User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Frescobaldi

Discussione: Dopo pannella

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,483
    Mentioned
    97 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Dopo pannella

    DOPO PANNELLA | Avanti!

    è aperto il Primo congresso del partito dei radicali italiani senza il loro storico leader, Marco Pannella, iniziato alle ore 14 nel carcere romano di Rebibbia, proseguirà fino a sabato. Giovanni Negri, segretario del Partito Radicale 1984/1988, lancia una proposta ai radicali che si riuniscono in Congresso a Rebibbia da oggi fino a sabato: “Costruiamo insieme la Marianna”. Il progetto della formazione politica sarà presentato a Roma il prossimo 17 e 18 settembre. Tra i partecipanti a “La Marianna” oltre a diversi radicali, ci saranno tra gli altri: Giuliano Cazzola, Lorenzo Castellani, Giulio Terzi Di Sant’Agata, Beniamino Bonardi e Domenico Spinelli. All’ordine del giorno le proposte su shock fiscale, esercito del lavoro, giustizia civile e penale, modernità, ricerca e innovazione . Negri sarà presente domani al Congresso radicale ma, nel frattempo, lancia un messaggio in rete. Con l’hashtag #allonsanfan augura buon congresso a quanti in questi tre giorni sono chiamati a un compito non facile: saper voltare pagina, saper non litigare, saper guardare avanti.
    Radicali divisi sul post Pannella
    di Mauro Del Bue
    Marco Pannella al centro di tutto. A lui, al suo ricordo, al suo messaggio, alle sue lotte è dedicato questo congresso del Partito radicale transazionale e traanspartitico, partorito dalla fertile creatività pannelliana e che qualcuno degli eretici dissidenti vuol mettere in discussione. A lui si deve, nella logica del “seguitemi e vi moltiplicherò”, anche la galassia radicale, composta anche da Radicali italiani che per statuto non si presentano alle elezioni, poi dalle varie associazioni, da Nessuno tocchi caino, a Non c’è pace senza giustizia, alla Coscioni. E ad ognuna un tema da svolgere, un obiettivo da perseguire. C’è chi vorrebbe tornare al partito radicale degli anni settanta, tutto sommato ancora partitico, nazionale, elettorale. Loro, quelli che hanno convocato il congresso, no. Non ci pensano nemmeno.Ma cominciamo dall’inizio. Arrivare a Rebibbia non è semplice. L’ultima fermata del metro è a due chilometri di distanza che devi sorbirti a piedi. Poi trovi il cancello, lo varchi tranquillamente e seguendo qualche compagno radicale (lo riconosci dai capelli brizzolati e dai giornali sottobraccio) ti imbatti in un accrocchio di persone in attesa di non si sa cosa. In realtà sono tutte in fila per dare le loro generalità e per consegnare tablet e cellulari. Poco alla volta, però, perché poi c’è un altro blocco. Finalmente entri in carcere, quello vero, con inferriate e porte blindate, cammini per un lungo corridoio poi a destra una scalinata ti porta nella sala del congresso, colma come ai bei tempi. Alle pareti gigantografie di Marco, con Tortora, Adele Faccio, Sergino Stanzani, poi Marco giovane, quando lottava per il divorzio e Marco bendato, Marco assetato, Marco arrestato. E ancora gigantografie su Ventotene con Spinelli e Rossi in prima fila. Perchè lo slogan del congresso è “Da Ventotene a Rebibbia” (Mauro Palma, garante dei detenuti, capovolgerà i termini perchè, giustamente, sottolinea che senza libertà e diritti l’Europa muore).Due monitor proiettano in continuazione immagini pannelliane, e in una, solo in una, compare anche la grande assente, oggi, Emma Bonino, sospettata di essere a capo del complotto. Un’immagine sfuggente. Tutto scivola al meglio, con l’intervento del ministro Orlando sull’onda del “se non ci foste bisognerebbs inventarvi”, mentre a Pannella attribuisce il merito di avere anticipato il suo vecchio partito sui temi dei diritti civili. Sic… Ancora lodi a Pannella e ai radicali da parte degli altri invitati, da Santi Consoli, capo dell’amministrazione penitenziaria, a Mauro Mariani, direttore di Rebibbia, a Massimo Cardilli capo dei poliziotti penitenziari, che ha ricordato di come Pannella sia stato l’unico uomo politico a entrare a Rebibbia il giorno di ferragosto, il primo dell’anno, nelle feste per portare il dono di una presenza ai carcerati. Poi don Sandro Spriano che ha voluto ricordare come Marco Pannella abbia interpretato il concetto di giustizia rivelato dal Vangelo, fino a Mauro Mariani, che ha auspicato si risolva il caso Abruzzo con la nomina a garante di Rita Bernardini.Poi il congresso è cominciato. E dal clima di solidarietà e di entusiasmo si è passati subito al conflitto, quasi alla rissa. Nella sua relazione Maurizio Turco ha preso di mira i ribelli. L’accusa non è stata solo di voler stravolgere la natura del partito radicale (a Maggi e Cappato ha rivolto il rimprovero di aver presentato liste alle comunali di Roma e di Milano senza consultare nessuno, e la cosa è stata definita “un’imboscata”). Ma anche di aver tradito Marco quando era ancora in vita. Turco ha ricordato che Pannella era solito dire “Mi faranno vivere da morto”, ma alcuni lo hanno fatto “morire da vivo”. Il clima si surriscalda. A Cicciomessere, autore di un lungo articolo precongressuale dove si contestava la convocazione del congresso, Turco ha rivolto un secco rimprovero: “Hai visto Roberto che non siamo cinquanta sfigati? Tu hai portato i tuoi 150?”. Le due componenti, chiamiamole cosi, si sfideranno da domani. Con Turco, Rita Bernardini, Sergio D’Elia, Elisabetta Zamparutti, Angiolo Bandinelli, che vogliono mantenere intatte le ragioni del partito sulla scorta del messaggio panneliamo, e che possiedono radio e sede, il brand come gli oppositori lo definiscono, dall’altra Cicciomessere, Maggi, Cappato, Staderini, che, dicono, con la copertura della Bonino, vogliono un partito diverso, che possa anche dialogare con Renzi. Giovanni Negri, fondatore, si pensa anche col consenso del gruppo pannelliano, della Marianna, parlerà domani. Vedremo gli sviluppi.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma - Sicilia
    Messaggi
    12,190
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Dopo Pannella

    è aperto il Primo congresso del partito dei radicali italiani senza il loro storico leader, Marco Pannella, iniziato alle ore 14 nel carcere romano di Rebibbia, proseguirà fino a sabato. Giovanni Negri, segretario del Partito Radicale 1984/1988, lancia una proposta ai radicali che si riuniscono in Congresso a Rebibbia da oggi fino a sabato: “Costruiamo insieme la Marianna”. Il progetto della formazione politica sarà presentato a Roma il prossimo 17 e 18 settembre. Tra i partecipanti a “La Marianna” oltre a diversi radicali, ci saranno tra gli altri: Giuliano Cazzola, Lorenzo Castellani, Giulio Terzi Di Sant’Agata, Beniamino Bonardi e Domenico Spinelli. All’ordine del giorno le proposte su shock fiscale, esercito del lavoro, giustizia civile e penale, modernità, ricerca e innovazione . Negri sarà presente domani al Congresso radicale ma, nel frattempo, lancia un messaggio in rete. Con l’hashtag #allonsanfan augura buon congresso a quanti in questi tre giorni sono chiamati a un compito non facile: saper voltare pagina, saper non litigare, saper guardare avanti.
    Radicali divisi sul post Pannella
    di Mauro Del Bue

    Marco Pannella al centro di tutto. A lui, al suo ricordo, al suo messaggio, alle sue lotte è dedicato questo congresso del Partito radicale transazionale e traanspartitico, partorito dalla fertile creatività pannelliana e che qualcuno degli eretici dissidenti vuol mettere in discussione. A lui si deve, nella logica del “seguitemi e vi moltiplicherò”, anche la galassia radicale, composta anche da Radicali italiani che per statuto non si presentano alle elezioni, poi dalle varie associazioni, da Nessuno tocchi caino, a Non c’è pace senza giustizia, alla Coscioni. E ad ognuna un tema da svolgere, un obiettivo da perseguire. C’è chi vorrebbe tornare al partito radicale degli anni settanta, tutto sommato ancora partitico, nazionale, elettorale. Loro, quelli che hanno convocato il congresso, no. Non ci pensano nemmeno.

    Ma cominciamo dall’inizio. Arrivare a Rebibbia non è semplice. L’ultima fermata del metro è a due chilometri di distanza che devi sorbirti a piedi. Poi trovi il cancello, lo varchi tranquillamente e seguendo qualche compagno radicale (lo riconosci dai capelli brizzolati e dai giornali sottobraccio) ti imbatti in un accrocchio di persone in attesa di non si sa cosa. In realtà sono tutte in fila per dare le loro generalità e per consegnare tablet e cellulari. Poco alla volta, però, perché poi c’è un altro blocco. Finalmente entri in carcere, quello vero, con inferriate e porte blindate, cammini per un lungo corridoio poi a destra una scalinata ti porta nella sala del congresso, colma come ai bei tempi. Alle pareti gigantografie di Marco, con Tortora, Adele Faccio, Sergino Stanzani, poi Marco giovane, quando lottava per il divorzio e Marco bendato, Marco assetato, Marco arrestato. E ancora gigantografie su Ventotene con Spinelli e Rossi in prima fila. Perchè lo slogan del congresso è “Da Ventotene a Rebibbia” (Mauro Palma, garante dei detenuti, capovolgerà i termini perchè, giustamente, sottolinea che senza libertà e diritti l’Europa muore).

    Due monitor proiettano in continuazione immagini pannelliane, e in una, solo in una, compare anche la grande assente, oggi, Emma Bonino, sospettata di essere a capo del complotto. Un’immagine sfuggente. Tutto scivola al meglio, con l’intervento del ministro Orlando sull’onda del “se non ci foste bisognerebbe inventarvi”, mentre a Pannella attribuisce il merito di avere anticipato il suo vecchio partito sui temi dei diritti civili. Sic… Ancora lodi a Pannella e ai radicali da parte degli altri invitati, da Santi Consoli, capo dell’amministrazione penitenziaria, a Mauro Mariani, direttore di Rebibbia, a Massimo Cardilli capo dei poliziotti penitenziari, che ha ricordato di come Pannella sia stato l’unico uomo politico a entrare a Rebibbia il giorno di ferragosto, il primo dell’anno, nelle feste per portare il dono di una presenza ai carcerati. Poi don Sandro Spriano che ha voluto ricordare come Marco Pannella abbia interpretato il concetto di giustizia rivelato dal Vangelo, fino a Mauro Mariani, che ha auspicato si risolva il caso Abruzzo con la nomina a garante di Rita Bernardini.

    Poi il congresso è cominciato. E dal clima di solidarietà e di entusiasmo si è passati subito al conflitto, quasi alla rissa. Nella sua relazione Maurizio Turco ha preso di mira i ribelli. L’accusa non è stata solo di voler stravolgere la natura del partito radicale (a Maggi e Cappato ha rivolto il rimprovero di aver presentato liste alle comunali di Roma e di Milano senza consultare nessuno, e la cosa è stata definita “un’imboscata”). Ma anche di aver tradito Marco quando era ancora in vita. Turco ha ricordato che Pannella era solito dire “Mi faranno vivere da morto”, ma alcuni lo hanno fatto “morire da vivo”. Il clima si surriscalda. A Cicciomessere, autore di un lungo articolo precongressuale dove si contestava la convocazione del congresso, Turco ha rivolto un secco rimprovero: “Hai visto Roberto che non siamo cinquanta sfigati? Tu hai portato i tuoi 150?”. Le due componenti, chiamiamole cosi, si sfideranno da domani. Con Turco, Rita Bernardini, Sergio D’Elia, Elisabetta Zamparutti, Angiolo Bandinelli, che vogliono mantenere intatte le ragioni del partito sulla scorta del messaggio panneliamo, e che possiedono radio e sede, il brand come gli oppositori lo definiscono, dall’altra Cicciomessere, Maggi, Cappato, Staderini, che, dicono, con la copertura della Bonino, vogliono un partito diverso, che possa anche dialogare con Renzi. Giovanni Negri, fondatore, si pensa anche col consenso del gruppo pannelliano, della Marianna, parlerà domani. Vedremo gli sviluppi.

    DOPO PANNELLA | Avanti!

    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,483
    Mentioned
    97 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Dopo Pannella

    @Frescobaldi grazie della segnalazione ma l'articolo era già stato postato con lo stesso titolo. un'occhiatina a quanto accade su questo forum la potresti dare

  4. #4
    Sovente in queste rive
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Messaggi
    40,628
    Mentioned
    570 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Dopo Pannella

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    @Frescobaldi grazie della segnalazione ma l'articolo era già stato postato con lo stesso titolo. un'occhiatina a quanto accade su questo forum la potresti dare
    L'ho notato subito ieri sera ma purtroppo in alto loco mi han vietato di poter modificare i 3d dopo la mia cacciata
    "È senz'altro un atto nobile combattere per la giustizia e per la gente, ma anche amare una sola persona, pur inimicandosi il mondo intero penso che sia ugualmente importante" (Masami Kurumada)

  5. #5
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma - Sicilia
    Messaggi
    12,190
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Dopo Pannella

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    @Frescobaldi grazie della segnalazione ma l'articolo era già stato postato con lo stesso titolo. un'occhiatina a quanto accade su questo forum la potresti dare

    Strano... ho controllato, lo ricordo bene... non l'ho proprio visto... chiedo venia...
    MaIn likes this.
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-05-14, 19:05
  2. Marco Pannella ricoverato dopo un malore
    Di POL nel forum Cronaca
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-04-14, 11:10
  3. Risposte: 130
    Ultimo Messaggio: 06-04-12, 22:39
  4. PANNELLA: DOPO CONGRESSO VERDI SI ANNUNCIA QUALCOSA DI GRANDE
    Di Burton Morris nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 23-10-09, 20:54
  5. Dopo l'appello di Pannella in TV...
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-06-09, 14:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225