User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2014
    Località
    Milano
    Messaggi
    586
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il caso Manolo Morlacchi: Prima lo sbattono in carcere poi si scusano con la paghetta

    Allego un articolo completo ad opera di Tiziana Maiolo (Il Dubbio) che tratta di malagiustizia, immunità dei magistrati in caso di errori, reati associativi contestati ad minchiam, custodia cautelare firmata ad occhi chiusi perchè "risulta plasticamente" e risarcimenti negati perchè "è innocente ma ha dato adito a sospetti". Buona lettura, astenersi (come era accaduto in passato) forumisti che contestano l'articolo contestando "ad personam" il direttore Sansonetti per fatti che riguardano la sua persona e non i contenuti di questo articolo.

    Quanto vale la vita di un uomo arrestato ingiustamente e quanto sono valutati il danno alla sua reputazione e "il discredito sociale e professionale"? Cento euro al giorno, stabilisce la Corte di cassazione. a non per tutti né in tutti i casi. Solo se - come è capitato per Manolo Morlacchi - si ha una coda di paglia talmente lunga per aver arrestato un innocente da esser costretti al risarcimento per ingiusta detenzione, pur obtorto collo e risparmiando al massimo sul quantum.
    Manolo Morlacchi non è uno qualunque e probabilmente non aveva neanche voglia di esserlo, quando ha scritto e pubblicato un libro in cui racconta e rivendica con orgoglio la storia di una famiglia di partigiani e comunisti.
    Uno di loro, (dieci fratelli) è suo padre, ed è stato un leader delle Brigate rosse. Così, un po' per il libro (come lui stesso racconta in una lettera pubblicata dal manifesto) un po' perché il cognome Morlacchi "fa titolo" sulle prime pagine, il 13 gennaio 2010 Manolo viene arrestato perché sospettato di far parte di un gruppo che voleva resuscitare le Brigate Rosse. I reati contestati? Associazione sovversiva e partecipazione a banda armata. Nessun reato specifico, nessun fatto, secondo una prassi inaugurata da certa magistratura nelle indagini per terrorismo e travasata ormai dagli anni settanta fino a oggi ogni giorno in ogni processo di mafia, corruzione o abigeato che sia.
    Se pensiamo al fatto che una settimana fa negli Stati Uniti una retata dell'Fbi ha sgominato il gotha delle famiglie mafiose di origine italiana (Genovese Gambino Lucchese Bonanno) arrestando 46 persone e contestando "solo" fatti specifici, si capisce bene la differenza tra un sistema giudiziario che funziona e uno traballante come quello italiano. Nel sistema anglosassone (come nella gran parte degli ordinamenti giudiziari occidentali) non esistono i reati associativi autonomi. Del resto che bisogno c'è? Se un reato è commesso da più persone, dovrebbe bastare un'aggravante. Ai 46 arrestati negli Stati Uniti sono stati contestati i reati di estorsione, incendio doloso, usura, gioco d'azzardo illegale, frode, traffico di armi, aggressione, eccetera. Il che significa che il rappresentante della pubblica accusa ha ritenuto di avere sufficienti prove per portare questi signori a processo su fatti specifici.

    Manolo Morlacchi però viveva in Italia, in quel 2010, con un lavoro e una famiglia con due bambini piccoli. Ha perso lavoro e reputazione in un battibaleno. Rimane in carcere senza prove né fatti specifici da gennaio a giugno e gli è anche andata bene (si fa per dire) perché il suo processo arriva a sentenza definitiva in soli quattro anni. È assolto nei tre gradi di giudizio "perché il fatto non sussiste", cioè con la formula più ampia.
    La prima cosa che vorremmo sapere, a questo punto, è che brillante carriera (come i magistrati di Tortora) stanno facendo a Roma un certo Pm e un certo Gip, e anche i giudici del tribunale del riesame che hanno confermato (come spessissimo accade) la custodia cautelare in carcere per cinque mesi di un innocente. Poiché il governo Renzi giustamente vanta il fatto di aver indotto il Parlamento a votare la legge (modestissima) sulla responsabilità civile dei magistrati, ci pare che in questo caso qualcuno dovrebbe pagare per quei 156 giorni di ingiusta detenzione subita dal signor Manolo Morlacchi.
    Invece che cosa succede? Che avendo il legale dell'ex imputato presentato la richiesta di risarcimento del danno, chi si mette di traverso? Proprio il governo, nelle vesti del Ministro dell'economia, il quale presenta in Cassazione un ricorso opposto, sostenendo che Morlacchi non ha diritto a niente, che gli è andata anche troppo bene. Gli argomenti sono all'apparenza solo tecnico-giuridici, e riguardano l'interpretazione dell'art. 314 del codice di procedura penale. Il quale disciplina i casi in cui l'ex imputato poi assolto ha diritto ".. a un'equa riparazione per la custodia cautelare subita, qualora non vi abbia dato o concorso a darvi causa per dolo o colpa grave".
    Che cosa significa? Che l'innocente deve stare ben attento a non indurre, con il suo comportamento, lo sprovveduto e ingenuo Pm a crederlo colpevole. L'interpretazione si gioca tutta sul dolo e la colpa grave. Fu cattivello Giulio Petrilli (vedi l'articolo del direttore Piero Sansonetti dello scorso 19 maggio), cui fu negato il risarcimento: non apparteneva a Prima Linea (ma intanto girava le carceri speciali), era innocente, ma forse frequentava "cattive compagnie" e pertanto ha indotto il magistrato a ritenerlo colpevole. Sulla stessa scia l'ultima sentenza della quarta sezione di cassazione del 4 luglio scorso e pubblicata dal Sole 24 ore l'8 agosto. Nel caso di Morlacchi pare sia prevalso il senso di colpa, tanto era stato clamorosamente assurdo quell'arresto. Così la cassazione ha deciso di dargli una paghetta: 15.600 euro, cento al giorno.


    Fonte:
    Il Dubbio, 12 agosto 2016

    Autore: Tiziana Maiolo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    40,793
    Mentioned
    571 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Il caso Manolo Morlacchi: Prima lo sbattono in carcere poi si scusano con la pagh

    Brigate rotte... nel cervello di certi magistrati
    "Fui posto tra la miseria ed il sole, ad uguale distanza. La miseria m'impedì di credere che tutto è bene sotto il sole e nella storia; il sole mi insegnò che la storia non è tutto."

 

 

Discussioni Simili

  1. “Manolo morto per un carcinoma”
    Di FRUGALE nel forum Cronaca
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-02-16, 14:57
  2. Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 27-05-15, 11:58
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-01-13, 14:51
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-04-10, 03:52
  5. Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 19-01-10, 01:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225