User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
Like Tree1Likes

Discussione: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    50,426
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    189 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Ora il premier ha cambiato idea sul referendum e ha messo le mani avanti. Ma a gennaio diceva: "Se perdo, mi dimetto per dignità"





    [COLOR=#555555 !important]Domenico Ferrara - Mar, 23/08/2016 - 18:47
    [/COLOR]












    La coerenza: quella virtù facile da sventolare ma difficile da mantenere. In politica, è una trappola su cui si incappa spesso, salvo poi infischiarsene di quello che si è detto il giorno prima.




    [COLOR=#444444 !important]

    [/COLOR]
    Ne sa qualcosa, o almeno dovrebbe, il premier Matteo Renzi. E se non lo rammenta, lo aiutiamo noi pubblicando di seguito uno stralcio del discorso che pronunciò in Senato il 20 gennaio parlando della riforma costituzionale e del referendum. Parole chiarissime, nette, perentorie, pronunciate con veemenza e determinazione. Adesso il capo del governo ha cambiato idea e sta cercando di spersonalizzare il risultato della consultazione popolare. Ma qualche mese fa ecco cosa diceva:
    Il discorso di Renzi in Senato

    "Ho personalmente affermato davanti alla stampa e lo ribadisco qui davanti alle senatrici e ai senatori che nel caso in cui perdessi il referendum, considererei conclusa la mia esperienza politica. L'ho fatto perché credo profondamente in un valore che è il valore della dignità del proprio impegno nella cosa pubblica, penso che quando qualcuno in questo dibattito ha scomodato il personalismo ignorando che c'è una grande distinzione tra il personalismo e la personalizzazione, lasciatevelo dire da chi è cresciuto con Mounier, col pensiero del personalismo comunitario, non è che perché uno ha Twitter allora ha dimenticato i punti di riferimento e i padri nobili del pensiero da cui proviene, ma il punto chiave di questa discussione oggi non è la personalizzazione esasperata, non è il tentativo di trasformare un referendum in un plebiscito, è recuperare quel filo di credibilità della persona e dell'impegno politico. Come è possibile immaginare dopo una cavalcata così emozionante e straordinaria unica in 70 anni di potere andare a un referendum su quella che è la madre di tutte le riforme e di non trarne le eventuali conseguenze qualora non vi fosse un voto positivo. Come è possibile non prendere atto che è terminata la stagione dell'impegno politico fatto a prescindere dal consenso dei cittadini, come è possibile immaginare che in un momento come quello che noi stiamo vivendo non possiamo provare a rendere palese ed evidente la grandezza della sfida di fronte alla quale ci troviamo, questa sfida dimostra che il potere che noi esercitiamo e dal quale non ci nascondiamo, perché la parola potere non è una paroal né positiva né negativa, è uno strumento di servizio a favore di una idea e di un processo di cambiamento del paese, il potere che noi esercitiamo ha un senso se viene messo in campo per cambiare l'Italia. Io prendo qui l'impegno esplicito, in caso di sconfitta trarremo le conseguenze ma dico anche che proprio per questo motivo sarà affascinante vedere le stesse facce gaudenti di adesso il giorno dopo il referendum quando i cittadini con la riforma avranno dimostrato da che parte sta l'Italia: sta dalla parte di chi ci crede, di chi ci prova, di chi non passa il tempo a lamentarsi, questa è l'Italia che sta ripartendo. Nei momenti chiave del mio impegno politico come questo mi capita di ripensare alla mia formazione educativa legata allo scoutismo con una espressione programmatica che molti conoscono anche in questa aula per esperienza personale. Pongo il mio onore nel meritare fiducia...".
    Referendum, quando Renzi diceva: ​"Se perdo, lascio per dignità"






























    Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio" - IlGiornale.it


    una soloa parola : BUFFONE !!!!!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    27 Feb 2011
    Messaggi
    2,715
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da svicolone Visualizza Messaggio
    Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"


    Ora il premier ha cambiato idea sul referendum e ha messo le mani avanti. Ma a gennaio diceva: "Se perdo, mi dimetto per dignità"





    [COLOR=#555555 !important]Domenico Ferrara - Mar, 23/08/2016 - 18:47
    [/COLOR]












    La coerenza: quella virtù facile da sventolare ma difficile da mantenere. In politica, è una trappola su cui si incappa spesso, salvo poi infischiarsene di quello che si è detto il giorno prima.




    [COLOR=#444444 !important]

    [/COLOR]
    Ne sa qualcosa, o almeno dovrebbe, il premier Matteo Renzi. E se non lo rammenta, lo aiutiamo noi pubblicando di seguito uno stralcio del discorso che pronunciò in Senato il 20 gennaio parlando della riforma costituzionale e del referendum. Parole chiarissime, nette, perentorie, pronunciate con veemenza e determinazione. Adesso il capo del governo ha cambiato idea e sta cercando di spersonalizzare il risultato della consultazione popolare. Ma qualche mese fa ecco cosa diceva:
    Il discorso di Renzi in Senato

    "Ho personalmente affermato davanti alla stampa e lo ribadisco qui davanti alle senatrici e ai senatori che nel caso in cui perdessi il referendum, considererei conclusa la mia esperienza politica. L'ho fatto perché credo profondamente in un valore che è il valore della dignità del proprio impegno nella cosa pubblica, penso che quando qualcuno in questo dibattito ha scomodato il personalismo ignorando che c'è una grande distinzione tra il personalismo e la personalizzazione, lasciatevelo dire da chi è cresciuto con Mounier, col pensiero del personalismo comunitario, non è che perché uno ha Twitter allora ha dimenticato i punti di riferimento e i padri nobili del pensiero da cui proviene, ma il punto chiave di questa discussione oggi non è la personalizzazione esasperata, non è il tentativo di trasformare un referendum in un plebiscito, è recuperare quel filo di credibilità della persona e dell'impegno politico. Come è possibile immaginare dopo una cavalcata così emozionante e straordinaria unica in 70 anni di potere andare a un referendum su quella che è la madre di tutte le riforme e di non trarne le eventuali conseguenze qualora non vi fosse un voto positivo. Come è possibile non prendere atto che è terminata la stagione dell'impegno politico fatto a prescindere dal consenso dei cittadini, come è possibile immaginare che in un momento come quello che noi stiamo vivendo non possiamo provare a rendere palese ed evidente la grandezza della sfida di fronte alla quale ci troviamo, questa sfida dimostra che il potere che noi esercitiamo e dal quale non ci nascondiamo, perché la parola potere non è una paroal né positiva né negativa, è uno strumento di servizio a favore di una idea e di un processo di cambiamento del paese, il potere che noi esercitiamo ha un senso se viene messo in campo per cambiare l'Italia. Io prendo qui l'impegno esplicito, in caso di sconfitta trarremo le conseguenze ma dico anche che proprio per questo motivo sarà affascinante vedere le stesse facce gaudenti di adesso il giorno dopo il referendum quando i cittadini con la riforma avranno dimostrato da che parte sta l'Italia: sta dalla parte di chi ci crede, di chi ci prova, di chi non passa il tempo a lamentarsi, questa è l'Italia che sta ripartendo. Nei momenti chiave del mio impegno politico come questo mi capita di ripensare alla mia formazione educativa legata allo scoutismo con una espressione programmatica che molti conoscono anche in questa aula per esperienza personale. Pongo il mio onore nel meritare fiducia...".
    Referendum, quando Renzi diceva: ​"Se perdo, lascio per dignità"






























    Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio" - IlGiornale.it


    una soloa parola : BUFFONE !!!!!
    Ha cambiato idea

  3. #3
    Fervente Ateista
    Data Registrazione
    05 Apr 2016
    Messaggi
    3,028
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    E infatti si dimette.
    sei davanti al diavolo finalmente...e ti sei tolto dai cogl..ni! Gran bella notizia!
    Carlo Nord Italia sulla morte di Dario Fo

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    50,426
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    189 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da tommaso2 Visualizza Messaggio
    Ha cambiato idea
    e secondo te perchè?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    50,426
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    189 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da Defel Visualizza Messaggio
    E infatti si dimette.
    tu sei quasi quasi piò buffone di lui. sembra impossibile, ma ci stai facendo un pensierino.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    50,426
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    189 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    "Se perdo, mi dimetto per dignità"

    detto da uno che manco sa cosa sia, la DIGNITA', è davvero una promessa da marinaio

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    02 Dec 2010
    Messaggi
    19,275
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da Defel Visualizza Messaggio
    E infatti si dimette.
    Anche tu come tutti i piddini al solito non avete capito ... voleva dire: lascio .... la moglie ...

  8. #8
    Fervente Ateista
    Data Registrazione
    05 Apr 2016
    Messaggi
    3,028
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da heint Visualizza Messaggio
    Anche tu come tutti i piddini al solito non avete capito ... voleva dire: lascio .... la moglie ...
    Uhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhu
    sei davanti al diavolo finalmente...e ti sei tolto dai cogl..ni! Gran bella notizia!
    Carlo Nord Italia sulla morte di Dario Fo

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    02 Dec 2010
    Messaggi
    19,275
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da Defel Visualizza Messaggio
    Uhuhuhuhuhuhuhuhuhuhuhu
    Stai dormendo ?... bene un risultato l'ho ottenuto ... se dormi almeno non scrivi !!

  10. #10
    Fervente Ateista
    Data Registrazione
    05 Apr 2016
    Messaggi
    3,028
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Quando Renzi in Senato disse: "Se perdo il referendum, lascio"

    Citazione Originariamente Scritto da heint Visualizza Messaggio
    Stai dormendo ?... bene un risultato l'ho ottenuto ... se dormi almeno non scrivi !!
    No, no. Scrivo, scrivo.
    sei davanti al diavolo finalmente...e ti sei tolto dai cogl..ni! Gran bella notizia!
    Carlo Nord Italia sulla morte di Dario Fo

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Referendum trivelle, Emiliano: "Renzi venditore di pentole"
    Di svicolone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 83
    Ultimo Messaggio: 24-03-16, 22:54
  2. Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 31-12-15, 11:59
  3. Quando Gheddafi ci disse: "Senza me vi invaderanno"
    Di acquazzurra nel forum Politica Europea
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 30-09-15, 23:22
  4. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 13-06-11, 01:22
  5. Casini:"Se perdo lascio"
    Di denty nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 11-12-06, 17:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226