User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 45
  1. #1
    Edge of a straight razor.
    Data Registrazione
    12 Sep 2004
    Località
    Unknown Pleasures by Joy Division
    Messaggi
    21,664
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"


    Piombino, tra gli operai del colosso Lucchini: 15 giorni per evitare il crac. Entro luglio il russo Mordashov deve restituire alle banche 150 milioni, ma il proprietario vuole vendere


    PIOMBINO, 18 luglio 2010 - TORNANDO a casa Francesca, protagonista del libro Acciaio, «seguiva con gli occhi il profilo sdentato della fabbrica pensando che, come il Colosseo, anche l’altoforno nel giro di un decennio se lo sarebbero preso i gatti». Le rovine al posto delle Acciaierie. Anche per questa prospettiva, mezza Piombino si era rivoltata contro la scrittrice, Silvia Avallone, accusandola di «non raccontare la città vera». Oggi, qualche mese dopo l’uscita del libro, se un oligarca russo non versa entro fine mese almeno 150 milioni di euro alle banche, le Acciaiere Lucchini potrebbero dichiarare default.
    E lo scenario di Acciaio, non più un pensiero di carta ma una tragica realtà. Vengono i brividi.

    LA FINE dell’acciaio a Piombino, con un Colosseo di ruggine dove oggi fuma l’Afo4, sembra davvero un’enormità. Nonostante i ridimensionamenti, lo stabilimento rappresenta ancora una realtà industriale strategica per il Centr’Italia, producendo da solo il 30% del Pil della provincia di Livorno e dando fumo e lavoro a 2.142 dipendenti che, con l’indotto, superano i 4.000.
    Anche per per questo nessuno qui sembra credere alla chiusura. «Una soluzione la si troverà, è sempre successo», il pensiero prevalente. Solo che quando padrone era lo Stato, potevano cambiare i nomi alla portineria (Ilva, Italsider, Deltasider) ma nella sostanza niente mutava. Adesso che dal ’95 il padrone è un privato, il nome resta lo stesso (‘Acciaiere Lucchini’) ma tutto può cambiare.

    IL SIGNORE dell’acciaio oggi è un ex operaio russo di 44 anni, Alexei Mordashov, indecentemente ricco come lo sono gli oligarchi nati sul disfacimento dell’Urss.
    Al 18° posto secondo Forbes fra gli uomini più ricchi del pianeta, Mordashov rappresenta insieme ricchezza e inafferrabilità. «Alla Russia con dolore», titolò un quotidiano al passaggio di consegne col vecchio Lucchini nel 2005. Nonostante ciò, Mordashov si presentò bene. «Al primo incontro ci disse: «In Russia la cosa che ci sta più a cuore è la condizione dei lavoratori» racconta Fabrizio Toninelli della Uilm.

    E davvero per qualche anno le cose andarono bene.
    Solo che le Acciaierie di Piombino sono come un colosso che, per reggersi in piedi, ha bisogno di correre continuamente.
    Spiega Luciano Gabrielli, segretario Fiom: «Se la produzione annuale supera il milione e 800 mila tonnellate la fabbrica fa grossi guadagni, altrimenti...». Altrimenti sono deficit da voragine.
    Non c’è da stupirsi, insomma, se con la crisi il gruppo Severstal che fa capo a Mordashov si sia riempito di debiti: 780 milioni di euro.

    Addio sogni di gloria: «Vendo tutto», ha annunciato Alexey che, qualche giorno fa, con un’operazione spericolata, ha acquisito personalmente le Acciaierie per un euro e 54 centesimi, scorporandole dal gruppo.
    «O presenti un piano industriale entro luglio — l’aut aut delle banche di fronte all’ operazione — o a ottobre chiudiamo i rubinetti».


    IN SOSTANZA: o Mordashov ricapitalizza o 4.000 persone si ritroveranno senza stipendio. «Ma si può davvero immaginare un territorio desertificato dall’occupazione senza che nessuno richiami alle responsabilità il proprietario, che non può agire come se fosse in una provincia caucasica?», ha gridato Giuseppe Bartoletti della Cgil. Già ma come richiamare alle responsabilità un oligarca russo distante dai problemi sociali italiani come la terra da Alfa Centauri?
    Così Piombino, con le sue fabbriche passate tutte in mano agli stranieri (la Dalmine agli argentini di Tenaris, la Magona ai franco-indiani di Arcelor-Mittel) diventa senza volerlo il paradigma tragico dei Tempi Nuovi: come difendere i diritti di chi lavora quando la globalizzazione ha svalutato il prezzo della fatica e come bussola ha solo il guadagno e non le ricadute sociali di questo?

    Guardi a Piombino e pensi con angoscia al futuro dell’Italia.


    dall’inviato STEFANO CECCHI


    Fonte :
    Quotidiano Net - La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Baby Pensionato
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Purgatorio
    Messaggi
    38,905
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Il tema mi interessa.

    tienimi aggiornato, se hai news.

    grazie

  3. #3
    Edge of a straight razor.
    Data Registrazione
    12 Sep 2004
    Località
    Unknown Pleasures by Joy Division
    Messaggi
    21,664
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Citazione Originariamente Scritto da L'anticristo Visualizza Messaggio
    Il tema mi interessa.

    tienimi aggiornato, se hai news.

    grazie
    ok

  4. #4
    Utente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Impero Romano
    Messaggi
    11,966
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Anche il Gruppo Riva è in crisi, in tutta Italia credo dia lavoro ad almeno 10mila persone.
    .

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Nov 2009
    Messaggi
    442
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    volevate il liberismo a tutti i costi? bene eccovi serviti... gli oligarchi ringraziano...:gluglu:
    Ultima modifica di Hic sunt leones; 19-07-10 alle 11:56

  6. #6
    Ex Donald ed ex Max50
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    16,847
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Citazione Originariamente Scritto da Max72 Visualizza Messaggio
    La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"


    Piombino, tra gli operai del colosso Lucchini: 15 giorni per evitare il crac. Entro luglio il russo Mordashov deve restituire alle banche 150 milioni, ma il proprietario vuole vendere


    PIOMBINO, 18 luglio 2010 - TORNANDO a casa Francesca, protagonista del libro Acciaio, «seguiva con gli occhi il profilo sdentato della fabbrica pensando che, come il Colosseo, anche l’altoforno nel giro di un decennio se lo sarebbero preso i gatti». Le rovine al posto delle Acciaierie. Anche per questa prospettiva, mezza Piombino si era rivoltata contro la scrittrice, Silvia Avallone, accusandola di «non raccontare la città vera». Oggi, qualche mese dopo l’uscita del libro, se un oligarca russo non versa entro fine mese almeno 150 milioni di euro alle banche, le Acciaiere Lucchini potrebbero dichiarare default.
    E lo scenario di Acciaio, non più un pensiero di carta ma una tragica realtà. Vengono i brividi.

    LA FINE dell’acciaio a Piombino, con un Colosseo di ruggine dove oggi fuma l’Afo4, sembra davvero un’enormità. Nonostante i ridimensionamenti, lo stabilimento rappresenta ancora una realtà industriale strategica per il Centr’Italia, producendo da solo il 30% del Pil della provincia di Livorno e dando fumo e lavoro a 2.142 dipendenti che, con l’indotto, superano i 4.000.
    Anche per per questo nessuno qui sembra credere alla chiusura. «Una soluzione la si troverà, è sempre successo», il pensiero prevalente. Solo che quando padrone era lo Stato, potevano cambiare i nomi alla portineria (Ilva, Italsider, Deltasider) ma nella sostanza niente mutava. Adesso che dal ’95 il padrone è un privato, il nome resta lo stesso (‘Acciaiere Lucchini’) ma tutto può cambiare.

    IL SIGNORE dell’acciaio oggi è un ex operaio russo di 44 anni, Alexei Mordashov, indecentemente ricco come lo sono gli oligarchi nati sul disfacimento dell’Urss.
    Al 18° posto secondo Forbes fra gli uomini più ricchi del pianeta, Mordashov rappresenta insieme ricchezza e inafferrabilità. «Alla Russia con dolore», titolò un quotidiano al passaggio di consegne col vecchio Lucchini nel 2005. Nonostante ciò, Mordashov si presentò bene. «Al primo incontro ci disse: «In Russia la cosa che ci sta più a cuore è la condizione dei lavoratori» racconta Fabrizio Toninelli della Uilm.

    E davvero per qualche anno le cose andarono bene.
    Solo che le Acciaierie di Piombino sono come un colosso che, per reggersi in piedi, ha bisogno di correre continuamente.
    Spiega Luciano Gabrielli, segretario Fiom: «Se la produzione annuale supera il milione e 800 mila tonnellate la fabbrica fa grossi guadagni, altrimenti...». Altrimenti sono deficit da voragine.
    Non c’è da stupirsi, insomma, se con la crisi il gruppo Severstal che fa capo a Mordashov si sia riempito di debiti: 780 milioni di euro.

    Addio sogni di gloria: «Vendo tutto», ha annunciato Alexey che, qualche giorno fa, con un’operazione spericolata, ha acquisito personalmente le Acciaierie per un euro e 54 centesimi, scorporandole dal gruppo.
    «O presenti un piano industriale entro luglio — l’aut aut delle banche di fronte all’ operazione — o a ottobre chiudiamo i rubinetti».


    IN SOSTANZA: o Mordashov ricapitalizza o 4.000 persone si ritroveranno senza stipendio. «Ma si può davvero immaginare un territorio desertificato dall’occupazione senza che nessuno richiami alle responsabilità il proprietario, che non può agire come se fosse in una provincia caucasica?», ha gridato Giuseppe Bartoletti della Cgil. Già ma come richiamare alle responsabilità un oligarca russo distante dai problemi sociali italiani come la terra da Alfa Centauri?
    Così Piombino, con le sue fabbriche passate tutte in mano agli stranieri (la Dalmine agli argentini di Tenaris, la Magona ai franco-indiani di Arcelor-Mittel) diventa senza volerlo il paradigma tragico dei Tempi Nuovi: come difendere i diritti di chi lavora quando la globalizzazione ha svalutato il prezzo della fatica e come bussola ha solo il guadagno e non le ricadute sociali di questo?

    Guardi a Piombino e pensi con angoscia al futuro dell’Italia.


    dall’inviato STEFANO CECCHI


    Fonte :
    Quotidiano Net - La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"
    I famosi oligarchi......a te ti do una centrale elettrica , a te una acciaieria ,al capitano una diga sul Dnjeper.... al colonnello gli diamo i pozzi di petrolio nel Caspio....
    Così , si dice , dentro l'ex KGB si spartivano il bottino i vari funzionari nel 1992.....
    Dopo è arrivato Putin , e a molti ha chiesto indietro il maltolto , ma altri ci hanno saputo fare e figurano ancora nelle classifiche di Forbes.

  7. #7
    Ex Donald ed ex Max50
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    16,847
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Citazione Originariamente Scritto da Lucas86 Visualizza Messaggio
    Anche il Gruppo Riva è in crisi, in tutta Italia credo dia lavoro ad almeno 10mila persone.
    Si , e la cosa è molto strana , perchè a livello internazionale , sulla scia della Cina , il settore siderurgico è in ripresa dopo il tonfo del 2008.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Nov 2009
    Messaggi
    1,990
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Citazione Originariamente Scritto da Donald Visualizza Messaggio
    Dopo è arrivato Putin , e a molti ha chiesto indietro il maltolto , ma altri ci hanno saputo fare e figurano ancora nelle classifiche di Forbes.
    Però, almeno, Putin ne ha mandati non pochi in Siberia.

  9. #9
    In un CD degli 883
    Data Registrazione
    08 May 2005
    Località
    Emilia-Romagna
    Messaggi
    44,319
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Max72 il solito comunista disfattista che non ama l'Italia: la crisi non c'è mai stata, è finita da un pezzo, va tutto bene, il PIL cresce, l'Italia è ai primi posti d'Europa, meno male che Silvio c'è.
    Il problema non è il problema. Il problema è il tuo atteggiamento rispetto al problema, comprendi?

    Mangio sempre i bambini bolliti.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Nov 2009
    Messaggi
    1,990
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La crisi piega anche l’acciaio "A rischio 4 mila famiglie"

    Citazione Originariamente Scritto da Hic sunt leones Visualizza Messaggio
    volevate il liberismo a tutti i costi? bene eccovi serviti... gli oligarchi ringraziano...:gluglu:
    Non penso proprio che gli italiani volessero questo. Se avessero capito cosa gli stavano preparando in tavola negli anni '90 con globalizzazione, euro, flessibilità ed apertura delle frontiere, forse avrebbero detto qualcosa prima.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12-02-13, 16:47
  2. SPAGNA: PER 6 FAMIGLIE SU 10 CRISI "QUARTA SETTIMANA"
    Di dedelind nel forum Politica Europea
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-10-09, 22:00
  3. "Professionisti 300 mila a rischio"
    Di Rotgaudo nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-09-09, 23:22
  4. Crisi delle'edilizia,Confindustria: rischio 250 mila esuberi
    Di <Zonalago> nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-01-09, 14:20
  5. UDEUR:"Forte rischio di crisi di governo"
    Di denty nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 05-02-07, 11:21

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226