A Perugia il sindaco di Forza Italia, Andrea Romizi, inserisce nel bando per l'assegnazione delle case popolari una clausola per favorire gli italiani


Il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, ha inserito una clausola nel bando per l'assegnazione degli alloggi popolari che favorirà italiani e residenti nel capoluogo umbro da almeno 15 anni.
Una scelta politica, legittima, che ha scatenato l'ira del sindacato degli inquilini, la Sunia Cgil.


Le case prima agli italiani

L'amministrazione comunale a guida Forza Italia ha deciso di dare priorità ai perugini inserendo nel "modello per le condizioni di disagio aggiuntive" una particolare "condizione di disagio": essere residente nel comune dal almeno 15 anni assicura 3 punti in più che permetteranno di scalare la classifica. È evidente che ne verrebbero favorite le famiglie italiane in difficoltà a scapito degli immigrati, che spesso invece finiscono in cima alla classifica grazie al basso reddito e ai tanti figli a carico.



La rivolta della Cgil

Il sindacato degli inquilini, Sunia Cgil, per voce del segretario regionale, Rosario Iannoni, e di quello provinciale, Cristina Piastrelli, hanno attaccato il sindaco Romizi affermando che "Non si capisce – dicono – come un lungo periodo di residenza possa rappresentare un disagio. Si tratta piuttosto di un escamotage per escludere in maniera arbitraria molti immigrati. A fronte di questo “pasticcio”, che potrebbe dare luogo anche a una serie di ricorsi in sede giudiziaria, il Sunia Cgil chiede l’immediata apertura di un confronto per cercare soluzioni tampone che possano limitare i danni e garantire l’accesso alla casa a chi ne ha veramente diritto". Soprende come in altre città, invece, il sindacato non si sia mai mosso per denunciare amministrazioni che invece fanno in modo di favorire le famiglie immigrate, inserendo - anche loro - clausole pensate appositamente. L'ultimo caso è quello del Friuli Venezia Giulia della renziana Debora Serracchiani.
Le forze di centrodestra in consiglio comunale e in Regione apprezzano invece la decsione della giunta perugina. "Cari sindacalisti il problema - commenta Marco Squarta, consigliere regionale di Fratelli d'Italia - e' che prima erano discriminati gli italiani! Bisogna fare i complimenti all'amministrazione".


Sindaco dà le case agli italiani. La Cgil insorge: "Prima i migranti" - IlGiornale.it