User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    19 Aug 2016
    Messaggi
    2,165
     Likes dati
    1,349
     Like avuti
    1,311
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito BolzanoLa lingua italiana svenduta per un «sì» (al referendum) sui nomi delle strade

    Ricordate sempre che l'Europa è il mezzo con cui la sinistra ha imposto la sua ideologia. Non serve uscire, perché adesso la si può cambiare dall'interno ---> E ancora non avete visto quello che succederà alle prossime elezioni europee ...

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    19 Aug 2016
    Messaggi
    2,165
     Likes dati
    1,349
     Like avuti
    1,311
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La lingua italiana svenduta per un «sì» (al referendum) I nomi delle strade di Bo

    Referendum: Renzi “compra” l’Svp facendo pulizia etnica della lingua italiana

    10shares
    Aggiunto da Nicola Mattei il 21 settembre 2016.

    image: http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2016/09/cartello-bilingue-svp-referendum-300x223.jpg
    Bolzano, 21 – Si può svendere una tradizione, come quella della lingua italia che affonda le sue radici indietro nei secoli alle opere di Dante, Petrarca, Boccaccio e, fino a giorni nostri, con Alfieri, Bacchelli, D’Annunzio, per un “Sì” ad un referendum il cui esito era dato per scontato ma sul quale il governo ora trema come non mai? Nell’era dell’esecutivo Renzi la risposta è la stessa che il premier auspica uscire vittoriosa dalle urne. Poco male se per raggiungere l’obiettivo – sul quale, nonostante il voltafaccia successivo, il governo fonda parte della sua stessa permanenza a Palazzo Chigi – si deve fare strame di ogni buon senso, educazione e perfino dell’idioma nazionale: a Renzi servono voti, serve manovalanza alla campagna per il “Sì” e non esita a guardarsi intorno da qualsiasi parte per portare acqua al suo mulino. Dopo la mancata intesa con l’Anpi il premier tenta allora la strada, sempre interna alla sinistra, della Südtiroler Volkspartei, storico partito dell’Alto Adige che rappresenta gli interessi del gruppo linguistico tedesco nella provincia più settentrionale d’Italia. A rivelare l’ipotesi di accordo con il movimento altoatesino è, oggi, Antonio Rapisarda sulle pagine de Il Tempo, il quale, riprendendo una notizia che da pochi giorni ha cominciato a circolare a Bolzano e dintorni, denuncia la svendita dell’italiano in cambio dell’impegno della Svp in favore della consultazione. Come contropartita l’Svp otterrebbe una profonda revisione della toponomastica locale, con molte località, vie e luoghi, montagne e valli che andrebbero a perdere la doppia denominazione in favore della sola tedesca. Addirittura esisterebbe già una lista: Malga di Silandro/Schlanderser Alm diventerebbe, con un’acrobazia linguistica, Malga Schlanderser Alm, altri invece come Punta Cervina e Castel Sarentino verrebbero trasformate tout court in Hirzer e Schloss Rafenstein. In totale, quasi il 60% delle denominazioni è a rischio. Ma il numero potrebbe perfino salire, perché esisterebbe anche una seconda lista comprendente un gruppo di nomi “sospesi”, fra i quali ad esempio la Vetta d’Italia/Glockenkarkopf nel comune di Predoia, fra le montagne più a nord della penisola.
    “Non è stata presa ancora nessuna decisione sull’effettivo utilizzo dei toponimi italiani. Si tratta infatti di una legge procedimentale e sarà un’apposita commissione ad occuparsi dei criteri”, si difende Arno Kompatscher, presidente della provincia autonoma di Bolzano. Il quale però si tradisce con una battuta: “La Svp da sempre sostiene che bilinguismo non significa binomismo“. Un piede in due scarpe, quello mostrato dal partito, che è conscio del suo essere serbatoio di voti (sia pur in decisa diminuzione rispetto ad un tempo) e può dunque vendersi al miglior offerente. Era già successo nel 2011, quando votarono per salvare la poltrona del ministro Bondi, ottenendo in cambio la promessa del “depotenziamento” del monumento alla vittoria del capoluogo, quello costruito in onore delle decine di migliaia di caduti italiani nella Grande Guerra. Allora era la storia a venire spazzata via per decreto, ora è l’italiano.
    Nicola Mattei


    Read more at Referendum: Renzi "compra" l'Svp facendo pulizia etnica della lingua italiana
    Ricordate sempre che l'Europa è il mezzo con cui la sinistra ha imposto la sua ideologia. Non serve uscire, perché adesso la si può cambiare dall'interno ---> E ancora non avete visto quello che succederà alle prossime elezioni europee ...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Sep 2013
    Messaggi
    59,162
     Likes dati
    7,100
     Like avuti
    9,662
    Mentioned
    853 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)

    Predefinito Re: La lingua italiana svenduta per un «sì» (al referendum) I nomi delle strade di Bo

    mi piace questo giornalismo che svela i patti segreti

    solo non si capisce perchè li facciano segreti, se tanto li sgamano subito.
    Le plus grand soin d’un bon gouvernement devrait être d’habituer peu à peu les peuples à se passer de lui.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    19 Aug 2016
    Messaggi
    2,165
     Likes dati
    1,349
     Like avuti
    1,311
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La lingua italiana svenduta per un «sì» (al referendum) I nomi delle strade di Bo

    Citazione Originariamente Scritto da elnick Visualizza Messaggio
    mi piace questo giornalismo che svela i patti segreti

    solo non si capisce perchè li facciano segreti, se tanto li sgamano subito.
    Perché il diavolo fa le pentole e non i coperchi
    o perché la sfrontatezza o la sfacciataggine è arrivata al punto tale che al cazzaro non gliene frega niente degli italiani, d'altra parte ogni giorno fa sempre così
    Ricordate sempre che l'Europa è il mezzo con cui la sinistra ha imposto la sua ideologia. Non serve uscire, perché adesso la si può cambiare dall'interno ---> E ancora non avete visto quello che succederà alle prossime elezioni europee ...

  5. #5
    Moralista dal 20 Jan 2021
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    43,416
     Likes dati
    4,705
     Like avuti
    9,631
    Mentioned
    727 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: BolzanoLa lingua italiana svenduta per un «sì» (al referendum) sui nomi delle str

    Non ho capito una cosa. Cosa c'entrano questi personaggi con Bolzano e il Sud Tirolo? Ha "italianizzato" piu' Mussolini che tutti gli altri assieme.




    Bolzano, 21 – Si può svendere una tradizione, come quella della lingua italia che affonda le sue radici indietro nei secoli alle opere di Dante, Petrarca, Boccaccio e, fino a giorni nostri, con Alfieri, Bacchelli, D’Annunzio ....

  6. #6
    Antisomarista
    Data Registrazione
    23 Jun 2016
    Messaggi
    13,078
     Likes dati
    3,247
     Like avuti
    7,842
    Mentioned
    267 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito Re: BolzanoLa lingua italiana svenduta per un «sì» (al referendum) sui nomi delle str

    Renzi doveva svendere il culo della Boschi e della Madia, avrebe raccattato più voti di sicuro.
    When the facts change, I change my mind. What do you do, sir? John Maynard Keynes

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 21-09-16, 23:23
  2. La lingua italiana e l'annientamento delle tradizioni locali
    Di Mos Maiorum nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 894
    Ultimo Messaggio: 13-11-14, 11:46
  3. “Strade di Cagliari in sardo e senza nomi fascisti”
    Di Morfeo nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-03-12, 21:31
  4. Vecchie strade, nuovi nomi.
    Di Der Goerzer nel forum Friuli-Venezia Giulia
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 19-11-08, 19:31
  5. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 28-03-05, 18:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •