delle giovani generazioni ad optare per le tradizioni più comode, innovative, attrattive (l' attrattività talvolta è illusoria, ingannevole), le guerre dove chi vince impone allo sconfitto la propria cultura o anche il proprio DNA.
    Il secondo fattore che rende il tema dell' identità complesso è quello esistenziale, oltre ad un identità collettiva esiste quella personale, la quale per un individuo può essere più importante di quella collettiva magari neanche sentita. Oppure c'è l' identità localistica avversa ad una identità nazionale, io scrivo da una regione, la Sardegna, che il processo unitario lo ha proprio subito brutalmente, non si può neppure citare Roma come elemento unificante, in quanto i sardi furono strenui oppositori dell' Impero Romano.
    Diciamo che oggi in tempi di cambiamenti veloci non dipendenti da noi che scriviamo qui, il tema dell' identità, sempre stato sfaccettato, diventa arduamente complicato.
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

 

 

Discussioni Simili

  1. LICRA:i professionisti dell'antirazzismo!!!
    Di kouros nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-08-12, 19:57
  2. la nuova frontiera dell'antirazzismo inglese
    Di Andrea nel forum Politica Estera
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 20-07-09, 23:58
  3. Thuram e il prezzo salato dell'antirazzismo
    Di L'Europeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 08-05-09, 01:05
  4. Daniel Wretstrom vittima dell'antirazzismo
    Di Bardamu (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 05-10-07, 19:11
  5. Dedicato ai professionisti dell'antirazzismo
    Di Eridano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 18-05-06, 18:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226